addressalign-toparrow-leftarrow-leftarrow-right-10x10arrow-rightbackbellblockcalendarcameraccwcheckchevron-downchevron-leftchevron-rightchevron-small-downchevron-small-leftchevron-small-rightchevron-small-upchevron-upcircle-with-checkcircle-with-crosscircle-with-pluscontroller-playcredit-cardcrossdots-three-verticaleditemptyheartexporteye-with-lineeyefacebookfolderfullheartglobe--smallglobegmailgooglegroupshelp-with-circleimageimagesinstagramFill 1languagelaunch-new-window--smalllight-bulblinklocation-pinlockm-swarmSearchmailmediummessagesminusmobilemoremuplabelShape 3 + Rectangle 1ShapeoutlookpersonJoin Group on CardStartprice-ribbonprintShapeShapeShapeShapeImported LayersImported LayersImported Layersshieldstartickettrashtriangle-downtriangle-uptwitteruserwarningyahooyoutube

Amici di Beppe Grillo di Roma Message Board › Quale verità?"ZERO - Inchiesta sull'11 settembre"il DVD


Quale verità?
"ZERO - Inchiesta sull'11 settembre"
il DVD

mariorossi.net
G.DAngelosante
Roma, RM
Post #: 42
Roma - dal 15 al 16 dicembre 2006
Giovanni Crescimanni - Sette domande sull'11 settembre



IL PANE E LE ROSE SPAZIO ARTE
vai alla scheda di questa sede
Via Lorenzo Ghiberti 19 (00153)
+39 065757663 (info)
ilpaneelerose@hotmail.it­
www.associazionearticolo9.it­
individua sullo stradario MapQuest

"Facit indignatio versus?: è stata l'indignazione a motivare questi dipinti di Giovanni Crescimanni
biglietti: ingresso libero
vernissage: 15 dicembre 2006. ore 18-22
autori: Giovanni Crescimanni
genere: arte contemporanea, personale

"Facit indignatio versus?: è stata l'indignazione a motivare questi dipinti di Giovanni Crescimanni; un impegno civile non gridato ma intransigente. Lo sdegno per il dover constatare come tanti tra i più tragici eventi della storia di questi ultimi decenni, sia italiani che internazionali, fino a culminare, appunto, nel catastrofico attentato alle torri gemelle newyorkesi, siano rimasti avvolti da misteri, da reticenze, dall'inverosimiglianza delle conclusioni rese pubbliche dalle commissioni d'inchiesta. Oscurità e sospetto proprio là dove la chiarezza, il trasparente comportamento dei poteri dello Stato, avrebbero dovuto imporsi adamantini e rassicuranti.
Carlo Fabrizio Carli

Per la prima volta un artista ha cercato di rappresentare l?orrore che ha suscitato in ognuno di noi la tragedia dell?11/9/2001. In galleria verrà proiettato il breve documentario prodotto da Megachip, di cui Crescimanni è coautore, che dà il titolo alla mostra.

Dopo la proiezione il giornalista Claudio Fracassi interverrà sull'argomento.
A former member
Post #: 396
ma do le trovi ste cose? ma sei un mito!
mariorossi.net
G.DAngelosante
Roma, RM
Post #: 45
ma do le trovi ste cose? ma sei un mito!
Generalmente su Google Alert (carbura bene!), a volte girovagando nel web, per esempio quella sopra su megachip.info, quella che segue girovagando tra i meetup­!
Grazie per il complimento e adesso cuccate il papiro che segue!!!





Risposte dell'editore di macrolibrarsi.it alle accuse poste al libro+dvd,
"11 settembre 2001. Inganno Globale"


In seguito alla pubblicazione del libro Inganno Globale e del DVD allegato, frutto dell'eccezionale lavoro di raccolta documentaria di Massimo Mazzucco il sito Macrolibrarsi sta ricevendo molte recensioni negative, di cui diverse con insulti personali. Come editore del libro + video ho ritenuto opportuno intervenire.

