addressalign-toparrow-leftarrow-leftarrow-right-10x10arrow-rightbackbellblockcalendarcameraccwcheckchevron-downchevron-leftchevron-rightchevron-small-downchevron-small-leftchevron-small-rightchevron-small-upchevron-upcircle-with-checkcircle-with-crosscircle-with-pluscontroller-playcredit-cardcrossdots-three-verticaleditemptyheartexporteye-with-lineeyefacebookfolderfullheartglobe--smallglobegmailgooglegroupshelp-with-circleimageimagesinstagramFill 1languagelaunch-new-window--smalllight-bulblinklocation-pinlockm-swarmSearchmailmediummessagesminusmobilemoremuplabelShape 3 + Rectangle 1ShapeoutlookpersonJoin Group on CardStartprice-ribbonprintShapeShapeShapeShapeImported LayersImported LayersImported Layersshieldstartickettrashtriangle-downtriangle-uptwitteruserwarningyahooyoutube

Gli amici di Beppe Grillo di Napoli Message Board › EMERGENZA RIFIUTILE INFO, LE SOLUZIONI :

EMERGENZA RIFIUTI
LE INFO, LE SOLUZIONI :

enzo_v
enzo_v
Salerno, SA
Post #: 259
...a proposito di azioni legali ecco la risposta del TAR del lazio al ricorso che il comune di Giffoni Sei Casali ha presentato contro la localizzazione a Cupa Siglia di Fuorni (Salerno) dell'inceneritore (quello fortemente voluto dal sindaco di SA)
INAMMISSIBILE

...va beh che s'era un vizio procedurale... però tutta questa fiducia incondizionata nelle azioni della magistratura mi pare un pò esagerata...

a pianura non ha vinto certo il TAR.....

da salerno*provincia­
enzo_v
Fabio A.
user 3465463
Napoli, NA
Post #: 3,898
...a proposito di azioni legali ecco la risposta del TAR del lazio al ricorso che il comune di Giffoni Sei Casali ha presentato contro la localizzazione a Cupa Siglia di Fuorni (Salerno) dell'inceneritore (quello fortemente voluto dal sindaco di SA)
INAMMISSIBILE


A far dichiarare inammissibile il ricorso é stata la violazione di una precisa norma procedurale. È quella che, derogando alla disciplina generale sul processo amministrativo, ha ridotto i termini alla metà allorché i ricorsi hanno per oggetto la materia dell'emergenza rifiuti, trasferita alla competenza del solo Tar Lazio. Tale regola, introdotta nel 2005 nell'ordinamento giuridico, é stata apertamente disattesa. Il ricorso, infatti, é stato notificato in data 9 aprile 2008 a mezzo del servizio postale, ma é stato depositato solo il 6 maggio scorso. Il deposito é, cioè, avvenuto ben oltre il termine dimidiato (di 15 giorni) previsto per legge. Accettata la pregiudiziale, la sentenza non entra affatto nella disamina delle varie questioni sollevate dal comune ricorrente e dai numerosi soggetti intervenuti "ad adiuvabdum".

Se questa è la situazione, non si può riprensentare il ricorso?
A former member
Post #: 477
Di legale in quello che fa questo governo non c'è assolutamente niente, ma anzi l'azione di voler usare l'esercito è imporre soluzioni illegali e impopolari dimostra per l'ennesimma volta che stiamo andando verso una deriva Autoritaria che si sviluppa anche attraverso il Carcere se qualcuno "osa opporsi" al costituendo Regime autoritario.

Non per niente qualcuno vuole più potere al premier.

Il fatto che tengano segreta la locazione delle 5 discariche che stanno preparando, è il classimo modo di decidere sopra le nostre teste senza tenere in alcuna cosiderazione che siamo in democrazia, e che le decisioni vanno prese con il consenso DI CHI è LEGGITTIMATO DAL SOVRANO POPOLO D'ITALIA, che gli è stato impedito di dare il suffraggio universale e diretto.

In realtà questi signori, detengono il potere in violazione del nostro ordinamento giuridico e costituzionale,
perchè, le ultime Elezioni per il Parlamento sono avvenute come le precedenti, senza il Suffraggio Universale e Diretto previsto dalla Costituzione della Repubblica Italiana, negli articoli 56 e 58.

https://files.meetup.c...­

Fino ad ora, nessun magistrato ha avuto il coraggio di inziare L'AZIONE PENALE E ORDINARE L'ARRESTO DI QUESTI PARLAMENTARI, per difendere la Costituzione da questi Attentati. I magistrati hanno paura dei politici eletti e ciò facendo violano loro stessi l'articolo 112 della Costituzione e di consegenza l'articolo 283 del codice penale.

