addressalign-toparrow-leftarrow-rightbackbellblockcalendarcameraccwcheckchevron-downchevron-leftchevron-rightchevron-small-downchevron-small-leftchevron-small-rightchevron-small-upchevron-upcircle-with-checkcircle-with-crosscircle-with-pluscrossdots-three-verticaleditemptyheartexporteye-with-lineeyefacebookfolderfullheartglobegmailgooglegroupshelp-with-circleimageimagesinstagramFill 1linklocation-pinm-swarmSearchmailmessagesminusmoremuplabelShape 3 + Rectangle 1ShapeoutlookpersonJoin Group on CardStartprice-ribbonprintShapeShapeShapeShapeImported LayersImported LayersImported Layersshieldstartickettrashtriangle-downtriangle-uptwitteruserwarningyahoo

Gli Amici di Beppe Grillo di Bologna Message Board Forum di discussioni varie › UN GOVERNO COSTITUENTE DELLA TERZA REPUBBLICA A MARCHIO 5 STELLE !

UN GOVERNO COSTITUENTE DELLA TERZA REPUBBLICA A MARCHIO 5 STELLE !

A former member
Post #: 55
I punti elencati da Vittorio sono condivisibili ed urgenti ma nell’esercizio di disegnare scenari politici di convergenza su programmi non dimenticherei che siamo UN PAESE CHE STA AFFONDANDO ed una priorità (anzi la prima a mio parere) è agire per dare un po’ di ossigeno ad una economia agonizzante ed ai cassintegrati che vedranno tra qualche mese esaurirsi i fondi per la C. I. in deroga restando senza risorse per le proprie famiglie.

Quindi:
Moralmente ineccepibili le misure anticasta, ma ai primi posti metterei due punti programmatici di immediata attuabilità:

- Completo superamento del patto di stabilità per gli enti locali, consentendo di sbloccare alcune decine di miliardi GIA’ DISPONIBILI per pagare le imprese creditrici verso la pubblica amministrazione ed evitarne in molti casi il fallimento. (anche l’Eurogruppo ha iniziato a dare aperture su questo ed è un’occasione da non perdere).

- Reperimento di nuove risorse per rifinanziare la C.I in scadenza e risolvere una volta per tutte il problema degli esodati. Come? Per esempio tramite una immediata armonizzazione nazionale dei costi di riferimento delle varie sanità regionali eliminandone gli sprechi (lo si può fare immediatamente tramite un’iniziativa parlamentare del M5S).

Vorrei vedere chi in parlamento non abbia il coraggio di sostenerli ed approvarli.
Roberto B.
user 72648652
Bologna, BO
Post #: 216
Concordo in pieno con la proposta di Vittorio.
Il momento va sfruttato esattamente in questo modo, prendendo l'iniziativa, altrimenti si rischia di:
- farsi mettere sotto scacco da un governo PD, con o senza PDL, che sicuramente proporrà ad arte finte norme anti-casta cercando di dividere il M5S fra i SI e NO, fra gli "integralisti" ed i "pragmatisti";
- disperdersi in polemiche inutili e poco qualificanti come quella di ieri di Crimi contro Napolitano.
E poi un governo M5S non è una bestemmia...il PSI si permetteva di fare "l'ago della bilancia" con molto meno del 25%. Se il programma è valido, ben comunicato ed incontra il consenso della gente, PD e PDL ci penseranno bene prima di tornare alle urne.

vorrei aggiungere che fino a maggio il parlamento comunque sia resta in carica, solo il futuro presidente della repubblica potrà sciogliere le camere ed a quel punto fare nuove elezioni !

abbiamo ottime possibilità di far passare alcuni punti a noi cari, come quelli anti casta ..
A former member
Post #: 74
I punti elencati da Vittorio sono condivisibili ed urgenti ma nell’esercizio di disegnare scenari politici di convergenza su programmi non dimenticherei che siamo UN PAESE CHE STA AFFONDANDO ed una priorità (anzi la prima a mio parere) è agire per dare un po’ di ossigeno ad una economia agonizzante ed ai cassintegrati che vedranno tra qualche mese esaurirsi i fondi per la C. I. in deroga restando senza risorse per le proprie famiglie.

Quindi:
Moralmente ineccepibili le misure anticasta, ma ai primi posti metterei due punti programmatici di immediata attuabilità:

- Completo superamento del patto di stabilità per gli enti locali, consentendo di sbloccare alcune decine di miliardi GIA’ DISPONIBILI per pagare le imprese creditrici verso la pubblica amministrazione ed evitarne in molti casi il fallimento. (anche l’Eurogruppo ha iniziato a dare aperture su questo ed è un’occasione da non perdere).

- Reperimento di nuove risorse per rifinanziare la C.I in scadenza e risolvere una volta per tutte il problema degli esodati. Come? Per esempio tramite una immediata armonizzazione nazionale dei costi di riferimento delle varie sanità regionali eliminandone gli sprechi (lo si può fare immediatamente tramite un’iniziativa parlamentare del M5S).

