addressalign-toparrow-leftarrow-rightbackbellblockcalendarcameraccwcheckchevron-downchevron-leftchevron-rightchevron-small-downchevron-small-leftchevron-small-rightchevron-small-upchevron-upcircle-with-checkcircle-with-crosscircle-with-pluscontroller-playcrossdots-three-verticaleditemptyheartexporteye-with-lineeyefacebookfolderfullheartglobegmailgooglegroupshelp-with-circleimageimagesinstagramFill 1light-bulblinklocation-pinm-swarmSearchmailmessagesminusmoremuplabelShape 3 + Rectangle 1ShapeoutlookpersonJoin Group on CardStartprice-ribbonprintShapeShapeShapeShapeImported LayersImported LayersImported Layersshieldstartickettrashtriangle-downtriangle-uptwitteruserwarningyahoo

Amici di Beppe Grillo - Svizzera Romanda Message Board › Preparazione conferenza DD / Commenti sulla conferenza /Continuazione del la

Preparazione conferenza DD / Commenti sulla conferenza /Continuazione del lavoro (preparazione CD)

leonello z.
Leozaquini
Le Locle, CH
Post #: 7,176
Grazie Maurizio.
= = =

Michele Buono di Report (la trasmissione di RAI3) chiede di dedicare del tempo alla diffusione della iinformazione sulla democrazia diretta in Italia. su www.reportime.it stsasera (mercoledì 10 luglio) ci sarà un suo video su quanto detto in oggetto. si prega di vederlo perchè più sarà visto più sarà facile per lui chiedere di fare ulteriori servizi sull'argomento.

Mi date una mano a diffondere la cosa per favore? Vi elenco di seguito alcuni punti estratti da una sua presentazione.

= = =

SVIZZERA. QUANDO L’OPPOSIZIONE LA FANNO I CITTADINI

La Federazione attuale si basa su una coesione molto forte della popolazione e uno dei pilastri della solidarietà politica dei cittadini svizzeri è quello della democrazia diretta: la popolazione può dire la propria - nel vero senso della parola e non solo per esprimere un parere – dal livello amministrativo comunale fino alle decisioni cantonali e federali. Possono proporre e decidere anche modifiche della costituzione e delle leggi.
I processi decisionali in Svizzera, a causa di questo meccanismo, sono spesso più lenti – dice il cancelliere dello stato del Canton Ticino Giampiero Gianella – ma alla fine, presa una decisione, la stabilità è garantita. Molti studi su questo sistema di democrazia – prosegue il cancelliere Gianella – hanno messo in evidenza uno stretto rapporto tra partecipazione alle consultazioni e buoni risultati economici del territorio.

Michele S.
user 83399922
Lausanne, CH
Post #: 21
Ciao a tutti,
Di ritorno dall'Italia, riprendo alcuni punti sollevati da Maurizio di NE, da Maurizio di VD, e Leo qui di seguito:

  • data 14 settembre
  • Claudio Micheloni,
  • altri parlamentari,
  • budget per l'evento,
  • Le traduzioni "simultanee"
  • pubblicità, diffusione
  • la sala e annessi...

