align-toparrow-leftarrow-rightbackbellblockcalendarcamerachatcheckchevron-downchevron-leftchevron-rightchevron-small-downchevron-small-leftchevron-small-rightchevron-small-upchevron-upcircle-with-crosscrosseditfacebookglobegoogleimagesinstagramlocation-pinmagnifying-glassmailmoremuplabelShape 3 + Rectangle 1outlookpersonplusImported LayersImported LayersImported Layersshieldstartwitteryahoo

Gli Amici di Beppe Grillo di Bologna Message Board Forum di discussioni varie › QUALI I PRIMI PASSI DEL PROSSIMO PARLAMENTO / GOVERNO

QUALI I PRIMI PASSI DEL PROSSIMO PARLAMENTO / GOVERNO

Danyda
danyda
Bologna, BO
Post #: 286
Dando per scontato che un governo ci deve essere e ci sarà

Per me molto urgenti, e forse più condivisibili
Saldare i crediti che le imprese hanno con lo stato (per ossigenare le imprese)
Reddito di cittadinanza (per ossigenare le famiglie)
Riequilibrare l’imu (contribuzione in base al proprio reddito)
Legge sulla corruzione (per favorire gli investimenti esteri)
Legge elettorale (per tornare a essere un paese depocellumizzato)

Sicuramente meno condivise
Abolizione del finanziamento pubblico dei partiti e dell'editoria
Legge sul conflitto di interessi


Per voi ?

-----------<<<<<<<<­<<<>>>>>>>­>>>-----------

CONDIVIDIAMO E FACCIAMO GIRARE
QUI IL LINK

PUNTI DI PROGRAMMA M5S (versione originale post consultazioni)

20 punti per uscire dal buio:

- Reddito di cittadinanza
- Misure immediate per il rilancio della piccola e media impresa
- Legge anticorruzione
- Informatizzazione e semplificazione dello Stato
- Abolizione dei contributi pubblici ai partiti
- Istituzione di un “politometro” per verificare arricchimenti illeciti dei politici negli ultimi 20 anni
- Referendum propositivo e senza quorum
- Referendum sulla permanenza nell’euro
- Obbligo di discussione di ogni legge di iniziativa popolare in Parlamento con voto palese
- Una sola rete televisiva pubblica, senza pubblicità, indipendente dai partiti
- Elezione diretta dei parlamentari alla Camera e al Senato
- Massimo di due mandati elettivi
- Legge sul conflitto di interessi
- Ripristino dei fondi tagliati alla Sanità e alla Scuola pubblica
- Abolizione dei finanziamenti diretti e indiretti ai giornali
- Accesso gratuito alla Rete per cittadinanza
- Abolizione dell’IMU sulla prima casa
- Non pignorabilità della prima casa
- Eliminazione delle province
- Abolizione di Equitalia
giorgio f.
user 5272613
Bologna, BO
Post #: 958
Tetto alle pensioni e stipendi dei dipendenti pubblici, mi dispiace che sia morto "Manganello" ma spero che al suo successore non diano 540.000 all'anno, non possiamo permettercelo, inoltre non tutti possono fregiarsi di aver così ben saputo utilizzare il manganello appunto come lui in quel del G8 di Genova.

In Italia abbiamo la pessima abitudine di premiare con stipendi faraonici coloro che si sono distinti in azioni quantomeno discutibili, per non dire criminose (a capo del servizio d'ordine durante i fatti del G8 c'era Manganelli, che in seguito a tali fatti fu investito della carica di capo della polizia ) e coloro che con la loro pessima amministrazione, hanno contribuito ad affossare le più prestigiose aziende di stato ed hanno generato un debito di tale dimensione ove anche la manovra più fiscale onerosa, anche i tagli al sociale più incisivi, non sono nemmeno sufficienti a pagarne gli interessi.

Nei paesi ove la parola democrazia ha un senso acquisito, queste persone non solo non verrebbero premiate, ma verrebbero presto allontanate dagli incarichi ricoperti con ignominia......qui da noi invece riserviamo loro stipendi faraonici, buonuscite milionarie ed una vecchiaia "dorata" ........alla faccia di chi con la minima deve cercare di sopravvivere. crying........in Italia oramai solo il comportamento fraudolento paga.