Viviamo in un'epoca fortunata, dove disponiamo di più informazioni di quanto sia mai successo prima, per quel che sappiamo. Eppure abbiamo anche la prova che, con grande frequenza, le informazioni che riceviamo sono manipolate. E talvolta può persino apparire che chi manipola più di ogni altri le informazioni sono i governi.
....
David Icke descrive molto bene in tanti suoi scritti questa tecnica, che egli definisce Problem-Reaction-Solution. In breve si crea artificialmente un problema, che avrà come conseguenza una reazione più o meno pilotata, che porterà al gradimento della soluzione desiderata, ma che senza il problema non sarebbe mai stata accettata.

I Paesi occidentali, come quelli orientali sono maestri in queste orrende messinscene compiute ovunque al fine di sottomettere colonie e ribelli.
Divide et impera è la tecnica vecchia come il mondo con cui sottomettere e tiranneggiare indisturbati. Tra i due litiganti il terzo gode.

Chi era abbastanza grande negli anni 70 in Italia è stato testimone di questo terrorismo teleguidato contro gli interessi che dichiarava di rappresentare
....
Non posso credere che la nazione più potente militarmente della storia conosciuta dell'umanità possa essere attaccata da un gruppo di arabi malconci, senza che trovino la benché minima difficoltà a portare a termine il loro piano.

Non posso credere che un aereo di linea si schianti volutamente contro il Pentagono, il Quartier Generale dell'Armata USA, senza trovare nessun contrasto.
E poi tutte le conseguenze che ne seguono: l'Afghanistan invaso immediatamente senza nessuna prova. L'Iraq invaso in base a menzogne. L'Afghanistan riportato alla miseria e alla produzione massiccia di droga. La Palestina occupata e distrutta. L'Iraq ridotto in miseria e squallore per decenni. Il mondo di nuovo diviso in due dopo il breve periodo di pace conseguente al crollo del Muro di Berlino e dell'URSS.

Chi odia la pace? Chi detesta la civiltà? A chi giova la guerra e il terrorismo, chi è che gode e si arrichisce sulla guerra? Chi sta facendo i più grandi profitti?
Banchieri, petrolieri e fabbricanti d'armi. Guarda caso gran parte del Governo USA, ma anche di tanti altri Stati, proviene da questi settori o è abituato ad eseguirne gli ordini. Guardate i bilanci di banche, aziende petrolifere e fabbriche d'armi dopo il 2001 e scoprirete a chi giova tutto ciò.

David Icke è un giornalista piuttosto famoso nel mondo, che fin dal primo momento ha contestato la versione ufficiale dell'11 settembre e noi ne abbiamo pubblicato i libri come Alice nel Paese delle Meraviglie e il Disastro delle Torri Gemelle.
....
Perché? A chi giova tutto questo? Se sono stati i musulmani, non si aspettavano la reazione del Governo Americano, che già prima dell'11 settembre predicava la guerra preventiva?
Possibile che non suoni neanche un po' strano che l'attacco dell'11 settembre era quanto di meglio potesse accadere per permettere di riprendere la corsa folle agli armamenti, per poter riprendere la politica coloniale e impossessarsi o dominare nell'area più ricca di petrolio del mondo e al tempo stesso giustificare qualunque azione violenta, in ogni parte del mondo. Era necessario un nemico per poter agire in libertà e il nemico è arrivato immancabile e puntuale, servito su un piatto d'argento. E il nemico ha permesso di aumentare ogni controllo sul popolo americano, indebolire ogni forma di opposizione, instaurare un regime semi dittatoriale dove è consentito imprigionare e torturare senza nessuna garanzia. E gradualmente estendere tutto ciò a tutto il mondo.
....
Icke e Mazzucco non erano soli. C'era un ampio movimento in USA e nel mondo che contestava la versione ufficiale. Si diceva che un terzo degli americani e la maggioranza degli abitanti di New York avesse dubbi al riguardo. Si diceva che molti parenti delle vittime fossero convinti che la verità fosse diversa (Anche in Italia con Ustica e con le stragi del terrorismo, con l'uccisione di Ilaria Alpi e tanti altri omicidi eccellenti avviene lo stesso, i parenti delle vittime, le persone che seguono con più attenzione e interesse le indagini denunciano ogni tipo di inganno e di maniolazione: non vi sembra una strana coincidenza?).
....
Massimo Mazzucco ha scritto un libro intero, corredato dalle immagini del documentario, per esporre le tesi di chi ritiene che la storia proposta da TV e giornali sia manipolata. Attaccarlo personalmente o su singoli particolari non è utile a chi vuole ricercare la verità. Lui, e noi insieme a lui, vogliamo mettere a disposizione un altro punto di vista. Non siamo fondamentalisti islamici, estremisti di sinistra, amici dei terroristi. Vorremmo non avere nessuna etichetta, non crediamo di avere l'unica verità, né di essere i buoni contro i cattivi. Ci sforziamo di condividere dubbi e studi, ricerche e riflessioni amare e poco gradevoli. Dall'esame delle contraddizioni e dei limiti che sicuramente sono presenti nel libro + video di Mazzucco potranno emergere nuove informazioni e conoscenze che consentiranno di avere maggiori elementi di comprensione per tutti, riguardo a questo evento che ha segnato così profondamente questi anni.
Maggiori dettagli...
Giorgio Gustavo Rosso



