A former member
Post #: 1,789
Oggi non parlerò di mafia ma di Mafiosità, il comportamento mafioso fatto di scambio di favori, ricatti e diffamazione: la lotta alla Mafia continua ma la Mafiosità purtroppo al momento STA VINCENDO ALLA GRANDE.
Si impone nell’agire quotidiano di persone e istituzioni, può fare della mafia ciò che vuole: ingoiandola e metabolizzandola può dichiararne l’inesistenza, tenerla sotto controllo, oppure riesumarla come pericolo pubblico numero uno.
La Mafiosità ha vinto perché è il nuovo tratto distintivo del carattere nazionale, non più solo siciliano o meridionale, ma dell’Italia intera. Cambiano le forme e le modalità.
La Mafiosità però è devastante, non solo perché non può fare a meno di commettere o far commettere reati, ma anche perché per affermarsi e vincere, e diventare mentalità comune e condivisa, deve distruggere qualunque cosa assomigli all’etica pubblica ( dall'introduzione di Disonorevoli Nostrani di Benny Calasanzio).

MAFIOSITA' POLITICA
La cronaca di questi giorni ha fatto nuovamente emergere come nel nostro Paese quando un uomo politico è indagato, ormai la regola è accusare il magistrato che indaga di essere lui a fare politica. Attacchi e contrasti si ripetono a raffica, diffusi attraverso i più incisivi mezzi di informazione. Finché non incidono negativamente sull'immagine, sulla credibilità, sull'efficienza di chi compie semplicemente un pubblico servizio. Con lo scopo di frenarlo, se non bloccarlo, o quantomeno di svalutare i risultati del proprio lavoro.

Così, anche da parte di chi, citando Berlinguer, continua a prendere in giro le platee delle feste dell'Unità, invece di un recupero della questione morale, frequente è l'invito rivolto alla magistratura a fare un passo indietro.

Questo è solo un esempio di una lunga serie, da cui si può evincere come in gran parte della classe politica, come del resto in gran parte della nostra società, si rafforza la tendenza ad essere severi, spietati con gli altri, per invocare sempre più clemenza per noi. Trionfano l'egoismo, l'individualismo esasperato, l'interesse particolare e privato che prevale su quello generale e pubblico: ecco l'Italia delle illegalità e delle mafie.
leggi il resto

Altri articoli interessanti.
Etica, evitiamo una Caporetto : QUI i fatti di Napoli, la corruzione, e l'indebolimento degli argini di controllo....
Ricatti privati e Dossier pubblici : L'Italia è una repubblica fondata sul ricatto?Negli anni bui della Prima repubblica si riteneva che il potere nascesse dai dossier, una convinzione data dagli scandali che si ripetevano con cadenza decennale, dai fascicoli degli spioni della Sifar agli elenchi di Gelli. ma i collezionisti di informazioni private, con cui condizionare carriere ed affari, non hanno perso il vizio della schedatura..... continua

Altro libro on line...ecco il link­:

STATO A ROVESCIO di Nicola Andrucci.

Il Processo a Marcello Dell’Utri, Senatore di Forza Italia, per
“Concorso esterno in associazione mafiosa”.
La sua amicizia e gli affari con Silvio Berlusconi.
Una storia iniziata negli anni Settanta e giunta fino ai giorni nostri.
A former member
Post #: 1,803
Lasciamo la parola a Roberto Scarpinato



In questo video Roberto Scarpinato conferma quanto detto ieri....ma ormai questa tendenza è talmente chiara che si nota anche nella vita di tutti i giorni.
A questo Link trovate l'intera conferenza, divisa in più parti, di presentazione del libro "Il ritorno del Principe"( c'è anche Marco Travaglio!) dove l'autore studia la criminalità mafiosa e la logica del potere in Italia.
Luigi I.
Gino
Napoli, NA
Post #: 2,133
Una vittoria x TUTTI da Napoli con AMORE...

Grazie a TUTTI per la vicinanza e l'affetto... Babbo Natale esiste... (Bisogna solo scuoterlo dal torpore invernale...)

