addressalign-toparrow-leftarrow-leftarrow-right-10x10arrow-rightbackbellblockcalendarcameraccwcheckchevron-downchevron-leftchevron-rightchevron-small-downchevron-small-leftchevron-small-rightchevron-small-upchevron-upcircle-with-checkcircle-with-crosscircle-with-pluscontroller-playcredit-cardcrossdots-three-verticaleditemptyheartexporteye-with-lineeyefacebookfolderfullheartglobe--smallglobegmailgooglegroupshelp-with-circleimageimagesinstagramFill 1languagelaunch-new-window--smalllight-bulblinklocation-pinlockm-swarmSearchmailmediummessagesminusmobilemoremuplabelShape 3 + Rectangle 1ShapeoutlookpersonJoin Group on CardStartprice-ribbonprintShapeShapeShapeShapeImported LayersImported LayersImported Layersshieldstartickettrashtriangle-downtriangle-uptwitteruserwarningyahooyoutube

Gli Amici di Beppe Grillo di Salerno Message Board Gruppi di studio e gruppi di lavoro › GRUPPO DI LAVORO: FONDERIE PISANO

GRUPPO DI LAVORO: FONDERIE PISANO

A former member
Post #: 4,549
tratto da diritto all'ambiente di Paola Ficco e Maurizio Santoloci



A former member
Post #: 4,611
Incredibile ma vero, voi membri di questo meetup che siete informati, vi sarete creati un'idea sui fatti e non sulle opinioni...


In Campania ci sono anche realtà ?virtuose?: la Provincia di Salerno

Maria Grazia Panico - direttore del servizio di epidemiologia, Asl Salerno 2

I riflettori puntati sulla Campania a proposito dell?emergenza rifiuti hanno portato all?attenzione del mondo un problema reale, ma non hanno fatto alcuna distinzione nel diversificato territorio della Regione Campania. Poco o niente è stato detto sulla Provincia di Salerno, toccata solo marginalmente dal problema dei rifiuti. Anzi, si può affermare che rappresenta un esempio di realtà virtuosa nel panorama regionale: per esempio, non ci sono rifiuti per strada grazie alla presenza di impianti di smaltimento, che hanno trattato tonnellate di rifiuti campani, alla tempestiva identificazione di siti di stoccaggio provvisorio e ?aree di trasferenza? e all?attenzione dei Comuni per l?igiene urbana.

Salerno si caratterizza, inoltre, per l?efficienza della raccolta differenziata: è tra le Province campane quella con la più alta percentuale di raccolta differenziata (nel 2006, 21,3%: un dato poco inferiore a quello nazionale, 25,8%, ma nettamente superiore a quello regionale).

Sicuramente questi risultati sono stati favoriti anche dalle caratteristiche del contesto territoriale e demografico della zona, molto diverse da quelle delle Province di Napoli e Caserta: la Provincia di Salerno è molto estesa, occupa il 36% del territorio regionale e accoglie il 19% degli abitanti della Regione.

La densità abitativa è meno di 1/10 di quella di Napoli con 222 abitanti per chilometro quadrato, e la maggior parte dei Comuni (circa il 70%) ha meno di 5000 abitanti. In queste realtà risulta sicuramente più facile avviare la raccolta differenziata dei rifiuti: è proprio nei piccoli Comuni, infatti, che si registrano i valori più alti, con punte dell?80-90%. Bisogna però riconoscere anche i meriti delle amministrazioni, per l?impegno nell?implementazione della raccolta differenziata e nella cura dell?igiene urbana, e dei cittadini che hanno risposto positivamente: tanto è vero che anche la città di Salerno, le cui percentuali al 2006 non erano tra le più alte della Provincia, è stata sempre mantenuta pulita.

La situazione ?virtuosa? riguarda anche i prodotti caseari: diversi Comuni della Asl Salerno 2 fanno parte del territorio della mozzarella di bufala campana Dop, e i controlli effettuati dai servizi veterinari non hanno evidenziato valori di diossina superiori alle soglie stabilite per legge.



La dott.ssa Panico fu invitata all'assemblea di Zona del 3 settembre 2006, non venne poiché aveva altri impegni.

Perché si sono spenti i riflettori sul caso Pisano? Azienda condannata! Perché la magistratura non ha indagato sulla salute dei cittadini? Perché il Sindaco, massima autorità sanitaria non ha fatto nulla? Perché i medici salernitani non forniscono dati precisi (epidemiologici e tossicologici) sulla salute della popolazione circoscritta all'area inquinata?


A former member
Post #: 5,609
Non è l'incendio di una montagna, è la fonderia Pisano al lavoro. I cittadini ammalati devono ringraziare il Sindaco Vincenzo De Luca per la sua premura nel far rispettare l'articolo 32 della Costituzione.

I cittadini di Pellezzano e Baranossi ringrazino i loro rispettivi zelanti Sindaci.

