addressalign-toparrow-leftarrow-rightbackbellblockcalendarcameraccwchatcheckchevron-downchevron-leftchevron-rightchevron-small-downchevron-small-leftchevron-small-rightchevron-small-upchevron-upcircle-with-checkcircle-with-crosscircle-with-pluscrosseditemptyheartexportfacebookfolderfullheartglobegmailgoogleimagesinstagramlinklocation-pinmagnifying-glassmailminusmoremuplabelShape 3 + Rectangle 1outlookpersonplusprice-ribbonImported LayersImported LayersImported Layersshieldstartickettrashtriangle-downtriangle-uptwitteruseryahoo

Gli Amici di Beppe Grillo di Bologna Message Board Rassegna stampa - Parlano di noi › RASSEGNA STAMPA: NOSTRI

RASSEGNA STAMPA: NOSTRI COMUNICATI E ARTICOLI SU DI NOI

Silvia Patini (.
sis74
Bologna, BO
Post #: 2,154
Agenzie DIRE del 22 novembre sulle esternazioni di Giovanni in merito ai soldi "buttati" anche dalla Regione per l'aereoporto di Rimni:

AEROPORTI. DAL 2006 DA REGIONE 6,5 MLN A SEAF E 1,5 A RIMINI

FAVIA: ECCO I SOLDI BUTTATI, OLTRE AI 3 DI ORA A SAR
(DIRE) Bologna, 21 nov. - "Finalmente siamo riusciti ad ottenere una risposta ufficiale da parte dell'assessore Alfredo Peri: ci hanno messo 70 giorni, contro i 30 di legge, per dirci quanto avevano buttato per gli aeroporti di Rimini e Forli'". Parole di Giovanni Favia, consigliere regionale del Movimento 5 Stelle, che in vista della presentazione del piano industriale della 'holding dei cieli' romagnoli, Sar, ha ottenuto qualche cifra sui fondi erogati in questi anni dalla Regione a favore degli scali di Forli' (Ridolfi) e di Rimini (Fellini). Dopo l'accesso agli atti ad hoc formulato nei primi giorni di settembre, scrive oggi Favia in una nota: "Dal 2006 ad oggi la Regione Emilia-Romagna ha buttato 1,5 milioni di euro per il Fellini e 6,5 milioni di euro per il Ridolfi. Non contenta- prosegue ironico il consigliere regionale- ne ha gia' programmati altri tre per la nuova societa' Sar Spa". Nella lettera, precisa il gruppo assembleare, l'assessore regionale ai trasporti, Alfredo Peri, "specifica che questi tre milioni sono dati senza conoscere il piano industriale. Infatti, si dice 'la societa' ha in corso di completamento la stesura del piano industriale che si articolera' lungo le direttrici previste proprio dalla citata Lr.
4/2011'. Che irresponsabilita'!", tuona Favia. Il quale conclude: "Ricordiamo, en passant, che quel piano era gia' atteso per settembre, poi ancora per ottobre. Adesso possiamo fissare una data di presentazione o i cittadini dovranno continuare a versare soldi per tutelare questi bacini di consenso elettorale?".




Agenzie DIRE del 22 novembre su un nuovo luogo per i concerti all'aperto invece che Piazza Maggiore proposto da Massimo:

COMUNE BOLOGNA. FRONDA ANTI-RADIOHEAD NEL CENTROSINISTRA
(DIRE) Bologna, 21 nov. - Rinnova le proprie perplessita' sul concerto di Thom Yorke e compagni anche il Movimento 5 stelle, anche se il capogruppo in Comune Massimo Bugani fara' di tutto per esserci. L'ha spiegato oggi in Consiglio comunale ribadendo pero' che piazza Maggiore non va. Per questo ha lanciato la proposta di creare una "cittadella della musica alla Fiera, cosi' verrebbe utilizzato anche quel grande parcheggio (Michelino, ndr) che oggi e' poco sfruttato". Bugani considera Bologna "solo sulla carta" citta' della musica Unesco e avverte: "non basta un evento una tantum" per meritare quel riconoscimento. I grillini vogliono vederci chiaro anche sulla gestione contemporanea del cinema all'aperto in piazza Maggiore. "Sarebbe ridicolo che ai cittadini vengano fatti spendere dei soldi per smontare e rimontare lo schermo del cinema", sottolinea Bugani.
Silvia Patini (.
sis74
Bologna, BO
Post #: 2,159
Rassegna stampa del giorno 24 novembre sulla richiesta di chiarificazione da parte di Merola alla citta sul People Mover, sula divisione nel PD relativa al People Mover:

http://files.meetup.com/206830/rassegna_stampa_comune_24_11.pdf­
Silvia Patini (.
sis74
Bologna, BO
Post #: 2,164
Rassegna stampa del giorno 25 novembre sul People Mover e la Regione, e diverse notizie molto interessanti come:la sospensione del passaggio della Cineteca in Fondazione:

http://files.meetup.com/206830/rassegna_stampa_comunale_25_11.pdf­
Silvia Patini (.
sis74
Bologna, BO
Post #: 2,166
COMUNICATO STAMPA DEL 24/11 DEI NOSTRI CONSIGLIERI REGIONALI wink

LOGICHE SPARTITORIE VS TRASPARENZA: IL GARANTE DEI DETENUTI
Ieri eravamo riuniti in aula per la votazione su chi sarà il Garante Garante dei Detenuti dell'Emilia-Romagna (lautamente pagato dai contribuenti). Il garante dovrebbe rappresentare tutta l'aula. Invece il nome (Desi Bruno, avvocato penalista) è stato indicato dai colleghi di SEL e Rifondazione al PD, il quale s'è fatto portatore della richiesta. Eppure ne avevamo parlato in commissione! Così ho chiesto la sospensiva per poter vagliare le candidature e le proposte, curricola alla mano. Ma ci è stata negata dalla Maggioranza. Trasparenza e meritocrazia sono parole che il PD usa solo come marketing e non nella pratica. Nei contenuti: Desi Bruno è titolare di un grosso studio di Avvocati, è in conflitto di interessi* evidente secondo la legge recentemente approvata (art. 9 comma 3 L.R. 13 2011). Ovviamente questo rende possibile farsi un portafoglio clienti in maniera molto facile, infatti l'unica professione in conflitto di interessi per un garante dei detenuti e proprio quel!
la d'avvocato penalista. I detenuti sono i tuoi primi clienti...
Inoltre dovrà avere a che fare con la Casa Circondariale, è ovvio che cercherà di limitare i conflitti... perchè con la casa circondariale un penalista ci lavora. Noi avevamo proposto che il nome venisse dal mondo del no profit impegnato nelle carceri. E pensare che in commissione, quando avevamo discusso delle nuove norme per le nomine, anche il Capogruppo PD aveva ritenuto 'non prive di fondamento' (testuale) le riserve avanzate su un possibile conflitto di interessi dell'avvocato Desi Bruno (già garante a Bologna nell'ultimo mandato). Importante da segnalare il fatto che nella mia ultima visita nelle carceri diversi detenuti si siano lamentati proprio dell'operato del garante comunale, ovvero lei stessa.... Inoltre su questo nome non c'è stato l'accordo fra governo e Opposizioni. Credevo fosse ovvio che si discutesse più a lungo o che almeno i capigruppo di maggioranza chiedessero un parere alle altre forze politiche, verificando il lavoro fatto dalla stessa nel carcere d!
ella Dozza (uno dei più critici d'Italia) di Bologna, per trovare una convergenza. Invece nulla, la Maggioranza è stata sorda nonostante lo ripeto, non si trattasse di una nomina di sua esclusiva competenza, ma di garanzia per tutte le forze politiche (infatti ci volevano per la prima giornata i 2/3 dei voti). Siamo riusciti, uscendo dall'aula, a far mancare la maggioranza qualificata dei due terzi per l'elezione. L'Assemblea ha quindi dovuto aspettare oggi per votare, a maggioranza semplice e con solo 26 consensi (su 50) Desi Bruno. Avanti coi carri, mi vien da sorridere pensando a come Rifondazione Sel ed il PD si siano lamentate dello scarso rispetto per le minoranza avuto dal governo Berlusconi fino a ieri. Stay Tuned

Giovanni Favia

* Art. 9 LR 13:
punto 3: L'incarico è incompatibile con l'esercizio di qualsiasi attività di lavoro autonomo o subordinato e di qualsiasi attività commerciale, imprenditoriale o professionale da cui possa derivare un conflitto di interessi con l'incarico assunto.


