addressalign-toparrow-leftarrow-rightbackbellblockcalendarcameraccwcheckchevron-downchevron-leftchevron-rightchevron-small-downchevron-small-leftchevron-small-rightchevron-small-upchevron-upcircle-with-checkcircle-with-crosscircle-with-pluscrossdots-three-verticaleditemptyheartexporteye-with-lineeyefacebookfolderfullheartglobegmailgooglegroupshelp-with-circleimageimagesinstagramlinklocation-pinm-swarmSearchmailmessagesminusmoremuplabelShape 3 + Rectangle 1ShapeoutlookpersonJoin Group on CardStartprice-ribbonShapeShapeShapeShapeImported LayersImported LayersImported Layersshieldstartickettrashtriangle-downtriangle-uptwitteruserwarningyahoo
Benedetto A.
user 45867302
Catania, CT
Post #: 523
La Commissione Ambiente e territorio ha competenza nelle seguenti materie:

lavori pubblici;
assetto del territorio;
ambiente;
foreste;
comunicazioni e trasporti;
turismo e sport.

Salvatore Di L.
SalvatoreDiLeo
Catania, CT
Post #: 65
Lista Musumeci chiede a Crocetta la revoca del Muos di Niscemi
da Notizie Sicilia di Redazione


“Perché il presidente Crocetta non ha ancora provveduto a revocare l’autorizzazione per la costruzione del Muos di Niscemi?” Lo chiedono i deputati della Lista “Nello Musumeci” con una interpellanza appena depositata all’Assemblea regionale siciliana, la prima in assoluto di questa legislatura.

“E’ la nostra prima iniziativa parlamentare – sottolinea Musumeci – perchè attribuiamo una particolare importanza a questo tema, sul quale Crocetta non si è ancora voluto stranamente pronunciare. Quali interessi si nascondono dietro questo silenzio? Quali imbarazzanti impegni debbono essere mantenuti? E con chi? Lo scopriremo presto”, assicura Nello Musumeci, che ha firmato l’atto ispettivo assieme ai colleghi Gino Ioppolo, Pippo Currenti e Paolo Ruggirello.

Nella interpellanza, i deputati fanno una breve cronistoria della vicenda, menzionando “l’allarmante nota del ministero dell’Ambiente dell’aprile scorso” e l’Ordine del giorno votato dall’Ars il 30 luglio di quest’anno, “col quale si esprimeva ferma contrarietà alla realizzazione del Muos”.

Il documento si conclude con la formale richiesta di “conoscere le ragioni per le quali il presidente della Regione, ad un mese dal suo insediamento, non ha ancora provveduto alla revoca di ogni atto autorizzativo dell’impianto destinato alle attività militari della Marina Usa, in territorio di Niscemi.” Adesso si dovrà attendere la risposta, scritta o orale, di Crocetta, che dovrà arrivare entro un mese.
A former member
Post #: 116
La battaglia per il "NO MOUS" dovrebbe avere priorità assoluta riguardo la salvaguardia della salute dei cittadini siciliani. Temo però che questa italiuccia e la nostra piccola Sicilia possono poco contro lo strapotere degli USA. Dobbiamo continuare a manifestare il nostro dissenso con tutta la forza pacifica possibile.
A former member
Post #: 117
Questa commissione dovrebbe svolgere un ruolo chiave, in prospettiva di uno sviluppo sostenibile isolano che punti su ricerca e impegno "seri e a lungo termine" riguardo le tecnologie energetiche pulite, riciclaggio, differenziata porta a porta e allo stesso tempo si impegni a riscoprire le tradizioni del mondo antico della campagna, della pesca e di tutti i settori tradizionali da rilanciare per un futuro che guardi anche al passato e alle sue tradizioni.
A former member
Post #: 3
Ragazzi questa storia del Muos non è una cosa bella...http://it.wikipedia.org/wiki/MUOS­..
da poter portar a medio o a lungo termine. Questa cosa è da vedere subito perchè ci sarebbero dati un pò allarmanti sulle frequenze di questi radar USA
maria luisa g.
user 6644870
Catania, CT
Post #: 1
Penso che un argomento molto importante di cui potremmo occuparci sia quello delle energie alternative: fotovoltaico, eolico, ecc.
Ciao, Luisa
Antonella G.
user 64982452
Catania, CT
Post #: 8
Sono d'accordo con il tema delle energie alternative, la nostra isola per felice posizione geografica ci consentirebbe notevoli risparmi in termini di energia. Le risorse naturali disponibili consentirebbero lo sfruttamento di energia eolica al pari di quella idrica o fotovoltaica. Il problema e' che mancano le strutture o che per motivi di 'convenienza politica' si preferisce lo sfruttamento dell'energia elettrica a favore di alcuni e discapito di altri, oltreche' dell'ambiente. Occorrerebbero degli strumenti che agevolassero i privati ad installare gli impianti fotovoltaici (ci fu uno strumento legislativo anni fa ma che non diede grandi risultati) ad esempio.
Io non conosco gli aspetti tecnici, ma in merito agli strumenti legislativi posso dare un aiuto.
Benedetto A.
user 45867302
Catania, CT
Post #: 572
Verbale Commissione parallela Commissione Ambiente e territorio, sabato 22 dicembre 2012