    Un primo commento sulla data, scelta infelice purtroppo, che comunque non si cambia: il 14 settembre corrisponde al Jeûne Federale per cui molti ne approfittano per partire per il w.e. lungo (sabato, domenica e lunedi). Alcuni deputati e consiglieri nazionali svizzeri di lingua italiana che avevo invitato sono in viaggio. Micheloni e Tacconi mi pare di aver capito che hanno già confermato come pure Andreas Gross. Sto aspettando una risposta dal prof. Chollet o di un suo collega dell'università di Losanna. Il vantaggio è che probabilmente verranno anche studenti dell'università dove faremo un po' di pubblicità. Per gli altri parlamentari, secondo me, vedremo ma non è un problema se ci possono seguire in streaming. Se ho capito bene, se ne occupa Maurizio Manca. Per la sala e microfoni non ci sono spese perché la colonia libera ne usufruisce gratuitamente. Per la pubblicità e la diffusione io direi di usare i canali tradizionali che sono internet, pagine web e facebook (metterò un invito sulla pagina Italiani in Svizzera e Italiani all'estero) e gli inviti postali alle associazioni italiane della Svizzera Romanda, di cui ho gli indirizzi da mandare entro il 20 agosto. Per questo è importante vedersi il 15 o il 20 per scrivere gli indirizzi a mano o se qualcuno vuole già farlo, andare sul sito del consolato Generale d'Italia di Ginevra dove ci sono appunto gli indirizzi delle associazioni. Chi lo fa? Forse possiamo distribuirceli per cantone: io e Maurizio Vaud, Neuchatel Maurizio e Leo, Friburgo: chi? Vallese? ecc. Le 10 colonie della Svizzera romanda sono già state informate e comunque incontro i presidenti il 24 agosto per sollecitarne l'appoggio e la diffusione. Per la spedizione immagino una spesa di 100 fr che possiamo dividerci. Mentre è più complicato e più costoso la traduzione simultanea. Chiedo a Leo, visto che è soprattutto una sua preoccupazione, di vedere i costi di un traduttore o di strumenti di traduzione simultanea. Per il resto non vedo altre spese eccetto sorprese. Fatemi sapere.
Michele S.
user 83399922
Lausanne, CH
Post #: 22
Ho dimenticato stampa e media locale, nazionale svizzera e italiana. Non sarebbe male se qualcuno contattasse quel tale che lo ha già fatto per reporter chi? Leo? Maurizio?
Michele S.
user 83399922
Lausanne, CH
Post #: 25
un mio contributo al dibattito di idee su DD

Discours du 1er août 2013
Chères citoyennes et chers citoyens, chères toutes et chers tous, Mesdames et Messieurs, j’ai l’honneur, en tant que vice-président, de prendre la parole au nom du Conseil Communal en l’absence du président, Monsieur Gérard Duperrex, retenu à l’étranger.

Nous sommes réunis ici, en ce premier août, pour le plaisir d'être ensemble, certes, pour entendre la belle musique de La Clé d’Argent, pour manger la soupe préparée par l’Hockey Club de Renens bien évidemment, puis pour danser, pour profiter du beau temps et d'un beau feu d'artifice. Un grand merci à toutes ces sociétés et ces personnes souvent bénévoles qui se donnent sans compter !

Nous sommes ici, comme chaque 1er août d’ailleurs, aussi pour fêter les 722 ans de la naissance de la Suisse précisément le 1er août 1291, nous disent les livres d’histoire, sur la prairie du Grutli, dans le canton d’URI, au bord du Lac des Quatre-Cantons.

Mais que représente la fête nationale pour vous ? pour nous ? Chacun a sa réponse, mais pour moi le 1er août est à la fois une fête qui doit nous permettre de penser à nos origines et à nos racines mais aussi de nous faire réfléchir aux valeurs qui font la force de la Suisse actuelle comme la démocratie directe, les droits populaires, l’intégration des minorités, la tradition humanitaire, la neutralité active, la cohabitation de plusieurs communautés linguistiques, la solidarité dans la sécurité sociale et le service public.