­
Massimo Mazzucco
11 Settembre 2001 - Inganno Globale + DVD

Tutto quello che le televisioni non ci hanno raccontato sui fatti di quel giorno




­

David Icke
Alice nel paese delle meraviglie e il disastro delle torri gemelle

Ecco perché la versione ufficiale dei fatti dell'11 settembre è una menzogna colossale

A former member
Post #: 109
Inoltro una mail così come mi è arrivata.
Ciao
Marco


Vuoi diventare coproduttore di un importante film sulle bugie dell'11 settembre?

Il film "ZERO - inchiesta sull'11 settembre", fortemente voluto dall'europarlamentare Giulietto Chiesa, vede la partecipazione di Dario Fo, Lella Costa ed altri.
Il film, che e' in fase di completamento, e' una seria e rigorosa inchiesta giornalistica sui fatti dell'11/9. A differenza di altri documentari, ZERO utilizza documenti, interviste e filmati propri e mette in luce importanti falle nella versione ufficiale mai affrontate in precedenza.
La voce narrante potrebbe essere quella di un famosissimo attore statunitense, che ha mostrato interesse per il film ma che ancora non ha formalizzato la propria partecipazione. La produzione intende promuovere ZERO al festival di Venezia, poco prima dell'11 settembre 2007. Se si fa in tempo c'e' anche la possibilita' del festival di Cannes tra quattro mesi.

L'obiettivo e' distribuire il film nelle sale cinematografiche mondiali.
Il costo di produzione e' di 500.000 euro ed e' stata scelta una innovativa forma di proprieta': l'azionariato popolare. Il costo e' suddiviso in 1000 quote da 500 euro. Chi dovesse acquistare una quota, diventa proprietario del film per un millesimo e, oltre a comparire nei titoli di coda, prendera' di conseguenza un millesimo degli utili, utili che deriveranno da: 1) le sale cinematografiche italiane e mondiali, 2) la vendita del film in DVD in libreria con un libro, 3) la vendita del DVD da solo, 4) la vendita del DVD con un giornale in edicola, 5) gli eventuali passaggi in televisione, 6) i diritti che chiunque dovrà pagare se verranno utilizzate immagini di questo film

Sono rimaste poco piu' di 200 quote disponibili, che molto probabilmente verranno acquistate entro la fine di gennaio.

C'e' anche un sito internet dedicato: http://www.zeroinvest...­
utile per gli aggiornamenti e per vedere: la presentazione del film, quali sono le fonti utilizzate e chi ci lavora

Chi vuole ricevere maggiori informazioni sul progetto e il documento con il piano finanziario puo' scrivermi a questo indirizzo: danielefrongia@gmail.com

E' anche disponibile un DVD (Collage di immagini relative a ZERO: 23 minuti).
Ciao
Daniele Frongia, PalestinaLibera
mariorossi.net
G.DAngelosante
Roma, RM
Post #: 56
...Vuoi diventare coproduttore di un importante film sulle bugie dell'11 settembre?

