Amici di Beppe Grillo - Berlino Message Board meetup-group-MtBzWpPW Discussion Forum › Proposta di agenda del meetup

Proposta di agenda del meetup

Giovanni B.
giovanni_barbera
Berlin, DE
Post #: 15
A mio avviso in questo meetup abbiamo un grosso problema di partecipazione. Dovremmo essere più numerosi e propositivi e non lo siamo e continuando così ci esauriremo in breve tempo e questo sarebbe davvero un peccato, un'occasiona persa. Se davvero vogliamo crescere, anzi partire, dobbiamo decidere cosa fare, quale attività debba costituire la base del gruppo. La mia proposta in merito è questa: proporsi come referenti politici e piattaforma informativa riguardo l'Unione Europea, sia dal punto di vista istituzionale, che dalla prospettiva dei singoli Stati. Questo significa che dobbiamo creare dei gruppi di studio sull'Europa al fine di avere una conoscenza approfondita e dettagliata e poter quindi fare sia opera di divulgazione (attraverso la pagina facebook) e di cercare consensi in vista delle prossime elezioni europee. Secondo me la direzione da prendere è questa, non frega a nessuno della spicciola politica italiana e delle sue beghe teatrali, il vero nemico è l'Unione Europea (almeno questo tipo di Unione). La crisi è stata determinata dall'Unione, voluta e organizzata dalla stessa. I nemici dell'Italia, della Grecia ecc ecc. Sono a Bruxelles e a Strasburgo. Che ne pensate?
Walter K.
user 87016382
Berlin, DE
Post #: 3
Ciao a tutti,
confermo l'impressione di Giovanni: siamo proprio pochi. Il motivo, secondo me, va ricercato nei problemi che il m5s ha a trovare la propria strada. Grillo ha avuto il gran merito di riuscire a organizzare un movimento contro la casta, e l'abbiamo votato in tanti, a febbraio, non perchè ci era simpatico, ma perchè cambiasse qualcosa.
Dopo il voto di febbraio, purtroppo, queste aspettative sono state deluse proprio anche dal m5s. Di questo bisognerebbe discutere (e stanno qui le contraddizioni che stanno emergendo sia in termini di consensi che all'interno degli eletti). Consolarsi ripetendo le giustificazioni riportate dal blog di Grillo serve a poco.
La proposta di Giovanni non mi trova d'accordo, il nemico non è l'Unione europea, come Giovanni da per scontato, né altre forze oscure non meglio definite.
Anche per quanto riguarda la proposta di far venire il prof. Becchi, pensandoci meglio, sono molto scettico: a maggio abbiamo discusso a lungo sull'opportunità o meglio di partecipare a quell'incontro del circolo culturale dell'SPD, con molti (per me inverosimili, poi smentiti dai fatti) timori di sputtanarci. Ora, invece, vogliamo fare una conferenza pubblica proprio con quel personaggio del prof. Paolo Becchi tanto controverso da essere temporaneamente scaricato dal m5s per le sue posizioni fin troppo polemiche. Ma ci conviene? Non penso proprio.
Piuttosto, secondo me, bisognerebbe dare al gruppo locale un indirizzo meno 'fedele' al pensiero di Grillo, discutere seriamente, chiarirsi le idee, prima di poter intraprendere qualsiasi strada.
Non partecipo al web meeting anche perchè devo lavorare. E ringrazio comunque, in particolare Marcello e Pasquale per il loro impegno. Saluti Walter
Giovanni B.
giovanni_barbera
Berlin, DE
Post #: 16
Ciao Walter, sono d'accordo con te nel ritenere che questo gruppo non abbia ancora trovato la sua strada, in merito all'Unione Europea bisogna certo ammettere che la crisi che travolge il sud europa è stata voluta dall'Unione, non parlo di poteri misteriosi o altro, ma di un progetto politico minuzioso che parte da molto lontano, come hanno benissimo spiegato Massimo Fini, Loretta Napoleoni, Nino Galloni e il prof. Becchi, che è una persona serissima e non ha mai fomentato violenze o antidemocrazia, ma ha semplicemente sostenuto che in una situazione in cui la volontà popolare viene messa da parte, è alta la probabilità di episodi di rivolta vera e propria, ed è finito nel tritacarne mediatico, quindi la sua figura non ha niente di controverso.
