addressalign-toparrow-leftarrow-rightbackbellblockcalendarcameraccwchatcheckchevron-downchevron-leftchevron-rightchevron-small-downchevron-small-leftchevron-small-rightchevron-small-upchevron-upcircle-with-checkcircle-with-crosscircle-with-pluscrosseditemptyheartfacebookfolderfullheartglobegmailgoogleimagesinstagramlinklocation-pinmagnifying-glassmailminusmoremuplabelShape 3 + Rectangle 1outlookpersonplusprice-ribbonImported LayersImported LayersImported Layersshieldstartickettrashtriangle-downtriangle-uptwitteruseryahoo

Agricoltura e Comunità Europea: Una Proposta

(di Edgardo Sibaldi) La Comunità Europea concepisce il sostegno economico traverso un sistema chiamato PAC basato per lo meno nel cinquenni 2007 – 2012 su un calcolo impostato sulla superficie coltivabile di ogni singolo agricoltore o allevatore, il sistema di calcolo inoltre si è basato (con una formula matematica) anche sulla produzione fatta negli anni 1999 al 2003, eliminando il sistema di contributo diretto che ogni paese aveva adottato in quantità e settore, come per esempio il contributo per l’olio di oliva che avveniva (fino al 2006 in Italia), contributo in percentuale alla produzione dell’anno anteriore, ossia più produzione più contributo. Con il nuovo sistema PAC la comunità Europea ha cancellato il rapporto produzione o annata, portandolo al solo rapporto metrico o di superficie, con questo nuovo sistema ha portato a percepire alla Regina di Inghilterra 8 milioni di Euro annuali, cosi come alle grandi e medie aziende che non hanno più avuto il bisogno di mantenere la produzione o migliorarla perché il metodo di calcolo dei contributi non veniva più in percentuale della produzione.
Parlando per esempio delle quote latte ad oggi non si sa chi ha diritto e a che cosa, ma sicuramente una cosa certa: i produttori che hanno prodotto di più delle sue quote devono pagare delle multe irrazionali.
In questo momento la comunità Europea sta decidendo come affrontare il nuovo quinquennio ma già ci sono svariati enti nonché stati che di fronte ad evidenti interessi vogliono a dirittura irrigidire la normativa.
La Comunità Europea già ha varato un primo documento per consentire l’utilizzo di sementi O.G.M ed ibridi nelle coltivazioni intensive, nonché ha varato un secondo documento sull’utilizzo penalizzante dei sementi tradizionali.
Si veda per esempio il contributo PAC gestito da parte della Comunità Europea per l’agricoltura in generale (essendo che ogni tipologia di produzione ha una cifra) detto contributo è gestito a sua volta da un’agenzia PRIVATA di nome AGEA istituita dal governo Italiano nel 2000, con questo si indica anche un ulteriore costo di gestione essendo un’agenzia privata che gestisce contributi pubblici che va a dimagrire o diminuire il contributo al destinatario.

L'Intera analisi, svolta da Edgardo Sibaldi del M5S e postatami per  valutazione sarà messa in Discussioni al punto 13. Agricoltura.(http://www.meetup.com/Parlamento-5-Stelle/messages/boards/thread/40567892#[masked])

Qui si pongono i punti cruciali della proposta: 

Azioni da intraprendere livello Nazionale a costo zero 

1° Istituzione di un ente statale per l’erogazione dei contributi.

1°a [Tarcisio Bonotto] Cambio dello statuto delle cooperative agricole. (da implementare)

2° I contributi al singolo fondo agricolo devono essere diretti senza nessun intermediario né gestore.

3° Semplificazione della procedura contributiva compresso la validità dell’autodichiarazione. 

4° In caso di scelta da parte di un agricoltore di avvalersi da un intermediario questo potrà chiedere un compenso monetario solo per il costo della semplice operazione e non in percentuale al contributo.

5° Eliminazioni degli enti di certificazione “PRIVATI” inserendo il sistema d’auto certificazione con procedure chiare (agricoltura biologica).

6° Creazione di un ente statale di controllo diretto, per esempio l’utilizzo delle ASL.

 7° Applicazione delle norme e leggi in materia di manutenzione dei fondi agricoli da parte dei proprietari.  

•  [Bruno Castorina] Contrarietà all'uso dei semi OGM e favorevoli alla ricerca e ai relativi brevetti al fine di potenziare, nell'eventualità, un'offerta adeguata sul nercato. 

9° [Tarcisio Bonotto] 

9a. 1. Le materie prime non devono essere esportate "se non oltre l'autosufficienza(ndr). Devono essere lavorate in loco "anche in funzione e relazione al prodotto finito(ndr) attraverso gli indotti, per generare reddito
9b. 2. Le aziende estere non devono interferire nell'economia locale, (proprietà etc...)
9c. 3. Tutti i prodotti che non sono prodotti localmente, devono essere rimossi dal mercato "o previo revisione e concordamento nuovi trattati WTO(ndr).

A livello Regionale e Comunale

1° Semplificazione delle procedure e permessi vincolati allo sviluppo nettamente agricolo.

2° Ottimizzazione dei tempi d’erogazione del contributo P.S.R.

3° Utilizzazione facoltativa da parte degli agricoltori degli spazi pubblici per la vendita dei suoi prodotti, spazi gratuiti senza costi, per esempio: fiere, mercati, feste paesane ecc. 

 [Tarcisio Bonotto] Sviluppo di COOPERATIVE DI CONSUMO che lavorino dal produttore al consumatore, senza passare dalla grande distribuzione e indotti vari.

4° Imposizione di una tassa o imposta per i prodotti esteri concorrenti ai prodotti locali (tassa da reinvestire nella agricoltura). 

5° Istituzione ed apertura agli interessati della banca dei semi. 

6° Perfezionamento dei sistemi agricoli Comunali, per far sì che assicurino una minima produzione agricola per l’autosufficienza alimentare locale. 