A questo punto serve l'intervento del POPOLO SOVRANO MASSIMA AUTORITA' GIURIDICA DELL'ITALIA con l'articolo 383 codice di procedura penale, che autorizza i privati cittadini ad arrestare La Gang Criminale Formata dai Politicanti, perchè l'articolo 68 della Costituzione tenuto sempre nascosto da tutti, permette di arrestarli in Flagranza di Reato senza l'autorizzazione del parlamento.

Se volete saperne di più leggettevi il verbale della polizia di Napoli del 1999, quando abbiamo fatto la DICHIARAZIONE DI ARRESTO AL CAPO DELLA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI NAPOLI dott. AGOSTINO CORDOVA

https://files.meetup.c...­

I TEMPI STANNO MATURANDO PER UNA NUOVA EPURAZIONE POLITICA COME NEL 1945!!!


Vincenzo A.
user 5368810
Castellammare di Stabia, NA
Post #: 211
scaricate questo ricorso dell'associazione dei consumatori stabiese:
https://files.meetup.c...­

La legge ci dice che possiamo richiedere il 60% del pagato degli ultimi 5 anni!!!
Facciamolo tutti!!!
A former member
Post #: 452
Sono triste e incavolato!
A Chiaiano la polizia carica sui dimostranti!!!
Ma siamo impazziti!?!?!?

Caro Sig. Berlusconi ecco come io risolverei il problema!

1) Chiedere la collaborazione attiva di tutti i cittadini! E' una vera emergenza. La gente ama il proprio paese e sara' disposta a fare qualcosa in prima persona! Studenti, impiegati, artigiani, aziende, tutti, proprio tutti. Bisogna chiedere alla gente un po' di sacrificio per un po'.

2) Prima di ogni cosa adottare misure straordinarie per ridurre drasticamente ulteriore produzione di rifiuti. Se no si e' punto e a capo!!!
Se la situazione di emergenza autorizza a pestare gente indifesa sicuramente puo' autorizzare a bloccare temporaneamente certi prodotti fuori la Campania e tenere negozi chiusi.
Se si pestano persone indifese direi che si puo' anche trascurare qualche perdita economica di qualcuno, considerando l'emergenza.

3) Avviare raccolta differenziata spinta dell' immondizia che e' per le strade. Procedere per aree. Quindi: arrivano i cassonetti per la raccolta differenziata e arrivano anche una marea di cittadini volontari. Tutto ben organizzato con medici, e esercito, e gente che fornisce da bere e da mangiare a tutta quest'esercito di volontari.
Durera' 1, 2, 3 mesi... di piu'?... non so... ma che vuoi che siano di fronte a una tale emergenza. Sono anni che non si fa nente...
E' un po' come essere in guerra. Una strana guerra per ritrovare la dignita' di esseri umani. Il cittadino sara' disposto a combattere!

4) Una volta ripulito il tutto, il sistema di raccolta differenziata sara' super-collaudato e si potra' lentamente tornare a una vita normale ma continuando ad utilizzare molte delle misure sulla riduzione dei rifiuti. Non bisogna rifare lo stesso errore...

5) Fatto questo napoli potra' dare lezioni di civilta' al mondo intero. E la dara'. A poco a poco altre citta' importeranno tutte le misure prese a Napoli.
E' l'unica soluzione vera! il resto e' come scopare e nascondere l'immondizia sotto il tappeto...

Basta con i manganelli Sig. Berlusconi.
Mettiamoci i guanti e mascerina e incomincimo a ripulire. Tutti, cittadini e esercito.

Sergio
Sabro
Sabro
Napoli, NA
Post #: 1,171
Ciao a tutti!
ho mandato una email all'europarlamentare Monica Frassoni.....
chiunque voglia mandargliela questo è l'indirizzo email, l'ho trovato sul suo sito....
monica.frassoni@europarl.europa.eu­

