Silvia Patini (.
sis74
Bologna, BO
Post #: 532
Qui possiamo postare tutte le idee sui progetti che si potranno, eventualmente fare.


Grazie molte a tutti biggrin
A former member
Post #: 17
hem! proposta: LAVAGGI FREQUENTI DELLE STRADE PER LA RIDUZIONE DELLE POLVERI

al di qua delle nano particelle da inceneritore è ormai riconosciuto universalmente che un grosso danno alla salute lo provocano le PM10 (particelle di dimensioni micrometriche, 1 micron = 1/1.000.000 di metro) Studi della Comunità Europea stimano per l'Italia circa 40.000 morti all'anno riconducibili direttamente all'inquinamento da polveri sottili.

Premesso che probabilmente si tratta di uno dei più gravi problemi ambientali che interessa sopratutto l'area della pianura padana che sia, indifferentemente, il centro di Milano o la periferia di Budrio, e che la soluzione quindi deve essere cercata in primo luogo a livello nazionale. Premesso ciò è possibile fare comunque azioni a livello di comune o città metropolitana in modo da ridurre il problema o, almeno, non peggiorarlo.

Una percentuale delle polveri in aria è dovuta al risollevamento, sono polveri depositate a terra che vengono risollevate, come quando in casa si usa la scopa invece dell'aspirapolvere :) per intendersi.

Considerando che non sono un esperto e che parlo solo alla luce di un generico buon senso propongo:

*) che vengano effettuati lavaggi frequenti delle strade. Lavaggi alternativi o aggiuntivi a quanto si fa ora. I lavaggi attuali sono effettuati troppo di rado (vedi link su Iperbole) I lavaggi dovrebbero essere effettuati una volta al giorno, almeno per un reticolo di strade principali, almeno nei cinque giorni feriali.
*) si dovrebbero utilizzare mezzi leggeri ed economici, che innaffiano solamente la strada senza spazzarla a fondo, possibilmente limitando anche il rumore
*) i lavaggi leggeri andrebbero eseguiti in orari diurni, lontani comunque dalle ore di punta ma evitando il disturbo notturno.
*) in previsione futura si potrebbe progettare l'installazione di sistemi di distribuzione di acqua direttamente dai tombini (penso a Parigi o a Teheran dove esistono reti di distribuzione di acqua per il lavaggio delle strade)
*) il programma della lista propone già la costruzione di bacini /cisterne /laghi cittadini capaci di convogliare le acque piovane e mantenere disponibilità di risorsa vicina alla città. Non so se ora si utilizza acqua dell'acquedotto ma l'acqua per le pulizie di strade dovrebbe venire esclusivamente da questi bacini di non-potabile.
*) evitare quelle attività di pulizia che provocano il sollevamento di polveri. Penso alla raccolta delle foglie con quelle macchine infernali che spruzzano aria, radunano le foglie secche e sollevano polvere. Questo sistema è rumoroso (inquinamento acustico) e solleva polvere (inquinamento dell'aria) oltre a funzionare a combustibile! :) non riesco ad immaginare nulla di meno efficente :)
*) Controlli su quelle attività di terzi che provocano il sollevamento polveri, come i lavori della TAV, i lavori nell'area ex-mercato ortofrutticolo Gobetti-Fioravanti-Carracci, io ci vivo sopra e se volete vi faccio le foto dei polveroni che sollevano.

Nota finale. Mi sembra di diventare vecchio ma ricordo che una volta i negozianti pulivano il marciapiede davanti al proprio negozio prima innaffiando con un poco di acqua, non versandone in quantità ma solo innaffiando, in modo da spazzare poi lo sporco più facilmente e senza sollevare polvere. Sinceramente oggi mi sembra molto più fantascienza quel piccolo mondo pulito di una volta che non questi anni post-2000.

grazie per l'attenzione,

tt

A former member
Post #: 18
proposta di mobilità urbana: UNA RETE STRADALE GERARCHICA

l'idea mi viene pensando al mondo biologico, ma anche avendo visitato Berlino, dove (almeno in alcuni quartieri) ho riscontrato l'applicazione pratica del principio.

