Supplenti della scuola licenziati in tronco!

  • Needs a date

  • On line

    streaming, Roma, RM (map)

    41.890518 12.494248


  • SUPPLENZE:ETERNE INGIUSTIZIE SULLE SPALLE DEI PRECARI
    I supplenti non prendono lo stipendio da mesi.
    I supplenti temporanei vengono pagati per la malattia 30 giorni al 50% e poi licenziati,ma anche quelli ancora “fino all’avente diritto” per colpa dell’Amministrazione sempre in ritardo su tutto!
    Non importa se l’articolo 40 della legge 449/97,equipara i supplenti fino a nomina dell’avente diritto agli annuali e a quelli in servizio fino al 30 giugno, tanto da prevederne il pagamento direttamente da parte del Tesoro.
    I supplenti con un contratto fino al 30 giugno oppure entrati in ruolo quest’anno, con in mano un contratto di lavoro legittimo a tempo indeterminato o determinato, vengono licenziati su due piedi, per consegnare il loro posto a chi è stato assunto con provvedimento del giudice del lavoro.
    A Novara hanno scelto l’ultima nominata fino al 30 giugno e da un giorno all’altro le hanno detto che avrebbe potuto firmare contratti a pezzi …. Senza le tutele contrattuali…
    Hanno “sparato” sulla più debole e non sono bastati i carabinieri a farle riprendere servizio …
    Ma come fanno questi Dirigenti ad assumersi una tale responsabilità? In nome di quale giustizia?
    E’ ovvio che da questi ricorsi nasceranno altri ricorsi e che per altri 10 anni la scuola sarà nel caos più totale! Si rassegni l’Amministrazione: noi li difenderemo tutti!
    Il contratto di lavoro a tempo determinato si risolve automaticamente, senza preavviso, alla scadenza del termine espressamente prefissato dalle parti senza bisogno di alcuna manifestazione di volontà.
    Il recesso anticipato di una delle parti rispetto è consentito solo ed esclusivamente, in base a quanto stabilito dall’art. 2119 c.c., per giusta causa e cioè qualora si verifichi una causa che non consenta la prosecuzione neanche provvisoria del rapporto.
    Non è legittimo il recesso prima del tempo per giustificato motivo (soggettivo e oggettivo), dal momento che tale il recesso è espressamente riferito dal nostro ordinamento al contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato (Legge 604/1966).
    Se il recesso prima del termine del contratto da parte del datore di lavoro che risulti illegittimo per assenza di giusta causa scatterà a favore del lavoratore un risarcimento del danno pari all’ammontare di tutte le retribuzioni che allo stesso sarebbero spettate fino alla regolare scadenza del contratto, dedotto quanto eventualmente percepito dal lavoratore per aver prestato la propria attività lavorativa presso un altro datore di lavoro. Con un contratto a tempo determinato, l’insegnante precario, diversamente da quello immesso in ruolo, non può invocare la reintegrazione nel posto di lavoro prevista dallo Statuto dei lavoratori (articolo 18), poiché tale tutela è prevista solo per chi è assunto a tempo indeterminato.
    Sappiamo tutti benissimo che , in caso di abbandono di una supplenza, un docente viene pesantemente penalizzato con la perdita della possibilità di conseguire supplenze, sia sulla base delle graduatorie ad esaurimento che di quelle di circolo e di istituto, per tutte le graduatorie di insegnamento.
    Siamo in uno Stato che permette che i suoi Cittadini siano vessati in continuazione “in nome della legge”!
    Ma quale legge?
    Prima che qualche politico alzi le sue chiappone da comodi uffici ministeriali si svegli e scriva che non possono essere licenziati né i precari, né gli assunti quanto dovremo attendere?
    Quante famiglie si troveranno in difficoltà?
    Quanti dirigenti scolastici avranno le palle di dire: no io questo non lo faccio?

    Laura Razzano

Join or login to comment.

  • alessandro m.

    Sono attivista e condivido il programma del M5S al 99,99%. L'unico neo è rappresentato dal punto sull'istruzione: Abolizione del valore legale dei titoli di studio. Cerco spiegazioni più approfondite, significati più profondi rispetto ad un enunciato che mi appare negativo, non risolutivo e spiazzante per chi ha creduto per anni che fare sacrifici enormi potesse dargli un traguardo concreto e spendibile , più o meno, nel mercato del lavoro. Non trovo approfondimenti e soddisfacenti giustificazioni in tal senso. Please help me!

    October 3, 2013

  • A former member
    A former member

    Equiparazione dei contratti dei precari a quelli di ruolo con recupero arretrati....stessi diritti e doveri.
    + Stabilizzazione immediata dei precari pluridecennali.

    1 · May 3, 2013

  • Gloria

    Sono un po' imbranata con skype ma ci proveró. Nel frattempo vorrei suggerire che il cambiamento della situazione scuola deve arrivare dalle fondamenta, non aggiungere postille a ció che giá esoste ma abbattere tuuto e ripartire da 0. La prima cosa é l'edilizia scolastica: avere suole sicure e spaziose per permettere i cambiamenti.