Questo progresso della mia vicenda, come la grande vittoria de "La Terra dei Fuochi" è un fatto che poteva conseguirsi solo grazie all'aiuto delle nuove tecnologie... il futuro è nelle nostre mani... ricordiamolo e facciamo in modo che le nostre piccole azioni cambino il domani... se un Luigi Iovino qualsiasi riesce a sostenere una lotta contro questi POTERI OCCULTI DEL CA...RSO... (E' Natale e faccio il buono...) forse domani ci saranno meno approfittatori a pensare di farla franca...

In questi giorni la convergenza di alcuni fattori ha convinto i responsabili dell'ESPRESSO a far uscire un pezzo dedicato agli Abusi edilizi dei VIP nel quale il giornalista Ferruccio Fabrizio che mi aveva avvicinato per conoscere meglio la mia storia, restandone colpito, ha inserito anche un breve riassunto della mia via-crucis... Ecco le immagini dell'articolo pubblicato... (1)­ - (2)­

Lo stesso giornalista ha anche fatto in modo che uscisse un articolo su "La Repubblica" che ha occupato una intera pagina...

Ecco il collage dell'articolo su Repubblica di Napoli versione cartacea...

Non posso crederci ancora..., Più di una INTERA PAGINA..., sulla quale, scusatemi..., ho versato un pianto liberatorio... che ancora adesso mi assale..., una rabbia che mi esonda e mi travolge..., ma finalmente in senso positivo..., liberando anche il mio animo...

A breve pubblicherò tutto sul mio blog (presto farò un nuovo video...)

Intanto vi ripropongo questi 3 video che spero possano donarVi qualche sorriso e qualche motivo di riflessione...

Il Papa I Cospiratori Lo Stato


Luigi Iovino, VIVA LA LIBERTA', SEMPRE!!! - AUGURI A TUTTI!
A former member
Post #: 1,818
Vento forte tra Salerno e Catanzaro (parte 1)
Ecco il primo di una serie di articoli in cui Carlo Vulpio ricostruirà alcuni aspetti sconosciuti della vicenda Catanzaro Salerno e in cui, sopratutto, pone alcuni seri interrogativi sulla imparzialità di Giuseppe Cascini, segretario generale dell'Anm.

di Carlo Vulpio

C’è una casa di cura in Calabria. E ci sono tre banche: una in Basilicata, una in Campania ed un’altra in Emilia Romagna. Poi c’è una casa editrice, di proprietà di altre case di cura, questa volta in Campania. E poi ci sono due magistrati, GABRIELLA NUZZI e DIONIGIO VERASANI, pm di Salerno, che si vorrebbe trasferire a tutti i costi. Dopo Forleo e de Magistris - una donna e un uomo -, ecco Nuzzi e Verasani, una donna e un uomo. Dev’essere la par condicio che vogliono Csm, Anm, (quasi) tutto il Parlamento. Come mai? Megalomani, visionari, protagonisti, emotivi, pasticcioni, incompetenti anche i pm Nuzzi e Verasani (e gli altri cinque pm salernitani che indagano sulle toghe calabro-lucane)? O forse pericolosi, visto che hanno in mano quella “bomba atomica” di inchieste che stanno facendo tremare molti intoccabili di questo Paese e che sono state la ragione della illegittima aggressione a colpi di contro-indagini e contro-sequestri che i magistrati di Salerno hanno subìto da parte dei magistrati di Catanzaro? Cerchiamo di capire un po’ meglio.
continua
Luigi I.
Gino
Napoli, NA
Post #: 2,160
signori in carrozza.. si parteeeeeeEEEE.....
Venghino signori venghino...

(Per carità, nulla contro il nuovo Procuratore della Repubblica di Nola dott. Paolo Mancuso, al quale auguro Buono lavoro e mi scuso per avergli procurato questa urgenza a cavallo delle festività...)


dopo la publicazione della denuncia su La Repubblica la Procura di Nola, con un balzo felino, si muove

Voi non vi muovete da qui..., servirà sostegno per UNA LOTTA SERIA DA FARE...