La mobilità attuale prevede due livelli di strade, la rete con limite di 50km/h che comprende le grandi strade di accesso alla città come i più piccoli vicoli del centro, ed una rete con limite a 70km/h o 90km/h tipo assi attrezzati o tangenziale. Questo modello è molto orizzontale ed in effetti non distingue tra una grande via di accesso alla città (via Stalingrado, solo per fare un esempio) ed una piccola strada del centro o anche della periferia.

Il risultato è che la città è preda delle macchine che *sono* ovunque e **passano** ovunque.

Io penso ad una strutturazione "gerarchica" cioè a più livelli che consenta una migliore percorribilità da parte delle macchine ed una migliore vivibilità da parte dei pedoni o dei ciclisti

Nella metafora biologica, che faccio volutamente semplicistica per esempio, un albero è formato da 1 (un) tronco enorme e forte, da 10 rami solidi e portanti da 100 rami di dimensioni medie e da migliaia (1000) di tanti piccoli rametti. La struttura di un albero è una struttura efficiente per distribuire linfa e per mantenere tutto il grande volume di cui dispone.

Per la città penso a tre livelli:

1) una rete di strade veloci a 90km/h o oltre di collegamento veloce e per lunghe distanze
2) una rete di strade urbane a 50km/h ca. (forse anche 70km/h) per l'attraversamento e la distribuzione in città
3) isole dove la mobilità delle macchine è fortemente limitata (30km/h per esempio) e dove i pedoni o i ciclisti possono muoversi senza timore in tutte le direzioni

le zone di tipo 1) e 2) avrebbero percorribilità esclusiva dei mezzi meccanizzati ed in questo agevolerebbero gli spostamenti dentro-fuori e attraverso la città
le zone di tipo 3) sarebbero delle isole "non completamente pedonalizzate", in modo da consentire comunque il parcheggio ma di uso prevalente da parte di pedoni e ciclisti e dove le "macchine" siano ostacolate nel movimento.

Penso che in questo modo si snellirebbe l'attraversamento della città e si riconsegnerebbe ai cittadini la fruizione del proprio "quartiere".

vi ringrazio per l'attenzione,

tt
mirco s.
hammuraby
Bergamo, BG
Post #: 463
scusate....ma vi vorrei chiedere di appoggiare l'OPERAZIONE SPARTACO
ovvero di portare a roma al V-Day3 le SEI (6) domande su sei (6) tecnplogie rinchiuse nei laboratori
perche risolutive del problema energetico...
LIBERIAMOLE ! fin che non avevano votato per il VECCHIO nuke, ok...
ma ora dobbiamo alzare la posta di parecchio...e la risposta al 100% e definitiva e' qua..
link originale su' meetup Bologna!

cembra che si vada verso una proposta cosi' articolata:
1)risparmio energetico
2) fonti rinnovabili
3) OPERAZIONE SPARTACO (6 domande al mondo accademico)

grazie , sperando che qualcuno mi risponda....affermativamente...OK ciao

mirco sangalli
"God save the water!...pubblic"
A former member
Post #: 298
scusate....ma vi vorrei chiedere di appoggiare l'OPERAZIONE SPARTACO
ovvero di portare a roma al V-Day3 le SEI (6) domande su sei (6) tecnplogie rinchiuse nei laboratori
perche risolutive del problema energetico...
LIBERIAMOLE ! fin che non avevano votato per il VECCHIO nuke, ok...
ma ora dobbiamo alzare la posta di parecchio...e la risposta al 100% e definitiva e' qua..
link originale su' meetup Bologna!

cembra che si vada verso una proposta cosi' articolata:
1)risparmio energetico
2) fonti rinnovabili
3) OPERAZIONE SPARTACO (6 domande al mondo accademico)

grazie , sperando che qualcuno mi risponda....affermativamente...OK ciao

mirco sangalli
"God save the water!...pubblic"
Il fatto è che per uno non addetto ai lavori non è molto comprensibile tutto ciò che hai riportato nel link
mirco s.
hammuraby
Bergamo, BG
Post #: 464
be in effetti, e' proprio per questo che ancora nessuno sa' che non serve piu ne nuke, ne oil, ne coke....
per questo anche che credo che basti una persona , che sviluppi questo tema....
dato che e' PARALLELO sia a 1) RISPARMIO ENERGETICO che alle 2)FONTI RINNOVABILI.

tutto sta nel comprendere le 6 Tech, anche da soli....
3 riguardano la F Fredda...
1 il piezonucleare
1 il magnetocalorico
1 il diodo nombias, che estrae direttamente dal calore ambiantale elettricita'...

in tutto SEI (6) tecnologie rinchiuse nei LABORATORI, che dobbiamo liberare.