7° Individuazione dei terreni o fondi agricoli e dei suoi proprietari.

Applicazione de legge e istituzione di un’imposta o multa per quelli proprietari che non seguono le direttive.   

•  [Tarcisio Bonotto] Eliminazione delle quote produttive (ad es. di Grano duro, agrumi, olio e olive, latte e domani forse di RISO), in modo tale che ogni paese diventi autosufficiente nelle produzioni agricole.

        [Edgardo Sibaldi] Inquadramento delle quote massime di produzione agricola, legata al fabbisogno del paese dove risiede la azienda; l'eventuale sovraproduzione potrà avvenire solo se al di sopra dell'autoconsumo e solo in caso di diretta concorrenza con un integrante della Comunità che sia in condizioni di mono coltura.


Join or login to comment.

  • Stefano_Di_Silvestri

    BEPPE GRILLO..ASCOLTA QUESTO CITTADINO..COSA HA DA DIRTI..NONOSTANTE I DOCUMENTI DI DOMINIO PUBBLICO DIMOSTRINO..UNA REALTA' SCONCERTANTE NEL MONDO DEI FINANZIAMENTI IN AGRICOLTURA..IL M5S..CONTINUA A STARE ZITTO..O ABBAIA SOTTOVOCE...E IN ALCUNI CASI..ALLISCIA IL PELO..!!..
    https://www.youtube.com/watch?v=w3u0HL7F81k

    July 30

  • Natale C.

    caro edgardo puoi postare le nuove discussioni che riguardano l'Agricoltura in modo che gli stati di avanzamento del gruppo che hai creato possano essere seguiti senza inflazionare di commenti qui e in modo che manteniamo diversificate le cose: http://www.meetup.com/Parlamento-5-Stelle/events/218615900/

    November 28, 2014

  • Edgardo S.

    Questa settimana si realizzerà una prima riunione del settore Agricoltura nella quale parteciperanno attivisti, i porta voci della camera e della Regione e sto aspettando conferma dei parlamentari della UE, per motivi di spazio non possiamo partecipare tutti, personalmente presenterò verbalmente anche queste problematiche e comunicherò una sintesi della riunione.

    November 27, 2014

    • LGM

      Ottimo. Consiglio di realizzare un video dell'incontro che poi pubblicheremo sul Meetup. Sarebbe buona cosa farlo di regola per ogni incontro con i portavoce.

      November 27, 2014

    • Stefano_Di_Silvestri

      ...ci sara' nella Regione Lazio una stanza con lo spazio sufficiente per accogliere 11 persone invece di 10..per parlare dell' agricoltura..italiana..?­..visto che l'undicesimo apostolo come molti di voi sanno..ha una esperienza invidiabile anche nel settore dei finanziamenti in agricoltura..??..che dire saro' strano io..!!...

      November 28, 2014

  • Marco B.

    scusate il ritardo ma non sono riuscito ad inserirmi prima.
    Vorrei porre l'attenzione su uno dei tanti argomenti ossia l'autocertificazione, o meglio, la dichiarazione sostitutiva di atto notorio.
    si tende ad incentivare questa procedura ma questa è stata la rovina del mondo agricolo. Con le dichiarazioni sostitutive di fatto vengono abbattuti i controlli (fra l'altro abbiamo già avuto un richiamo dalla Comunità Europea).
    Ci si lamenta degli eccessivi controlli da parte di tanti enti (ausl, Regioni, Agenzie ambientali ecc.) ma il fatto è che con le dichiarazioni sostitutive si favoriscono tutte quelle truffe e truffette nel mondo agricolo. Tutte le trasformazioni da stalle a ville, da annessi agricoli ad autorimessa, da casa colonica ad abitazione del primario sono possibili in molti casi grazie alle dichiarazioni sostitutive. gli agricoltori seri non devono temere i controlli.
    se c'è stato una procedura anomala nel concedere un contributo tramite dichiarazione sostitutiva, questa ...

    November 3, 2014

    • Marco B.

      certo che i controlli vanno fatti, ci mancherebbe. Quello che sostengo è che i controlli post non sempre consentono il recupero delle somme o il ripristino dello stato di fatto (senza scomodare abusi edilizi penso ad impianti di vigneti o fotovoltaici ecc...). Ma quel che importa è che le eventuali somme recuperate (in particolare comunitarie) non possono essere ridistribuite ma ritornano alla comunità europea (i controoli post avvengono a volte a distanza di anni) mentre con i controlli pre le risorse non vengono erogate e quindi con la possibilità di essere ridistrbuite. Questo è solo un esempio di quanto siano state e saranno deleterie per il mondo agricolo le dichiarazioni sostitutive di atto notorio (erroneamente chiamate autocertificazioni).

      November 12, 2014

    • Natale C.

      caro marco puoi continuare e psoatre questa discussione sull'altro mu dell'agricoltura al link http://www.meetup.com...­. possiamo continuare lì la discussione ed integrare quello già fatto

      November 12, 2014

  • alberto a.

    signori non ho' letto tutti i commenti su alcuni ho' trovato buone proposte ma quasi tutte orientate nei metodi di finanziamento,io orienterei la discussione anche su l'abolizione delle coltivazioni intensive,opterei sui metodi di coltivazione sinergiche,non dimentichiamo quanto noi siamo per la salvaguardia dei territori e tutto quello che ne consegue.

    November 10, 2014

    • Stefano_Di_Silvestri

      Natale credo che si possa racchiudere tutto qui basterebbe forse schematizzare il tutto in paragrafi..altrimenti forse diventa tutto più dispersivo..e magari nel tempo ci perdiamo qualche altro inquilino del m5s interessato all'argomento...in fondo stiamo sempre parlando di sviluppo rurale..quindi..;-))..po­i fai tu..!!