Il film "ZERO - inchiesta sull'11 settembre", fortemente voluto dall'europarlamentare Giulietto Chiesa, vede la partecipazione di Dario Fo, Lella Costa ed altri...

Presentato "ZERO", film-inchiesta italiano su 11 settembre.

Obiettivo dichiarato: smontare le conclusioni (e i presupposti) della ricostruzione ufficiale, e farlo uscendo dalla nicchia di Internet. E' in arrivo 'Zero', il film-inchiesta italiano sull'11 Settembre. Punta al grande pubblico e alle tantissime testimonianze di chi ha vissuto, o approfondito, gli eventi di quel giorno unisce immagini inedite ma anche cartoni animati e le voci narranti di attori famosi. Primo tra tutti Dario Fo: è il premio Nobel a spiegare, nella sigla, quale è la 'verità' emersa dal lavoro della Commissione d'inchiesta. Ma non ci sarà solo Fo. Sui nomi di richiamo, Lella Costa compresa: la vera sorpresa potrebbe essere annunciata a breve, un attore di lingua inglese di fama mondiale che costituisca il passaporto per un lancio del film sul mercato internazionale (la versione originale del film è in inglese proprio per questo). Forse, ma è un sussurro e le trattative sono ancora in corso, George Clooney o Charlie Sheen. Parentesi leggere per un lungometraggio che ha tutt'altro spessore. 'Zero', diretto da Franco Fracassi e ideato anche dall'europarlamentare Giulietto Chiesa, è un documentario giornalistico e va direttamente al sodo. Lasciando parlare chi ha titolo per farlo. Novanta le persone intervistate: i sopravvissuti, gli esperti 'complottisti' e gli scienziati che si basano solo sui fatti, chi ha partecipato alle indagini ufficiali, chi lavorava per i Servizi; la fidanzata di Mohammed Atta, considerato il principale esecutore della strage dell'11 settembre. Il tutto con l'aiuto e il sostegno dell'Associazione dei familiari delle vittime. 'Zero' è stato presentato oggi. Sarà pronto per l'uscita nelle sale tra un paio di mesi. Distributori permettendo. E verrà accompagnato da due Dvd e da un libro che raccoglieranno i documenti a supporto della tesi opposta. Ovvero, che occorre ripartire da zero se si vuole arrivare alla verità (Chiesa ne fa anche un obiettivo politico: "La Commissione d'inchiesta dovrà essere riaperta"). Smuovendo l'opinione di chi non naviga su Internet ma guarda la tv o va al cinema. Anche se l'ossigeno necessario l'ha fornito il web: il tam-tam è partito dal blog di Beppe Grillo ed ha portato ad autofinanziare il film grazie ai 370.000 euro raccolti attraverso l'azionariato popolare. E di tracce di 'Zero' internet è piena, tra il sito ufficiale anche in arabo e le quote messe in vendita su eBay.
www.tendenzeonline.info­

Sito ufficiale del film:
www.zerofilm.it

Anche su:
www.giornalisti.it
news.cinecitta.com
www.zainet.it
www.cinemadelsilenzio.it­
www.close-up.it
www.cinematografo.it­
www.mariorossi.net
mariorossi.net
G.DAngelosante
Roma, RM
Post #: 57
Dal quotidiano Il Tempo:

Nessuno, più di cinque anni dopo, ha spiegato in che modo Edna Cintron abbia potuto compiere il percorso a ritroso dentro la Torre devastata dagli incendi.