Se volete commentare andate alla pagina web: http://www.beppegrillo.it/listeciviche/liste/emiliaromagna/2011/11/logiche-spartitorie-vs-trasparenza-il-garante-dei-detenuti-1.html­
Silvia Patini (.
sis74
Bologna, BO
Post #: 2,167
Rassegna stampa del giorno 27 novembre sul nostro sit-in contro l'ennesima chiusura di un cinema, ossia l'ennesimo calcio alla cultura e ai luoghi ove socializzare:

http://files.meetup.com/206830/rassegna_stampa_comune_27_11.pdf­


Presto vedrete anche il video della giornata con l'intervista a Filippo. Stay tuned!




Rassegna stampa del giorno 28 novembre sulla fusione ATC-FER votata in Consiglio Comunale e la bufera per arrivarvi con la nostra richiesta di bloccarla in quanto i revisori avevano chiesto più tempo per controllare la situazione patrimoniale di FER:

http://files.meetup.com/206830/rassegna_stampa_comune_29_11.pdf­
Silvia Patini (.
sis74
Bologna, BO
Post #: 2,175
COMUNICATO STAMPA DEL 1/12 DEI NOSTRI CONSIGLIERI REGIONALI wink

CISPADANA IN COMMISSIONE
Favia: “La Politica ignora i cittadini, la Maggioranza si spacca
La Minoranza non c’è proprio”
Bocciata la petizione popolare che chiedeva di fermare la realizzazione dell’autostrada



“Oggi la seduta della III Commissione è stata la perfetta rappresentazione della situazione politica attuale: i partiti non ascoltano i cittadini, fanno solo finta” – dice Giovanni Favia, Consigliere Regionale del Movimento 5 Stelle – “Sono passati sei mesi da quando la petizione che chiedeva di fermare la realizzazione dell’autostrada regionale Cispadana è stata depositata. L’abbiamo discussa solo oggi, a pochi giorni dalla scadenza dei termini di risposta (7 dicembre). Mi sembra evidente che le belle parole che questo Governo regionale non manca mai di spendere sulla partecipazione popolare siano totalmente campate in aria. Se veramente avessero voluto considerare l’opinione della gente” – continua Favia – “non ci saremmo ridotti a questo punto. E la Cispadana non arriverebbe a straziare la nostra pianura senza essere prima ben discussa e conosciuta da tutti i cittadini. Questa è un’opera inutile e dannosa, che si può ancora fermare. Non ci ven gano a dire che la popolazione è d’accordo perché a votato i sindaci di quello schieramento, che era favorevole alla Cispadana. Altrimenti, come ho detto in Commissione, avrebbe avuto ragione anche Silvio Berlusconi col nucleare: lui sosteneva che la gente fosse d’accordo perché l’aveva votato, ma il referendum l’ha clamorosamente smentito. Perché non si fa una consultazione fra i cittadini? In Commissione la petizione è stata respinta con i voti favorevoli di tutti i Commissari PD (con un astenuto). Solo noi del Movimento 5 Stelle abbiamo votato perché venisse accolta, assieme alle Consigliere Monica Donini e Gabriella Meo. La Maggioranza, dunque, s’è spaccata. La Minoranza” – conclude il Consigliere regionale – “è invece evaporata fuori dalla sala prima del voto.”



Giovanni Favia
Consigliere Movimento 5 Stelle Emilia-Romagna
Assemblea legislativa regionale


Silvia Patini (.
sis74
Bologna, BO
Post #: 2,176
Rassegna stampa del giorno 01 Dicembre sul nostro NO al People Mover, sulle nostre critiche per come vogliono pedonalizzare il centro (che va pedonalizzato), sulla nostra richiesta di consultazione popolare relativa alla Cispadana, sul si al voto in Consiglio Comunale per fare il regalo a Farinelli per la trasformazione fatto della Cineteca a fondazione:

http://files.meetup.com/206830/rassegna_stampa_comune_02_12.pdf­
Silvia Patini (.
sis74
Bologna, BO
Post #: 2,177
COMUNICATI STAMPA DEL 02/12 DEI NOSTRI CONSIGLIERI REGIONALI wink