Presenti: Alessio Occhinegro, Mario Pastura, Gabriele, Luciano, Nicola Purrello, Salvo Scuderi, Signora , Giuseppe Gullo, Luisa Gambina, Carmelo Costanzo, Francesco Spampinato, Giuseppe , Danilo Pulvirenti, Alessandro Filetti, Benedetto Amata, Giancarlo Consoli, Giuseppe Bonanno, Biagio Patané, Francesco Spampinato.

Dopo un'ampia illustrazione dello scopo delle Commissioni Parallele e dei vari livelli esistenti (Commissione parallela locale, regionale e Commissione all'Ars) si procede con una sommaria presentazione dei presenti.

Luisa Gambina interviene nel settore dell'energie rinnovabili, proponendo di introdurre per legge l'obbligo di istallazione di pannelli fotovoltaici sui palazzi -sopratutto quelli pubblici- attraverso un contributo della regione. Inoltre, argomenta della necessità di agevolare i trasporti pubblici, attraverso nuove linee ferroviarie (Catania-Palermo) e i c.d. autobus veloci.
Giancarlo Consoli ricorda che la Regione Sicilia, Ass. Territorio ed ambiente, esercita un controllo sull'abusivismo edilizio e che tutti i Comuni devono inviare periodicamente delle relazioni sui casi di abusivismo. Invita, pertanto, a sollecitare un controllo da parte della Regione nei confronti di quei Comuni inerti. Lancia, inoltre, l'allarme per l'isola bella, abbandonata e solleva la stessa problematica anche per i Nebrodi, raccontando ai presenti di aver segnalato al Commissario del Parco dei Nebrodi lo stato di degradato della Villa Miraglia.
Mario Pastura apre il suo intervento sottolineando l'importanza del social housing, ossia la costruzione di alloggi «economici» per quella fascia di persone che non ha diritto alle case popolari, ma non ha i mezzi per cercare casa a prezzi di mercato. Ricorda che è in atto un bando regionale (con scadenza a marzo 2012) per questo tipo di interventi, ma non è al corrente se il Comune di Catania stia profittando di questa possibilità.
Carmelo Costanzo propone di ridurre le aziende di trasporti extraurbani che circolano all'interno delle città e di prevedere all'esterno delle stesse dei terminal e da lì far circolare solo le aziende trasporti municipalizzate. La proposta avrebbe il vantaggio di ridurre l'inquinamento presente all'interno delle città, dovuto alle numerose aziende di trasporti circolanti. Propone di riconvertire tutti gli autobus urbani a metano. Infine, e ricollegandosi a Luisa Gambina, ricorda ai presenti che l'Amt ha una struttura immensa nella zona Industriale, priva, tuttavia, di pannelli fotovoltaici.
Danilo Pulvirenti chiede dei chiarimenti sul funzionamento delle Commissioni e risponde Benedetto Amata.
Nicola Purrello si interroga se esista un incentivo economico per il cittadino che riduca il suo impatto ambientale, riducendo la quota di spazzatura non riciclata e lancia l'esigenza di introdurre simili misure.
Alessandro Filetti ricorda l'importanza del settore turistico in Sicilia, osservando che le bellezze isolane sono tante e tutte circoscritte in un territorio relativamente piccolo.
Sebastiano Spina propone un sistema di lavoro per le Commissioni.
Salvo Scuderi ricorda che a Motta Sant'Anastasia sussiste l'unica discarica funzionante in Sicilia per la quale è stato richiesto un ampliamento. Tuttavia, aggiunge che è stata presentata un'opposizione al piano dei rifiuti e di aver richiesto ai nostri deputati-portavoce l'acquisizione degli atti amministrativi per lo stesso ampliamento. Propone parchi fotovoltaici, la riduzione dei tempi di viabilità e l'introduzione della segnaletica multimediale.
Alessio Occhinegro propone di incentivare le tegole fotovoltaiche, vera ed unica svolta nel campo del fotovoltaico.
Biagio Patané chiede il rilancio dell'economia siciliana.
Luisa Gambina osserva che vengono privilegiati i trasporti su gomma, ma che tale sistema andrebbe scardinato attraverso l'intervento della Regione.
Danilo Pulvirenti fa una panoramica sugli Ato, ricordando che saranno prorogati fino a settembre del 2013 e propone, quindi, di avviare subito uno studio per un disegno di legge nel campo dei rifiuti.
Gabriele, allacciandosi all'intervento di Nicola, riporta di aver ricevuto una card della Simeto ambiente che avrebbe consentito -se funzionante- degli sconti sulla tassazione proporzionali alla quota di conferimento di rifiuti presso un apposito centro riciclo.
Alessio Occhinegro sottolinea l'importanza del settore turistico in Sicilia, propone un potenziamento delle strutture, un lancio di spot pubblicitari, dei veri e proprio cortometraggi, da trasmettere all'estero, ove sottolineare che la Sicilia è molto di più dell'immagine stereotipata. Propone di puntare sul concetto mare neve e di creare una rete di piste ciclabili, sfruttando le ferrovie abbandonate, che colleghi davvero tutta la regione.
Francesco Spampinato osserva che le tematiche dibattute si intrecciano, ma che l'aspetto prevalente è la riduzione delle spese del settore pubblico, quindi propone di creare un nuovo ente, una sorta di microregione, attraverso un piano territoriale di coordinamento, invece, di avere 27 comuni, 27 giunte ecc....
Biagio Patané mette a disposizione le proprie competenze nel campo del fotovoltaico.
Giancarlo Consoli osserva che le Commissioni dovrebbero essere degli strumenti anche di denuncia.
Salvo Leonardi ricorda che già esistono bandi per avviare progetti nei campi dibattuti. Piuttosto, segnala che in Sicilia non è possibile avviare campi di golf perché comportano il cambio urbanistico, sebbene in erba. Apre una parentesi sulla attualità della c.d. legge Fleres e si interroga dell'opportunità di mantenerla ancora o di abrogarla.
Giuseppe Gullo ricorda che sta redigendo una legge di riforma delle aree protette, allo scopo di far cessare lo strumento dei Commissari Speciali (di nomina politica) e di ridurre lo spreco economico (cita l'es. del Parco dei Nebrodi dotato di cinque sedi). Auspica, infine, una riforma per l'introduzione in Sicilia di un parco nazionale.