Qu'est-ce qui fait qu'un Tessinois, un Vaudois et un Bernois, d’ici ou d’ailleurs, peuvent avoir les mêmes besoins, les mêmes envies, les mêmes rêves de bien-être et de bonheur pourtant tous différents l’uns des autres?
Nous le constatons à chaque votation:
• Au niveau national, la Suisse Romande ne vote pas comme la Suisse Alémanique ou Italienne,
• Au niveau cantonal, les villes ne votent pas comme la campagne vaudoise
• au niveau communal, les électeurs du Nord de Renens ne votent pas comme ceux du Sud ou les électeurs de l’Est de Renens (par ex. de Florissant) ne votent pas comme ceux de l’ouest ou du centre ville,
• et en général les ouvriers ne votent pas comme les bourgeois ou si vous préférez, la droite ne vote pas comme la gauche.
Nous sommes nombreux également à avoir l'impression désagréable de ne jamais voter comme les autres !
Si vous y ajoutez 4 langues et 4 cultures officielles, des religions et des traditions différentes, auxquels s’ajoutes une centaine de cultures et de langues parlées par les communautés étrangères avec leurs propres traditions et leurs religions, nous sommes en droit de nous poser la question « assez logique » :
Mais alors, qu’est-ce qu’il fait que ce pays tourne plutôt bien ?
Ma réponse, qui n’engage que moi, : le sens du consensus de ses habitants et la démocratie directe ou semi directe dans ce sens que le peuple garde en permanence un contrôle sur ses élus par le biais du référendum et de l’initiative.
Certes, cela donne parfois, même souvent, une impression d'une certaine mollesse ou longueur qui peut faire sourire les pays voisins.
Au Renens, comme partout en Suisse d’ailleurs, le fonctionnement du Conseil Communal, que je connais bien, conseiller communal depuis 10 ans, est indissociable de la culture du consensus. La majorité du Conseil Communal de Renens n’est pas seule à présider aux destinées de la ville. La minorité, elles aussi, ont voix au chapitre et participe à l’élaboration de solutions négociées. Chacune et chacun est invité à participer au débat par le biais de la démocratie participative. Ce fut le cas pour la place du Marché et tout récemment pour la taxe au sac ou des déchets. Ce sera le cas ces prochaines années pour certains chantiers de Renens en mouvement. Les décisions politiques sont ainsi issues d’un processus de maturation fait de discussions d’approche, d’auditions préliminaires, de consultations, de débats parlementaires et, « in fine », si les citoyens ne sont pas d’accord de votations populaires qui sont l’expression de la démocratie directe.
Toutes ces valeurs, âprement acquis, certes, mais officiellement reconnues ont fait que ce pays tient la route, un pays qui, malgré quelques défauts, fonctionne plutôt bien. Faisons en sorte que tout cela se perpétue encore pour de très nombreuses années.
Au nom du Conseil Communal, je vous remercie de votre attention, et vous souhaite un très bon appétit et une belle soirée. (Michele Scala)
leonello z.
Leozaquini
Le Locle, CH
Post #: 7,212
bel discorso! complimenti michele. Torno adesso dalle vacanze durante le quali per diversi motivi anche imprevisti mi sono trovato piu' isolato dalla rete del previsto. Ma adesso si riprende. Avanti verso la conferenza!
Maurizio M.
user 9064911
Group Organizer
Lausanne, CH
Post #: 661
Grazie Michele! Tornato anche io Domenica e le tue parole sono ispiratrici! :)
Maurizio M.
user 9064911
Group Organizer
Lausanne, CH
Post #: 662
Oltre al PDF di Leonello (che in questo momento non ritrovo) per prepararmi alla conferenza ho cominciato a leggere questo PDF di Paolo Michelotto che passsa in rassegna gli esempi di DD nel mondo e nella storia.
http://www.paolomiche...­

Chiedo a chi è più ferrato di me se sia un buon lavoro o meno...

Tra l'altro potremmo anche invitarlo alla conferenza...
leonello z.
Leozaquini
Le Locle, CH
Post #: 7,220
Come promesso integro le correzioni / modifiche proposte da luigi Bobbio (con elcorrezzioni sebbene senza aspettare la vostra approvazione di esse).

Spedisco anche a Paolo Michelotto e Thomas Benedikter.

= = =
Democrazia diretta, nuovi strumenti democratici per la società.

Nell'arco della sua storia in Svizzera si sono formate e consolidate importanti strutture democratiche il cui capisaldi sono:

- La democrazia diretta.
- Gli esecutivi cooperativi e non competitivi.
- Il federalismo basato sul principio di sussidiarietà e la perequazione intercantonale
- L'unione monetaria frutto della fusione di monete cantonali.
- Il "freno all'indebitamento".

Questi temi sono all'ordine del giorno sia in Italia che in Europa dove si vive con sempre maggior tensione la carenza degli strumenti democratici, la corretta divisone dei poteri e le conseguenze di questi fatti sull'economia.

La Conferenza si pone l'obiettivo d'illustrare questi strumenti, la loro origine, la loro efficacia e la possibilà di ri-esportarli in Italia ed in Europa.

Organizza : Regionale della Federazione delle Colonie Libere Italiane per la Svizzera Romanda.

