addressalign-toparrow-leftarrow-rightbackbellblockcalendarcameraccwcheckchevron-downchevron-leftchevron-rightchevron-small-downchevron-small-leftchevron-small-rightchevron-small-upchevron-upcircle-with-checkcircle-with-crosscircle-with-pluscrossdots-three-verticaleditemptyheartexporteye-with-lineeyefacebookfolderfullheartglobegmailgooglegroupshelp-with-circleimageimagesinstagramFill 1linklocation-pinm-swarmSearchmailmessagesminusmoremuplabelShape 3 + Rectangle 1ShapeoutlookpersonJoin Group on CardStartprice-ribbonprintShapeShapeShapeShapeImported LayersImported LayersImported Layersshieldstartickettrashtriangle-downtriangle-uptwitteruserwarningyahoo
A former member
Post #: 698




Forse c'è ancora qualche speranza......per favore spammate questo video molto commovente e intenso.

Salvatore legge la lettera della diciottenne Martina ad uno dei tanti incontri con le scuole di tutta Italia.
Quetzalcoatl
user 2366632
Bologna, BO
Post #: 270
Giornalista anti-mafia a processo (Direttore di Telejato): "E'abusivo"
Qui
A former member
Post #: 7,171
Piccole resistenze crescono

Ho deciso di fermarmi un giorno a riflettere prima di scrivere su quello che abbiamo fatto sabato. Di ponderare, di chiarire. Ma l'entusiasmo e la grandissima soddisfazione non si placano, anzi. Ora dopo ora mi rendo conto che quello che abbiamo fatto in difesa di Gioacchino Genchi è stato qualcosa di grande, enorme, bellissimo. Sabato 28 marzo siamo riusciti a "presidiare" l'Italia. Siamo riusciti ad essere presenti in 25 grandi e piccole città italiane e a far risuonare il nome di Gioacchino Genchi di fronte a quel luogo, la questura, che fino a poco tempo fa era anche la sua "casa". Ora non più, perchè con un decreto di Antonio Manganelli è stato sospeso. Ma noi non abbiamo attaccato il capo della polizia, anzi. Abbiamo manifestato solidarietà anche a lui, alla polizia, coscienti che se non avesse firmato sarebbe stato lui a saltare, e forse lo farà, statene certi. "Noi rispettiamo A. Manganelli ma stiamo con Gioacchino Genchi" faceva un cartello. Abbiamo manifestato con una media di 15 persone per ogni gruppo, con i nostri striscioni, con i nostri tricolore. In alcune città erano una cinquantina. Abbiamo fatto tutto questo con soli tre giorni di preavviso, e solo usando Facebook, senza alcun appoggio o ripresa da parte dei media. Abbiamo fatto tutto questo puntando solo ed esclusivamente sulla nostra forza. Ora provate a pensare cosa avremmo potuto fare con un mese di tempo; e ora provate a pensare a quello che faremo. E' stato un test, superato a pieni voti. E "loro" sono avvertiti. "Loro" non troveranno più gente anestetizzata e incapace di reagire. Ogni qualvolta ce ne sarà bisogno noi ci riorganizzeremo, e torneremo a prenderci i nostri spazi, con i nostri corpi. Abbiamo armi scadenti, non abbiamo uniformi, abbiamo, appunto, solo i nostri corpi. Siamo i nuovi partigiani, e la nostra lotta è una nuova resistenza. Loro, che presto spariranno dai libri di storia, hanno ripulito l'Italia dai nazifascisti. Noi abbiamo un compito ancora più difficile, perchè il nostro nemico non ha insegne, non ha colori. E' subdolo e indegno, e soprattutto impunito. Facebook, la rete sono le nostre montagne, dove ci rifugiamo, dove pianifichiamo per poi tornare a valle e reagire da uomini e donne libere. Io non voglio ringraziarvi. Siamo una squadra, siamo un gruppo, e tra amici i grazie non servono. Dobbiamo tenerci pronti. Sabato ho avuto davvero la percezione che qualcosa stava cambiando. Ho visto mamme, nonne, indignate e stanche. Ho visto gente che si è presa mezza giornata di permesso dal lavoro per esserci. Il simbolo di sabato rimane però Luciana, una nostra amica lucana che ha manifestato da sola, avvolta nella sua bandiera, di fronte alla questura di Matera. Era sola, con i suoi cartelli, ed è rimasta lì fino alle 15. Ecco, il nostro spirito è quello di Luciana, e un giorno, ne sono certo, avremo un nostro 25 aprile.

DAL BLOG DI BENNY CALASANZIO

Ragazzi mancano circa 4 mesi al 19 luglio. Se saremo capaci di organizzarci al meglio potremmo cambiare le sorte della Sicilia e dell' Italia tutta.
Tutti insieme!
In via D'Amelio a Palermo possiamo far capire a chi di dovere che il popolo italiano non abbasserà più la testa. Lo dobbiamo a Paolo Borsellino e a tutte le persone che hanno sacrificato la loro vita per la giustizia.

A former member
Post #: 149
grazie aurelia per il tuo prezioso contributo.
potremmo scrivere una lettera aperta da inviare a Errani sottoponendogli i tuoi quesiti e ampliandoli con altre osservazioni.
sei disponibile a vederci una sera o un pomeriggio in riunione per comporre il testo insieme a me ed a tutti quelli che vorranno apportare un contributo?

faccio un'altra richiesta.
tra poco verrà nominato il nuovo procuratore capo qui a bologna.
chiedo a chiunque abbia informazioni in merito alla data in cui avverrà la nomina di scriverlo qui.
è importante in quanto uno fra i possibili candidati che prenderà il posto di De Nicola (già in pensione dal luglio 2008), è ITALO MATERIAangry.
gli altri sono Tarquini e Ilda Bocassini(magari!)
A former member
Post #: 91
sei disponibile a vederci una sera o un pomeriggio in riunione per comporre il testo insieme a me ed a tutti quelli che vorranno apportare un contributo?