Grazie all'azienda sanitaria salernitana ASL2 per l'efficace prevenzione delle malattie, grazie!!

dal 1961 la migliore ghisa ed i migliori chiusini spediti in tutta Italia


immagini 01

immagine 02










­questa non è nebbia padana, sono i fumi della fonderie in tutta la valle dell'Irno


A former member
Post #: 56
Grandi fotooooooooooooo sei in gamba davvero falli neri a ste quattro parvenze di sindaci e assessori falsi, Che se ne fregano della salute del prossimo.
Auguro a questi signori e alla Panico di ricoverarsi un giorno si ed uno no all'hospedale forse capirà che racconta da anni solo stronzate.
A former member
Post #: 6,142
tratto da Giangiulio Ambrosini, la Costituzione spiegata a mia figlia, Einuadi

del diritto d'iniziativa economica

­



dal sito dell'UE del principio chi inquina paga



SINTESI

La direttiva istituisce un quadro di responsabilità ambientale basato sul principio "chi inquina paga" per prevenire e riparare i danni ambientali.

Campo di applicazione e regime di responsabilità

* Ai sensi della direttiva, i danni ambientali sono definiti nel modo seguente:

* i danni, diretti o indiretti, arrecati all'ambiente acquatico coperti dalla legislazione comunitaria in materia di gestione delle acque ;

* i danni, diretti o indiretti, arrecati alle specie e agli habitat naturali protetti a livello comunitario dalla direttiva " Uccelli selvatici " del 1979 e dalla direttiva " Habitat " del 1992;

* la contaminazione, diretta o indiretta, dei terreni che crea un rischio significativo per la salute umana.

Il principio di responsabilità si applica ai danni ambientali e alle minacce imminenti di danni qualora risultino da attività professionali, laddove sia possibile stabilire un rapporto di causalità tra il danno e l'attività in questione.

La direttiva distingue due situazioni complementari cui si applica un regime di responsabilità diverso: da una parte, le attività professionali elencate nella direttiva stessa, e dall'altra parte, altre attività professionali.



tratto da State of the World 2008 del principio di precauzione

­



denuncia: Video inchiesta

i danni ambientali per ora riscontrati tramite "rilievi" (prelievi del terreno)

Estratto dalla Carta geochimica ambientale del prof. Benedetto De Vivo, Università degli Studi di Napoli Federico II

è stato pubblicato l'Atlante geochimico ambientale della Città di Salerno. Il Comune potrà acquistare le copie dalla casa editrice Aracne (www.aracneeditrice.it). Entrando nel sistema Aracne inserendo mio Benedetto De Vivo oppure Atlanti geochimici e vengono fuori tutti gli Atlanti che il prof De Vivo ha pubblicato (Napoli, Avellino, Campania, Ischia, Caserta, e adesso Salerno). E' in progress quello dell'intera Italia.


A former member
Post #: 6,173

A former member
Post #: 105
devo comprare una di quelle minivideocamerecostosissimeadaltarisoluz­ione da portare sempre appresso!
sono passato in tarda ora dalle parti delle fonderie pisano: ragazzi che spettacolo! tubature incandescenti che risplendevano ed illuminavano il quartiere, zampilli, fiamme, scintille, nubi biancastre così dense si sprigionavano da tutta la struttura, miasmi sollazzavano le narici dei viaggiatori notturni autostradali... un panorama avveniristico!
A former member
Post #: 6,248
Questa è la versione aggiornata della relazione/ricerca distribuita ai cittadini durante Assemblea di Zona del settembre 2006.
Sono stati inseriti fatti aggiornati all'anno 2008, stralcio della sentenza di condanna, la carta geochimica ambientale di Salerno, nuove immagini e controlli on-line fatti all'Agenzia Europea dell'Ambiente.

Caso Pisano volantino A4 sintetico fronte/retro




A former member
Post #: 6,298
Dichiarazioni pubbliche a Lira TV del Sindaco di Salerno Vincenzo De Luca:[...] partiamo da questo presupposto il termovalorizzatore è una fabbrica, anzi è la fabbrica più sicura e controllata d'Italia. Il nostro impianto sarà la fabbrica più sicura e controllata d'Italia; perché non c'è nessuna fabbrica in Italia che ha un monitoraggio sulle emissioni 24 ore su 24. Noi abbiamo a Salerno le fonderie, abbiamo le fabbriche chimiche nella zona industriale, abbiamo le industrie meccaniche. Ma c'è qualcuno che controlla le emissioni? Siccome ogni fabbrica ha delle emissioni, non c'è nessuno che controlli assolutamente niente. Cementificio, problema vero il cementificio non il termovalorizzatore, che è una stupidaggine. Ovviamente questo ci dice la ragione, cioè n oi stiamo facendo una fabbrica, ed è una fabbrica assolutamente pulita, che non emette proprio niente![...]


A former member
Post #: 6,300

Powered by mvnForum

People in this
group are also in:

Sign up

Meetup members, Log in

By clicking "Sign up" or "Sign up using Facebook", you confirm that you accept our Terms of Service & Privacy Policy