Salve, faccio parte del Meetup di Napoli "Amici di Beppe Grillo", ma questa email non è a nome del gruppo di cui faccio parte, ma è una richiesta personale di aiuto come cittadino che sente minacciati i suoi diritti fondamentali alla salute e alla sicurezza.
Il Meetup fa parte del Comitato Rifiuti Tossici e negli ultimi anni ci stiamo battendo a Napoli e in Campania per una corretta gestione dei rifiuti, per avviare la raccolta differenziata, contro l'inceneritore di Acerra, contro l'apertura di discariche in posti palesemente inadatti come Pianura, Chiaiano, Serre.
In questo momento stiamo vivendo dei momenti drammatici, "grazie" al governo Berlusconi che con l'uso della forza intende portare avanti gli scellerati progetti presentati pochi giorni fa, come dimostrano gli scontri di questi giorni a Chiaiano, dove la polizia sta caricando i cittadini inermi.
Come saprà, fra le belle trovate del governo c'è, infatti, l'apertura di una mega discarica da 700 mila tonnellate a Chiaiano, dove doveva nascere il Parco delle colline di Napoli, forse l'unica area ancora incontaminata della città.
Altra notizia clamorosa per la sua gravità, l'annuncio che le migliaia di tonnellate di "ecoballe" prodotte in questi anni verranno bruciate nei termovalorizzatori in costruzione, prevedendo di realizzarne 4, quando è palesemente noto che quelle "ecoballe" non possono essere bruciate perchè non idonee all'incenerimento. Nei tg si è parlato finanche di incenerire la spazzatura tal quale, insomma si sta profilando un vero e proprio "attentato alla salute pubblica dei cittadini".
Ho visto il suo intervento durante la puntata di Anno Zero, la mia convinzione è che solo dall'Unione Europea e dai suoi organismi può venire un aiuto difronte a questi soprusi dei nostri neo-governanti.
Spero che risponda a questo appello, indicandomi quali strade possiamo battere e a quali organismi, commissioni, istituzioni europee ecc. possiamo rivolgerci per vedere tutelati i nostri diritti.
Davanti allo scempio della nostra terra per interessi privatistici noi cittadini non ci arrenderemo mai.
Cordiali saluti
Nome Cognome Città


MANDIAMOLA IN TANTI!
E' UN TENTATIVO CHE NON COSTA NULLA!
FORZA ITALIA!!!!
ADESSO SI PUO' DIRE DI NUOVO!!!!!!!!!!!
paola
paolanapoli
Napoli, NA
Post #: 983
Fatto
A former member
Post #: 62
FATTO
paola
paolanapoli
Napoli, NA
Post #: 988
Le ho inviato anche questo:

Discarica di Chiaiano

Questa sintesi sulla discarica a Chiaiano la scrissi qualche settimana fa prima degli episodi violenti che si sono verificati, prima del dlg del governo Berlusconi; prima che il Nostro Presidente Napolitano lo firmasse, per questo motivo non ci sono considerazioni in merito che altro spazio richiederebbero.
 
Sembra che a Napoli non accada mai nulla o che poco si muova, ma invece a Napoli le cose accadono così velocemente che devi stare continuamente allertato e non ti puoi fermare un attimo se vuoi mantenerti, per dirla alla Grillo, un ?cittadino informato?. L?ordinanza di Prodi su Chiaiano è stato un colpo di mano, un atto di forza del potere sui diritti dei cittadini, in deroga dei quali si muove sempre l?emergenza. Ma questa è storia già vecchia. Quello che è necessario ancora sottolineare e sottolineare con attenzione è quanto affermato dal geologo prof. Ortolani in due relazioni tecniche, redatte, la prima, a seguito di un sopralluogo alla cava, su invito del Presidente della Commissione Ambiente del Comune di Napoli; la seconda dopo la presa visione del ?progetto? della cava, e presentate, ambedue, in Commissione Ambiente martedì 29 aprile , alla presenza di molti consiglieri di maggioranza ed opposizione, delle associazioni cittadine e alla presenza dei prof. De Medici e Gariparoli, geologhi, che con lui concordano nei dati e nell?esposizione. Non c?era contraddittorio, perché l?arch. Pula, che avrebbe dovuto parlare a favore del progetto, all?ultimo momento ha comunicato che era in partenza per Roma Dalle relazioni si evince chiaramente ed il professore lo conferma nell?esposizione che innanzitutto il progetto del sito a fossa che si vuole realizzare a Chiaiano appare un progetto di massima e non un progetto esecutivo perché mancano i termini tecnici essenziali per definirlo tale; è, inoltre, privo di V.I.A, ossia della Valutazione di impatto Ambientale necessaria e obbligatoria per legge per ogni opera di tale portata; ma, sopratutto, cosa di massima importanza il progetto è tarato per accogliere spazzatura ?selezionata e trattata?, là dove si prevede di sversarvi il talquale. All?uopo riporto le dichiarazioni testuali del Commissario De Gennaro, che, comunicando la proroga del suo mandato al 26 maggio afferma a Repubblica : "La legge prevedeva discariche in più province", sottolinea "A Napoli era stata indicata quella di Terzigno che, però, sarà utile solo quando ci sarà il ciclo industriale dei rifiuti perché serve ad accogliere la frazione stabilizzata. Ora serve un sito capace di risolvere l'emergenza, un sito dove sistemare il tal quale". Altro elemento di estrema gravità; la cava presenta pareti verticali dissestate e fessurate, facilmente visibili nelle foto di progetto, che necessiterebbero per la messa in sicurezza di un ingente opera di consolidamento strutturale, costoso e lungo nei tempi di realizzo, ma possibile, come afferma il professore. Ancora bisogna sottolineare, ma è stato già fatto, che il progetto non valuta la presenza del costruendo serbatoio di acqua potabile dell?ARIN, limitrofo. Non si è provveduto a controllare se il detto serbatoio sia o meno sottoposto alla fossa. Nel caso dovesse risultare sottoposto si prefiguerebbe il pericolo di sversamento di pergolato anche in acque potabili. Dunque riassumendo: in un ambito di pertinenza cittadino, dove è, per legge, sovrano il consiglio comunale, ha deciso, a seguito di voto contrario di questo, lo stato con un ordinanza, in totale assenza di consenso locale Là dove il progetto prevede la realizzazione di una cava atta ad accogliere rifiuto ?selezionato e trattato all?origine? ci si accinge a sversare il tal quale. Si procederà in assenza di V.IA.; senza le opporture verifiche e controlli; senza le necessarie opere di consolidamento strutturale. Che questa sia la volontà del Commissario appare confermato ed eloquente dai tempi in cui egli reputa sarà realizzabile l?opera e aperta la discarica: 20 giorni!. Questo senza menzionare naturalmente, quanto già noto, ossia il parco metropolitano delle colline, il fatto che le cave siano state dichiarate non idonee per siti di dicarica, che il tal quale in discarica non sia permesso dalle direttive europee, che si mette a rischio la ciliegia di chiaiano, che si dovranno abbatte 100 alberi di castagno secolari per realizzare la strada atta al traffico dei camion sversatori che l?area è a ridosso della zona ospedaliera; ed altre considerazioni tecniche del tipo che la cava ha un fondo così detto a ?panettone? , molto permeabile per conformazione geologica, da cui defluiscono per irraggiamento le falde acquifere di tutta Napoli e provincia, che una cava a fossa non permette la manutenzione, il controllo, la ristrutturazione del fondo, che l?impermeabilizzazione consta di 1 metro di argilla e vari strati di teli settati per resistere 15, 20 anni agli agenti atmosferici, quali la pioggia e non il percolato, che l?impermeabilizzazione verticale prevede di procedere ogni due tre metri di riempimento con un uguale strato di argilla e poi con i teli, poggiando, naturalmente l?argilla sullo strato sottostante di rifiuti che, come anche un bambino sa, tende a perdere volume con il naturale processo di fermentazione e quindi genera abbassamento e slittamento del manto impermeabile verticale che vi si poggia.........
 