BOOM! INCENERITORI, LA GIUNTA SMENTITA DAI SUOI STESSI ESPERTI
Questa mattina durante la presentazione dei risultati dello Studio Moniter sugli inceneritori è successa una cosa gravissima. Il Presidente del Comitato scientifico Benedetto Terracini ha smentito il comunicato ufficiale della Giunta in cui i risultati dello studio venivano nascosti e falsati.L'Assessore che ha autorizzato un simile comunicato deve dimettersi! Non basteranno delle semplici scuse, perché questo non è un errore veniale ma un peccato mortale: si gioca con la vita delle persone, è inaccettabile. La Giunta ha commesso un falso a livello comunicativo, falsificando gli esiti dello studio Moniter (che costa 3,5 milioni di euro pubblici, non dimentichiamolo, ed è durato 6 anni) sugli effetti sanitari degli inceneritori. Il tutto con la solita retorica politicante e rassicurante. Questa mattina però le false retoriche sono state smentite clamorosamente dal professor Benedetto Terracini, padre dell'epidemiologia italiana e Presidente dello stesso Comitato Scientifico del progetto Moniter che è intervenuto alla fine del convegno dichiarando testualmente: 'Parlo a nome del comitato scientifico di Moniter, se il comunicato stampa della Giunta dice quello che ha affermato Crosignani chiedo che venga immediatamente ritirato'. Il caso è scoppiato grazie all'intervento durante il convegno del professor Paolo Crosignani, Direttore della sezione di Epidemiologia dell'Istituto Tumori di Milano che è intervenuto durante il convegno per denunciare le parole utilizzate dalla regione nel comunicato stampa ufficiale dell'evento, il quale escludeva qualsiasi rischio sanitario. Lo studio invece dice altro (già in occasione dell'anticipazione dello studio, un anno fa, avevamo denunciato parecchie zone d'ombra: http://www.beppegrillo.it/listeciviche/liste/emiliaromagna/2010/09/inceneritori-lordine-dei-medici-smentisce-lassessore-lusenti.html­) e diversi relatori come uno dei membri del Comitato Scientifico, il dottor Marco Martuzzi dell'Organizzazione Mondiale della Sanità, lo ha ben evidenziato sostenendo la 'non totale assenza di effetti sanitari' ed invitando al 'principio di precauzione' chiedendo che venissero in futuro analizzate le nano polveri e 'vista la già cospicua presenza d'inceneritori in questa Regione sarebbe il caso di non vederne di più' . Questo mentre la Regione autorizza il raddoppio dell'inceneritore di Modena e si vuole costruire il forno di Parma nella Food Valley... Come MoVimento 5 Stelle riteniamo comunque lo studio Moniter non esaustivo. Lo strumento della ricerca epidemiologica in una pianura come quella Padana già molto 'avvelenata' e malata, difficilmente potrà dare risultati chiari ed evidenti. Mancano infatti dati e studi relativi alla diossina sulle tracce biologiche, in accensione e spegnimento dei forni (dove la diossina non viene filtrata dalle griglie) e lo studio sulle nano polveri, che sono quantitativamente la parte più rilevante delle emissioni. Inoltre gli impatti epidemiologici si potranno avere solo sul lungo termine. Per questo dovrebbe prevalere il principio di precauzione, visto che le alternative agli inceneritori esistono.

Se volete commentare andate alla pagina web:
http://www.beppegrillo.it/listeciviche/liste/emiliaromagna/2011/12/boom-inceneritori-la-giunta-smentita-dai-suoi-stessi-esperti.html­




SULL'AMIANTO NON CHIUDIAMO GLI OCCHI!
Da quando siamo in Regione abbiamo costantemente monitorato la situazione dell'amianto: ma se lo facciamo noi, non è sufficiente. E' la politica a doversi dare una mossa: da anni la Regione Emilia-Romagna ha un solo censimento, una mappatura fatta inviando un questionario agli edifici pubblici, una sorta di autocertificazione. Beh, questa mappatura è del tutto incompleta, a partire dal fatto che solo un terzo degli interpellati ha risposto!

Se volete commentare andate alla pagina web:
http://www.beppegrillo.it/listeciviche/liste/emiliaromagna/2011/12/sullamianto-non-chiudiamo-gli-occhi.html­
Silvia Patini (.
sis74
Bologna, BO
Post #: 2,181
COMUNICATI STAMPA DEL 06/12 DEI NOSTRI CONSIGLIERI REGIONALI wink