Sveglia italiani così non va!
Roberto B.
user 72648652
Bologna, BO
Post #: 207
Per ora io vedo buio, sui fumosi e poco utili punti del pd che dice di voler fare con chi ci sta :

1.Un po' più di lavoro
2. Un po' di elemosine agli sportelli dei Comuni (Reddito di cittadinanza stuprato)
3. Un po' di pagamenti della Pubblica Amministrazione (che si debba mettere nei punti :” il lavoro va pagato” dimostra il livello di inciviltà al quale siamo giunti !)
4. Parlamentari un po' meno retribuiti e un po' dimezzati ( se funziona come grasso non mi sembra un gran sacrificio : facciamo due conti: 11.200 -30% = 7840 .. calcolando un 45% di fiscalità: 4312€ +pensione da PROCURATORE = 22.000 netti mensili + indennità di carica = 5000 euro netti mensili quindi 4312 + 22.000 + 5000 = 31.300€ netti mensili. )
5. Norme un po'..chino più severe anticorruzione.
6. Un po' di regole su partiti e finanziamenti ( Non la legge di attuazione costituzionale sul "metodo democratico" in tutti i partiti? )
7. Un po' di conflitto in più contro il conflitto di interessi !
8. E un po' di green economy, tie'!

..
La legge elettorale deve passare ! .. quella che anche il pd vorrebbe a doppio turno la vedo bene.

Poi credo che sia improrogabile l’esigenza di pagare chi ha lavorato, quindi il saldare i crediti va di sicuro fatto, anche se ci si pone di fronte ad un problema di disponibilità, dove governo banche e consip bloccano tutto da sempre, perché dovendo scegliere fra pagare gli stipendi statali (anche dei parlamentari) e le pensioni (anche quelle d’oro) oppure pagare i fornitori, hanno scelto ciò che a loro fa più comodo ..
.. ricordiamoci che ci sono 70miliardi di crediti vantati dalle imprese fornitrici della pubblica amministrazione e almeno 140miliardi di debiti nelle amministrazioni locali !
A mio avviso se paghi i fornitori devi incidere in maniera pesante su stipendi statali e su pensioni !
Come giustamente ricorda Giorgio , ma io credo che gargamella non lo potrà fare !
..
giorgio f.
user 5272613
Bologna, BO
Post #: 959

Poi credo che sia improrogabile l’esigenza di pagare chi ha lavorato, quindi il saldare i crediti va di sicuro fatto, anche se ci si pone di fronte ad un problema di disponibilità, dove governo banche e consip bloccano tutto da sempre, perché dovendo scegliere fra pagare gli stipendi statali (anche dei parlamentari) e le pensioni (anche quelle d’oro) oppure pagare i fornitori, hanno scelto ciò che a loro fa più comodo ..
.. ricordiamoci che ci sono 70miliardi di crediti vantati dalle imprese fornitrici della pubblica amministrazione e almeno 140miliardi di debiti nelle amministrazioni locali !
A mio avviso se paghi i fornitori devi incidere in maniera pesante su stipendi statali e su pensioni !
Come giustamente ricorda Giorgio , ma io credo che gargamella non lo potrà fare !
..

E' così Roberto hai centrato perfettamente la questione.

Tra far fallire le aziende poichè insolventi nei loro confronti e limitarsi pensioni e stipendi, hanno ancora una volta deciso per il bene di loro stessi....però ci raccontano che la prima cosa da fare è "rimettere in moto l'economia" . Ormai sono veramente pochi quelli che si bevono questa balla.....ma a loro non importa, continueranno imperterriti fino alla fine, forse credono che il Paese non meriti di essere salvato.

Io sono convinto che sappiano perfettamente che il Paese dovrà presto affrontare un default e di conseguenza sanno che prima o poi anche le loro pensioni, i loro stipendi, i loro contributi ai partiti, verranno ridimensionati, quindi cercano di fare incetta di tutto ciò che è possibile, depredando lo stato finchè possono e ritardando ad oltranza interventi in questo senso......a loro i soldi serviranno quando lo stato sociale verrà definitivamente smantellato.

Il buon Bruno mi taccia di catastrofismo, io taccio lui di miopia wink.......solo il tempo dirà chi dei due aveva ragione.....il conto alla rovescia corre veloce.......e a nessun dei due gioveranno i prossimi accadimenti.

edit- aggiunta appendice.
Roberto B.
user 72648652
Bologna, BO
Post #: 208


Io sono convinto che sappiano perfettamente che il Paese dovrà presto affrontare un default e di conseguenza sanno che prima o poi anche le loro pensioni, i loro stipendi, i loro contributi ai partiti, verranno ridimensionati, quindi cercano di fare incetta di tutto ciò che è possibile, depredando lo stato finchè possono e ritardando ad oltranza interventi in questo senso......a loro i soldi serviranno quando lo stato sociale verrà definitivamente smantellato.

