addressalign-toparrow-leftarrow-rightbackbellblockcalendarcameraccwcheckchevron-downchevron-leftchevron-rightchevron-small-downchevron-small-leftchevron-small-rightchevron-small-upchevron-upcircle-with-checkcircle-with-crosscircle-with-pluscontroller-playcrossdots-three-verticaleditemptyheartexporteye-with-lineeyefacebookfolderfullheartglobegmailgooglegroupshelp-with-circleimageimagesinstagramFill 1light-bulblinklocation-pinm-swarmSearchmailmessagesminusmoremuplabelShape 3 + Rectangle 1ShapeoutlookpersonJoin Group on CardStartprice-ribbonprintShapeShapeShapeShapeImported LayersImported LayersImported Layersshieldstartickettrashtriangle-downtriangle-uptwitteruserwarningyahoo

Beppe Grillo Organizers MeetUp Message Board ELEZIONI AMMINISTRATIVE › CONSIGLIERI REGIONALI ELETTI N° 2

CONSIGLIERI REGIONALI ELETTI N° 2

claudiotorrenzieri
démos-cràtos
Forlì, FC
Post #: 831
X Massimo Scabbia Postato il 1-nov-2009 19.50 ...

Claudio, già alcuni post fa ti avevo scritto come la pensavo.
Se proprio t'interessa tanto sapere come procedono le cose, se vai sul MU607, che è quello che seguo un po' di più essendone AO, non troverai un thread specifico sulle regionali, ma in tutte le riunioni calendarizzate da agosto in avanti era esplicitato che durante le riunioni si sarebbe toccato il tema Lista Regionali; come tu m'insegni dal calendario con mailing list si raggiungono tutti gli iscritti al MU. Risultato, alle riunioni il solito 10% degli iscritti. Per contro di questo 10% nessun rompicoglioni remacontrista. Un successo. Parallelamente abbiamo riallacciato i contatti con ex meetuppari persisi per strada (il vecchio MU di Cuneo MU170 è mezzo chiuso, mezzo aperto, boh), gente che "a progetto" ci aveva dato una mano; ovviamente tutti questi contatti sono avvenuti al di fuori della piattaforma MU. Quindi?

Non sorge il dubbio a nessuno che i MU siano un pochino, morti, sorpassati? Pure Grillo che importanza ne dà? Provate a chiedere di aggiungere un link ad un nuovo MU o rimuoverne un altro dal suo blog...


non interessa a me... penso che debba interessare il "MoVimento" ... in tutti i modi anch'io ti avevo già risposto ma evidentemente non hai letto .... per cui ... http://beppegrillo.meetup.com/533/it/messages/boards/thread/7798294/30#31014574­

Per restare al tuo post ... il 10% di iscritti che partecipano alle riunioni , visto l'andazzo generale, è un buon risultato! Non certo nelle aspettative di chi pensa di correre per le regionali! Lo capisco! ma leggo anche che state facendo un lavoro di riavvicinamento verso altri (vecchi e nuovi) meetuppers ... ma per le elezioni questo non basta ... serve incontrare la gente comune ... Inoltre, in merito a meetup sono anch'io convinto che si tratti di uno strumento sorpassato, dispersivo e poco costruttivo ... meglio dei wiki condivisi! E le esperienze di altri (certamente impegnati) sono li a dimostrarlo!
maria eleonora f.
studiapplicati
Giaveno, TO
Post #: 375
OT ??? fiduciosamente no.


http://beppegrillo.me...­

Massimo S.
Maxmagnus
Bastia Mondovì, CN
Post #: 1,572
X Massimo Scabbia Postato il 1-nov-2009 19.50 ...

Claudio, già alcuni post fa ti avevo scritto come la pensavo.
Se proprio t'interessa tanto sapere come procedono le cose, se vai sul MU607, che è quello che seguo un po' di più essendone AO, non troverai un thread specifico sulle regionali, ma in tutte le riunioni calendarizzate da agosto in avanti era esplicitato che durante le riunioni si sarebbe toccato il tema Lista Regionali; come tu m'insegni dal calendario con mailing list si raggiungono tutti gli iscritti al MU. Risultato, alle riunioni il solito 10% degli iscritti. Per contro di questo 10% nessun rompicoglioni remacontrista. Un successo. Parallelamente abbiamo riallacciato i contatti con ex meetuppari persisi per strada (il vecchio MU di Cuneo MU170 è mezzo chiuso, mezzo aperto, boh), gente che "a progetto" ci aveva dato una mano; ovviamente tutti questi contatti sono avvenuti al di fuori della piattaforma MU. Quindi?