Marcello P.
Marcello64
Berlin, DE
Post #: 25
Ciao a tutti,
confermo l'impressione di Giovanni: siamo proprio pochi. Il motivo, secondo me, va ricercato nei problemi che il m5s ha a trovare la propria strada. Grillo ha avuto il gran merito di riuscire a organizzare un movimento contro la casta, e l'abbiamo votato in tanti, a febbraio, non perchè ci era simpatico, ma perchè cambiasse qualcosa.
Dopo il voto di febbraio, purtroppo, queste aspettative sono state deluse proprio anche dal m5s. Di questo bisognerebbe discutere (e stanno qui le contraddizioni che stanno emergendo sia in termini di consensi che all'interno degli eletti). Consolarsi ripetendo le giustificazioni riportate dal blog di Grillo serve a poco.
La proposta di Giovanni non mi trova d'accordo, il nemico non è l'Unione europea, come Giovanni da per scontato, né altre forze oscure non meglio definite.
Anche per quanto riguarda la proposta di far venire il prof. Becchi, pensandoci meglio, sono molto scettico: a maggio abbiamo discusso a lungo sull'opportunità o meglio di partecipare a quell'incontro del circolo culturale dell'SPD, con molti (per me inverosimili, poi smentiti dai fatti) timori di sputtanarci. Ora, invece, vogliamo fare una conferenza pubblica proprio con quel personaggio del prof. Paolo Becchi tanto controverso da essere temporaneamente scaricato dal m5s per le sue posizioni fin troppo polemiche. Ma ci conviene? Non penso proprio.
Piuttosto, secondo me, bisognerebbe dare al gruppo locale un indirizzo meno 'fedele' al pensiero di Grillo, discutere seriamente, chiarirsi le idee, prima di poter intraprendere qualsiasi strada.
Non partecipo al web meeting anche perchè devo lavorare. E ringrazio comunque, in particolare Marcello e Pasquale per il loro impegno. Saluti Walter
Grazie Walter!
vorrei però farti notare che il Prof. Becchi non è stato scaricato nè dal Movimento nè tantomeno da Grillo in quanto continua a pubblicare dei post sul Blog di Grillo.
Il tema della conferenza sarà abbastanza "neutro" ("l'attualità della Costituzione italiana") anche per non dare troppo adito a polemiche che farebbero pensare ad un certo indirizzo politico. il tema politico verrà affrontato durante l'incontro che avremo il giorno successivo come Meetup di Berlino
Viola F.
user 90795422
Berlin, DE
Post #: 11
L'idea di Giovanni mi piace molto e sono d'accordo a formare gruppi di studio sulle politiche europee da cui trarre proposte per le prossime elezioni del PE. In questo quadro, infatti, abbiamo inserito l'incontro con Becchi per discutere con lui anche di Costituzione europea e politiche europee, visto che di fatto le decisioni sugli Stati e per gli Stati vengono prese dalle Istituzioni europee.
Pasquale I.
user 13940997
Berlin, DE
Post #: 13
Caro Walter, ho riletto parecchie volte il tuo commento, soffermandomi sui singoli temi trattati e cercando di scoprire il ragionamento politico che li lega fra di loro. Condivido sia le risposte di Giovanni e Viola che quelle di Marcello alla tue posizioni critiche sull'UE e sull'incontro col Prof. Becchi. Prima di completare le mie osservazioni sul carattere politico del tuo commento, vorrei soffermarmi su due temi che hai trattato. La "scarsa" partecipazione al MU di Berlino e il calo di consensi al M5S. Un gruppo puó nascere numeroso, come lo è stato il No Berlusconi Berlin (NBB), che aveva 20 / 30 partecipanti ai primi incontri, che ha raccolto mille italiani sotto la Porta di Brandenburgo per poi affossarsi nel problema della poca partecipazione e scomparire come gruppo attivo sul territorio, o nascere minuto come il nostro MU, dove una decina di persone rappresentano già una buona performance. Un gruppo può avere radici ramificate in istituzioni economiche, politiche