      November 11, 2014

    • Natale C.

      ho già dato il mu e i dati che voi tutti avete elaborato potrebbero essere soggetto di una revisione della proposta che, se lo riterrete, potrebbe essere più confacente, ora che abbiamo la nuova PAC, il TTIP e il TISA. vedete voi, anche nella forma che hai citato stefano

      1 · November 11, 2014

  • LUCIA R.

    BUON GIORNO A TUTTI e buon lavoro io non potrò essere con voi ai gazebo la sera con mamma ma potrei esserci se organizzate gruppi di lavoro , tipo ripulire tutte le aiuole della città , se ad esempio trovate terreni abbandonati da affidare ai cittadini come già si fa a ROMA e altre parti d'ITALIA ,fare sarebbe più visibile che parlare come dice ALESSANDRO DI BATTISTA.

    1 · November 11, 2014

    • Natale C.

      se leggi la proposta in modo intero ci troverai anche questo tema, ben prima di chi citi e, in più, cosa che si dimentica, si sollecita la formazione e la preparazione oltre alla richiesta da parte delle amministrazioni comunali di aiutare alla creazione di ass/coop in tal senso. è lì nella proposta

      November 11, 2014

  • Stefano_Di_Silvestri

    ..i soldi non è difficile riaverli in dietro..te lo posso garantire ho lavorato non solo nel settore agronomico ma anche economico amministrativo...soprattutto quando paghi anticipato su cauzione..certo che se come organismo pagatore ti fai scadere le polizze fideiussorie..i soldi ne te li da il produttore ne tanto meno l'ente garante..!!!..in questo caso gli unici che ci guadagnerebbero sarebbero oltre che gli agricoltori anche gli enti garanti..!!!..alla faccia sempre dei cittadini..!!

    November 3, 2014

    • Dino C.

      Io ho spedito, essendo venuto a conoscenza di una soluzione tecnica per la disoleazione delle acque, quando sarà all'attenzione pubblica si dovranno vergognare-compreso il capo dei verdi e della commissione- di non essersi preoccupati di informarsi. Alla fine di tutte queste esperienze, troveremo logico la Diarchia citata da Natale, dobbiamo solo identificare i giusti scienziati tecnici. Tutti gli altri di noi a scuola, anzichè il solito politichese.

      November 4, 2014

    • Stefano_Di_Silvestri

      Dino da tempo che sto collaborando con alcuni membri della commissione..e comunque perché dici che non conti nulla..??..siamo tutti legittimati ad esprimere opinioni..e magari quelli che ne sanno di più saranno ben felici di spiegare le dinamiche ed i fatti..la cosa importante è mettere in evidenza i punti critici per trovare le opportune soluzioni...

      November 4, 2014

  • elena

    io posso parlare solo per la situazione dell'agricoltura di montagna :
    le nostre associazioni di categoria (coldiretti,confagricoltura ecc.) hanno permesso a chiunque avere dei contributi per l'agricoltura anche se questi non avevano una vera attività agricola,hanno permesso di trasformare le stalle in ville e la parte adibita al bestiame taverne o garage ,ora la situazione è tale che un giovane che potrebbe incominciare un lavoro nell'ambito zootecnico si ritrova ad avere si molto terreno ma nessuna abitazione e stalla ,perciò impossibilitato a far questo mestiere ,mi piacerebbe che il M5S possa fare una legge che obblighi i proprietari di ville dotate di appezzamenti notevoli di terreni a costruire a loro spese delle piccole stalle aperte di legno,e dotate di una stanza e casa del fieno,per riparare i danni fatti e perpetrati
    Elena

    1 · October 26, 2014

    • Natale C.

      caro marco, ti posso assicurare che io e edgardo qualcosa ci siamo letti e fatto pure le notti alla grande quant'è la quantità di informazioni-disinformaz­ioni che vi sono a riguardo. purtroppo nel breve spazio temporale che abbiamo avuto a disposizione abbiamo elaborato un infinitesima proposta che abbiamo pubblicato anche sul blog. considerata la tua grande competenza ti invito a leggerla e a modificarla ovunque tu voglia(oramai la pac nuova è passata e noi discutiamo ancora di dichiarazioni sostitutive e ancor peggio di doppie triple condizioni di controllo- ma il m5s non era per l'onestà e la liberazione dei labirinti della P.a.?) il link è sopra se vuoi darci un occhiata ti aspettiamo per una nuova versione migliorata di quella proposta che tenga conto della nuova pac, che è ancora più recrudescente rispetto alle attuali leggi e magri raccolti porterà di sicuro se non ci muoviamo con un idea di agricoltura e non di assistenzialismo agricolo

      November 3, 2014

    • Marco B.

      innanzitutto chiedo scusa, so benissimo l'impegna profuso da tutti i militanti del m5s nell'aggiornarsi. in merito ai labirinti della p.a. non è uscendo dal labirinto che si migliora la situazione ma eliminando il labirinto. mi spiego. Se una strada è dissestata è opportuno migliorare la strada piuttosto che cercare percorsi alternativi e lasciare la strada piena di buche (anche perchè prima o poi qualcuno ci casca).

      November 4, 2014

  • Stefano_Di_Silvestri

    ..il pagamento a collaudo come dici tu sicuramente è più protettivo nei confronti delle frodi. Ma un finanziamento anticipato previa polizza fideiussoria aiuta maggiormente gli agricoltori onesti in quanto pur non avendo il capitale di anticipazione portano a compimento il loro progetto.Premesso quanto sopra il modo di solare come si dice a Roma si trova in ogni modo...e i media sono pieni di esempi..purtroppo...io credo che forse l'unica soluzione o quella più fattibile in questo momento è nella semplificazione della procedura e nella trasparenza più assoluta del termine. Il fatto che ci siano più enti o organismi specifici a controllare può sembrare uno spreco di denaro ma è anche un'ulteriore garanzia che nessuno faccia il furbo..concentrare troppo certi poteri mette ancora più a rischio il buon fine pubblico.Una cosa è sicura fino ad oggi hanno sempre pagato gli agricoltori ed i cittadini onesti..non si è mai visto nessun dirigente politico ecc..o sindacato pagare di proprio culo..

