addressalign-toparrow-leftarrow-rightbackbellblockcalendarcameraccwcheckchevron-downchevron-leftchevron-rightchevron-small-downchevron-small-leftchevron-small-rightchevron-small-upchevron-upcircle-with-checkcircle-with-crosscircle-with-pluscontroller-playcrossdots-three-verticaleditemptyheartexporteye-with-lineeyefacebookfolderfullheartglobegmailgooglegroupshelp-with-circleimageimagesinstagramFill 1light-bulblinklocation-pinm-swarmSearchmailmessagesminusmoremuplabelShape 3 + Rectangle 1ShapeoutlookpersonJoin Group on CardStartprice-ribbonprintShapeShapeShapeShapeImported LayersImported LayersImported Layersshieldstartickettrashtriangle-downtriangle-uptwitteruserwarningyahoo

Domande per il progetto A lezione con.......

From: Silvana C.
Sent on: Friday, January 6, 2012 1:51 AM

Ragazzi, ho buttato giù le seguenti domande da fare al prof. Sacconi, il primo che intervisteremo:

Le tematiche che vorrei affrontare sono le seguenti:


- responsabilità etico-sociale delle imprese:
piaccia o no innumerevoli questioni della nostra vita (condizioni di lavoro, prezzi, trasporti, ambiente, alimentazione, forme di risparmio, istruzione, etc) dipendono da decisioni di aziende multinazionali più che da decisioni di un singolo Stato-nazione. Le multinazionali ormai decidono se, come, quando, su che livelli essere responsabili o irresponsabili, influendo pesantemente sulle nostre vite. In che modo affrontare la perdita di efficacia delle decisioni di uno Stato e in che modo insistere affinchè su scala internazionale le multinazionali agiscano secondo principi di responsabilità etico-sociali-ambientali?

- finanza:
alcuni studi collocano il livello di capitalizzazione della finanza speculativa tra le 10 e 20 volte il Prodotto Interno Lordo Mondiale: come mai i mercati e la finanza internazionale, soprattutto quella speculativa, hanno tanto potere e possono mettere in pericolo la sopravvivenza economica delle nazioni? E' sostenibile un sistema in cui prevale il settore finanziario rispetto all'economia reale? in cui intere Nazioni e imprese si indebitano emettendo obbligazioni che dipendono poi da agenzie di rating (Moody’s, Standard & Poor’s e Fitch - una loro decisione negativa può far alzare il costo dell’indebitamento di miliardi di euro).

- la crisi attuale ha messo in luce i difetti fondamentali del capitalismo mondiale e delle politiche macroeconomiche dei paesi maggiormente sviluppati. Per il Premio Nobel per l'economia Stiglitz bisognerebbe cominciare a mettere in atto politiche più attente all'equità (sia su scala nazionale, che su scala internazionale), allo sviluppo, alla giustizia, indagando a fondo le ripercussioni negative di istituzioni internazionali come il Fondo Monetario e la Banca Mondiale. Come vede il ruolo predominante che ha il FMI (e gli altri istituti mondiali) nella gestione della crisi globale alla luce di quanto sostiene Stiglitz e quel filone di studi economici, in particolare dopo che queste istituzioni si sono rese protagoniste di comportamenti discutibili soprattutto nei confronti di Paesi in via di sviluppo?

- democrazia diretta e i suoi strumenti (referendum propositivo senza quorum, revoca da parte degli elettori in qualsiasi momento di un politico, mozione di sfiducia verso rettori, dirigenti, presidenti, etc.):
quali i benefici e quali i rischi che si corrono? quali i vantaggi sulla democrazia rappresentativa.

- nuove forme di politica dal basso:
quanto sono importanti i media per la democrazia e per la promozione della giustizia in generale? come è cambiato il ruolo dei media con l'avvento di internet e dei social network & co. (fb, twitter, meetup, blog, skype, etc.) per la formazione del dibattito pubblico e per la partecipazione del popolo alla vita politico-sociale del proprio paese?

- decrescita:
se è ormai riconosciuto che il perseguimento della crescita è incompatibile con un pianeta finito e che la catastrofe ecologica e umana è dietro alle porte, perchè la classe dirigente politica (italiana ed europea in generale) continua a ragionare in termini di crescita, di aumento del PIL, e non si sofferma su un nuovo concetto di società, quello della società della decrescita?

Infine vorrei fare a tutti gli intervistati la seguente domanda introduttiva scomoda:
durante i due decenni passati l'Italia si è avvicinata a passo svelto al baratro (vicino al quale siamo ancora oggi) e al contempo le Procure italiane hanno svelato agli italiani un Paese di ruberie, di corruzione culturale e morale, di scandali, di malaffare, di prostituzione, di leggi ad personam, di conflitti di interesse, di parlamentari mafiosi, in cui l'interesse per il bene comune coincideva solo con la spartizione di interessi e di poteri. Perchè gli intellettuali italiani e gli accademici non hanno alzato la loro voce e gridato con forza e vigore allo scandalo? dove sono stati in tutti questi anni?


Che ne dite?

Rispondete su Bacheca del MeetuP: http://www.meetup.com/movimento5stellepadernodugnano/messages/boards/thread/18647932

People in this
Meetup are also in:

Sign up

Meetup members, Log in

By clicking "Sign up" or "Sign up using Facebook", you confirm that you accept our Terms of Service & Privacy Policy