e sociali come nel caso del PD o essere fatto di semplici cittadini come noi. Come lavora il PD a Berlino? Occupando dove può posizioni. Chi si incontra alle loro riunioni? Chi occupa le posizioni e chi vorrebbe occuparle. Vogliamo crescere tenendo questo modello ad esempio? Con queste premesse trovo inutile cercare le ragioni di una partecipazione ridotta mentre trovo vantaggioso usare il nostro tempo e le nostre energie per trovare temi e linguaggi comuni agli italiani che vivono a Berlino, creare visibilità al gruppo e accogliere con trasparenza e rispetto chi lo visita e ci chi partecipa. Secondo tema: il calo di consensi del M5S e le sue cause. La triade PdR-PD-PDL aveva già da tempo deciso le politiche ed il governo del dopo elezioni. Le hanno anticipate per arginare la disfatta e sono stati costretti, specialmente il PD, a giocare a carte scoperte. Con l'aiuto della stampa di regime é iniziata un assordante campagna contro il M5S, reo di perdere la "grande occasione" rifiutando il voto ad un governo del PD (Napolitano). I fatti e le scelte politiche degli ultimi mesi e, facile da prevedere, dei prossimi, confermano la lungimiranza della scelta fatta dai deputati e senatori del M5S, scelta fatta per voto e non per editto grillino, con una minoranza che avrebbe dovuto attenersi alla disciplina di frazione e che io perdono per aver sbagliato sotto quella pressione mediatica creata ad arte per farci fuori. La campagna mediatica, con i suoi sondaggi, con i personaggi che creano e distruggono, con le loro calunnie e falsità, continua e si fermerà solo quando i giornali e le televisioni della casta scompariranno. A questo dobbiamo sempre stare attenti nelle nostre valutazioni e scelte. E bene abbiamo fatto a prepararci per l'incontro col PD, smascherando tutti gli attacchi di una platea certamente non amica (rileggiti la discussione post conferenza).
E concludo questa lunga risposta rispondendo al tuo invito di "dare al gruppo locale un indirizzo meno 'fedele' al pensiero di Grillo, discutere seriamente, chiarirsi le idee, prima di poter intraprendere qualsiasi strada", che infondo riassume la tua linea di pensiero politica. Grazie, é proprio quello che il gruppo fa. Ma spontanee sorgono anche domande: cosa ti fa pensare che nel gruppo esista la "fedeltà" a Grillo invece di una coerenza al non-statuto, ai codici di comportamento ed al programma elettorale del M5S? Pensi che alle poche discussioni a cui tu hai partecipato abbiamo trattato con superficialità, confusione e ilarità gli ordini del giorno? E CHI dovrebbe dare al gruppo un indirizzo politico? I portavoce? Marcello e io?
Il M5S è l'uno che vale uno, qui affondano le nostre radici e da questo viene la nostra forza.
Ribadisco il mio impegno come portavoce ad esprimere nelle discussioni a cui siamo invitati o che organizziamo le opinioni del gruppo, quelle comuni e quelle contrastanti, ma mai mi presterò al gioco della disinformazione mediatica italiana.
Nel tuo commento vedo gli articoli di Repubblica e dell'Unità, i ragionamenti a volte ingenui, a volte strumentali dei miei compagni di quella sinistra mai unita e mai coraggiosa. Se questa è la linea politica che orienta le tue scelte, Walter, ti prego di lasciarla fuori dalla discussione del MU.
Giovanni B.
giovanni_barbera
Berlin, DE
Post #: 17
ragionamento semplice e lineare.....condivido!
Viola F.
user 90795422
Berlin, DE
Post #: 23
Pasquale, sempre limpido e coerente! Concordo con la tua analisi.
Powered by mvnForum

Contributi degli iscritti

$80.00 08.06.2013

This covers: Quota

Payment is accepted using:

  • Cash or check

Your organizer will refund you if:

  • Your organizer closes their Meetup Group

Our Sponsors

Sign up

Meetup members, Log in

By clicking "Sign up" or "Sign up using Facebook", you confirm that you accept our Terms of Service & Privacy Policy