Non sorge il dubbio a nessuno che i MU siano un pochino, morti, sorpassati? Pure Grillo che importanza ne dà? Provate a chiedere di aggiungere un link ad un nuovo MU o rimuoverne un altro dal suo blog...


non interessa a me... penso che debba interessare il "MoVimento" ... in tutti i modi anch'io ti avevo già risposto ma evidentemente non hai letto .... per cui ... http://beppegrillo.meetup.com/533/it/messages/boards/thread/7798294/30#31014574­

Per restare al tuo post ... il 10% di iscritti che partecipano alle riunioni , visto l'andazzo generale, è un buon risultato! Non certo nelle aspettative di chi pensa di correre per le regionali! Lo capisco! ma leggo anche che state facendo un lavoro di riavvicinamento verso altri (vecchi e nuovi) meetuppers ... ma per le elezioni questo non basta ... serve incontrare la gente comune ... Inoltre, in merito a meetup sono anch'io convinto che si tratti di uno strumento sorpassato, dispersivo e poco costruttivo ... meglio dei wiki condivisi! E le esperienze di altri (certamente impegnati) sono li a dimostrarlo!

Per Claudio Torrenzieri: t'ho letto, t'ho letto, ma cosa avrei dovuto scriverti?
Se insisti...ti dico come la penso (IO PERSONALMENTE, MASSIMO SCABBIA), sinceramente, in termini inequivocabili, spassionatamente:

Il giochino è di Grillo; come dice Franco Dell'Alba "Grillo è il padrone del vapore"; però il giochino non funziona se non c'è chi produce il vapore (noi) e noi non riusciamo a produrrre vapore se lui non ci dà l'acqua (leggasi ci mette la faccia). Scrivo un'ovvietà che hanno già scritto in tanti: se Grillo non dà il "la", non si fa nulla di concreto; però...se Grillo fa piovere le cose dall'alto, non è democratico...
Democrazia diretta, con 400 MU e qualche migliaio di iscritti, pensi sia veramente fattibile?
Hai parlato della tua esperienza nel 280, delle varie "carte", ma com'è andata col documento di Milano, dai contenuti ottimi e condivisibili, non c'è che dire, ma cosa avete ottenuto? Chi rappresentavate e a che titolo? Cosa volevate comunicare a Grillo?

Oppure chi è che "anima" il 533, chi lo coordina, che voce in capitolo ha, da chi è stato legittimato? Quanto si scrive qua, che peso ha, ovvero, tornando al vapore di cui sopra, a Grillo e staff importerà?

Franco Dell'Alba ha aperto un 3d circa lo Statuto del MoVimento: ma siamo certi che a Grillo e Staff interessi la nostra opinione circa lo Statuto? Siamo sicuri che vorrà discuterlo con 400 MU o con il 533 o con il 280 o con, o con, o con...(quanti sono i MU che cercano di "dettare" le proprie regole a Grillo? Ho perso il conto)

Per contro ti domandi chi sono quelli che aninamo il tentativo di Lista in Piemonte, chi siamo, chi rappresentiamo?
Molto semplicemente direi che "produciamo il vapore", ma stiamo cercando di produrlo, si, per la macchina Grillo, ma con i metodi che ci sembrano più consoni, a noi, per il nostro modo di vedere le cose. Diciamo che s'è adottata la stessa tattica che si usa coi bambini: non tanti "no" (leggasi critiche), ma tanti "si, però"

Io la vedo così.

Poi la prossima settimana se si ufficializzerà il Candidato Presidente alla Regione verrai a dirmi che abbiamo fatto quello che ci ha imposto Grillo, ed invece (se le cose andranno come speriamo che vadano) dovrò smentirti; siamo noi che con l'acqua dataci da Grillo abbiamo fatto del vapore per la macchina, ma alla temperatura e pressione che volevamo noi... Vabbè questa è troppo criptica...spero sia più chiara tra qualche giorno!biggrin

Per quanto riguarda incontrare la gente comune non è che condivisibile quanto tu dici ed è quello che abbiamo fatto, tra mille difficoltà, negli ultimi 3 anni e che faremo ancor di più non appena saranno definite liste e programma: o secondo te dovevamo fare questo prima ancora di avere liste e programma?
A former member
Post #: 675
Massimo, mettiamola così: abbiamo due idee diverse della concezione della politica. Io accetto l'idea che Grillo faccia quello che gli pare, è un suo sacrosanto diritto se ci mette soldi e faccia. Ma non devi dire, mai, ma proprio mai, che questo modo di fare politica è nuovo e/o diverso da quello precedente. Non dire dire mai che non sarà un partito come tutti gli altri. Non devi dire mai che non è un parito ad personam con un padre padrone e, soprattutto, non devi dire mai che i militanti hanno una qualche voce in capitolo, essi sono ridotti a militonti, esattamente come in qualsiasi altro partito.