    November 3, 2014

  • Marco B.

    .......questa non verrà mai controllata altrimenti si scopre l'altarino.
    quindi attenzione ad una estensione massiva delle dichiarazioni sostitutive. I controlli post raramente hanno effetti positivi, i soldi ormai sono stati erogati e riaverli indietro è difficile. La casa ormai è stata modificata e non puoi ordinare il ripristino. La stalla è stata smantellata e non ci rimetti più dentro i bovini.
    tutte le verifiche devono essere pre erogazione. al massimo si può prevedere sanzioni per quegli enti che non eseguono le verifiche ritardando l'erogazione dei finanziamenti

    November 3, 2014

  • Marco B.

    L'agricoltura è un argomento sempre bistrattato, come se fosse l'ultima ruota del carro mentre è un settore primario. Dall'agricoltura parte tutto, alimentazione, abbigliamento, governo del territorio e oggi anche energia pulita.
    provate a pensare ad un qualsiasi momento della giornata e lì c'è l'agricoltura.

    1 · November 3, 2014

  • Edgardo S.

    I problemi della Agricoltura Italiana nei confronti del mercato Internazionale, in questo momento sono:
    PAC Nazionale/Europea.
    PSR (Lazio).
    PTPR (Lazio).
    TTIP Nazionale/ Europeo.
    AGEA Spessa di gestione delle risorse.
    Menefreghismo e mancanza di coesione. siete d'accordo?

    1 · November 1, 2014

    • Stefano_Di_Silvestri

      prima che ci fosse la Pac certi problemi c'erano comunque..!!..la Pac doveva in qualche modo marginare certe divergenze e oggi dopo svariati anni invece di migliorare sono a dir poco peggiorate..La pac non è un problema è una soluzione almeno dovrebbe essere così..il problema è che è sempre basata sui soliti principi ogni quinquennio fanno degli aggiustamenti del ciufolo e tira a campà..oggi non è più possibile fare queste scelte..è da anni che propongo alternative oggettive..l'agrico­ltura la risollevi se la tuteli..se vuoi vendere i prodotti con il bollino made in italy se vuoi vendere i prodotti legati al territorio devi usare esclusivamente la materia prima del territorio...almeno riporti il reddito vero agli agricoltori...dire pac e dire psr..e dire agea..è sempre la stessa cosa..la pac ed il prs lo hanno sempre scritto le stesse persone che da anni sono al comando..

      2 · November 1, 2014

    • Stefano_Di_Silvestri

      ora magari ci hanno messo i loro figli o figliastri..ma come abbiamo visto non è cambiato nulla anzi..in merito ad agea..che è il fulcro del sistema credo che si debba formattare..in senso buono ovviamente..dobbiamo togliere il marcio..e ti posso garantire avendoci lavorato per non poco tempo e avendo contrastato in tutti i modi..di marcio ce ne a pacchi...finchè le organizzazioni sindacali mangeranno allo stesso piatto finchè i dirigenti verrano messi da queste classi politiche finchè non ci sarà nessuno che contrasterà seriamente e in modo maturo e concreto..la musica non cambierà..io mi auguro che i ns portavoce della commissione agricoltura...manifestin­o realmente e concretamente lo sdegno vergognoso che è in questo mondo perché troppo spesso fino ad oggi ho visto troppe persone allisciare il pelo a certe realtà alla faccia della ns filosofia...quindi..ANDI­AMO AVANTI..!!

      1 · November 1, 2014

  • osanna c.

    ok

    November 1, 2014

  • Tola Giovanni M.

    # Denominazione di origine GEOGRAFICA. <<<PERROS>>>
    Cimmarrosa$???

    Cordiali saluti.

    October 31, 2014

    • Natale C.

      sto inviando queste tue alla settimana enigmistica, spero tu sia contento. p.s. questo mu è letto da tutti cerca una comunicazione aperta e un linguaggio più idoneo, qui nessuno ti attacca se non per capire, proponi un mu su queste tue che, dopo averle risolte enigmisticamente con te stesso, possano essere di dominio pubblico, valutate e discusse. altrimenti si rimane in una scatola chiusa, giovanni, in una scatola chiusa. poichè molte tematiche che poni mi interessano e penso anche agli altri, proponi un mu, dai

      November 1, 2014

  • Natale C.

    penso che al di la dei commenti un po di sostanza ci sia stata. ci potrà servire come base per una nuova futura proposta che inglobi altri fattori evidenziatosi nel corso del tempo

    November 1, 2014

  • Tola Giovanni M.

    # Il fatto e che siamo tutti dei falliti.Ma
    per orgoglio dimentichiamo ogni cosa.
    Ma il male peggiore e la denegazione
    geografica della attuale DEMOGRAFIA.
    Demografia che abbiamo rinnegato.
    Demografia che abbiamo chiuso nei
    cassetti e dimenticato e buttato via i
    cassettoni .
    Demografia chi nei nostri conti in
    banca.
    Nelle addunate di partico e partitini e
    correnti politiche e accoliti.
    Demografia infine come noi abbiamo
    pagato ora facciamo pagare ai nuovi
    nascituri.

    Cordiali saluti.

    October 31, 2014

    • Natale C.

      sei fuori tema stavolta giovanni, qui trattiamo agricoltura e ti prego di attenerti strettamente al tema.

      October 31, 2014

  • Tola Giovanni M.

    # Uno) L' Italia e un paese industriale???
    Due)_________________________agricolo???
    Tre)_____________________________in via di sviluppo???
    Quattro)_________________________sottosviluppato ( riserve naturali )?

    Cordiali saluti.

