addressalign-toparrow-leftarrow-rightbackbellblockcalendarcameraccwchatcheckchevron-downchevron-leftchevron-rightchevron-small-downchevron-small-leftchevron-small-rightchevron-small-upchevron-upcircle-with-checkcircle-with-crosscircle-with-pluscrosseditemptyheartexportfacebookfolderfullheartglobegmailgoogleimageimagesinstagramlinklocation-pinmagnifying-glassmailminusmoremuplabelShape 3 + Rectangle 1outlookpersonplusprice-ribbonImported LayersImported LayersImported Layersshieldstartickettrashtriangle-downtriangle-uptwitteruseryahoo

Sulle dichiarazioni di Giovanni Favia

From: Vito C.
Sent on: Friday, September 7, 2012 12:33 PM

Per rispondere alle tante richieste di chiarimenti, vi rimando ad una nota che ho scritto su facebook sul tema.

https://www.facebook.com/notes/vito-crimi/sulle-dichiarazioni-di-giovanni-favia/10150919636369907

 

Questa mattina mi sono svegliato inondato di telefonate, sms, mail, messaggi FB, tutti con un unico tema:

le dichiarazioni di Giovanni a Piazza Pulita ieri sera.

E' indubbiamente in atto una campagna studiata a tavolino per distruggere questo movimento, unica spina nel fianco a questa casta politica, e gli attacchi arrivano da tutte le parti, altrimenti perchè ripescare oggi interviste di mesi fa oppure rispolverare personaggi come Sonia Alfano, Serenetta Monti o Daniele Vignandel che con il movimento han chiuso da anni.

 

Vorrei però entrare nel merito delle cose che ha detto Giovanni nel fuori onda, per fare un pò di luce basandomi sulla mia esperienza diretta personale e di gruppo.

 

Cominciamo con le famose "epurazioni" termine inappropriato per indicare situazioni in cui a fronte di una violazione di regole del non statuto vengono meno le condizioni perchè quelle persone possano continuare a rappresentare il movimento in luoghi istituzionali, infatti le c.d. "epurazioni" si rivolgono eslcusivamente a consiglieri eletti. Credo che una figura di garante serva, in questo neo-nato movimento, che ci ricordi sempre su quali basi è nato e a titolo di esempio quando nelle regionali del 2010 si discuteva di rimborsi elettorali, è stato salvifico l'intervento diretto di Beppe che ci ha ricordato che "noi non prendiamo i rimborsi elettorali" che quella non era una cosa in discussione, ma un principio inderogabile... coerenza prima di tutto. Ha sbagliato? No, tutt'altro!

 

Chi c'è dietro Grillo? Chi è Casaleggio? Che ruolo ha?

Gianroberto Casaleggio è una mente geniale che ha incontrato un'altra mente geniale, Beppe grillo, tanti anni fa, si sono ritrovati a condividere delle idee e in particolare uno aveva gli strumenti per veicolarle un altro il carisma per farlo e si sono avventurati in questa storia. Tutti noi abbiamo degli amici con cui ci confrontiamo quando affrontiamo avventure o impegni di un certo spessore, Beppe e Gianroberto collaborano, cosa c'è di male in tutto ciò. Magari Beppe si confronta anche con il fratello, con la moglie, con suo figlio Ciro... prima di scrivere un post, ma la responsabilità è sempre la sua, è lui che ci mette la faccia.

Il blog è un contenitore di idee, Beppe ha avuto la capicità (con l'aiuto di Casaleggio) di aggregare in un unico contenitore una miriade di idee che circolavano già (niente di nuovo) ma che non avevano mai avuto la possibilità di essere conosciute al grande pubblico.

Io, come penso tanti altri, hanno sposato le idee del MoVimento e non certo Beppe Grillo, quindi chiunque aiuti Beppe a formulare o raccogliere quelle idee per me è indifferente, che si chiami Casaleggio, Topo Gigio o Crasty il Clown, non fa venir meno la forza delle idee del blog, la forza delle idee che ci ha portati qui.

Il blog porta il nome di Beppe che si assume la responsabilitò di quello che scrive, se è frutto del confronto con altre intelligenze, meglio così... il contrario dovrebbe preoccuparci!