Ci sono moltissimi di voi in perfetta buonafede, ma non hanno ancora capito che non c'è niente, ma proprio niente di nuovo, nemmeno nei programmi e negli slogan che sono quelli urlati da sempre dai vari movimenti, comitati ed associazioni varie che hanno caratterizzato l'attività politica di ambientalisti, verdi, radicali e compagnia cantando.

Nessuno deve giudicarvi per le scelte che fate, a condizione che non vi dichiariate innovativi e democratici, questo non ve lo potete permettere o rischiate torte in faccia.

Per il resto ....nulla, assolutamente nulla di nuovo sotto il sole.

claudiotorrenzieri
démos-cràtos
Forlì, FC
Post #: 906

Io la vedo così.

Poi la prossima settimana se si ufficializzerà il Candidato Presidente alla Regione verrai a dirmi che abbiamo fatto quello che ci ha imposto Grillo, ed invece (se le cose andranno come speriamo che vadano) dovrò smentirti;

Mi auguro per voi che sia come dici tu! Anzi auguro a me stesso che possa essere così visto che per l'Emilia Romagna il candidato l'ha scelto Grillo senza sentire (a differenza di quello che lui stesso dichiara) cosa avevano da dire in proposito i meetup locali (e di proposte ne avevano eccome ... primarie vere ... metodi gestionali condivisi ... invece ora lo strappo si è consumato ed io che cerco di ricucire in nome della coesione e dell'alternativa allo strapotere della partitocrazia! mi sa però che la frattura sia troppo profonda!)
Massimo S.
Maxmagnus
Bastia Mondovì, CN
Post #: 1,578
Massimo, mettiamola così: abbiamo due idee diverse della concezione della politica. Io accetto l'idea che Grillo faccia quello che gli pare, è un suo sacrosanto diritto se ci mette soldi e faccia. Ma non devi dire, mai, ma proprio mai, che questo modo di fare politica è nuovo e/o diverso da quello precedente. Non dire dire mai che non sarà un partito come tutti gli altri. Non devi dire mai che non è un parito ad personam con un padre padrone e, soprattutto, non devi dire mai che i militanti hanno una qualche voce in capitolo, essi sono ridotti a militonti, esattamente come in qualsiasi altro partito.

Ci sono moltissimi di voi in perfetta buonafede, ma non hanno ancora capito che non c'è niente, ma proprio niente di nuovo, nemmeno nei programmi e negli slogan che sono quelli urlati da sempre dai vari movimenti, comitati ed associazioni varie che hanno caratterizzato l'attività politica di ambientalisti, verdi, radicali e compagnia cantando.

Nessuno deve giudicarvi per le scelte che fate, a condizione che non vi dichiariate innovativi e democratici, questo non ve lo potete permettere o rischiate torte in faccia.

Per il resto ....nulla, assolutamente nulla di nuovo sotto il sole.


@Franco: concordo con te nulla di nuovo sotto il sole, ma proprio nulla.

claudiotorrenzieri
démos-cràtos
Forlì, FC
Post #: 940
Roma, 9 novembre 2009


Ai meet up del Piemonte che hanno sostenuto la mia candidatura alla Presidenza della Regione.

