addressalign-toparrow-leftarrow-rightbackbellblockcalendarcameraccwcheckchevron-downchevron-leftchevron-rightchevron-small-downchevron-small-leftchevron-small-rightchevron-small-upchevron-upcircle-with-checkcircle-with-crosscircle-with-pluscrossdots-three-verticaleditemptyheartexporteye-with-lineeyefacebookfolderfullheartglobegmailgooglegroupshelp-with-circleimageimagesinstagramlinklocation-pinm-swarmSearchmailmessagesminusmoremuplabelShape 3 + Rectangle 1ShapeoutlookpersonJoin Group on CardStartprice-ribbonShapeShapeShapeShapeImported LayersImported LayersImported Layersshieldstartickettrashtriangle-downtriangle-uptwitteruserwarningyahoo

Meetup Carrara Message Board Democrazia e Trasparenza › Pubblicazione mensile di ogni tipo di compenso, gettone, rimborso o altre so

Pubblicazione mensile di ogni tipo di compenso, gettone, rimborso o altre somme erogate dal Comune a favore dei consiglieri comunali, del Sindaco e degli Assessori.

Meetup Carrara - M...
user 5473787
Group Organizer
Carrara, MS
Post #: 147
Questo spazio è dedicato alle discussioni sull'argomento:
Pubblicazione mensile di ogni tipo di compenso, gettone, rimborso o altre somme erogate dal Comune a favore dei consiglieri comunali, del Sindaco e degli Assessori..

le discussioni dovranno essere finalizzate al come raggiungere l'obiettivo.
Saranno fondamentali gli esempi di Mozioni e Delibere Comunali, già adottate o presentate, dal Movimento 5 Stelle in altri Comuni, e non solo.

Dai il tuo Contributo!
Andrea R.
user 13059273
Carrara, MS
Post #: 56
Su segnalazione di uno che ci incoraggia da lontano-vicino, posto il link di un documento detto Carta di Pisa che io non conoscevo e che riporta molti dei temi sulla trasparenza dei compensi...

http://www.provincia....­

Da portare in comune, no? In fondo a Pisa mica sono Grillini sovversivi...come noi!
calzolari m.
user 46972132
Carrara, MS
Post #: 6
per me ok portare la carta di Pisa
Chiara
user 8408951
Carrara, MS
Post #: 21
allora ecco la mozione di adesione:


Gruppo Consiliare
Movimento 5 Stelle Carrara


Al Presidente del Consiglio Comunale

OGGETTO: Mozione inerente alla proposta di adesione, con sottoscrizione, al codice etico per gli enti locali denominato “Carta di Pisa” per l’amministrazione del comune di Carrara

La presente per richiedere l’inserimento nell’O.d.G. del prossimo Consiglio Comunale della seguente Mozione del gruppo consigliare “MoVimento 5 Stelle”:

IL CONSIGLIO COMUNALE DI CARRARA
PREMESSO CHE:
- la “Carta di Pisa” è un vero e proprio codice etico predisposto e promosso da “Avviso Pubblico – Enti locali e Regioni per la formazione civile contro le mafie”, destinato agli enti e agli amministratori locali che intendono rafforzare la trasparenza e la legalità nella pubblica amministrazione, in particolare contro la corruzione e l’infiltrazione mafiosa;
- “Avviso Pubblico” (http://www.avvisopubb...­) è un’associazione apartitica di enti locali e regioni per la formazione civile contro le mafie, nata nel 1996 con l’intento di collegare ed organizzare gli Amministratori pubblici che concretamente si impegnano a promuovere la cultura della legalità democratica nella politica, nella Pubblica Amministrazione e sui territori da essi governati. L’associazione conta circa 300 associati tra enti locali e regioni e assicura, oltre la sottoscrizione del codice etico, l’osservanza delle sue regole di comportamento e condotta da parte dei comuni e degli enti aderenti.
- la “Carta di Pisa” è un codice che fornisce alcune precise indicazioni agli amministratori locali su una serie di questioni specifiche, tra le quali: la trasparenza, il conflitto d’interessi, il finanziamento dell’attività politica, le nomine in enti e società pubbliche e i rapporti con l’autorità giudiziaria;
- Tra i punti qualificanti della Carta figura l'impegno a fornire i dati relativi alle attività professionali svolte, i redditi percepiti, gli incarichi ricevuti, nonché i potenziali conflitti di interesse. Sono considerate ragioni di conflitto d'interesse, l'esistenza di preesistenti rapporti di affari o di lavoro con persone o organizzazioni interessate a decisioni dell'amministrazione, la sussistenza di rapporti di parentela (coniugi, famigliari o affinità entro il quarto grado) ovvero la convivenza con persone operanti in organizzazioni specificamente interessate all'oggetto delle decisioni, anche se non configurano situazioni che danno luogo a incompatibilità previste dalla legge o da altre norme.
Si indica anche l'impegno a non cumulare cariche o ad assumere cariche professioni o mandati su cui l'amministratore avrebbe compito di esercitare una funzione di controllo.
Si dice no al sostegno irregolare o non dichiarato, sia diretto che indiretto, che provenga da privati per l'attività politica degli amministratori. Escluso ogni tipo di sostegno finanziario da parte di concessionari, gestori di servizi pubblici o da privati che abbiamo ricevuto provvedimenti dall'ente nei 5 anni precedenti. E’ sancito l’obbligo inoltre di rendicontare le proprie attività al fine di favorire la valutazione delle proprie attività, mentre le nomine presso enti, consorzi, comunità, società pubbliche o partecipate, devono avvenire previa adesione al Codice.


CONSIDERATO CHE:
- Diversi comuni stanno aderendo alla Carta di Pisa: Pisa, Quarrata (PT), Certaldo (FI), Castelnuovo Cilento (SA), Vittoria (RG), Giovinazzo (BA).
- L’adesione, formalizzata attraverso l’adozione di una delibera dell’Assemblea Consiliare, costituirebbe un segnale concreto e tangibile nella promozione della cultura della legalità e della trasparenza amministrativa, nel contrasto delle infiltrazioni mafiose e nella messa a bando di qualsiasi conflitto di interessi. L’attuale condizione di sfiducia e disinteresse dei cittadini verso l’amministrazione della cosa pubblica oltre a rappresentare il brodo di coltura ideale della corruzione, contiene germi destabilizzanti per la tenuta democratica e provoca danni morali ed economici al tessuto sociale.
- Le dinamiche socio economiche che investono da anni il nostro territorio sono spesso contraddistinte dal manifestarsi di fenomeni criminosi legati alle attività delle mafie che minacciano la sicurezza della collettiva ed il sereno agire delle amministrazioni;
- L’adozione della “Carta di Pisa” rappresenta da un lato una valida misura di prevenzione rispetto alle degenerazioni della politica dall’altro una chiara e netta presa di posizione dell’intero Consiglio Comunale di ferma reazione ed opposizione ad ogni possibile aggressione della criminalità al nostro territorio;

IMPEGNA IL SINDACO E LA GIUNTA A

Avviare l’iter procedurale necessario per l’adozione della “Carta di Pisa” quale codice regolamentare dell’Amministrazione Comunale di Carrara e a promuovere le iniziative necessarie alla sua divulgazione ed al rispetto dei dettami in essa espressi.




