addressalign-toparrow-leftarrow-rightbackbellblockcalendarcameraccwcheckchevron-downchevron-leftchevron-rightchevron-small-downchevron-small-leftchevron-small-rightchevron-small-upchevron-upcircle-with-checkcircle-with-crosscircle-with-pluscontroller-playcrossdots-three-verticaleditemptyheartexporteye-with-lineeyefacebookfolderfullheartglobegmailgooglegroupshelp-with-circleimageimagesinstagramFill 1light-bulblinklocation-pinm-swarmSearchmailmessagesminusmoremuplabelShape 3 + Rectangle 1ShapeoutlookpersonJoin Group on CardStartprice-ribbonprintShapeShapeShapeShapeImported LayersImported LayersImported Layersshieldstartickettrashtriangle-downtriangle-uptwitteruserwarningyahoo
Alan B.
user 9101362
Firenze, FI
Post #: 610
In tutti questi anni il MoVimento ha visto tantissime persone, diverse tra loro per estrazione sociale, religione, istruzione ed attitudini personali.
I gruppi formati sono l'espressione dell'eterogeneità della società, nella maniera più completa.
Arriviamo nel MoVimento da percorsi diversi e la nostra diversità (l'uno dall'altro) rappresenta il valore aggiunto che abbiamo.

Confrontarci con democraticità... imparare ad ascoltare per voglia assoluta di capire un punto di vista diverso dal nostro...avere l'umiltà di rapportarci al prossimo mettendo a disposizioni le nostre motivazioni...
tutte queste cose creano un circolo virtuoso in cui è il gruppo intero a crescere e (finalmente) torniamo ad ascoltarci e non ad urlare od imporre una verità.
Con questi presupposti, col tempo, diventiamo una comunità, che non rinnega le sue differenze né intende attenuarle, ma che invece si fa forza di queste per trovare la soluzione comune alle nostre necessità.

In passato altri movimento hanno commesso l'errore di sentirsi, in qualche modo, superiori nei confronti di chi non appartenesse al suo credo o di stigmatizzare chi avesse opinioni divergenti. Altri ancora si sono divisi nei mille distinguo di uno stesso obiettivo, perdendo di vista quale fosse il fine comune.
Noi non dobbiamo evidenziare le nostre piccole differenze, ma dovremmo sempre ben considerare la grande visione che ci accomuna: la ricerca di un mondo migliore per noi e per i nostri figli, un mondo che sia sostenibile in ogni accezione, da presentare con orgoglio alle prossime generazioni.
Viviamo in un'epoca di aspri contrasti che sono l'eredità che abbiamo ricevuto in decenni di divisioni ideologiche.
Il nostro essere aperti, con umiltà e sincera voglia di comprensione, non ci eleva ad uno status superiore, ma ci fa diventare una comunità, vera e sempre più grande.

Tutti insieme abbiamo un enorme potenziale. Dobbiamo avere la consapevolezza di cosa possiamo realizzare.
marina b.
donnadimare
Firenze, FI
Post #: 2,452
In tutti questi anni il MoVimento ha visto tantissime persone, diverse tra loro per estrazione sociale, religione, istruzione ed attitudini personali.
I gruppi formati sono l'espressione dell'eterogeneità della società, nella maniera più completa.
Arriviamo nel MoVimento da percorsi diversi e la nostra diversità (l'uno dall'altro) rappresenta il valore aggiunto che abbiamo.

Confrontarci con democraticità... imparare ad ascoltare per voglia assoluta di capire un punto di vista diverso dal nostro...avere l'umiltà di rapportarci al prossimo mettendo a disposizioni le nostre motivazioni...
tutte queste cose creano un circolo virtuoso in cui è il gruppo intero a crescere e (finalmente) torniamo ad ascoltarci e non ad urlare od imporre una verità.
Con questi presupposti, col tempo, diventiamo una comunità, che non rinnega le sue differenze né intende attenuarle, ma che invece si fa forza di queste per trovare la soluzione comune alle nostre necessità.