Vorrei vedere chi in parlamento non abbia il coraggio di sostenerli ed approvarli.

Valerio, le due cose, provvedimenti economici e sociali e "riforme anticasta", debbono e possono essere portate avanti di pari passo, perchè hanno entrambe il carattere della assoluta urgenza. Ma non dobbiamo poi mettere troppa carne al fuoco e restare concentrati invece sul nostro pacchetto di riforme per la legalità e l'eticità nella Politica, che sono le priorità che ci qualificano di fronte agli italiani e ci distinguono dai partiti e che sono anch'esse una vera e propria "emergenza" !!
Roberto B.
user 72648652
Bologna, BO
Post #: 217
certo che il livello di inciviltà raggiunto dai nostri governanti è incredibile !

si deve per decreto dire che chi ha lavorato deve avere i suoi soldi .

governo banche e consip bloccano tutto da sempre, perché dovendo scegliere fra pagare gli stipendi statali (anche dei parlamentari) e le pensioni (anche quelle d’oro) oppure pagare i fornitori, hanno scelto ciò che a loro fa più comodo ..
.. ricordiamoci che ci sono 70miliardi di crediti vantati dalle imprese fornitrici della pubblica amministrazione e almeno 140miliardi di debiti nelle amministrazioni locali !

ora si sbloccano questi 40 miliardi , perché la UE ha detto a monti che possiamo fare un ulteriore deficit di 40 miliardi ?!?!?

ma stiamo scherzando , ma come si fa a non capire ancora che non è questo il modo di agire, si deve tagliare dove ci sono i più grossi privilegi al mondo, si deve tagliare nella casta, resettare tutta la politica, gli stipendi e le pensioni d'oro, gli stipendi di dipendenti pubblici che prendono centinaia di milioni all'anno !
A former member
Post #: 75
Concordo in pieno con la proposta di Vittorio.
Il momento va sfruttato esattamente in questo modo, prendendo l'iniziativa, altrimenti si rischia di:
- farsi mettere sotto scacco da un governo PD, con o senza PDL, che sicuramente proporrà ad arte finte norme anti-casta cercando di dividere il M5S fra i SI e NO, fra gli "integralisti" ed i "pragmatisti";
- disperdersi in polemiche inutili e poco qualificanti come quella di ieri di Crimi contro Napolitano.
E poi un governo M5S non è una bestemmia...il PSI si permetteva di fare "l'ago della bilancia" con molto meno del 25%. Se il programma è valido, ben comunicato ed incontra il consenso della gente, PD e PDL ci penseranno bene prima di tornare alle urne.


Ciao, concordo con le tue considerazioni. , ma volevo precisare che la mia proposta non è propriamente per un nostro governo, come ha proposto ieri Grillo al Presidente, (che realisticamente parlando non avrebbe mai il sostegno dei partiti), bensì di un governo composto da personalità della società civile assolutamente extrapartitiche, cioè di un governo del presidente, ma suggerito e voluto da noi, perchè figlio della nostra rivoluzione pacifica per la legalità e l'eticità nella Politica; un governo nostro, ma nel senso che su di esso mettiamo noi il capello, il nostro marchio a 5 Stelle e nessun altro! Nel senso che le riforme che esso attuerà sono e saranno solo merito nostro !
A former member
Post #: 56


Valerio, le due cose, provvedimenti economici e sociali e "riforme anticasta", debbono e possono essere portate avanti di pari passo, perchè hanno entrambe il carattere della assoluta urgenza. Ma non dobbiamo poi mettere troppa carne al fuoco e restare concentrati invece sul nostro pacchetto di riforme per la legalità e l'eticità nella Politica, che sono le priorità che ci qualificano di fronte agli italiani e ci distinguono dai partiti e che sono anch'esse una vera e propria "emergenza" !!

D’accordo Vittorio.
Azioni anticasta e provvedimenti urgenti per evitare ulteriore disastro economico e sociale dovrebbero andare di pari passo nella nostra prossima azione parlamentare per coniugare il ruolo moralizzatore del M5S con la risposta alle richieste di tanti elettori vittime del dissesto economico del paese e che proprio nel M5S hanno riposto speranze.
Ritengo che un’azione contemporanea e combinata sui due fronti che sono lo specchio del fallimento dei vecchi politicanti, potrebbe dare ancora maggiore forza e credibilità riformatrice al movimento.

Fabio S.
user 82684012
Bologna, BO
Post #: 12
la mia proposta non è propriamente per un nostro governo

Giusto, ho detto "governo M5S" intendendo che dovrebbe essere promosso dal M5S, ma un nominativo esterno autorevole creerebbe meno problemi agli altri partiti che bene o male dovrebbero sostenerlo e/o asternersi.