    May 3, 2013

  • Vittorio S.

    Equiparazione dei contratti dei precari a quelli di ruolo con recupero arretrati....stessi diritti e doveri.....

    May 2, 2013

  • mary

    Tu speri all inizio che la situazione si risolva in uno, due anni e invece passsano 10. 11, 12 vergognosi anni; e tu pensi che non sei ancora niente nonostante i sacrifici disumani, lontani dalla tua patria e con tutte le spese ingenti da affrontare in una nuova citta.E il ministro profumo di cosa si preoccupa? mica di questi poveracci che stanno spendendo tutti i risparmi per non perdere i punti della schedina. Lui si preoccupa di speculare ancora e si, proprio su questa debole classe di maestre pezzenti supplenti a vita. E cosi bandisce prima un concorso, poi ora addirittura propone il corso per abilitanti. Ma siamo davvero su scherzi a parte maledettio bastardo!! Ma come si puo' pensare FARE DEI CORSI QUANDO ANCORA C'E UN ESERCITO DI PRECARI CHE CI RIMETTE SOLDI, SENZA DIRITTI. VERGOGNA! QUANDO FINIRA' TUTTO QUESTO SCHIFO. QUANDO SE NON VI AMMAZZANO!!'

    April 14, 2013

  • mary

    io diCo che e semplicemente disgustoso aver fatto fare un nuovo concorso per i docenti precari e di voler fare addirittura un corso per abilitare, quando ancora devono essere assunti precari da 10 anni. Un lavoro frustrante quello della maestra in Italia, indirizzato all accumulo di punti, inventati chissa' da quale infame, per speculare sui poveri precari. Un precario fa sacrifici immensi e gli e' negato anche il diritto di trasferirsi nella propria sede al sud perche' da precario non lavorerebbe. Quindi diventa prigioniero perenne di un circolo vizioso a punti in cui ci deve rimettere le spese per fitti e viaggi che superano di gran lunga lo stipendio.

    April 14, 2013

  • Marina M.

    dovrebbero bloccare anche i Tfa speciali... li hanno concepiti per fare abilitare solo chi gli pare... come al solito.

    1 · April 3, 2013

  • melania

    Io dico che il concorso deve essere immediatamente bloccato e ritirato l'emendamento sui corsi di riconversione in sostegno per docenti soprannumerari.

    April 2, 2013

  • Elisa F.

    io conosco una ragazza che insegna musica e ha un contratto a progetto, mi ha detto che non le danno l'assegno di maternità perchè le manca un mese di contributi dell'anno scorso, anche se non 9 anni che paga i contributi e l'hanno obbligata ad andare in maternità obbligatoria all'ottavo mese e poi ha scoperto che non era ritribuita!! Le hanno fatto rinunciare ad una supplenza in una scuola media e si è dovuta anche pagare tutti i certificati medici per l'astensione al lavoro dato che era in cinta! Tenuto conto che questa persona lavora solo 9 mesi l'anno quando ci sono le scuole aperte e per gli altri mesi vive di concerti qua e la, bhè io direi che è una vergogna! Tra l'altro ho anche sentito (ma lei non lo sa) che chi è assunto con contratto a progetto versa i contributi ma non percepirà la pensione, è vero?

    March 4, 2013

    • Laura R.

      Ma insegna nella scuola pubblica?

      March 5, 2013

    • Elisa F.

      scuola di musica comunale

      March 6, 2013

  • Elisa F.

    non riesco a trovare il luogo dell'incontro, se si farà via internet posso partecipare se no, visto che sono di cuneo, no

    March 4, 2013

    • Laura R.

      Quando iscrivi i figli alle superiori

      March 5, 2013

    • Elisa F.

      ah!ok io non ci sono ancora arrivata li! ;) mio figlio più grande inizia 1^ media a settembre! :)

      March 6, 2013

  • Laura R.

    E' l'idea di sindacato come ricorsificio su tutto che deve cambiare. Il ricorso di cui parli lo fanno tutti ed è una cosa assurda perchè sarebbero sufficienti istruzioni corrette agli uffici.Pensa che con la nota n.3249 lo stesso INPS dice che non è corretto fare la trattenuta ma alla fine dice che la farà.
    : “…non si applica il contributo previdenziale obbligatorio nella misura del 2,5% della base retributiva previsto dall’art.11 della legge 8 marzo 1968 n.152 e dall’art. 37 del decreto del presidente della Repubblica 29 dicembre 1973 nr.1032. La soppressione del contributo non determina effetti sulla retribuzione imponibile ai fini fiscali”.
    A me sembra illogico che ci si debba rivolgere al giudice per ottenere qualcosa che spetta di diritto. Su questo spero che il M5S agisca in fretta!

    March 5, 2013

  • Laura R.