In passato altri movimento hanno commesso l'errore di sentirsi, in qualche modo, superiori nei confronti di chi non appartenesse al suo credo o di stigmatizzare chi avesse opinioni divergenti. Altri ancora si sono divisi nei mille distinguo di uno stesso obiettivo, perdendo di vista quale fosse il fine comune.
Noi non dobbiamo evidenziare le nostre piccole differenze, ma dovremmo sempre ben considerare la grande visione che ci accomuna: la ricerca di un mondo migliore per noi e per i nostri figli, un mondo che sia sostenibile in ogni accezione, da presentare con orgoglio alle prossime generazioni.
Viviamo in un epoca di aspri contrasti che sono l'eredità che abbiamo ricevuto in decenni di divisioni ideologiche.
Il nostro essere aperti, con umiltà e sincera voglia di comprensione, non ci eleva ad uno status superiore, ma ci fa diventare una comunità, vera e sempre più grande.

Tutti insieme abbiamo un enorme potenziale. Dobbiamo avere la consapevolezza di cosa possiamo realizzare.

grazie Alan non avrei saputo spiegare così bene quello che siamo ...diveniamo ecc ecc ma il movimento è in movimento...oggi una mia conoscente incazzata su faccialibro mi ha detto che con il 25% dovremmo chiamarci partito.....hahahahah abbiamo un lungo lavoro da fare ma ne vale la pena
baci a tutti belli e bruttilove struck
A former member
Post #: 703
Belle parole, siamo qui per realizzarle ;)
Alan B.
user 9101362
Firenze, FI
Post #: 612
wink
dimitri
user 8769939
Firenze, FI
Post #: 48
Descrizione del movimento perfetta, peccato che queste parole entrano da un orecchio ed escono dall'altro per chi ha l'abitudine l'abitudie di affermarsi prima che di condividere ...... ma hai fatto bene a ribadire il concetto, aiuta a fare gruppo ;)
Massimiliano D.
user 13169576
Firenze, FI
Post #: 173
Descrizione del movimento perfetta, peccato che queste parole entrano da un orecchio ed escono dall'altro per chi ha l'abitudine l'abitudie di affermarsi prima che di condividere ...... ma hai fatto bene a ribadire il concetto, aiuta a fare gruppo ;)

Se fosse giá stato cosí, non avrebbe avuto senso pronunciare quelle parole....;-)

..ma a volte le cose bisogna dirle, per farle arrivare in maniera coscente e realizzarle pienamente...

Grazie Alan, sto giro hai superato te stesso :-)
Andrea Tj V.
AndreaTj
Firenze, FI
Post #: 9,494
Come sempre superlativo. Mi ha tolto i pensieri dalla testa.
Tj
A former member
Post #: 28
Grazie Alan. Sei riuscito ad esprimere benissimo quello che molti di noi pensano.

Cerchiamo di non fare gli stessi errori dei vecchi partiti. Cerchiamo di comprendere chi la pensa diversamente, di discutere, di porci in maniera positiva e costruttiva, di non abbandonarci mai alla violenza verbale. Le persone dotate di senso critico possono essere più disposte a parlare con interlocutori educati e pacati (vedi Costantino, un mito in questo campo) e se anche non riusciamo a convincerle, a fargli cambiare idea, potremmo forse instillare un virus (= il dubbio) dentro la loro testa.

Sicuramente nel Movimento sono confluite persone con esperienze diverse, da destra e sinistra, ma questo rende evidente che i tempi sono cambiati. Non siamo più alla contrapposizione fra due diverse organizzazioni politico-sociali, fra comunismo e capitalismo. Questi due sistemi sono falliti. Fanno parte del secolo scorso, del Novecento. Adesso abbiamo davanti sfide nuove e per affrontarle bisogna dotarsi di armi nuove. E' vero, dobbiamo riunirci intorno alle "Idee buone e nuove", a quello che ci unisce: la fiducia di fondo che si può fare qualcosa, che non vogliamo arrenderci alla grettezza, ai furbi, ai privilegi, alla disonestà. Per noi e per i nostri figli.
Powered by mvnForum

Our Sponsors

People in this
Meetup are also in:

Sign up

Meetup members, Log in

By clicking "Sign up" or "Sign up using Facebook", you confirm that you accept our Terms of Service & Privacy Policy