 
Giuseppe C.
user 5318786
Napoli, NA
Post #: 136
..e questa :

Dal dlg i rifiuti che finiranno in discarica:

.. Gli impianti di cui al comma 1 sono autorizzati allo smaltimento
dei rifiuti contraddistinti dai seguenti codici CER:
19.12.12; altri rifiuti (compresi materiali misti) prodotti dal trattamento meccanico dei rifiuti, diversi da quelli di cui alla voce 191211 (che sarebbe altri rifiuti (compresi i materiali misti) prodotti dal trattamento meccanico dei rifiuti, contenenti sostanze pericolose) [cmq previste sotto]

19.05.01; parte di rifiuti urbani e simili non compostata

19.05.03; compost fuori specifica

20.03.01; rifiuti dei mercati

19.01.12; ceneri pesanti e scorie, diverse da quelle di cui alla voce 190111 (ceneri pesanti e scorie, contenenti sostanze pericolose) [cmq previste sotto]

19.01.14; ceneri leggere, diverse da quelle di cui alla voce 190113 (ceneri leggere, contenenti sostanze pericolose) [cmq previste sotto]

19.02.06; fanghi prodotti da trattamenti chimico-fisici, diversi da quelli di cui alla voce 190205 (fanghi prodotti da trattamenti chimico-fisici contenenti sostanze pericolose) [cmq previste sotto]

presso i suddetti impianti e' inoltre autorizzato lo smaltimento dei rifiuti contraddistinti dai seguenti codici CER:
19.01.11*; ceneri pesanti e scorie, contenenti sostanze pericolose
19.01.13*; ceneri leggere, contenenti sostanze pericolose
19.02.05*; fanghi prodotti da trattamenti chimico-fisici contenenti sostanze pericolose
, nonche'
19.12.11*; altri rifiuti (compresi i materiali misti) prodotti dal trattamento meccanico dei rifiuti, contenenti sostanze pericolose

per il solo parametro «idrocarburi totali», provenienti dagli impianti di selezione e trattamento dei rifiuti urbani, alla stregua delle previsioni derogatorie di cui all'articolo 18.
https://www.gazzettauf...­.
Powered by mvnForum

Sign up

Meetup members, Log in

By clicking "Sign up" or "Sign up using Facebook", you confirm that you accept our Terms of Service & Privacy Policy