Volete lasciare lo Stato debole con i potenti fare il FORTE contro le famiglie indotte all'incauto acquisto..., basterà aspettare un po..., ma spero che questa volta le cose potranno andare diversamente..., avete capito bene..., ora comincia la battaglia vera..., fare attenzione che le colpe dei FURBETTI NON SIANO PAGATE DALLA COLLETTIVITA' e che le famiglie di Via Strettola, tranne chi avrà speculato (questo e compito della magistratura accertarlo) non siano sfrattate né perdano i frutti del loro sudore..., Vi prego di aiutarmi in questo, grazie... AUGURONI A TUTTI!!!

Luigi Iovino, VIVA LA LIBERTA', SEMPRE!!!

PS - Altra notizia BUONISSIMA - IL 5 Febbraio Sarò davanti al GIP di ROMA che dovrà ascoltare le mie ragioni, per essermi opposto all'archiviazione della denuncia contro alcuni magistrati e personale dell'amministrazione della giustizia..., non è che sono scassac..zo..., solo che non mi è piaciuto che volevano farla archiviare facendola risultare CONTRO IGNOTI angrydevilishdevilish - Ma come... ci sono NOMI COGNOMI E DATE, FATTI LUOGHI E CIRCOSTANZE..., ho fatto bene o ho fatto sciocco ad oppormi alla archiviazione?
A former member
Post #: 1,825
Al di là della "trattativa"

Visti dall'estero: Un patto tra Berlusconi e la mafia?
Pubblicato il 4 Dicembre 2002 da radiofranceinternazionale
Il “numero due” della mafia siciliana, Antonino Giuffré, oggi pentito, ha rivelato che un patto è stato siglato tra Cosa Nostra e Forza Italia, nel 1993, quando Berlusconi ha deciso di creare tale partito sulle ceneri della Democrazia Cristiana e del Partito Socialista, che fino ad allora erano stati i “referenti politici” dell’organizzazione mafiosa.

Gennaio 1993. Neanche qualche mese dopo gli eclatanti omicidi dei giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, “colpevoli” agli occhi di Cosa Nostra d’aver fatto condannare all’ergastolo quasi tutti i boss della mafia siciliana, il “numero uno” di Cosa Nostra viene a sua volta arrestato. Totò Riina ed il suo sostituto Bernardo Provenzano (latitante da quasi trent’anni) si rendono conto che la loro organizzazione è più che mai in pericolo di estinzione. Dal momento che i loro due “referenti politici” - la Democrazia Cristiana di Andreotti ed il Partito Socialista di Craxi - sono molto indeboliti dall’operazione “mani pulite” dei giudici milanesi e, più grave, sono incapaci di “rispettare i patti” siglati con Cosa Nostra.
A causa di ciò, due capi democristiani vicini ad Andreotti ed alla mafia, vengno assassinati.

Ma non basta: sono necessari altri “referenti” ed altri “garanti”, a Roma come a Milano o Torino; ma è anche necessario aprire un’altra “stagione”, cambiando metodo: abbandonare la “strategia degli attentati” a 360 gradi contro lo Stato ed i suoi rappresentanti a vantaggio di un ritorno alla “strategia del silenzio” e dell’omertà. Per continuare a controllare i traffici ed i mercati più redditizi dell’isola del mediterraneo.


Nel frattempo, alcuni democristiani e socialisti, letteralmente decimati dai giudici milanesi che indagano sui casi di corruzione, pensano dal canto loro di creare un nuovo partito centrista, incentrato sul ricchissimo imprenditore Silvio Berlusconi, che non può ormai più contare né su Bettino Craxi (in esilio ad Hammamet) né su Giulio Andreotti (inquisito a Palermo dai magistrati che indagano su Cosa Nostra).