    October 31, 2014

    • Natale C.

      grazie giovanni, ho davvero apprezzato quello che hai scritto in altro mu e apprezzo lo sforzo comunicativo che stai facendo. facile è distruggere, difficile è costruire: ma ci riusciremo, sai, o noi o i ns figli

      1 · October 31, 2014

  • Albanese Unodinoi Rivoluzione M.

    in puglia la California in mano ad incompetenti farabbutti

    October 30, 2014

  • Albanese Unodinoi Rivoluzione M.

    recupero terre incolte migliaia di ettari

    1 · October 30, 2014

  • Stefano_Di_Silvestri

    ..relativamente al punto sette (7) le asl cosa dovrebbero fare...i controlli pac..??..già non riescono a fare quello che gli compete..in ambito urbano..figuriamoci..il resto..!!!..io proporrei invece..di istituire nel corpo forestale dello stato un gruppo speciale che opera su tutto il territorio..almeno creiamo posti di lavoro degni di rispetto..dove ovviamente si faranno i concorsi e magari si darà punteggio a coloro che hanno operato già negli anni passato in questo settore almeno..cosi valorizziamo anche l'alta professionalità che c'è nel ns Paese..e nessuno resta a casa..!!

    2 · October 25, 2014

    • Edgardo S.

      Stefano tu parli di questo punto: 7° Individuazione dei terreni o fondi agricoli e dei suoi proprietari.
      Applicazione de legge e istituzione di un’imposta o multa per quelli proprietari che non seguono le direttive.

      October 26, 2014

    • Stefano_Di_Silvestri

      ..intendevo questo..;-))...6° Creazione di un ente statale di controllo diretto, per esempio l’utilizzo delle ASL...!!..in merito al punto 7..già esistono sanzioni se percepisci dei finanziamenti e non rispetti il bando..ti fanno piangere..!!..almeno in base alle normative..europee..!!..;­-))

      1 · October 26, 2014

  • ARNALDO B.

    Dopo: uscita immediata dall'euro senza condizioni, annullando tutti i patti, tutte le leggi bancarie e finanziarie, ritorno alla lira o altra moneta simile, emessa dalla Banca D’Italia statalizzata. Onoreremo solo il debito contratto con i piccoli risparmiatori.
    No! A chi si è arricchito con la speculazione finanziaria. No! Alle banche d’affari.
    Certo non sarà semplice, ci aspetteranno dolori e sacrifici, ma ce la possiamo fare.
    Siamo la culla della civiltà mondiale, abbiamo i più grandi tesori dell’arte della cultura e delle bellezze paesaggistiche. Mettiamocela tutta e riattiviamo la genialità del nostro made in Italy.
    Chi vorrà comprare i nostri prodotti dovrà pagare con valuta preziosa. Chi vorrà venire nel nostro Paese dovrà pagare una tassa di soggiorno adeguata.
    Certo per fare tutto questo sarà necessario educare il nostro popolo a comportarsi adeguatamente.
    E’ pura follia o potrebbe essere un sogno realizzabile?

    2 · October 26, 2014

    • elena

      sarà follia o un sogno ma è l'unica ancora di salvezza che abbiamo

      October 26, 2014

  • Vittorio R.

    Speriamo che il "BULLETTO" di Firenze, anzi d' Italia o meglio d' Europa (Renzi), si renda conto che sta rovinando il nostro Paese più degli altri maledetti politici e malavitosi che abbiamo avuto fino ad oggi. La Agricoltura che significa una attività fondamentale per un Paese non né parla mai e neanche il suo Ministro e Co.

    October 26, 2014

  • ARNALDO B.

    Se non ci muoviamo in fretta entro il 2015 crolleremo inesorabilmente. Soprattutto con l'arrivo del TTIP.
    Occorre l’immediata uscita dall’euro e se è il caso dall’eurozona.
    Dobbiamo però stare attenti, non dobbiamo far trapelare le nostre intenzioni.
    Prima di tutto dobbiamo renderci autonomi dal punto di vista energetico e alimentare.
    Come? Semplice! Dobbiamo intensificare in poco tempo la produzione energetica con le nostre fonti rinnovabili: Fotovoltaico – Eolico – Geotermico – Marino.
    Se impegniamo parte delle nostre risorse economiche, anche prelevando dal MES, ce la possiamo fare.
    Lo stesso vale per l’intensificazione della nostra produzione alimentare: agricoltura, allevamenti e itticoltura.
    Chi non è d’accordo, intendo i lobbysti, i massoni, i politici che sono nei libri paga dei lobbysti e quanti remerebbero contro, li manderemo in esilio col foglio di via. Tornassero nei paesi dove hanno trasferito le loro attività produttive e le speculazione finanziarie.

    2 · October 26, 2014

    • Edgardo S.

      Il problema non si ferma al TTIP, tocca sommarle PSR (insolvente) PTPR (per il Lazio Irrazionale) PAC (esclusiva), la intenzione del governo di vendere terre agricole demaniali, l'andamento del mercato, e la chiusura delle banche al credito. Io non credo alle coincidenze.

      1 · October 26, 2014

  • Edgardo S.

    Il 12 settembre prende avvio il corso gratuito sulla coltivazione dell’olivo organizzato da ACO e dal M5S nel Comune di Tivoli presso la "Biblioteca Comunale" Piazza Tempio D'Ercole dalle ore 15.30.
    L’attività, articolata su n. 5 incontri, è finalizzata alla elaborazione ed applicazione di disciplinari di produzione collettivi basati su criteri ambientali presso i produttori olivicoli.
    Le tematiche trattate riguarderanno le tecniche colturali (dalla difesa alla corretta concimazione e potatura) finalizzate ad un sistema di coltivazione a basso impatto ambientale e rispettoso della sicurezza e salute dell’operatore agricolo.
    Il corso avrà una durata di 20 ore, di cui 16 saranno dedicate a lezioni teoriche in aula e le restanti 4 direttamente in campo.