La riunione con l'impegno da parte di Benedetto Amata di creare dei google doc che siano dei contenitori delle proposte lanciate e al cui interno iniziare a lavorare.
Di seguito la sintesi delle proposte e idee emerse:
- legge di riforma delle aree protette;
- valutazione Legge c.d. Fleres;
- Possibilità campi di golf in Sicilia;
- Creazione piste ciclabili, mediante recupero delle ferrovie;
- Cortometraggi pro turismo;
- Incentivi per chi ricicla;
- Avvio studio su legge sui rifiuti;
- Trasporto su rotaia;
- energie rinnovabili;
- Controllo fenomeno dell'abusivismo;
- Social housing;
- ridurre i tempi di viabilità;
- introdurre la segnaletica multimediale;
- stimolare l'orto sul balcone;
- Trasporti pubblici urbani.

N.b. invito gli interessati a farmi eventuali osservazioni sul testo del verbale, così da poter procedere alla relativa modifica.
Antonella G.
user 64982452
Catania, CT
Post #: 47
Nel corso dell’ultimo incontro della Commissione Ambiente il fermento di idee ha dato vita a ben cinque sottocommissioni (dettagliatamente descritte alla voce gruppi di lavoro) http://www.meetup.com...­

che avranno ad oggetto la trattazione delle seguenti problematiche:
- Turismo e conservazione dei beni culturali
- Organizzazione sistema gestione rifiuti e impiantistica a Catania
- Elettrosmog ed inquinamento ambientale
- Acqua pubblica
- Energie rinnovabili


Antonella G.
user 64982452
Catania, CT
Post #: 72
Nell’ambito delle attivita’ della Commissione Ambiente, nella promozione di attivita’ di diffusione della conoscenza relativa alle tematiche ambientali, si e’ valutato di procedere con l’organizzazione dei seguenti seminari:

- 10 passi verso Rifiuti Zero: 8 Marzo 2013
- Muos. Data da confermare: 19 Aprile 2013
- Inquinamento atmosferico. Data da confermare: 3 Maggio 2013.
- Nuove intolleranze alimentari ed OGM. Data indicativa 17 Maggio 2013

Gli eventi saranno pubblicizzati sul meetup all’approssimarsi delle relative date.
Ogni modifica del calendario sara’ qui comunicata
Powered by mvnForum

People in this
Meetup are also in:

Sign up

Meetup members, Log in

By clicking "Sign up" or "Sign up using Facebook", you confirm that you accept our Terms of Service & Privacy Policy