FAVIA TRA I MORTI VIVENTI
Dopo gli oltre seicento commenti ricevuti attraverso un post di Facebook, ho deciso di accettare l'invito della trasmissione Inonda di La7.
La TV è un'arma a doppio taglio, i tempi sono stretti e le logiche sono quelle dell'audience. Può generare entusiasmo ed aiutarci ad arrivare a quella fascia di popolazione che non usa la rete ma può anche omologarci o peggio far sfigurare tutto il MoVimento.
Ho cercato di rimanere il più concentrato possibile, di vincere l'emozione e il mal di testa...
Spero di esser riuscito nell'intento: far capire a chi era oltre lo schermo che in Italia sta crescendo un nuovo soggetto politico, fatto dai cittadini per i cittadini, persone capaci di distinguersi dai politicanti e portatori di nuove idee e contenuti. A trasmissione conclusa, non ho ben chiaro se sia stato all'altezza o meno.
Però stanotte mi è arrivato un messaggio via Fb: "Ero dubbioso sul MoVimento, ma dopo averti sentito in TV ti comunico che avrete un cittadino in più tra le vostre fila"
Questo messaggio, e non è stato il solo, mi ha riempito il cuore.
Stay tuned
Giovanni Favia

P.S. Iscrivendoti al canale youtube rimarrai sempre aggiornato sulle nostre attività d'aula aiutandoci a fare rete, dal prossimo mese infatti pubblicheremo la sintesi dei nostri interventi per ciascun consiglio regionale.

Se volete commentare andate alla pagina web:
http://www.beppegrillo.it/listeciviche/liste/emiliaromagna/2011/12/favia-tra-i-morti-viventi.html­
Silvia Patini (.
sis74
Bologna, BO
Post #: 2,182
COMUNICATI STAMPA DEL 14/12 DEI NOSTRI CONSIGLIERI REGIONALI wink

"STOP AL CONSUMO DEL TERRITORIO" PER ERRANI SOLO PAROLE VUOTE

In venti anni la superficie cementificata in Emilia-Romagna è raddoppiata, a parità di popolazione. Qualche domanda bisognerebbe porsela se, a Bologna ad esempio, s'è coperta di cemento una superficie pari a 6500 volte la grande Piazza Maggiore negli ultimi 10 anni, ovvero 45 CHILOMETRI quadrati!
Eppure i proclami continuano incessanti. La Giunta a guida Comandante Errani continua a blaterare parole vuote - che per loro non hanno alcun significato: "stop al consumo del territorio" o "cemento zero" sono solo slogan da agitare in campagna elettorale o nei discorsi ufficiali, ma nella realtà si continua a costruire e distruggere il nostro territorio (se non credete che possa pronunciare simili falsità... http://youtu.be/RkGO9fOoTPI­).
Un nostro attivista di Modena ha creato una mappa interattiva, che tutti possono aggiornare per segnalare nuovi casi di cementificazione selvaggia: nel VIDEO sopra trovate il tutorial.
VI INVITIAMO A SEGNALARE I CASI E A PARTECIPARE ATTIVAMENTE ALLA MAPPATURA!
Ma c'è anche un altro modo di segnalare il vostro amore per il territorio, e cioè partecipare alla fiaccolata di San Lazzaro di Savena, ieri sera, GIOVEDI 15 dicembre dalle ore 21.00, un serpentone umano si è srotolato da Piazza della Repubblica a Piazza Bracci.
L'obiettivo è stato quello di dare un segnale chiaro agli amministratori che, incuranti delle richieste e petizioni presentate e sottoscritte da oltre il 10% degli elettori di San Lazzaro, continuano imperterriti con il loro progetto cementificatorio del comune, che già si trova ai primi posti per espansione urbanistica tra i comuni dell'area bolognese.
Vogliamo sostenere la richiesta di svolgimento di un referendum comunale sull'urbanistica, richiesta che è stata bocciata in prima istanza me che il comitato promotore ha impugnato, richiedendo una sospensione cautelare d'urgenza dell'iter di approvazione del piano urbanistico che dovrebbe essere approvato in consiglio comunale il 20 dicembre prossimo.