    Perchè ai docenti siano ridati autorevolezza, stima, e riconoscimento istituzionale occorre istituire un contratto specifico per i docenti che oggi hanno il contratto insieme ai bidelli. Niente contro i bidelli ma sono lavori diversi che richiedono contratti separati!

    March 4, 2013

  • Laura R.

    Soluzione dell’annoso problema del precariato
    mediante la stabilizzazione, nel rispetto
    delle norme europee, di tutto il personale con
    almeno tre anni di servizio;

    1 · March 4, 2013

  • Laura R.

    Supplenze
    Vigiliamo che siano attribuite sempre secondo le regole.
    Dopo il 31 dicembre se si assenta un Docente senza più riprendere servizio e la supplenza si allunga dev’essere confermato il supplente già in servizio, indipendentemente dal modo in cui giustifica la sua assenza il titolare, senza scorrere la graduatoria, questo per favorire la continuità didattica ed evitare il “balletto” dei supplenti.
    Il docente di sostegno non può essere utilizzato per supplenze soprattutto quando l’alunno che segue è presente.

    March 4, 2013

  • Laura R.

    Corsi per la sicurezza:provano a farli svolgere fuori dall’orario di lavoro con la scusa che essi siano obbligatori perché il D.Lgs. n. 81/2008 (tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro) introduce una novità rispetto al D.Lgs. 626/94: la partecipazione obbligatoria da parte dei lavoratori alla formazione sulla “Sicurezza” organizzata dal datore di lavoro.Abbiamol'obbligo di “partecipare ai programmi di formazione e di addestramento organizzati dal datore di lavoro” che è tenuto ad adempiere agli obblighi di formazione, di informazione e di addestramento. La formazione deve avvenire durante l'orario di lavoro e non può comportare oneri a carico dei lavoratori. Chi partecipa abbia l’ardire di chiedere quale sia il numero massimo di persone per classe previsto, quale sia la superficie della classe a disposizione per ogni alunno e come debbano essere, secondo la legge, gli arredi.

    March 4, 2013

  • Laura Razzano changed the location to On line

    March 4, 2013

  • Laura R.

    Poi occorre una battaglia per la legalità, a me sembra importantissimo! Infatti inascoltata scrivo da anni ed anni....

    March 4, 2013

  • Laura R.

    Innanzitutto occorre partire dai soldi e controllare che non vengano buttati via!
    Sono troppe le attività che non sono didattiche e vengono pagate con il Fondo di Istituto.
    Oggi i fondi che arriveranno alle scuole sono pubblici e sono anche stati certificati i risparmi che dovranno tutti essere spesi.
    Sono molti, bisogna controllare che non vengano buttati per favorire i soliti giochini sindacali, con le RSU per singola scuola è impossibile arrivare ovunque.
    Se volete sapere quanti soldi arriveranno alle vostre scuole
    http://hubmiur.pubblica.istruzione.it/alfresco/d/d/workspace/SpacesStore/7cb86b4e-daad-40a2-be91-71ce7208f8d7/prot1067_13.zip

    March 4, 2013

  • assunta

    Sono una docente di sostegno senza incarico dopo 12 anni di servizio. Mi aspetto grandi cose per noi precari da movimento 5 stelle.

    1 · March 3, 2013

  • Gloria

    È una vergogna che dura da anni, cosa fare? Bisogna cambiare tutto nella scuola e riportarla a dignitá

    2 · March 3, 2013

  • Romano D.

    una vergona appunto

    March 1, 2013

  • Laura R.

    Che ne pensate di questa vergogna?

    March 1, 2013

Want to go?

Join and RSVP

10 going

  • Celestina D.

    Mi chiamo D' ariano Celestina ,sono una mamma di quattro figli e abito a Roma.

  • alessandro­ m.

    Sono un docente abilitato nel 2000, ancora precario. Insegno Storia dell'Arte e Arte e Immagine.... more

  • Marina M.
    Organizer
  • Elisa F.

    Ciao, mi chiamo Elisa, non sono insegnante, ma sono mamma di tre bimbi di 10-9 e 3 anni e nei... more

  • Giovanni

    sono musicista professionista­...autore di favole e racconti musicali per bambini.

  • NICOLETTA L.

    Ciao sono un'insegnante precaria

  • assunta

    sono un'insegnante precaria,indig­nata da questo governo e da questa stirpe di politicanti...­. more

  • Romano D.
    Co-Organizer

    Docente di sostegno e musica scuola media

  • Giuseppe Li V.

    Bisogna far vincere le cose che contano, fra cui l'ottimismo della volontà. Onestà ed impegno.

  • Laura R.

    Io sono una maestra elementare che diversi anni fa, sull'onda del malcontento verso i sindacati... more

Sometimes the best Meetup Group is the one you start

Get started Learn more
Rafaël

We just grab a coffee and speak French. Some people have been coming every week for months... it creates a kind of warmth to the group.

Rafaël, started French Conversation Group

Sign up

Meetup members, Log in

By clicking "Sign up" or "Sign up using Facebook", you confirm that you accept our Terms of Service & Privacy Policy