Partecipano: M5S, PD, SEL, IDV,

Sabato 14 settembre 2013 dalle ore 14h00 alle 17.00

Circolo Italiano di Losanna
Rue du Valentin 12
1004 Losanna
Con la partecipazione di:
Andreas Gross, parlamentare nazionale svizzero, membro del Counci of Europe. Storico e studioso di democrazia diretta, animatore dell "Atelier pour la démocratie directe"

(Antoine Chollet, Professore di *** all' Università di Losanna, "Centre d'histoire des idées politiques et des institutions";
Thomas Benedikter, autore di diversi libri sul tema, ta cui: " Piu' democrazia per l' Europa"
Paolo Michelotto, Autore di un libro sul tema ed animatore della iniziativa popolare "Quorum zero per piu' democrazia").

Partecipaerano i parlamentari:
Sen. CLausio Micheloni .
On. Alessio Tacconi,
residenti in Svizzera ed eletti nella circoscrizione estero.

IL TEMA ed il suo CONTESTO

La democrazia italiana ed europea è in crisi.
Tra gli sprechi più odiosi in Italia ci sono:

I costi della politica (circa 26 miliardi all'anno).
La corruzione (un totale di almeno 60 miliardi all'anno, in attività sia private che pubbliche, secondo le stime della Corte dei Conti rese pubbliche nel febbraio del 2013 e stime della CE).
Il costo di un "debito pubblico", gigantesco, creatosi senza un sostanziale miglioramento delle infrastrutture e dei servizi per il paese.

Tra i problemi italiani troviamo:
una legge elettorale, descritta come una "porcata" dal suo estensore e dalla quale i partiti italiani faticano ad allontanarsi. (In Svizzera le leggi elettorali, siccome concernono i legislatori stessi, vanno ratificate dai cittadini).
Una sistematica confusione dei ruoli e dei poteri, principalmente tra esecutivo e legislativo e la sistematica disattenzione per il potere legislativo quando esercitato per iniziativa del parlamento ed il popolo.
Una spesa militare importante.

Tra i maggiori problemi europei troviamo:
Fondamentali carenze democratiche e di federalismo.
Mancanza di un esecutivo comunitario eletto democraticamente.
Mancanza di democrazia e di controllo dell'influenza di lobby nazionali o di potentati anche nell'attività legislativa e nella gestione della politica monetaria.
Mancanza del rispetto del principio della sussidiarietà.
Mancanza di solidarietà e perequazione tra gli stati.

Queste carenze sono tanto più eclatanti se confrontate con il diffondersi di strumenti di informazione e di comunicazione che permetterebbero una molto maggiore partecipazione popolare alle decisioni.

L' ECI (European Citizens Iniziative), la prima legge di iniziativa popolare, sebbene ancora a voto parlamentare, è un primo sebbene timido passo avanti.
La possibilità di raccolta di firme tramite la rete è una innovazione importante e fa apparire arcaici i "banchetti con il notaio in piazza" necessari in Italia.

leonello z.
Leozaquini
Le Locle, CH
Post #: 7,223
ho caricato nei files il testo (.pdf) del Flyer, con anche la versione francese.
Dare un'occhiata, per favore.

Domani porto qualche copia a Renan.

leonello z.
Leozaquini
Le Locle, CH
Post #: 7,226
sposto anche qui una discussione e mail (soprattutto per mia comodita').

= = =
Elenco gli interventi necessari.

1°) correggere la bozza: titoli di Cholet / "scorretta divisione dei poteri" (e non "corretta"; gia' modificati nel testo qui sotto)

2°) Migliorare la grafica (per questo forse ci andrebbe anche un "Logo", ci si puo' isprirare in google:
https://www.google.ch...­.

Rispondo poi alle varie questioni sollevate:

3°) riassunti/sintesi-bilingue-chat in simultanea.
Caro Maurizio (L), propongo questo: cerchiamo chi possa svolgere quel compito.

Il luogo più adatto per cercare degli incaricati mi paiono i MU di Losanna e Ginevra (e non le Colonie, per semplici ragioni socio-generazionali).

Io cerco anche qui nel Giura sperando di poter portare qualcuno "a valle".
IN caso estremo e se non riusciremo a trovare proprio nessuno, il servizio lo assicuriamo tu ed io. Che ne dici?
Siccome pero' sia tu che io vorremo intervenire, e saremo comunque "presi" da questo e da quello, conviene che cerchiamo altri.