questo che dici a guardare i fatti sembra realtà, .. e non mi sembra una cosa molto giusta, lungi da me l'essere giustizialista, però i politici non si assumono mai le proprie responsabilità.
In democrazia il governo ha dei vincoli, e il parlamento dovrebbe sorvegliare attentamente il contenuto delle decisioni politiche e avere accesso alle informazioni.
Il problema è che queste informazioni che presuppongono la trasparenza, mancano nei sistemi politici attuali.
Se si riuscisse finalmente a fare chiarezza a rendere vera l'informazione, se esiste una base legale, la condanna dei colpevoli costituirà un importante atto di democrazia.
Le crisi di questa portata stravolgono la vita di milioni di persone, e non è possibile che non ci sia nessun colpevole.
A naso e con i fatti che vedo mi sembra che i leader politici sono i più responsabili, ancor più dei banchieri e degli industriali.
Sono colpevoli di non aver vigilato, e spesso anche di complicità con chi ci ha trascinato nel baratro.

da tempo seguo le vicende dell'Islanda

http://www.beppegrill...­

non so se sia attuabile in Italia, ma in quel paese sono riusciti a processare e condannare i colpevoli delle ruberie e del disastro economico , sequestrando poi dopo la sentenza, anche i beni che illegalmente avevano rubato ..
A former member
Post #: 1,523
mi dispiace che sia morto "Manganello" ma spero che al suo successore non diano 540.000 all'anno, non possiamo permettercelo, inoltre non tutti possono fregiarsi di aver così ben saputo utilizzare il manganello appunto come lui in quel del G8 di Genova.

In Italia abbiamo la pessima abitudine di premiare con stipendi faraonici coloro che si sono distinti in azioni quantomeno discutibili, per non dire criminose (a capo del servizio d'ordine durante i fatti del G8 c'era Manganelli, che in seguito a tali fatti fu investito della carica di capo della polizia ) e coloro che con la loro pessima amministrazione, hanno contribuito ad affossare le più prestigiose aziende di stato ed hanno generato un debito di tale dimensione ove anche la manovra più fiscale onerosa, anche i tagli al sociale più incisivi, non sono nemmeno sufficienti a pagarne gli interessi.

il vantaggio di scrivere è che si può riflettere e avere il tempo di documentarsi prima di dire inesattezze colossali, come confondere pietro grasso con libero grassi e accusare di nefandezze chi invece ha chiesto scusa per ciò che è stato commesso e non per colpa sua. abbiamo perlomeno rispetto dei morti:

Manganelli, un investigatore capace di chiedere scusa
Paladino dell'antimafia. Arrestò i boss Santapaola e Vernengo. Mediò coi pentiti Buscetta e Calderone. E seppe fare ammenda per le violenze alla Diaz


Poliziotto partito da Avellino e capace di arrivare fino alla stanza dei bottoni stanza dei bottoni al primo piano del Viminale. Uomo col dono della mediazione, come racconta la sua nomina alla guida del dipartimento dopo gli oscuri fatti del G8, e della scuola Diaz in particolare, per i quali fu capace di chiedere pubblicamente scusa. Soprattuto Antonio Manganelli è stato un alfiere della lotta alla criminalità organizzata, una missioni condotta per buona fetta dei 62 anni della sua vita. Uno che le indagini le ha condotte in prima persona, non solo apparecchiate. Un investigatore, come definì nel suo discorso di insediamento alla carica di capo della polizia.
......
Solo una volta le strade di Manganelli e De Gennaro si sono separate ed è stato in occasione di quella che per la polizia resta un'onta che neanche le condanne definitive della Cassazione hanno cancellato: il massacro della Diaz. Manganelli era in vacanza. Ma appena divenne numero uno volle la scuola di formazione per l'ordine pubblico, a Nettuno, per evitare un'altra Genova. E quando nel 2012 sono arrivate le condanne definitive per i vertici impegnati in quei giorni, è stato il primo a chiedere scusa. «È chiaramente il momento delle scuse ai cittadini che hanno subito danni ma anche a quelli che, avendo fiducia nell'istituzione Polizia, l'hanno vista in difficoltà per qualche comportamento errato ed esigono sempre maggiore professionalità ed efficienza».
http://www.lettera43....­

fatti della scuola diaz: http://it.wikipedia.o...­
Roberto B.
user 72648652
Bologna, BO
Post #: 209
Non entro nel merito se abbia o meno servito lo stato, quello era il suo lavoro, se lo ha fatto è stato bravo, anche perchè la normalità dovrebbe essere di fare bene il proprio lavoro, soprattutto se questo è strapagato !