Carrara, 08.05.2012

I Consiglieri:
Matteo Martinelli
Federico Bonni
Francesco de Pasquale

blasco
blasco
Carrara, MS
Post #: 11
OK, ma metterei un limite temporale per l'adesione aggiungendo una frase come questa:
"Concludere l'adesione entro due mesi e mettere in pratica tutti gli adempimenti e le restrizioni derivanti dall'adesione entro sei mesi."
Michele B.
michele.bienaime
Carrara, MS
Post #: 5
concordo con Blasco manca un termine temporale
Federico B.
user 5162401
Carrara, MS
Post #: 24
Per me va bene, ma alzerei l'asticella e andrei a chiedere da subito l'adesione del comune di Carrara ad Avviso Pubblico oltre che la sottoscrizione della Carta di Pisa.
Giacomo G.
user 2444419
Carrara, MS
Post #: 1,166
premesso che non ho letto tutta la carta di Pisa e ne ''Avviso Pubblico'', ritengo più concreto, fattibile, operativo, ed in tema con il titolo del post, copiare la delibera che ha fatto il comune di Cairo Montenotte

Testo della delibera


Trattamento economico e situazione patrimoniale degli Organi Politici

La Giunta Comunale, in virtù della peculiare responsabilità e dell’impegno che gli organi politici rivestono nei confronti dei cittadini, ha scelto di estendere le misure di trasparenza oltre a quanto previsto espressamente dalla legge, ed in particolare ha deciso di rendere pubblici:

1) i dati relativi alla situazione patrimoniale dei Consiglieri Comunali;
2) i dati relativi alla situazione patrimoniale del Sindaco e degli Assessori Comunali con allegata copia integrale dell’ultimo modello presentato di dichiarazione dei redditi;
3) il trattamento economico di Sindaco, Assessori e Consiglieri Comunali.

La decisione è stata assunta con l’approvazione della delibera n. 109 nella seduta del 15 giugno 2010.
Giacomo G.
user 2444419
Carrara, MS
Post #: 1,171
Testo della Mozione:
n.b. ''in corsivo e tra parentesi''le modifiche da apportare a seguito della votazione, e della composizione e nome delle commissioni (siamo ottimisti!)




Pubblicazione sul sito Internet comunale del trattamento economico della situazione patrimoniale degli organi politici




Atto di indirizzo
(La Giunta Comunale / Il Consiglio Comunale)

VISTA la legge 5 luglio 1982 numero 441‘’disposizioni per la pubblicità della situazione patrimoniale di titolari di cariche elettive di cariche direttive di alcuni enti’’ che prevede l'obbligo di dichiarare la situazione patrimoniale erediteresti di propaganda elettorale in virtù del dovere di trasparenza di chi concorre alla vita politica, rispetto alla situazione patrimoniale e alla modalità con cui ricorre alle risorse economiche per sostenere la propria attività politica;

CONSIDERATO che l'art. 1 della citata Legge 441/1982 prevede che il suddetto obbligo si applichi:
1) ai membri del Senato della Repubblica e della Camera dei deputati
2) al Presidente del Consiglio dei Ministri, ai Ministri ai Sottosegretari di Stato;
3) ai consiglieri Regionali
4) ai consiglieri Provinciali
5) ai consiglieri dei comuni capoluogo di provincia con popolazione superiore ai 50.000 abitanti;

RICHIAMATI:


l’articolo 21 comma 1della legge 69/2009 che prevede l'obbligo per le pubbliche amministrazioni di pubblicare sui propri siti Internet le retribuzioni annuali i curricula vitae, gli indirizzi di posta elettronica e i numeri telefonici ad uso professionale dei dirigenti nonché i tassi di essenza e di maggiore presenza del personale distinti per uffici di livello dirigenziale;

il decreto legislativo 27 ottobre 2009 n. 150 ‘’Attuazione della legge 4 marzo 2009, n 15 in materia di ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico e di efficienza e trasparenza delle pubbliche amministrazioni’’, che all'articolo 11, comma 8, prevede che ogni amministrazione pubblichi sul proprio sito istituzionale anche i curricula e le retribuzioni di coloro che rivestono incarichi di indirizzo politico amministrativo;

RICORDATO che le amministrazioni pubbliche sono tenute a mettere a disposizione del pubblico per via telematica l'elenco dei collaboratori esterni e dei soggetti cui sono stati affidati incarichi di consulenza, con indicazione di regione e durata dell’incarico nonché dell'ammontare dei compensi corrisposti come previsto dall'articolo 53 comma 14 del decreto legislativo 30 marzo 2001 numero 165 ‘’Norme generali sull'ordinamento del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche’’ modificato all'articolo 34 del DL 4 luglio 2006 e sei n. 223 convertito in legge il 4 agosto 2006 n 248;