Una coincidenza molto preoccupante

Tale coincidenza, piuttosto inquietante, non era sfuggita agli specialisti della mafia, ma costoro non disponevano dell’anello mancante. Apparentemente è cosa fatta dall’8 novembre scorso, quando Antonino Giuffré, il “numero due” di Cosa Nostra arrestato lo scorso aprile grazie ad una denuncia anonima, vuota il sacco e racconta, con dovizia di dettagli, come Bernardo Provenzano abbia stabilito un nuovo “patto”, questa volta con Forza Italia.
continua


Luigi I.
Gino
Napoli, NA
Post #: 2,179
Visto che il "nostro" ha dichiarato che se si rendono pubbliche le Sue telefonate se ne andrà all'estero..., non è che qualcuno..., per caso...
A former member
Post #: 5,414
Ragazzi solitamente in questo periodo dell'anno si tende a scrivere ad amici e parenti "buon anno". Io mi sento di scrivere qualcosa di diverso che forse non andrebbe scritto in questi giorni ma ogni giorno dell'anno.
I link che vi ho messo qui sotto sono per me un colpo durissimo all'anima e non lo dico tanto per dire ma perchè io credo profondamente nella giustizia e nel considerare l'uomo ancora un essere umano con una sua dignità e non uno strumento da sfruttare per raggiungere posizioni di "prestigio" che non rendono l'uomo felice.
Queste mie parole possono sembrare banali, si lo sono per chi ogni giorno dell'anno non ha un comportamento coerente con il proprio pensiero. Le nostre azioni ed il nostro comportamento sono in grado di stravolgere l'esistenza di fatti di cose e di vite, nel bene e nel male.
L'augurio che voglio fare a tutti è quello di augurarvi un esistenza coerente con le vostre idee e con ciò in cui credete veramente.


Il primo link rimanda alla canzone di Giorgio Faletti e poi all'intervista che scoprirete cliccando sul link.

Il video di Jovanotti lo inserisco una seconda volta perchè le parole e le immagini non rimangano tali ma si trasformino in realta!


http://it.youtube.com...­

http://it.youtube.com...­
A former member
Post #: 5,539
Buon 2009 alla famiglia Masciari

Vicini a Pino, Marisa, Francesco e Ottavia

Nell’augurare un anno migliore di quello passato ci stringiamo attorno alla famiglia Masciari, tutti:

chi di noi ha ascoltato e conosciuto Pino in una scuola quando ragazze e ragazzi gli ponevano domande - che gli adulti non hanno il coraggio di fare - e, quando gli stessi ragazzi, si fermavano dopo la fine dell’assemblea per chiedere cosa potessero fare per cambiare le cose;

chi di noi ha ascoltato e conosciuto Pino in un’assemblea, tra gli adulti che vivono o hanno vissuto quelle splendide terre infestate dalle mafie, tra amministratori e rappresentanti che consegnavano onoreficienze all’intera famiglia;

chi di noi ha conosciuto Pino leggendo sul giornale, guardando il TG, navigando su internet e scoprendo che un imprenditore che aveva denunciato la ‘ndrangheta stava tornando senza scorta in Calabria, stremato da 11 anni di deportazione ed esilio;

chi di noi ha conosciuto Pino scoprendo con orgoglio che è diventato suo concittadino;

chi di noi semplicemente gli vuole bene..

sia vicino in questi giorni a Pino, Marisa, Francesco e Ottavia.


A volte esprimere il proprio sentimento con un messaggio di auguri, una lettera, una mail sembra poco: non lo è.


Cari ragazzi lasciate un augurio alla famiglia Masciari in questo momento di festa per noi ma non per loro...purtroppo!

Potete anche scrivere una email pinomasciari@gmail.com

A former member
Post #: 128
Ecco un paio di petizioni anti-mafia da firmare assolutamente
http://firmiamo.it/no...­
http://firmiamo.it/no...­
http://www.petitionon...­
Powered by mvnForum

Sign up

Meetup members, Log in

By clicking "Sign up" or "Sign up using Facebook", you confirm that you accept our Terms of Service & Privacy Policy