Con un fortissimo dispiacere interiore vi comunico che ho deciso di non accettare la candidatura alla Presidenza della Regione, da voi sostenuta con una determinazione, un affetto e una stima che mi hanno commosso (non sono un politico e i sentimenti pesano moltissimo nelle mie scelte).
Ne abbiamo parlato ieri all'assemblea nazionale del Movimento per decrescita felice, che mi ha dato un decisivo contributo di idee, mettendo in evidenza con grande serenità e maturità politica gli aspetti positivi della proposta e le perplessità che può suscitare, incoraggiandomi comunque ad agire secondo la mia coscienza e offrendomi tutto il sostegno nel caso in cui avessi deciso di accettare, sia in relazione agli impegni della campagna elettorale, sia in relazione alle maggiori difficoltà nella gestione di MDF che ne sarebbero derivate. Io mi sono riservato di dormirci su e di decidere questa mattina.
Il quadro, dopo le vicende dei giorni scorsi, è sufficientemente chiaro. Da una parte state voi, e altri meet up in altre regioni italiane che condividono, più o meno profondamente, il progetto culturale e politico riassumibile nel concetto della decrescita. Un progetto appena abbozzato, da implementare e correggere, che può delineare anche le linee guida di un ruolo politico-istituzionale. Io credo che voi siate tra le punte più avanzate di un movimento vasto (e confuso...), che comprende migliaia di gruppi, comitati, liste civiche, associazioni, accomunati da una forte spinta etica, dalla preoccupazione per i pericoli derivanti dall'intreccio tra la crisi energetica-ambientale, economico-occupazionale, sociale-valoriale. La parte sana del nostro paese, non mentalmente corrotta dalla brama di avere sempre più soldi per comprare sempre più cose da buttare sempre più in fretta. La parte sana che non si riconosce più nel sistema dei partiti e nel teatrino grottesco a cui hanno ridotto la politica. La parte sana che non ha più una rappresentanza politica, che sta cercando disperatamente qualcosa in cui valga la pena credere, per cui valga la pena impegnarsi. Io vi voglio bene. Vorrei che insieme riuscissimo a trovare una via d'uscita comune.
Ma per aprire questa via di uscita dalla crisi che sta attraversando l'umanità e il nostro disgraziato paese, occorre costruire un soggetto politico e culturale in grado di elaborare una teoria politica e culturale di cui non c'è traccia nelle teorie elaborate in passato perché radicalmente nuova è la situazione in cui ci troviamo a operare. E nell'elaborazione di questa teoria, nell'elaborazione delle sue conseguenze operative sia nella sfera delle scelte individuali, sia nella sfera delle scelte collettive, occorre radunare la maggior parte dei gruppi che stanno già collaborando a definirla, affinché vi si riconoscano sempre più compiutamente.
Non ho la sensazione, ve lo dico in tutta franchezza, che la percezione della portata di questo compito e della necessità di coinvolgervi la più parte della miriade di soggetti che vi stanno già più o meno consapevolmente lavorando, sia presente nel movimento che fa riferimento a Beppe Grillo. I meriti di Beppe sono enormi, io lo stimo e lo apprezzo moltissimo. Beppe ha fatto e sta facendo qualcosa di eccezionale nel panorama del nostro paese. Potrebbe vivere tranquillamente, godersi il successo che ha meritatamente raggiunto col suo lavoro e la sua intelligenza, guadagnare ciò che la sua professionalità gli consente facendo un lavoro che lo diverte. Ma chi glielo fa fare di caricarsi di problemi, inimicizie, stress, se non una motivazione etica? Giustamente, inevitabilmente, Beppe è diventato il riferimento di un'alta percentuale di quelle persone che stanno cercando una via d'uscita dal disagio esistenziale in cui si vive nella nostra società. È diventato, penso oltre le sue aspettative, il referente politico di attese, speranze, desideri di pulizia e di riscatto. Ma la struttura a cui ha dato vita, pur essendo stata adeguata al compito di far irrompere queste tematiche in strati molto vasti dell'opinione pubblica italiana, non mi sembra adeguata alla fase successiva: il faticoso cammino di una progettualità capace di disegnare un mondo diverso. Posso sbagliarmi, ma ho questo sensazione perché mi sembra che non si faccia di tutto per coinvolgere il numero più alto e le componenti più significative dei movimenti e dei gruppi che si stanno muovendo nell'ambito di una cultura e di valori diversi da quelli che hanno guidato gli schieramenti politici che abbiamo ereditato dal secolo scorso. Troppi ne restano fuori. A qualcuno mi sembra che sia anche stata chiusa la porta. Forse per buone ragioni, ma non è stato possibile discuterle.
Ecco, questo è il punto cruciale: la mancanza di una discussione collettiva delle scelte di fondo. Mi rendo conto che senza un coinvolgimento diretto, quotidiano, coraggioso, impegnativo, oneroso, di Beppe, il movimento dei meet up inciderebbe in una misura incomparabilmente inferiore. Beppe ci mette la faccia, si espone in prima persona, e ha diritto, anche per ragioni di autotutela, di stabilire le condizioni in cui si deve muovere chi agisce facendo riferimento a lui. Questa scelta di fondo stabilisce comunque un confine tra chi accetta di stare dentro questa logica e chi la sente troppo restrittiva per le sue esigenze. Garantisce una maggiore efficienza, una minore dispersione di energie in diatribe spesso inconcludenti, ma lascia al di fuori esperienze e competenze, passioni e idee che possono dare contributi molto interessanti. Nella mia limitata attività culturale e politica io mi sento più portato a unire, non indiscriminatamente nella pseudo-logica del “più siamo e meglio è”, ma nella costruzione di un progetto comune a quanti più soggetti possibile. A questo lavora il nostro Movimento per la decrescita felice. MDF vuole essere una sorta di lievito che si scioglie nella massa del pane che contribuisce a far crescere e a rendere nutriente. Questa attività assorbe ormai da qualche anno il mio tempo e le mie energie. Sta dando qualche risultato, ma ancora lunga è la strada da percorrere.
(segue)
claudiotorrenzieri
démos-cràtos
Forlì, FC
Post #: 941
Fatte queste riflessioni, ho valutato che l'assunzione di un impegno politico diretto in un movimento che, pur rappresentando una delle punte più avanzate oggi in Italia, è ben lungi dall'aver definito un progetto politico culturale adeguato alle necessità del momento e non include parti significative di quel movimento più ampio a cui MDF offre il suo contributo di elaborazione di idee in una logica di inclusione, sia un passo affrettato che tende a cristallizzare la situazione attuale e rallenta la sua evoluzione nella direzione auspicata da MDF. Credo che sia più utile per i meet up che fanno riferimento a Beppe Grillo e per una loro efficace presenza nelle istituzioni che io continui a concentrare il mio impegno, le mie energie e il mio tempo a far in modo che MDF possa svolgere sempre meglio il ruolo che si è scelto. Già a luglio, a Milano, all'incontro degli eletti delle liste a 5 stelle nei consigli comunali, avevo proposto:
1. l'organizzazione di corsi residenziali nei fine settimana al fine di rafforzare la preparazione politica dei consiglieri e dei loro collaboratori;
2. l'organizzazione di un ufficio di consulenza a domanda.