Manganelli verrà anche ricordato per il suo scandaloso stipendio: oltre 600 000 euro annui.
La spending review ha imposto un tetto massimo -sempre troppo alto- agli stipendi dei dirigenti pubblici e Manganelli ha presentato ricorso, da vero presuntuoso boiardo di stato.
Certo, la riduzione del suo stipendio non lo avrebbe impoverito; il punto è che quei personaggi non si sentono al servizio dello stato (servizio che deve essere giustamente remunerato) ma si sentono padroni dello stato, e anche mantenuti dello stato.
Questi stipendi spropositati (Obama guadagna molto meno) avranno una razionalità?
Io sospetto di sì, e che la loro ratio stia nel legare quei boiardi alla cricca di potere che li ha posti in quelle posizioni ..

http://www.lettera43....­

senza polemica, solo perchè la discussione verteva sugli stipendi ..

cordialmente
giorgio f.
user 5272613
Bologna, BO
Post #: 960
E ci sarebbe anche mancato che non avesse chiesto scusa....pace all'anima sua.

Processati solo le ultime ruote del carro poiche rei di aver fabbricato false prove a carico dei giornalisti alle scuole Diaz (farina del loro sacco o della dirigenza?) e avanzamenti di carriera e benefit per chi accettato di ordinare ai propri uomini di picchiare senza pietà donne anziani, bambini, gente inerme.....intanto i black block indisturbati mettevano a ferro e fuoco la città di Genova.....glorificalo tu se ne hai così apprezzato le gesta......io grazie, ma anche no.

Se questo tuo apprezzamento per l'opera encomiabile del fu Manganelli, giustifica anche il suo inusitato compenso annuo, (unico ed ineguagliato in tutto il mondo) quando per contrappeso sono riservate al popolo ristrettezze e mortificazioni continue e di ogni genere.....ho già capito come sei messa/o.......MALE.

Scusate l'OT.
Danyda
danyda
Bologna, BO
Post #: 287
CONDIVIDIAMO E FACCIAMO GIRARE, che si conoscano le nostre proposte, quali sono e quali sarebbero state se il presidente avesse affidato a noi il mondato.
QUI IL LINK

PUNTI DI PROGRAMMA M5S (versione originale post consultazioni)

20 punti per uscire dal buio:

- Reddito di cittadinanza
- Misure immediate per il rilancio della piccola e media impresa
- Legge anticorruzione
- Informatizzazione e semplificazione dello Stato
- Abolizione dei contributi pubblici ai partiti
- Istituzione di un “politometro” per verificare arricchimenti illeciti dei politici negli ultimi 20 anni
- Referendum propositivo e senza quorum
- Referendum sulla permanenza nell’euro
- Obbligo di discussione di ogni legge di iniziativa popolare in Parlamento con voto palese
- Una sola rete televisiva pubblica, senza pubblicità, indipendente dai partiti
- Elezione diretta dei parlamentari alla Camera e al Senato
- Massimo di due mandati elettivi
- Legge sul conflitto di interessi
- Ripristino dei fondi tagliati alla Sanità e alla Scuola pubblica
- Abolizione dei finanziamenti diretti e indiretti ai giornali
- Accesso gratuito alla Rete per cittadinanza
- Abolizione dell’IMU sulla prima casa
- Non pignorabilità della prima casa
- Eliminazione delle province
- Abolizione di Equitalia
A former member
Post #: 1,524
E ci sarebbe anche mancato che non avesse chiesto scusa....pace all'anima sua.

Processati solo le ultime ruote del carro poiche rei di aver fabbricato false prove a carico dei giornalisti alle scuole Diaz (farina del loro sacco o della dirigenza?) e avanzamenti di carriera e benefit per chi accettato di ordinare ai propri uomini di picchiare senza pietà donne anziani, bambini, gente inerme.....intanto i black block indisturbati mettevano a ferro e fuoco la città di Genova.....glorificalo tu se ne hai così apprezzato le gesta......io grazie, ma anche no..
Se questo tuo apprezzamento.....

forse non hai letto bene, ma manganelli non ha avuto responsabilità diretta nel massacro alla diaz: non era alla diaz e non era nemmeno a capo della Polizia nel luglio 2001.
non si tratta di glorificare o apprezzare, ma di riportare i fatti come sono accaduti e non secondo libero arbitrio.


ho già capito come sei messa/o.......MALE.

il fatto che non ci conosciamo non ti dà il diritto di non portarmi rispetto, a meno che tu non sappia realmente identificare un nome proprio femminile.
Powered by mvnForum

Sign up

Meetup members, Log in

By clicking "Sign up" or "Sign up using Facebook", you confirm that you accept our Terms of Service & Privacy Policy