    September 8, 2014

  • LUCIA R.

    io sono una cittadina italiana e non capisco perché si permette che ettari di terreni rimangono incolti e non si provvede a darli in gestione (oppure venderli )a prezzi accettabili a persone come me che amano la terra e disoccupata con tempo a disposizione per avere un orto che porterebbe un sostegno alla mia famiglia e se poi si semplificassero i regolamenti per costruire una casa sulla terra da coltivare avremo meno povertà e come facevano i miei nonni potremo anche avere un reddito ....

    July 31, 2014

  • Natale C.

    a lucia e elena, nella proposta, quella sopra è solo una base di discussione, ci sono le condizioni che voi chiedete: http://www.beppegrillo.it/listeciviche/forum/2014/04/agricoltura-e-comunita-europea-una-proposta-di-edgardo-sibardi-gruppo-di-lavoro-meetup-parlamento-5.html;
    o qui nel meetup in file alla pagina: http://www.meetup.com/Parlamento-5-Stelle/pages/AGRICOLTURA_E_COMUNITA%27_EUROPEA%2C_una_proposta;
    in più vi era una mia proposta di organizzare comuni e scuole agrarie e professionali in genere per la creazione di professionalità che in un certo senso riprende la proposta di Conti (REGOLAMENTO PER LA GESTIONE CONDIVISA DEI BENI COMUNI RURALI DI PUBBLICA UTILITA' ) che va in quel senso, al link , https://www.facebook.com/notes/valter-conti/regolamento-per-la-gestione-condivisa-dei-beni-comuni-rurali-di-pubblica-utilita/754763697899135

    July 31, 2014

  • Stefano_Di_Silvestri

    ..A titolo esplicativo vi rappresento questo articolo di Repubblica sul quale potete apprendere che il commissario di Agea era indagato..e bene qualcuno lo ha fatto notare..a qualcuno..?? http://www.repubblica.it/politica/2014/01/25/news/de_girolamo_la_finanza_indaga_sul_ministero_roma_inchiesta_della_procura_su_fondi_ue_e_nomine-76875570/

    July 30, 2014

    • Edgardo S.

      Stefano qua trovi una porta aperta, tutti siamo pronti alla lotta.

      1 · July 30, 2014

    • Stefano_Di_Silvestri

      ..Il problema carissimo è che se non si muovono quelli che stanno in parlamento o al senato...se non sono loro che evidenziano certe realtà..se non iniziano a fare "caciara" loro...a livello nazionale..noi per quanto possiamo documentare..scrivere..e­cc....ci sentono sempre pochi..e questo sicuramente..da molto vantaggio a quelli che stanno in certe stanze...!!!..resta comunque inteso che la "caciara"..pro­ssimamente....inizierà..­alla grande..con o senza..i ns rappresentanti politici...!!

      July 31, 2014

  • elena

    essendo una contadina e sapendo che uno dei problemi è la vendita, aggiungerei al punto 3, che nei locali di negozi chiusi(specie nei paesi) tutta la settimana per poche ore ,vengano adibiti per ospitare agricoltori che vendono i loro prodotti,pagando un piccolo contributo per l'energia elettrica,e il propretario dello stabile ,venga da parte del comune ,esonerato dalle tasse tari tasi imu

    July 30, 2014

  • Edgardo S.

    Vedo che siamo tutti impegnati in cercare la verità e questo mi fa piacere, sono onorato nel poter dialogare con voi, ora gli impicci piano piano escono alla luce e come dico sempre la giustizia Italiana è lenta, ma sostenendola arriva, parlando della AGEA la sua denominazione giuridica e un incrocio fra capra e pecora con risultato indescrivibile, la AGEA è un Ente di diritto pubblico non Economico (se sarebbe solo questo per me va bene) pero ha capacità giuridica, ha una P.IVA e cod fisc, ora dovremmo leggere lo statuto, lasciando da parte questa inquadratura (diritto), La furbizia non è stato solo nella costituzione di un ente che deve solo gestire risorse economiche UE. la furbizia sta nel affiancare AGEAcontrol SPA (stessa sede di AGEA) e SIN, La SIN è partecipata al 51 % dall' AGEA, Agenzia per le Erogazioni in agricoltura, e al 49 % dai soci privati (Agriconsulting S.p.A., Agrifuturo , Almaviva S.p.A., Auselda AED Group (stessa sede di AGEA), il cerchio si comincia a chiudere

    2 · July 23, 2014

    • Natale C.

      edgardo la discussione è stata spostata qui: http://www.meetup.com...;­ tra 30 sposterò questo commento a quel link, altrimenti fallo tu direttamente. qui si parla d'altro.

      July 23, 2014

  • Edgardo S.

    Forse nel documento di sopra mi sono sbagliato a scrivere Privata, quando dovremmo scrivere pseudo-apparentemente Pubblica.

    July 23, 2014

  • giancarlo c.

    il sig di silvestri pone a tutto il movimento l'evidente conflitto d'interessi tra interesse pubblico ed interesse privato. il problema del conflitto d'interessi è un problema generale che riguarda tutta l'amministrazione dei soldi pubblici e riguarda la generalità della attività amministrativa dello stato ,dei comuni,delle provincie ,delle regioni ed in genere di ogni altro ente pubblico economico.
    la sostanza dell'attività politica è nel controllo e nella gestione delle risorse pubbliche per fini privati, per cui se prima non si stabiliscono le premesse logiche e funzionali che determinano il conflitto d'interessi non si potrà andare da nessuna parte.
    la funzione amministrativa è attività esecutiva, la funzione di controllo anche giuridica è funzione amministrativa. la funzione legislativa è stabilire quello che la funzione amministrativa e la funzione di controllo non debbono fare ( una legge stabilisce quello che non si può fare). segue

    July 23, 2014

    • Stefano_Di_Silvestri

      ..carissimo Sig Celeste il conflitto di interesse non c'è fra pubblico e privato ma fra onesti e disonesti...!!..e questo non lo dico per dire..ma lo posso semplicemente dimostrare..con mille esempi che sono sotto il naso di tutti...oltre altri esempi che ho vissuto in prima persona..non a caso anche testare giornalistiche nazionali come repubblica hanno finalmente puntato il dito...e il m5s..??...il problema oggi che riscontro..è che troppi anche alcuni ns parlamentari e senatori che sono in commissione agricoltura...abbaiano ma non mordono..anzi..fanno finta di non capire...anzi..perdono tempo..allungano il brodo si passano le carte..senza che nessuno di loro affondi..il coltello...