--------------------------------------­----------------------------------------­----------------------------------------­--------------------
tecnicamente la rete elettrica odierna (se non trasformata in smartgrid) puo sopportare
solo il 30% di picco di energie incostanti...provenienti da FER, e quindi al massimo l'8% della domanda totale....risulta?

invece solo queste tecnologie, e (anche) il geotermico, possono soddisfare la domanda di base ....
perche NON sono variabili in base alle manifestazioni metereologiche, o, stagionali...e quindi NON necessitano di accumulo-equalizzazione .

RIASSUNTo :
1) tutti d' accordo che in principio...il risparmio energetico sia FONDAMENTALE....

2) se vogliamo spingere le FER, bisogna indubbiamente puntare PRIMA sulla ristrutturazione della rete in SmartGrid, come si sta facendo in USA...almeno sembra.descrizione SmartGrid , meetup per il bene comune...

3) se vogliamo l' energia pulita.... ed essere di IMPATTO alla discussione, bisogna proporre sistemi che funzionano 24h/7/365....
per coprire la domanda di base....come quelli QUI:OPERAZIONE SPARTACO

3 come V-Day3
A former member
Post #: 32
2 agosto 2009

sono tornato ora dalla manifestazione in ricordo della strage della stazione, il prossimo anno sarà il 30° anniversario

il 2 agosto 1980 avevo 18 anni, abitavo alla Bolognina, proprio dietro la stazione ma al tempo ero fuori città, mi sono sentito completamente impotente, non avrei potuto tornare per dare una mano, ho tenuto tutto dentro e questa cosa mi ha fatto male.

oggi non c'era tanta gente, molte organizzazioni, ma non tanta gente. Non so cosa fare per rinnovare la manifestazione e per far si che chi ha meno di 40 anni sappia cosa è successo. Potrebbe essere una idea chiamare Marco Paolini, non mi pare abbia fatto nulla sulla stazione, il Comune di Bologna potrebbe proporgli uno "spettacolo" ed il video realizzato la sera della prima pubblica si potrebbe rendere disponibile gratuitamente su internet e disponibile su altri canali.

Spero che la proposta non sia originale, spero che altri l'abbiano pensata e penso sia bello realizzarla.

tt
Silvia Patini (.
sis74
Bologna, BO
Post #: 597
Bisogna ricordare una delle stragi dove non è ancora venuta fuori davvero la verità così che non svanisca nè il ricordo, nè la speranza di sapere chi veramente ha voluto questi assassini.
Il nome di Paolini era venuto fuori anche per il V Day 2 biggrin
L'idea è molto bella! Di sicuro dobbiamo parlarne.
mirco s.
hammuraby
Bergamo, BG
Post #: 628
chi ha sentito il nome di Ronaldo REGAN ?
servizi segreti deviati, la domanda sorge spontanea...da chi? behhhh un idea...?
e l'ITALICUS....uguale uguale, con il pres.USA uguale uguale!
mirco s.
hammuraby
Bergamo, BG
Post #: 809
una proposta un po troppo complessa da mettere in un post...

basata sull economia DUREVOLE, ovvero come limitare il dominio economico del consumo e della liquidita'(trasferibile nei paradisi);
il tutto agganciato al territorio ed ai diritti PUBBLICI diretti...chiamati anche monopolio pubblico del territorio
e quindi come precursore di democrazia diretta


http://beppegrillo.me...­
Powered by mvnForum

People in this
Meetup are also in:

Sign up

Meetup members, Log in

By clicking "Sign up" or "Sign up using Facebook", you confirm that you accept our Terms of Service & Privacy Policy