addressalign-toparrow-leftarrow-rightbackbellblockcalendarcameraccwcheckchevron-downchevron-leftchevron-rightchevron-small-downchevron-small-leftchevron-small-rightchevron-small-upchevron-upcircle-with-checkcircle-with-crosscircle-with-pluscrossdots-three-verticaleditemptyheartexporteye-with-lineeyefacebookfolderfullheartglobegmailgooglegroupshelp-with-circleimageimagesinstagramFill 1linklocation-pinm-swarmSearchmailmessagesminusmoremuplabelShape 3 + Rectangle 1ShapeoutlookpersonJoin Group on CardStartprice-ribbonShapeShapeShapeShapeImported LayersImported LayersImported Layersshieldstartickettrashtriangle-downtriangle-uptwitteruserwarningyahoo
A former member
Post #: 46
Ho letto il report, non mi sembra sia stata una seratina tranquilla. Come hanno reagito i due nuovi del gruppo Mario e Luigi?
Ti volevo anche chiedere, Quinto come si è posizionato nella discussione? Si è estraniato, o ha preso posizione?
Francesco invece come ha mediato? Visto che ci aveva invitato lui, è intervenuto positivamente e in nostra difesa? (anche se ho capito che non ne avevamo bisogno;-))
Mi sembra comunque di capire, e lo aveva già intuito nelle riunioni precedenti, che diamo fastidio per la nostra intransigenza nel difendere l'area. La posizione di Iacopo e quelli della sua parte politica è chiara, fare applicare il PUE. Senza ombra di dubbio, noi per questo progetto diamo molto fastidio. Aggiungo, visto che le mie idee iniziali si stanno concretizzando, che lui è lì per mediare (e non a caso si pone sempre come mediatore) con i comitati per dare loro un accontentino per poi operare nei loro progetti. E noi in tutto questo, cosa c'entriamo? Che tipo di accontentino ci potranno mai dare per poter operare con i loro progetti?
Vuol dire che stiamo facendo un ottimo lavoro, continuiamo così che andiamo bene. A lunedì!!
A former member
Post #: 155
Ringrazio Mario e Massimiliano per i dettagliati report delle attività con il comitato San Salvi, penso che parteciperò alla prossima riunione, sono curioso di capire queste dinamiche di "fazioni" interne al Comitato.
daniele b.
user 8805192
Firenze, FI
Post #: 9
sono d' accordo con Mario nell'analisi del perchè ,Iacopo Ghelli ,possa essere disturbato dalla nostra presenza. E' davvero probabile desiderino l'approvazione del PUE. Il nostro pensiero è che il PUE dovrebbe essere azzerato per evitare che la sua realizzazione degeneri poi in una deriva speculativa. Un incontro con la proprietà, presentando un progetto adeguato, potrebbe essere l'inizio di una nuova trattativa.
A former member
Post #: 47
REPORT Partecipazione alla Riunione Salvare San Salvi del martedì

RIUNIONE PARTECIPATA DEL GRUPPO SAN SALVI (Meetup) NELLA RIUNIONE SETTIMANALE DEI COMITATI DI SAN SALVI

26 novembre 2013, ore 21,15
Sede: Via Aretina 301 c/o Circolo ARCI “La Loggetta”

Per il M5S presenti: Federico, Mario Scali. Per i Comitati e a titolo personale presenti altri 11 cittadini.

ODG:
1) Analisi della nuova legge regionale 46 prendendo spunto su situazioni analoghe tipo Sant’Orsola.
2) Lettere e iniziative per portare attenzione pubblica nell'area San Salvi.

L’assemblea è iniziata molto tranquilla, sono stati esposti gli ordini del giorno e abbiamo subito incominciato a parlare della legge Regionale 46, e come situazioni analoghe potevano aiutare il comitato ad affrontare le nuove situazioni. La mancanza del promotore dell’art. 46 non ha potuto al comitato approfondire l’argomento. Volevano fare delle domande di approfondimento, sintomo di grosso interesse da parte loro e grande soddisfazione per noi, perché, tramite Massimiliano Domizi siamo stati i promotori. Il Ragazzo iscritto ad ALBA insieme alla sua amica, hanno evidenziato una trasmissione su RAI 5 che parlava di un’area identica in tutto e per tutto a San Salvi, Santa Maria della Pietà di Roma, spunto per fare una ricerca di come le istituzioni e i cittadini si stiano adoperando per salvaguardare e non l’area.
Quinto è intervenuto chiedendo quale forma giuridica poteva essere presa in considerazione da parte delle istituzioni, Regione ed Europa, per eventuali progetti e/o finanziamenti. L’avvocato ha risposto che probabilmente già il comitato da solo o insieme ad altre realtà tipo scuole potrebbero essere parti interessate, ma meglio sentire direttamente la Regione per chiarimenti certi.
Iacopo ha posto l’idea di forzare il tiro sull'ASL, affermando che l’area è ad uso pubblico, ed essendo l’ASL proprietaria all’80% ha l’obbligo di mantenimento del buono stato di San Salvi. Puntualizzando il non buono stato delle piante esistenti e la non cura di tutta l’area calpestabile. Ha preventivato circa 6/7 milioni di Euro per la manutenzione, direi ottimo argomento per far abbassare i toni da parte dell’ASL che non vuole interlocutori per il futuro di San Salvi.
I partecipati sono stati aggiornati del punto di informazione alle scuole, se la lettera preparata erano stata portate agli insegnanti e quante e quali tipo di scuole potevano essere informate. I partecipanti sono più propensi, dopo un’attenta analisi, a far partecipare le scuole primarie, in quanto gli alunni sono più seguiti dai genitori e potevano eseguire dei lavori per poi portarli in mostra all'interno di San Salvi.
Altri interventi sono stati su mercati da sviluppare all'interno dell’area di San Salvi, portare in pianta stabile il mercatino di P.za Alberti o farne nascere uno nuovo una volta al mese, per riuscire finalmente a far entrare senza remore i cittadini. Federico si è reso disponibile per portare degli artisti di strada per una manifestazione per bambini, l’idea è piaciuta molto. L’intervento di Mario è stato su una manifestazione che comprendesse l’eventuale premio ai bambini partecipanti con i loro lavori per San Salvi, abbinata ad un mercatino organizzato e appunto gli artisti di strada, che con una forza unica fatta di sinergia poteva portare tantissima gente, considerando che l’area è molto grande e che un singolo evento rischia di perdersi e non creare la meritata attenzione dei media.
Francesco D’Angelo ha portato l’idea di creare una “toponomastica” di San Salvi, ad oggi esiste un singolo numero civico per l’intera area e numeri interni per i padiglioni. L’idea era quella di abbinare alle vie dei nomi di persone che si sono adoperate per il bene dell’area e questa è veramente un argomento da prendere in forte considerazione.
Si chiude la riunione lasciando gli impegni. Iacopo contatto con la Regione, Franca contatto con gli insegnanti e prossimo appuntamento per il 10 Dicembre per gli sviluppi di quanto fatto.

