Gli amici di Beppe Grillo di Napoli Message Board › INTERVISTA AL PENTITO CARMINE SCHIAVONE trascritta -- dal programma CHE T

INTERVISTA AL PENTITO
CARMINE SCHIAVONE
trascritta -- dal programma
CHE TEMPO CHE FA

A former member
Post #: 1,010
.





-- INTERVISTA AL PENTITO CARMINE SCHIAVONE --







GIORNALISTA: E PER LE PERSONE DI CUI HA ORDINATO LA MORTE NON PROVA RIMORSO?

C. SCHIAVONE: VEDE, FIN QUANDO CI SONO STATO IO NON CI SONO STATI 'VITTIME INNOCENTI'.

ERANO TUTTI DELINQUENTI. ANCHE SE AVEVANO LA 'FEDINA PENALE PULITA'.

ERAVAMO IN GUERRA!..

MA SECONDO LEI PERCHE' AD AGOSTO A CASTEL VOLTURNO (CASERTA) LA CAMORRA

HA AMMAZZATO SEI IMMIGRATI?

NON E' LA PRIMA STRAGE. CE NE FU UN'ALTRA NEL 90 A PESCOPAGANO (POTENZA)

PERCHE' GLI STRANIERI NON VOLEVANO PAGARE LA TANGENTE SULLO SPACCIO DI DROGA.

QUI E' AVVENUTO LO STESSO. E NE AMMAZZERANNO ALTRI.

STANNO ASPETTANDO CHE SI CALMINO LE ACQUE.

COME PER SAVIANO.


GIORNALISTA: SI SPIEGHI.. SA CHE LO UCCIDERANNO?

C. SCHIAVONE: SENTA, NEL NOVANTATRE, QUANDO MI SONO PENTITO, LUI ERA MOLTO GIOVANE ED IO LO

RINGRAZIO PER AVER SCRITTO 'GOMORRA' PERCHE' HA SVEGLIATO DELLE COSCIENZE.

PERO', PARECCHI DI QUELLI CHE PARLANO ESALTANDO IL LORO LAVORO ED IL SUO LAVORO

FANNO SOLO 'BLA, BLA, BLA'.

NON VORREBBERO ELOGIARLO, MA SONO COSTRETTI DAL RUMORE MEDIATICO.

PER COME CONOSCO LA MENTALITA' DEI CLAN, SAVIANO TENTERANNO DI FARLO FUORI

QUANDO >>SARA' FINITO NEL DIMENTICATOIO<<.

MA OGGI, UCCIDERLO, PER LORO, SIGNIFICHEREBBE FARLO SANTO.

E MICA SONO SCEMI.. SUCCEDEREBBE L'IRA DI DIO.

I CAMORRISTI SANNO CHE IL PIU' GRANDE DOLORE E LA PIU' GRANDE MERAVIGLIA

DURANO OTTO GIORNI!

QUANDO SI TORNERA' ALLA NORMALITA' SI FARA' DI NUOVO GUERRA.










.
A former member
Post #: 1,011
.




MONOLOGO DI SAVIANO




Questa sera mi va di parlare di quello che accade nella mia terra, lo faccio spesso,

e mi va di farlo attraverso l'informazione quotidiana,

quindi quello che viene riportato ogni giorno sui giornali locali.



La cosa che sicuramente farà, vi creerà, come dire, una sorta di sensazione strana

è che spesso i giornali che mostrerò, le cose che sono scritte, sarà dificcilissimo comprenderle.

A meno che non siete delle mia terra, del mio paese.



Se siete, appunto, friulani, lombardi, sardi, romani, toscani, sarà complicatissimo comprendere

quello che sto per mostrarvi.


Mi piace iniziare direttamente da come in qualche modo questi quotidiani ed il vivere quotidiano

comunica quello che sta succedendo
.

Per esempio, nessuno di questi giornali vi riporterà il nome di un boss o di una persona col nome e cognome,

ma sempre e soltanto col soprannome.

Per esempio, guardate qeusto titolo. -- Bin Laden e 'o sceriffo controllavano gli affari --

Credo che sia difficile che qualcuno di voi possa capirlo immediatamente.

Bil Laden e 'o scriffo controllavano gli affari.

Allora, Bin Laden non è Osama Bin Laden, Bin Laden è Pasquale Zagaria, boss di Casapesenna (Caserta),

che ha fatto degli affari enormi a Parma, e che è chiamato Bin Laden.

E' chiamato Bin Laden perchè era un'introvabile come Osama Bin Laden.

Tant'è vero che poi si è costituito lui, per suoi interessi, alla magistratura.


Vedete, è un titolo che, in quelche modo, sta già parlando ad un pubblico che conosce.

'O sceriffo è questa fotografia qui: Michele fontana.

Ha un aspetto sempre un po', così, da texano. Molti di loro sono bufalari, quindi,

vestono sempre un po' in maniera 'country', va, diciamo così, e quindi, 'o sceriffo.


Tanti possono chiamarsi Francesco Schiavone, Carmine Alfieri, Michele Fontana.

Ma solo uno risponde al termine: Sandokan, 'o 'ntufato, 'o sceriffo.

Il sopranno è.. sono come le stigmate per un santo, il mantello per un super eroe,

non so come dire, è qualcosa che ti rende diverso e più degli altri.



Il prossimo, per esempio, -- si riferisce ad un altro titolo di giornale --

in cella cugino del defunto 'formaggino'. Ci sono persino soprannomi un po' così,

anche un po' didicoli, che ti vengono affibbiati quando sei piccolo, quando sei ragazzino magari.

Ed il prossimo ancora, per esempio. Arrestato 'o cappotto.

Cioè, ditemi se vi è facile in qualche modo comprendere un titolo così. E' impossibile!

A meno che tu non sappia chi è 'o cappotto. Che storia ha, che territorio è!


Se qui ci fosse scritto il suo nome nessuno capirebbe, neanche chi è del suo paese.

Ma, (leggendo) arrestato 'o cappotto. Ah, allora è lui!


Questo è un titolo di Cronache di Napoli.


Il prossimo, per esempio. Delitto iovine, 'o lupo e nasone in tribunale.

Ancora una volta soprannomi. Ancora una volta termini che vanno ad identificare

ed a generare una specie di intimità tra chi sta leggendo e chi fa il titolo.



E ancora dopo. Guardate quest'altro. Carcere duro per Peppe 'o padrino.

Qui, per esempio, il termine già rende di più, perchè il padrino già fa un riferimento

ad un mondo che in qualche modo fa pensare alla mafia.


E' quello successivo.. guardate. Questo è quasi illegibile.

Blitz dell'Arma da 'o mussuto dopo l'agguato a 'u urpacchiello, in ballo il business del caffè.

E' quasi uno scioglilingua. E sono ovviamente soprannomi, ancora una volta,

che vanno ad identificare un clan, un gruppo di potere, un modo di relazionarsi.



Quando ci sono delle condanne, mi ha sempre molto colpito questo durante i processi,

i giornali pubblicano subito dopo, e nel sud ci sono molti maxi processi..

pubblicano i nomi ed i cognomi dei condannati.

Ed anche questi non direbbero nulla alla gente allora gli devono mettere i soprannomi.

Vedete? Massaro Clemente 'o pecoraro, De rosa Italia 'a zingara, Esposito Agostino 'a pummarola.

Ce ne sono tantissimi.


... ... ...






(magari la trascrizione continua :P)


.
Powered by mvnForum

People in this
Meetup are also in:

Sign up

Meetup members, Log in

By clicking "Sign up" or "Sign up using Facebook", you confirm that you accept our Terms of Service & Privacy Policy