A queste due iniziative potrebbe affiancarsene un'altra volta a individuare campagne comuni su temi di grande rilevanza politico-istituzionale. Per esempio la proposta di una delibera comune per attenuare gli effetti devastanti insiti nel piano casa proposto dal governo e per utilizzarlo al fine di realizzare ristrutturazioni energetiche del patrimonio edilizio esistente.
Ma, quel che più conta, a mio modo di vedere, sarebbe la proposta di affiancare a queste iniziative anche consiglieri comunali e assessori eletti in liste diverse: dai comuni virtuosi, a liste civiche con programmi condivisibili, a consiglieri “in crisi” dei partiti. Un progetto di inclusione su obbiettivi concreti che nasca come elaborazione condivisa dei vari meet up, in sedi democraticamente definite e con procedure pubbliche.
Alla realizzazione di un programma di lavoro di questo genere sono disposto a impegnarmi non solo individualmente, ma a coinvolgere tutto il nostro movimento. Per quanto riguarda le prossime elezioni regionali MDF e io personalmente siamo disposti a offrire la massima collaborazione a tutti i candidati nel corso della campagna elettorale e, successivamente, agli eletti. Un mio coinvolgimento diretto nella competizione elettorale ci toglierebbe la possibilità di esercitare questo ruolo e creerebbe difficoltà notevoli nella gestione del nostro movimento, col rischio di un ripiegamento su se stesso e della interruzione di un processo che allo stato attuale delle cose, dopo meno di due anni dalla costituzione, appare promettente.
Resta in me l'amarezza di aver dato una risposta negativa alle attese di molti di voi, che avevano posto fiducia nella mia accettazione. Un'amarezza che viene accentuata dal fatto che la maggior parte di voi hanno l'età dei miei figli e vivono con lo stesso spirito indipendente e autonomo rispetto ai condizionamenti a cui la vostra generazione più intensamente della mia è stata sottoposta. Nei vostri confronti sento delle responsabilità e vorrei che mi crediate se vi dico che non mi sono tirato indietro. Con la mia scelta penso di contribuire ancor più efficacemente di quanto potrei fare dal ruolo di consigliere regionale, che, rispetto al progetto su cui sto lavorando, mi sembra limitativo, ma è invece un'ottima palestra per formare le persone della vostra età. Non a caso Beppe ha molto insistito con me sulla necessità che fosse un trentenne a ricoprirlo. Me lo ha ripetuto più volte quando mi ha comunicato che si sarebbe presentata una lista a 5 stelle in Piemonte. Me l'ha ribadito successivamente, pochi giorni fa, quando voi avete insistito con lui sul mio nome nonostante le sue perplessità sulla mia età.
Quelli di voi che hanno preso in mano la situazione con più determinazione sono benissimo in grado di guidare una lista regionale. Chi lo farà potrà contare sul mio sostegno leale e continuativo. Vi ringrazio per la stima, l'affetto e la fiducia che mi avete dimostrato. Mi ha fatto bene e ha fatto in modo che io vi voglia più bene di prima.
Maurizio Pallante
Massimo S.
Maxmagnus
Bastia Mondovì, CN
Post #: 1,579
Ebbene si...avete decriptato. biggrin