      July 23, 2014

    • Stefano_Di_Silvestri

      .ho una strana sensazione basata su fatti oggettivi che qualcuno sia stato "comprato"...s­arà forse un caso che buona parte di quelli che sono in commissione agricoltura..portano avanti le problematiche dei loro terreni di origine..??..si stanno preparando per la campagna elettorale..??....se volete qualche esempio..sarà mio immenso piacere farvelo vedere..FANNO SOLO CHE SCHIFO..!!!..FANNO PIU' SCHIFO DI QUEI MAFIOSI CHE SONO DA SECOLI NELLE STANZE DEL POTERE...!!!

      July 23, 2014

  • giancarlo c.

    la funzione economica è svolta da organi indipendenti dalla amministrazione.
    ad ogni livello si deve creare
    funzione legislativa indipendente da funzione amministrativa e funzione economica.
    funzione amministrativa ( di esecuzione e di controllo indipendenti tra loro) indipendente dalla pressione politica e.
    funzione economica indipendente dalla amministrazione con tutto ciò che esso comporta.
    senza la risoluzione dei conflitti d'interesse venutasi a creare con oltre 50 anni di confusioni di poteri creati ad arte per rubare e per favorire amici e amici di amici. l'italia crolla.
    mettiamoci prima d'accordo sulle regole e non crediamo di essere più bravi degli altri perchè siamo a 5 stelle e siamo onesti. con queste regole chiunque mandiamo ad amministrare ci mette una settimana a confluire negli avversari che combattiamo.

    1 · July 23, 2014

  • Stefano_Di_Silvestri

    Puoi fare una legge magnifica ma se chi te la gestisce è un mafioso..il tuo lavoro lascia il tempo che trova...mi farebbe piacere capire come intendete ristrutturare e se intendete ristrutturare..gli enti pagatori e le società correlate io ho lavorato per molti anni sia nel settore agronomico che economico amministrativo di e per Agea ragazzi è un porcaio..o meglio un'associazione a delinquere allo stato puro..io ho più soluzioni basate sulla mia esperienza..e sopratutto su dei fatti oggettivi..penso che sarebbe utile anche un confronto di persona..!!!..COMUNQUE ANDIAMO..AVANTI..!!

    2 · July 7, 2014

    • Stefano_Di_Silvestri

      7. Il salvataggio e la gestione della posta elettronica di tutto il personale Agea e di tutte le società correlate deve essere esclusivamente su server protetto e dedicato e non sui computer dati loro in dotazione.

      July 23, 2014

    • Natale C.

      Bene: postero' più tardi queste tue considerazioni in un mu specifico che a nome tuo mandero' . continuate lì, vi prego, questo mu si interessa d'altro tema. E comunque nella proposta vi è già preso in considerazione quest'aspetto delle società connesse e vietate queste operazioni, che sarà ulteriormente sottolineato.

      1 · July 23, 2014

  • Edgardo S.

    Sto preparando un commento (da consegnare entro domenica) sul Dl 91 del 24.giugno 2014, vorrei sapere se avete considerazioni da fare in merito, aspetto comunicazioni, saluti

    July 2, 2014

    • Natale C.

      caro edgardo, c'è un tizio, non so se m5s, ma che ha fatto una proposta di legge che tanto ci può interessare( e prende in visione la pac), a te soprattutto per la tua proposta comunale, poichè prende a riferimento le aree demaniali rurali e private(da dare a patto), che tanto ricalca, questo sì, un intervento sia sull'economia locale che un riassetto delle aree con gestione da dare a giovani/org,/coop., dopo un corso di professionalizzazione. proprio quello che indicavo quando in riferimento all'agricoltura, si prospettava l'idea di utilizzarli professionalizzandoli. mi sembra una bella idea questa, degna di menzione: desiderei, però ritornare all'oggetto di questa discussione che ha per titolo "proposta per l'agricoltura"­, in modo da non disperdere quanto alacremente lavorato.

      July 22, 2014

    • Natale C.

      apri tu un altro mu sull'agea, qui abbiamo bisogno di futurizzare un modo diverso di pensare l' " agricoltura", ad iniziare dal terreno che oramai in Italia si sta perdendo e come ben sai, è ricerca scientifica, una pianta di insalata fa perdere 30 cm di terreno superficiale, etcc..., dagli ogm al TTIP, alla Pac[masked], che tanto simpatica non mi pare che sia . il sito interessantissimo che ci può aiutare ad implementare al proposta è : https://www.facebook.c...­

      July 22, 2014

  • Natale C.

    ho proposto un nuovo mu sull'agricoltura e per l'agricoltura al link http://www.meetup.com/Parlamento-5-Stelle/events/182575262/, e precedente la bio-attenuanzione dei fenomeni di inquinamento/che qui non abbiamo trattato) dei terreni/aree agricole

    May 12, 2014

  • Edgardo S.

    Estimato gruppo, in questo momento è in discussione il DDL 1328. vedi http://www.senato.it/leg/17/BGT...­ Altri meetup stano preparando dei commenti per gli emendamenti, se avete delle idee proponete qua fino al 12/ 05/.