Ciao Giulia, sono disponibile molto volentieri.
A former member
Post #: 7,287
A tutti gli amici di Pino Masciari.

Lo vedete ben evidente sul blog di Pino Masciari http://www.pinomascia...­: il conto alla rovescia non si può fermare e ci ricorda quanto tempo abbiamo per attivarci e fare la nostra parte e ribaltare un pezzo importante di Storia.
Noi direttamente non possiamo ottemperare la sentenza emessa dal TAR (“ottemperare” è diventata la parola di moda in questi giorni): questo è compito del Ministero degli Interni.
Ma se ognuno di noi fa la sua parte, così come abbiamo fatto in questi anni stando accanto alla famiglia Masciari, la somma di ogni nostra singola parte farà la differenza.



C'è una sezione apposita sul blog, di azioni DA FARE (http://difesapopolare...­) per far capire alle Istituzioni che non possiamo accettare una tale storia di violazione dei diritti umani nel nostro Paese e il suo prosieguo: alcune azioni si possono fare con un semplice click, altre in piazza, altre con la fantasia, altre con l'impegno.
E accettiamo qualsiasi altra idea per sbilanciare la Storia verso il Diritto e la Giustizia.


Perchè crediamo che questa rivoluzione si possa fare, perchè é limpida, pulita, non violenta, determinata e giusta! come non mai, figlia dell'insegnamento che alle persone come i Masciari si sta al fianco soprattutto ora che sono vivi e non si lasciano mai sole, dimenticate, a diventare bersagli degli attacchi più vili. Sappiamo tutti che fu così in passato in Italia e non possiamo più permetterlo e permettercelo.
Ci indigniamo, ci appassioniamo, ci incazziamo pure, sempre nel rispetto delle Istituzioni, ma noi sappiamo e abbiamo le prove che le ragioni di Pino, Mari, Fra e Otta sono tante e tali che devono essere riconosciute: perchè é inaccettabile che siano le nostre Istituzioni a non rispettare loro stesse.


Fino all'ultimo secondo del countdown noi ci impegneremo, ci muoveremo, ci inventeremo di tutto e di più perchè si ottempri la sentenza e Pino non proceda con lo sciopero della fame e della sete, perchè sappiamo come sa lui stesso, così come Mari, che la sua salute non sosterrà a lungo le privazioni.
Ma come in questi ultimi dodici anni, Pino agirebbe di nuovo secondo il criterio di fare quello che é giusto, e non ciò che é più conveniente. Perchè la battaglia per riaffermare i diritti funziona solo in questo modo. Non c'é altra via.


Rete splendida delle amiche e degli amici di Pino Masciari, tu che lo conosci da anni, tu che lo hai ascoltato in una conferenza della tua città, tu che segui il blog da più o meno tempo, è ORA di vivere la Storia e non esserne spettatore.
Perchè chi fa le rivoluzioni non sta dietro alla macchina fotografica che le documenta, ma davanti, e non si ferma in posa per sorridere. Non c'è il tempo di fermarsi, il conto alla rovescia non si può fermare.


Questa volta in Italia chi è stato vittima del malaffare non sarà solo, sarà immerso tra le persone per bene e la rivoluzione è tutta qua: questa volta non saremo complici dell'ingiustizia della quale siamo a conoscenza e finalmente eviteremo di diventare tutti complici del misfatto e pentiti di non aver fatto quanto era in nostro potere per ristabilire il Diritto e il Giusto.



Avanti così, tutti al fianco di Pino, Marisa, Ottavia, Francesco!

Tutti attivi perchè arrivi l'ottemperanza della sentenza del TAR! Per la loro vita, la loro sicurezza e il loro re-inserimento nella società! Per i Diritti di tutti i cittadini!

A former member
Post #: 151
@Omar
sai qualcosa rispetto al presidio che intendono fare i ragazzi di Torino questo sabato?
noi purtroppo il 7 non riusciremo ad essere a Roma ma in qualche modo ci organizzeremo per far sentire la nostra vicinanza a Pino ed alla sua famiglia!
A former member
Post #: 7,398
Ci saranno presidi in molte città d'Italia. Ho visto comunque che vi siete già informati e state organizzando l'iniziativa anche a Bologna.

Lo so che il 7 aprile non tutti riusciranno ad andare a Roma ma è molto importante scendere in piazza questo sabato.

Ciao a tutti!smilewink
Francesco T
user 8454266
Cotignola, RA
Post #: 92
MAFIA IN EMILIA ROMAGNA

Le mani di mafie e Casalesi su Parma ma non dite al prefetto Scarpis che Saviano ha ragione…


ARTICOLO QUA

un altro interessantissimo articolo:

MAFIA & STATO - Don Carlo Vizzini - Votate PDL all'Europee
A former member
Post #: 7,629
I motivi della manifestazione, i valori di uomini che ci hanno tramandato il vero senso di giustizia.
In questo filmato con immagini e breve appello di Salvatore Borsellino

Parole non solo da ascoltare ma da mettere in atto! angry
Powered by mvnForum

People in this
Meetup are also in:

Sign up

Meetup members, Log in

By clicking "Sign up" or "Sign up using Facebook", you confirm that you accept our Terms of Service & Privacy Policy