 

In Lombardia sono stato candidato alla Presidenza delle Regione nel 2010 per il MoVimento 5 Stelle, mai avevo visto prima Gianroberto Casaleggio ne successivamente è mai intervenuto sulla nostra organizzazione, sul nostro programma, sulla scelta dei candidati, neanche Beppe Grillo.Tanto che eravamo noi spesso a cercarli e ci sentivamo spesso soli, un pò abbandonati... altro che controllo!

Questa cosa possono confermarla tutti, nessuno ha mai ricevuto indicazioni da Grillo o Casaleggio (ad eccezione della questione sui rimborsi elettorali ma era doverosa secondo me).

Tutti i candidati, tutte le liste, tutte nessuna esclusa, comunali o regionali, potranno testimoniare che sia Grillo che Casaleggio non sono mai intervenuti nella scelta di liste, di programmi o di organizzazione interna delle liste, sono intervenuti solo nell'organizzazione del tour elettorale di Beppe per le questioni logistiche e al massimo, ma solo su richiesta, sono intervenuti con consigli pratici su strategie di comunicazione da adottare, sempre consigli e mai ordini, strategia di comunicazione che è la materia in cui è specializzato Casaleggio ma anche lo stessso Beppe vista la sua lunga esperienza sulle scene.

E nessun consigliere ha mai subito pressioni da Grillo e Casaleggio o chiunque altro... se non per ricordare il rispetto di alcune semplici e basilari regole senza le quali il MoVimento non ci sarebbe.

 

Anzi spesso succede il contrario, i nostri consiglieri che si sentono un pò soli e a volte non esperti su certi argomenti, vorrebbero poter avere qualcuno che ogni tanto suggerisca come comportarsi dinnanzi ad una delibera... quindi si ribalta completamente la questione.

 

Potrei citare una miriade di esempi di iniziative prese dai nostri gruppi in Lombardia in piena autonomia e senza alcun intervento esterno: incontri regionali, Formigoni Day, Festa 5 Stelle a Brescia e dibattito con i sindaci 5 stelle, Parlamento pulito 2011, Parlamento pulito 2012, Zero privilegi, eventi e iniziative di ogni tipo per le quali mai è intervenuto Beppe o Casaleggio.

 

Conosco Giovanni da tanto, lo stimo per il gran lavoro che ha fatto e continua a fare, ho sempre detto che è la nostra prima linea e come tale quella più esposta al fuoco del nemico, è anche la nostra avanguardia quindi quello più esposto alla possibilità di commettere errori e ingenuità, prima di loro (lui e gli altri eletti) nel movimento non c'è nulla, non c'è una storia da cui imparare, è tutto da costruire.

 

Non voglio giudicare Giovanni per le cose che ha detto, tra l'altro in una intervista di parecchi mesi fa, in un momento forse di rabbia per le vicende legate al suo caro amico e collaboratore Valentino, MA SONO LE SUE IDEE, idee che non ha espresso pubblicamente, anzi ha ammesso di aver trattenuto per se, ma le ha confidate ingenuamente ad un giornalista... di propria iniziativa.

 

Non esiste il controllo del movimento, non esistono candidati eletti infiltrati di Casaleggio, mai Grillo e Casaleggio si sono intromessi nella scelta dei candidati o dei programmi, mi spiace che Giovanni (e non solo lui) pensi questo, in ogni caso un danno per il MoVimento, un danno per tutte quelle persone che confidano in noi per scalzare questa casta politica.

 

Riporto quanto scritto da Giovanni nel suo profilo facebook

https://www.facebook.com/giofavia

Il video dell'intervista e del fuori onda

http://www.ilfattoquotidiano.it/2012/09/06/favia-casaleggio-prende-per-culo-tutti-nei-5-stelle-democrazia-non-esiste/345014/

Il minipost sul blog di Beppe Grillo

http://www.beppegrillo.it/2012/09/la_democrazia_del_movimento_cinque_stelle.html

 

Our Sponsors

People in this
Meetup are also in:

Sign up

Meetup members, Log in

By clicking "Sign up" or "Sign up using Facebook", you confirm that you accept our Terms of Service & Privacy Policy