Pallante, piemontese, vicino a Grillo in più occasioni, era il nome che noi avevamo proposto a Beppe per tutta una serie di, a nostro vedere, logiche motivazioni.

Peccato che Maurizio dopo aver valutato attentamente la proposta (era da settimane che se ne parlava ed il suo nome era già stato fatto a luglio prima ancora che Grillo lanciasse il MoVimento a Milano) e soprattutto dopo il congresso di domenica scorsa dei circoli MDF, abbia optato per continuare il suo cammino intrapreso già da qualche anno.
claudiotorrenzieri
démos-cràtos
Forlì, FC
Post #: 960
Mi sembra che Pallante non solo abbia optato per continuare il suo cammino di consolidamento di un MOVIMENTO (vero) ma ci abbia fornito degli spunti critici (che detti da Lui sono accettabili, detti da qualcun'altro non contano niente) su cui riflettere a lungo (li avevo evidenziati nel testo):
Ma la struttura a cui ha dato vita, pur essendo stata adeguata al compito di far irrompere queste tematiche in strati molto vasti dell'opinione pubblica italiana, non mi sembra adeguata alla fase successiva: il faticoso cammino di una progettualità capace di disegnare un mondo diverso. Posso sbagliarmi, ma ho questo sensazione perché mi sembra che non si faccia di tutto per coinvolgere il numero più alto e le componenti più significative dei movimenti e dei gruppi che si stanno muovendo nell'ambito di una cultura e di valori diversi da quelli che hanno guidato gli schieramenti politici che abbiamo ereditato dal secolo scorso. Troppi ne restano fuori. A qualcuno mi sembra che sia anche stata chiusa la porta. Forse per buone ragioni, ma non è stato possibile discuterle.
Ecco, questo è il punto cruciale: la mancanza di una discussione collettiva delle scelte di fondo.
...
Fatte queste riflessioni, ho valutato che l'assunzione di un impegno politico diretto in un movimento che, pur rappresentando una delle punte più avanzate oggi in Italia, è ben lungi dall'aver definito un progetto politico culturale adeguato alle necessità del momento


Mi sembra doveroso far notare che anche altri, arrivano alle stesse conclusioni da tempo!

ci riunisce un'idea comune ...
quella di restituire ai legittimi proprietari (quindi ai cittadini) la gestione della “cosa pubblica“ (la politica);
quella di superare, sconfiggendola, la partitocrazia;

ma se il comportamento (agli occhi della gente comune, dei media, degli oppositori) è e resta quello (consolidato) dei partiti che dall'alto e dal chiuso delle loro segreterie scelgono i candidati, collocano in posti chiave e strategici i loro accoliti, elaborano e diffondono promesse elettorali ridondanti, accattivanti e impraticabili ....
se il NOSTRO comportamento è e resta simile a quello consolidato della deriva democratica del Nostro Paese ... siamo falliti in partenza ... perché Noi, a differenza Loro, non abbiamo neanche un briciolo delle Loro risorse finanziarie (bancarie e simili) economiche (finanziamento pubblico) e mediatiche (televisioni di stato, private e mezzi di informazione di massa) tali da condizionare l'opinione pubblica!

La Nostra base sociale non è come la Loro che tace ed acconsente alla scelte dei vertici!

La Nostra base sociale discute, si confronta ed elabora critiche costruttive, la Nostra base sociale sperimenta dal vero pratiche di democrazie reale, unico antidoto alle metodologie autoreferenziali del sistema partitocratico!

Solo così potremo concretamente differenziarci dal minestrone riscaldato della politica italiana!

Altrimenti Noi non siamo quello che vorremo far credere di essere!

Powered by mvnForum

Sign up

Meetup members, Log in

By clicking "Sign up" or "Sign up using Facebook", you confirm that you accept our Terms of Service & Privacy Policy