    1 · May 11, 2014

    • Natale C.

      se ben ricordi una delle cose che dico da sempre, al di là degli effetti micro-macro economici, che occupazione può trovarsi nei due settori dell'agricoltura e del turismo che, spero di dar luce al più presto. il problema però da superare è anche di altro tipo e te ne facevo presente tempo addietro, i ns portavoce: hai presente la proposta di fabrizio Ladi emendata, ebbene è lì ferma finchè uno dei nostri non la va a mettere all''ODG. paura? incompetenza? invidia? altro? non lo so, ma è questo che scrive fabrizio, la proposta è ferma per quel motivo. a cosa ci servono i portavoce se non fanno questo. quante volte dovrò ancora dire che la "compagine" si è trasformata da portavoce a "rappresentanza"­ e questo non va bene? vogliamo cominciare a combattere questo malfenomeno che ci riguarda!

      1 · April 16, 2014

    • Dino C.

      Qui bisogna che si sappia avere riferimenti. Che giustamente facciano anche da filtro, ma che diano risposte congrue delle varie situazioni. Liquidi và bene,ma cè un limite, non si può pretendere che non ci siano collegamenti. Si parla di far la guerra, ricordatevi Lissa, nonostante le navi in ferro vinsero quelle in legno AustroVenete di legno, tutto perchè le nostre non erano efficienti nelle comunicazioni. Confido su Lorenzo perchè si arrivi ad un dunque, situazioni come quelle di Ladi non sono da prendere alla leggera. Tanto più dopo la crociata su BdI se lasciamo cadere questa che movimenta valori assoluti superiori, facciamo ridere i polli, diamo ragione ai miei amici e conoscenti che sono scettici sulle gestioni future. Sono fermi al movimento di sola protesta al sistema.

      1 · April 16, 2014

  • MARINA S.

    Vorrei tanto che risolviate anche il marasma delle " quote latte" e lascando finalmente il diritto di produrre il latte in quantità tali che l'allevatore vuole e in corripondenza dei capi che ha nelle stalle, e con ciò consentirgli di vendere la sovraproduzione direttamente alle industrie ricavando da ciò suo giusto guadagno, oppure dargli gli strumenti per trasformazione del prodotto anche in latte di polvere, eventualmente,per essere collocato alle indiustrie o al mercato estero che ne ha bisogno.

    1 · April 16, 2014

    • Edgardo S.

      Benvenuta, premesso che non sono un esperto in quel campo, Il problema del latte e molto serio, nel 2015 si cancelleranno le quote, ad oggi si continuano a pagare le multe riducendo ai pochi produttori rimasti al limite del fallimento, d'altro canto nel 2015 dopo questi anni di mal governo e multe la nostra produzione non esiste, venerdì aprirò un dibattito con il nostro portavoce per indicare di organizzarci meglio e convogliare a tutti gli interessati in una piattaforma comune, commentami se hai delle idee o proposte migliori.

      April 16, 2014

  • Natale C.

    il file qui nel meetup è stato caricato in Pagine in quanto lo caricava ma non lo leggeva, quindi il link qui è a
    http://www.meetup.com/Parlamento-5-Stelle/pages/AGRICOLTURA_E_COMUNITA%27_EUROPEA%2C_una_proposta

    April 5, 2014

  • Natale C.

    Si pubblica in file una prima bozza del gruppo di lavoro lavoro Agricoltura al link http://files.meetup.com/7729932/Agricoltura%20e%20Comunit%C3%A0%20Europea_semidefinitivo.pdf

    Tarcisio non ho la tua mail per spedirtelo direttamente ed avere modifiche definitive. ciao fammi sapere

    1 · April 3, 2014

    • Edgardo S.

      Natale il link http://files.meetup.c...­

      April 5, 2014

    • Edgardo S.

      Non si apre 404

      April 5, 2014

  • Edgardo S.

    Doviamo festeggiare non solo per il documento se non per aver lavorato insieme fra persone che non si conoscono, gratuitamente e con l'unica intenzione quella di contribuire per il bene di tutti.

    April 3, 2014

    • wanda m.

      Sì Edgardo, questo è molto gratificante.

      1 · April 5, 2014

  • Edgardo S.

    direi di aspettare un attimo!

    April 4, 2014

  • Natale C.

    Io ritengo terminato questo lavoro. Vorrei chiuderlo che ne pensate?

    April 4, 2014

  • wanda m.

    Oppure semplificato, opzione b: b) “Il documento che segue, intende tutelare le coltivazioni biologiche e tradizionali sul territorio italiano. Fonda la richiesta di proibizione di colture Ogm sui regolamenti CE attualmente vigenti, e predispone nuove norme nazionali da presentare alla Commissione Europea, in vista della modifica degli allegati della direttiva 2001/18/CE.
    -------------------------------------------------
    *scegliete voi o modificate come rienete giusto. Wanda

    1 · March 23, 2014

    • Edgardo S.

      Wanda visto il documento (di base) iniziale, dove consideri utile inserire la tua proposta?

      March 23, 2014

    • wanda m.

      Scegli tu, insieme a Natale. Dove ritenete sia meglio.

      March 23, 2014

  • wanda m.

    Rispondo ad Edgardo che suggerisce: "Al punto 1,1 indicherei qualcosa del genere: la intenzione di questo documento è formulare motivazioni..." .

    Credo si possa fare una premessa in tal modo: a) “Il documento che segue, intende tutelare le coltivazioni biologiche e tradizionali sul territorio italiano. Fonda la richiesta di proibizione di colture Ogm sui regolamenti CE attualmente vigenti, e, predispone nuove norme nazionali da presentare alla Commissione Europea in vista della modifica degli allegati della direttiva 2001/18/CE, secondo le Linee guida EFSA2010 che prevedono lo scambio di pareri tra la CE e gli Stati membri.

    segue l'opzione b)

    1 · March 23, 2014

Fai la tua Donazione

EUR10.00 supportare il tuo Meetup P5S

This covers: La tua donazione per supportare il tuo Meetup P5S

Payment is accepted using:

  • PayPal

Refunds are not offered for this Meetup.

Our Sponsors

People in this
Meetup are also in:

Sign up

Meetup members, Log in

By clicking "Sign up" or "Sign up using Facebook", you confirm that you accept our Terms of Service & Privacy Policy