A former member
Post #: 81
Condivido anch'io l'idea del governo di scopo con a capo una personalità di "alto profilo" e indicazioni da parte nostra molto precise (partendo magari dai 20 punti proposti ieri a Napolitano).
Chiedo solo di far partire prima possibile la piattaforma per comunicare i nostri suggerimenti ai parlamentari !
A former member
Post #: 76


Valerio, le due cose, provvedimenti economici e sociali e "riforme anticasta", debbono e possono essere portate avanti di pari passo, perchè hanno entrambe il carattere della assoluta urgenza. Ma non dobbiamo poi mettere troppa carne al fuoco e restare concentrati invece sul nostro pacchetto di riforme per la legalità e l'eticità nella Politica, che sono le priorità che ci qualificano di fronte agli italiani e ci distinguono dai partiti e che sono anch'esse una vera e propria "emergenza" !!
















D’accordo Vittorio.
Azioni anticasta e provvedimenti urgenti per evitare ulteriore disastro economico e sociale dovrebbero andare di pari passo nella nostra prossima azione parlamentare per coniugare il ruolo moralizzatore del M5S con la risposta alle richieste di tanti elettori vittime del dissesto economico del paese e che proprio nel M5S hanno riposto speranze.
Ritengo che un’azione contemporanea e combinata sui due fronti che sono lo specchio del fallimento dei vecchi politicanti, potrebbe dare ancora maggiore forza e credibilità riformatrice al movimento.


Ciao Valerio,
Bersani parla della assoluta necessità di un Governo per il "CAMBIAMENTO", sui due fronti dell'Economia e del Lavoro, da un lato, e delle riforme istituzionali dall'altro. Su quest'ultimo fronte il vero "cambiamento", tradotto dal "politichese", deve consistere fondamentalmente in una legge seria sulla:1) INCANDIDABILITA' (estesa anche a chi è imputato in un processo ancora in corso in primo grado e a chi è stato assolto per prescizione del reato); 2) INELEGGIBILITA' ( estesa anche ai detentori di quote societarie e azionarie in società concessionarie dallo Stato, nel quadro più ampio di una seria legge sul: 3) CONFLITTO DI INTERESSI). Sono questi i "nodi gordiani" da sciogliere se si vuole un vero cambiamento e qui si vedrà chi lo vuole veramente ! Il PD sino ad oggi non li ha mai voluti sciogliere veramente ! Ammesso (e non concesso) che adesso lo voglia fare, su questi nodi Bersani non avrà mai la fiducia del PDL di Berlusconi, per ovvie ragioni, nè la fiducia della Lega, quindi il suo incarico è destinato a fallire. A quel punto dobbiamo proporre noi il "Governo del Cambiamento Vero" e metterci sopra il nostro cappello, perchè solo noi possiamo rivendicare la paternità e il merito di questo cambiamento vero della politica italiana!!!!!!!!!!!
A former member
Post #: 77
certo che il livello di inciviltà raggiunto dai nostri governanti è incredibile !

si deve per decreto dire che chi ha lavorato deve avere i suoi soldi .

governo banche e consip bloccano tutto da sempre, perché dovendo scegliere fra pagare gli stipendi statali (anche dei parlamentari) e le pensioni (anche quelle d’oro) oppure pagare i fornitori, hanno scelto ciò che a loro fa più comodo ..
.. ricordiamoci che ci sono 70miliardi di crediti vantati dalle imprese fornitrici della pubblica amministrazione e almeno 140miliardi di debiti nelle amministrazioni locali !

ora si sbloccano questi 40 miliardi , perché la UE ha detto a monti che possiamo fare un ulteriore deficit di 40 miliardi ?!?!?

ma stiamo scherzando , ma come si fa a non capire ancora che non è questo il modo di agire, si deve tagliare dove ci sono i più grossi privilegi al mondo, si deve tagliare nella casta, resettare tutta la politica, gli stipendi e le pensioni d'oro, gli stipendi di dipendenti pubblici che prendono centinaia di milioni all'anno !

Ciao Roberto, sul fronte dell'Economia e del Lavoro quella dello sblocco dei crediti delle imprese è senza dubbio una delle prime mosse da fare, insieme alla rinegoziazione dei vincoli dell'austerità imposti dalla C.E. e altro. Ma al di là di questi provvedimenti urgenti per affrontare le emergenze economiche e sociali, il nostro sforzo deve essere concentrato sul fronte della legalità e della eticità nella politica, che è anch'essa una emergenza ed è il nostro vero cavallo di battaglia. Non mettiamo quindi troppa carne al fuoco, col rischio di perdere di vista il nostro principale obiettivo, e cioè il pacchetto delle riforme istituzionali anti casta, anti delinquenza, anti Berlusconi e antiberlusconismo! Noi soli possiamo rivendicare la paternità di questa rivoluzione etica nella politica e a noi soli deve esserne riconosciuto il merito se e quando essa avverrà. Dopo le nostre riforme anticasta, "attaccheremo" con tutto il resto: Reddito di caittadinanza, No TAV, No Inceneritori ect ect.,
Powered by mvnForum

Sign up

Meetup members, Log in

By clicking "Sign up" or "Sign up using Facebook", you confirm that you accept our Terms of Service & Privacy Policy