Sotto l'evento facebook:
https://www.facebook.com/events/261693570555912/­

Se volete commentare andate alla pagina web:
http://www.beppegrillo.it/listeciviche/liste/emiliaromagna/2011/12/stop-al-consumo-del-territorio-per-errani-solo-parole-vuote.html­





COMUNICATI STAMPA DEL 15/12 DEI NOSTRI CONSIGLIERI REGIONALI wink

L'IPOCRISIA DELLA REGIONE SULLA MOBILITA' E LA QUALITA' DELL'ARIA

La mancanza di una visione di futuro della regione Emilia-Romagna è ogni giorno più palese nelle scelte della Giunta Errani. Adesso l'Assessore Sabrina Freda tuona contro le automobili, accusandole di essere la causa del tremendo inquinamento della nostra pianura. Quindi blocco del traffico allargato a tutti i capoluoghi, oltre alle città sopra i 50.000 abitanti. Semplicemente ridicolo. Chiaramente limitare la circolazione delle auto può servire, ma il provvedimento preso da solo è una foglia di fico su un problema enorme che - sotto tutti gli altri aspetti - è stato e continua ad essere non solamente ignorato, ma anche aggravato dalla giunta di questa regione, Freda compresa.
Il collegamento più diretto che viene in mente è che, mentre da un lato si limita l'uso dell'auto nei centri storici delle città esclusi gli "euro virtuosi" (con orari e eccezioni così oscuri e contradditori che sembrano più che altro provvedimenti per fare cassa con le multe), dall'altro i nostri cari amministratori regionali fanno girare autobus pubblici obsoleti "Eurozero" , altamente inquinanti, non in regola con le normative europee. Proprio pochi giorni fa, hanno bocciato il nostro emendamento che prevedeva come requisito per partecipare alle prossime gare del trasporto pubblico locale, che il parco mezzi ammissibile a gara prevedesse solo veicoli a norma UE. Ma come, i cittadini devono cambiare macchina e le amministrazioni no?

Ancora più grave il livello della pianificazione e degli investimenti dove si privilegia, oltre gli slogan ma nelle realtà del bilancio, l'asfalto autostradale al ferro delle rotaie. Vogliono infatti costruire quattro nuove autostrade in regione! Avete capito bene, su un territorio già fortemente antropizzato, inquinatissimo anche a causa della posizione geografica e dal quale l'agricoltura viene lentamente espulsa. Quali sono queste autostrade? Cispadana*, Passante Nord*, Tibre, E55, oltre alle varie bretelle di raccordo, alla variante di Valico* e gli aumenti di una corsia in tutte le autostrade. Ma ci rendiamo conto??? Miliardi di Euro d'investimento! Sarà un massacro per i campi e per i nostri polmoni, sarà strage di attività agricole, strage di animali e aumento spropositato di irritazioni al sistema respiratorio e neoplasie! Naturalmente per i costruttori e per Autostrade questo è proprio un bel favore... Com'è un bel favore per concessionari e aziende automobilistiche!
continuare a spostare sempre all'insù i paletti delle emissioni degli autoveicoli che possono circolare... Euro 1, Euro 2, Euro 3, Euro 4, Euro 5... Non ci fermiamo mai, e sempre più spesso dovremmo cambiare macchina e spendere per differenze sulle emissioni risibili (la grande differenza la fa lo stile di guida, la cilindrata, le velocità).
Altri incredibili controsensi che denunciano le due facce dell'assessore Freda, del Presidente Errani e dell'Assessore ai Trasporti Alfredo Peri.
Il riscaldamento e gli sprechi degli edifici? (alcuni palazzi comunali vanno a gasolio!) E i nuovi inceneritori che vogliono approvare? Le aziende insalubri di prima classe (cementifici, bitumifici etc etc) nei cuori delle città? Le finte biomasse da incenerimento che pianificano in blocco nel piano energetico? Forse non immettono una devastante quantità di agenti inquinanti nell'aria? Certo che sì, eppure non c'è più niente da bruciare ormai... Ma una pioggia di incentivi pubblici che paghiamo noi*. Biomasse da bruciare come l'olio di palma che importano a camionate da migliaia di chilometri di distanza, inquinando ancora nel trasporto e dando un risultato di bilancio energetico ampiamente negativo. Una vera e propria follia. La regione è miope e priva di una visione d'insieme.
La realtà è che qualcuno andrebbe portato via in camicia di forza. Battiamoci contro queste scelte della regione a cui i comuni obbediscono diligentemente (ordini di partito) e riprendiamoci il futuro nostro delle generazioni future. Loro non molleranno mai, noi neppure!

Se volete commentare andate alla pagina web:
http://www.beppegrillo.it/listeciviche/liste/emiliaromagna/2011/12/lipocrisia-della-regione-sulla-mobilita-e-la-qualita-dellaria.html­
Powered by mvnForum

People in this
Meetup are also in:

Sign up

Meetup members, Log in

By clicking "Sign up" or "Sign up using Facebook", you confirm that you accept our Terms of Service & Privacy Policy