CONSIDERATO
che l'implementazione del flusso di informazioni consente di potenziare la trasparenza e l’efficacia dell'azione amministrativa nonché di aumentare il coinvolgimento e la partecipazione della collettività alle scelte della Pubblica Amministrazione;

ATTESO il ruolo fondamentale che il sito Internet istituzionale ha assunto quale strumento di supporto ai processi quotidiani di lavoro, di innovazione partecipazione, comunicazione e di complesso miglioramento dei rapporti con la società civile a tutti i livelli;

RITENUTO opportuno estendere le misure di trasparenza anche ai Consiglieri, agli Assessori e al Sindaco, in virtù della peculiare responsabilità e dell’impegno che gli organi politici rivestono nei confronti dei cittadini attraverso:
1) la pubblicazione dei dati relativi alla situazione patrimoniale dei Consiglieri Comunali;
2) la pubblicazione dei dati relativi alla situazione patrimoniale del Sindaco e degli Assessori Comunali con allegata copia integrale dell'ultimo modello presentato di dichiarazione dei redditi;
3) la pubblicazione del trattamento economico di Sindaco, Assessori e Consiglieri Comunali;

RAVVISATA
l'opportunità di provvedere alla pubblicazione delle suddette informazioni nella sezione del portale Internet dedicata alla trasparenza come previsto dalla succitata normativa e ribadito nella Circolare n.3 del 2009 del Ministro per la Pubblica Amministrazione e l’Innovazione, che fornisce indicazioni operative per l'applicazione delle misure di trasparenza e pubblicità previste dalla legge;

DATO ATTO che quanto stabilito non comporta alcun onere per l’Amministrazione;

VISTO il parere del Responsabile del Servizio in ordine alla regolarità tecnica espresso ai sensi e per gli effetti dell'art.49 del D.Lgs. 18/08/2000 n.267;

Ad (unanimità, maggioranza…. )dei voti espressi in forma di legge;



DELIBERA





1. Per le motivazioni espresse in premessa, l'indirizzo di procedere alla pubblicazione nella sezione del portale internet del Comune dedicato alla trasparenza dei dati relativi:
- alla situazione patrimoniale dei Consiglieri Comunali
- alla situazione patrimoniale del Sindaco e degli Assessori Comunali con allegata copia integrale dell'ultimo modello presentato di dichiarazione dei redditi;
- al trattamento economico di Sindaco, Assessori e Consiglieri Comunali;


2. di demandare al Responsabile ( dell'area Affari Generali ) i conseguenti adempimenti relativi al coordinamento della fase di reperimento ed organizzazione delle informazioni, secondo gli indirizzi qui impartiti;

3. di demandare al Responsabile ( dell'area Comunicazione, Sviluppo Informatico Tecnologico, Cultura e Turismo ) i conseguenti adempimenti relativi a pubblicazione dei dati sul sito internet comunale secondo gli indirizzi qui impartiti.


SUCCESSIVAMENTE,

LA GIUNTA COMUNALE



RAVVISATA l'opportunità di dare immediata esecuzione al presunto atto:

CON voti…. Espressi nelle forme della legge, ai sensi e per gli effetti dell’ art. 134, quarto comma, del Decreto Legislativo 18/08/2000 n.267



DELIBERA



la presente deliberazione è dichiarata immediatamente esecutiva.

Chiara
user 8408951
Carrara, MS
Post #: 29
ok, ma la delibera non la dobbiamo scrivere noi, noi dobbiamo scrivere la mozione...
Powered by mvnForum

Sign up

Meetup members, Log in

By clicking "Sign up" or "Sign up using Facebook", you confirm that you accept our Terms of Service & Privacy Policy