Per i dietrologi, il fotogramma che immortala la 46enne bionda impiegata di origine portoricana in quella assurda posizione, è una delle «prove» che a far crollare i due giganti del World Trade Center non furono gli impatti degli aerei: gli incendi innescati dal carburante sarebbero stati più contenuti di quanto ipotizzato dall?esterno. Così, magari, anche le teorie della "demolizione controllata" o di missili sparati da qualche F-16 al disperato inseguimento dei Boeing dirottati non apparivano poi del tutto infondate.
...segue su www.iltempo.it

Scarica il Video Size 1.2M
mariorossi.net
G.DAngelosante
Roma, RM
Post #: 63
INCHIESTA su Focus n 172
Titolo:
E VOI CI CREDETE?
Sottotitolo:
A 5 anni dall?11 settembre, un americano su 3 non crede che 19 arabi abbiano messo in ginocchio gli Usa. Ecco i dubbi più diffusi.

http://www.focus.it/I...­

mariorossi.net
G.DAngelosante
Roma, RM
Post #: 71
11 Settembre 2001 ? Il Grande Complotto

Oltre 30 milioni di downloads! Il film più visto in Internet!
L'11 Settembre ha cambiato il corso della storia. La guerra al Terrorismo, l'operazione ?Iraqi Freedom? e il Patriot Act sono tutti figli di questo drammatico evento.

Un quarto della popolazione mondiale ha seguito i fatti in diretta TV e tutto il resto del mondo ne è venuto a conoscenza nelle ore successive. Vedere per credere, l'impensabile era lì, sotto gli occhi di tutti, sugli schermi delle nostre TV. Il terrorismo globale era diventato realtà.

L'attacco ha polverizzato le Torri Gemelle del World Trade Center, aperto una breccia nel Pentagono e provocato oltre 3.000 morti.

Un attentato terroristico islamico. E' la spiegazione ufficiale di quanto accaduto. Al Qaeda, Osama Bin Laden diventano gli spettri che terrorizzano il mondo.

Ma se le cose fossero andate diversamente da come pensiamo? Se gli eventi fossero stati manipolati per farli sembrare un attacco terroristico?

Il Grande Complotto (Loose Change Second Edition) è il film, basato su testimonianze, cronache sul posto e prove scientifiche, che ipotizza l'esistenza di un'altra verità diversa da quella ufficiale
Siamo forse tutti vittime del più grande falso della storia?


http://www.exacinema.it/prodotti/prodotto.php?idCd=2100&idCategoria=50#contenuto­
il_sogno
user 2364568
Roma, RM
Post #: 11
INCHIESTA su Focus n 172
Titolo:
E VOI CI CREDETE?
Sottotitolo:
A 5 anni dall?11 settembre, un americano su 3 non crede che 19 arabi abbiano messo in ginocchio gli Usa. Ecco i dubbi più diffusi.

http://www.focus.it/I...­

ho letto questo articolo di "focus": devo dire che mi sembra ben fatto (almeno per chi voglia
iniziare a studiare l'argomento) .

In generale devo dire che "focus" spesso ha ripreso argomenti che sono piu' cari
ai meetupers quali , per esempio, anche il pericolo delle nanoparticelle .

Ma il problema fondamentale, secondo me, e' che (a prescindere dalla qualita' delle notizie
dei maggiori quotidiani) in Italia si legge in media molto poco in confronto con gli altri grandi paesi europei .

il_sogno
A former member
Post #: 97
Ho preso quel settimanale. Per quanto riguarda il crollo delle due torri e la confutazione della tesi dell'edificio minato e' abbastanza convincente, per quanto riguarda l'edificio n. 7 annaspa un po', e come al solito, per quanto riguarda il pentagono, diluvio di scemenze.
Ovviamente non accenna neanche alle testimonianze secondo cui i due aerei che hanno colpito le torri erano senza finestrini, ne' alle foto che mostrano strani "bozzi" sotto la fusoliera, e via di questo passo.
Il fatto che le due torri non siano cadute perche' minate non significa che i due aerei fossero proprio quelli dirottati.
Inoltre non parla del fatto che sugli aerei non c'era nessun arabo sia sulla lista d'imbarco che nelle riprese video, e via cosi'. L'unica cosa veramente nuova (almeno per me) e' una bellissima foto dell'edificio n. 7 prima del crollo, dove si vede che era gravemente compromesso (sempreche' non fosse truccata).
Powered by mvnForum

Sign up

Meetup members, Log in

By clicking "Sign up" or "Sign up using Facebook", you confirm that you accept our Terms of Service & Privacy Policy