La riunione si è conclusa alle 23.30
Pietro T.
user 70185292
Firenze, FI
Post #: 63
Avrei messo un mi piace per confermarti la mia presa visione della tua interessante relazione ma non è possibile quindi posto questo messaggio per ringraziarti delle importanti informazioni contenute e per ringraziare te e tutti gli altri partecipanti per l'azione che state portando avanti a vantaggio di tutto il movimento e dei cittadini di Firenze contro le soluzione precostituite e imposta dall'alto del vecchio modo di fare politica.
Grazie.
quirina c.
quirinacantini
Bagno a Ripoli, FI
Post #: 154
Grazie Mario...
Massimiliano D.
user 13169576
Firenze, FI
Post #: 333
E' con viva e vibrante soddisfazione che vi aggiorno sulle evoluzioni del progetto Salvare San Salvi e sulla conferma della possibilita di avviare un processo partecipativo regionale (come da noi suggerito nel mese di novembre).

Questo è il testo del report realizzato da Maria D'olimpo e di seguito la mia risposta:

"Sulla legge della partecipazione: a seguito di un colloquio informale con una personalità addentro la questione, è emersa la compatibilità del caso San Salvi con la seconda parte della legge sulla partecipazione e la concreta possibilità di avviare un processo partecipativo locale. I prossimi passi da compiere in tal senso dunque sono:
-La raccolta di firme nel quartiere (su un totale di 92000 abitanti del Quartiere 2, sarebbero sufficienti circa 1000 firme);
-La stesura di un progetto da presentare, entro tempi brevi (a fine gennaio sarebbe opportuno disporre già di una prima bozza).
Parallelamente, è necessario portare avanti l'opera di sensibilizzazione sul tema presso le scuole (Andrea del Sarto e Gramsci attraverso i canali già aperti, dal momento che il processo partecipativo locale deve avere anche finalità didattiche), le parrocchie (Bellariva, Salesiani, S. Maria a Coverciano), l'Università (coinvolta non solo per la presenza della facoltà di Psicologia ma anche per il Residence inutilizzato).
Per quanto riguarda la stesura del progetto e il coinvolgimento degli altri soggetti interessati, siamo stati concordi nel ritenere che il programma deve avere un tono senz'altro propositivo, più che contestativo, teso alla massima inclusività possibile, senza correre il rischio di intaccare gli interessi dei soggetti già presenti o di "irritare" in qualche modo gli stessi. Un progetto che sia dunque generico, positivo e dotato di appeal anche per la stessa Asl, nei confronti della quale un muro contro muro sarebbe controproducente. Anche l'argomento PUE dunque andrebbe, se non momentaneamente evitato, letto nell'ottica di una residenzialità pubblica piuttosto che privata, per dare delle risposte a chi è senza casa (a questo proposito, altro soggetto da coinvolgere in futuro potrebbe essere la Scuola Edile della Provincia -utile per ristrutturazioni a costo zero-)

L'anno nuovo dovrà cominciare cercando di allargare il Coordinamento SSS già esistente e passando ad una fase decisamente più operativa.
Prossima riunione martedi 7 gennaio ore 21.15 alla Casa del Popolo di Varlungo.
Saluti"

Massimiliano Domizi:

"Grazie Maria, ottime notizie per questo nuovo inizio anno! Mi rallegra molto ricevere la conferma che esistono realmente i termini per avviare un processo partecipativo, se avviato, con certezza questo porterà numerosi effetti benefici, primo fra tutti la possibilità di informare e coinvolgere efficacemente la cittadinanza.

Concordo pienamente sull'analisi della seconda parte del messaggio, dove suggerisci di avere un approccio propositivo e non di contrapposizione o protesta a prescindere. Questo è possibile farlo essenzialmente con un progetto valido e fattibile da presentare. La sua realizzazione credo sia il luogo dove convogliare tutti i nostri sforzi e le nostre risorse.

Auguro a tutti un nuovo anno pienno di soddisfazioni


Massimiliano Domizi

P.S. Per impegni già presi in precedenza purtroppo non potrò essere presente martedì sera, ma aspetto impazientemente di leggere il report dell'incontro.

Ancora auguri e buon lavoro."


Powered by mvnForum

Our Sponsors

Sign up

Meetup members, Log in

By clicking "Sign up" or "Sign up using Facebook", you confirm that you accept our Terms of Service & Privacy Policy