4°) L'elenco delle "cose da fare" di Michele mi pare ben fatto. Raccomando di caricarlo anche nel MU dove (almeno per me) si riesce meglio a recuperare le cose e magari riusciamo a coinvolgere altri.

Ho dimenticato qualcosa? Spero di no.

Ciao.
Leonello

Qui sotto il testo nudo e crudo (it + fr).

= = =
Democrazia diretta, nuovi strumenti
democratici per la società.
Nell'arco della sua storia in Svizzera si sono formate e consolidate
importanti strutture democratiche i cui capisaldi sono:
- La democrazia diretta.
- Gli esecutivi cooperativi e non competitivi.
- Il federalismo basato sul principio di sussidiarietà e la
perequazione intercantonale
- L'unione monetaria frutto della fusione di monete cantonali.
- Il "freno all'indebitamento".
Questi temi sono all'ordine del giorno sia in Italia che in Europa
dove si vive con sempre maggior tensione la carenza degli
strumenti democratici, la scorretta divisone dei poteri e le
conseguenze di questi fatti sull'economia.
La Conferenza si pone l'obiettivo d'illustrare questi strumenti, la
loro origine, la loro efficacia e la possibilà di ri-esportarli in Italia ed
in Europa.
Organizza : Regionale della Federazione delle Colonie Libere
Italiane per la Svizzera Romanda.
Partecipano: M5S, PD, SEL, IDV,
Sabato 14 settembre 2013 dalle ore 14h00 alle 17.00
Circolo Italiano di Losanna
Rue du Valentin 12
1004 Losanna
Con la partecipazione di:

- Andreas Gross, parlamentare nazionale svizzero, membro del
Council of Europe. Storico e studioso di democrazia diretta,
animatore dell' "Atelier pour la démocratie directe"
- Antoine Chollet, Ricercatore all' Università di Losanna, "Centre
d'histoire des idées politiques et des institutions";
i parlamentari:
- Sen. Claudio Micheloni .
- On. Alessio Tacconi,
residenti in Svizzera ed eletti nella circoscrizione estero.

IL TEMA ed il suo CONTESTO
La democrazia italiana ed europea è in crisi.
Tra gli sprechi più odiosi in Italia troviamo:
I costi della politica (circa 26 miliardi all'anno).
La corruzione (un totale di almeno 60 miliardi all'anno, in attività
sia private che pubbliche, secondo le stime della Corte dei
Conti rese pubbliche nel febbraio del 2013 e stime della CE).
Il costo di un "debito pubblico", gigantesco, creatosi senza un
sostanziale miglioramento delle infrastrutture e dei servizi per il
paese.
Tra i problemi italiani troviamo:
una legge elettorale, descritta come una "porcata" dal suo
estensore e dalla quale i partiti italiani faticano ad allontanarsi. (In
Svizzera le leggi elettorali, siccome concernono i legislatori stessi,
vanno ratificate dai cittadini).
Una sistematica confusione dei ruoli e dei poteri, principalmente tra
esecutivo e legislativo e la sistematica disattenzione al potere
legislativo quando esercitato per iniziativa del parlamento ed il
popolo.
Una spesa militare importante.
Tra i maggiori problemi europei troviamo:

Fondamentali carenze democratiche e di federalismo.
Mancanza di un esecutivo comunitario eletto democraticamente.
Mancanza di democrazia e di controllo dell'influenza di lobby
nazionali o di potentati anche nell'attività legislativa e nella gestione
della politica monetaria.
Mancanza del rispetto del principio della sussidiarietà.
Mancanza di solidarietà e di perequazione tra gli stati.
Queste carenze sono tanto più eclatanti se confrontate con il
diffondersi di strumenti di informazione e di comunicazione che
permetterebbero una molto maggiore partecipazione popolare alle
decisioni.
L' ECI (European Citizens Iniziative), la prima legge di iniziativa
popolare, sebbene ancora a voto parlamentare, è un primo anche
se timido passo avanti. La possibilità di raccolta di firme tramite la
rete è una innovazione importante.

Powered by mvnForum

Our Sponsors

Sign up

Meetup members, Log in

By clicking "Sign up" or "Sign up using Facebook", you confirm that you accept our Terms of Service & Privacy Policy