addressalign-toparrow-leftarrow-rightbackbellblockcalendarcameraccwcheckchevron-downchevron-leftchevron-rightchevron-small-downchevron-small-leftchevron-small-rightchevron-small-upchevron-upcircle-with-checkcircle-with-crosscircle-with-pluscrossdots-three-verticaleditemptyheartexporteye-with-lineeyefacebookfolderfullheartglobegmailgooglegroupshelp-with-circleimageimagesinstagramlinklocation-pinm-swarmSearchmailmessagesminusmoremuplabelShape 3 + Rectangle 1ShapeoutlookpersonJoin Group on CardStartprice-ribbonShapeShapeShapeShapeImported LayersImported LayersImported Layersshieldstartickettrashtriangle-downtriangle-uptwitteruserwarningyahoo

Gli Amici di Beppe Grillo di Bologna Message Board Forum di discussioni varie › Adele Gambaro.......... e la colpa di Grillo.

Adele Gambaro.......... e la colpa di Grillo.

giorgio f.
user 5272613
Bologna, BO
Post #: 1,427


Se su queste cose non siamo attenti (e un po' competenti) noi del m5s ... stiamo freschi!
Rischia che D` alema o Berlusconi poi ci copiano. E si sbarazzano di chi li critica nel partito convocando il "plebiscito" .... per un piu'solido trionfo del partitismo.
Non sono mica matti.....se D'Alema avesse convocato una consultazione plebiscitaria a seguito delle dichiarazioni di Violante alla camera riguardo le "promesse" fatte a Belusconi sul conflitto d'interessi, oggi Violante presumibilmente militerebbe nelle file del PDL.......vabbè, forse in maniera indiretta lo sta già facendo biggrin

Trionfo del partitismo si.....ma solo per una ristrettissima nomenclatura e non certo per gli elettori.
A former member
Post #: 1
Faccio mie queste semplici considerazioni:
C’è poco da aggiungere su quanto di recente è avvenuto nel Movimento Cinque Stelle. Magari si può aiutare Beppe Grillo a rispondere alla domanda che più lo assilla.
La senatrice Gambaro in campagna elettorale diceva che se uno non si ritrova nel Movimento, allora deve dimettersi. Ma lei non si dimette. Cosa è cambiato allora in questi mesi?

La risposta standard, quella che in automatico viene data dal cerchio magico grillino e dai suoi guerriglieri on line è: non si dimette perché è attaccata alla poltrona vuole i soldi e andare nei talk show si è venduta è una infiltrata e traditrice.

Ma c’è un’altra risposta possibile a questa domanda – legittima – dell’unico capo tra gli altri invece tutti uguali.
In questi mesi, caro Beppe Grillo, tanti hanno capito che nel Movimento Cinque Stelle, come dice Lei, uno non vale uno.
In questi mesi tanti hanno capito che nel Movimento Cinque Stelle, come dice Lei, non è l’alfiere della democrazia diretta, ma piuttosto di quella eterodiretta.
In questi mesi tanti hanno capito che nel Movimento Cinque Stelle c’è un megafono, come dice di essere Lei, che non capisce che prendere il 25% alle elezioni politiche significa un salto di responsabilità, non una raffica di post a suon di faccia da culo e parlamento tomba.
In questi mesi, tanti hanno capito che nel Movimento Cinque Stelle la trasparenza totale, come piace dire a Lei, vale per gli altri e molto meno per sé stessi.
Ecco cosa è successo in questi mesi.
E’ successo che tanti hanno capito che, prendendo alla lettera il decalogo dei Cinque Stelle, nudo e crudo, quello che si sta mettendo fuori dallo spirito del Movimento è Lei prima e più di chiunque altro.
Perché nei Cinque Stelle uno non vale uno; perché Lei politicamente si muove come uno che non vuole veramente cambiare le cose, ma preferisce che le cose restino così come sono; perché nel Suo Movimento la democrazia diretta è l’alibi per la non-democrazia; perché non c’è alcuna vera trasparenza in cio’ che Lei fa e in come lo fa.
Ergo, qualcuno comincia a chiedersi: perché non si dimette Lei?
(E già che ci siamo, potrebbe spiegare perché le cariche nel Movimento sono tutte a rotazione, tutte, meno la Sua?)

Roberto R.
user 88321602
Bologna, BO
Post #: 2
Le cariche del movimento NON sono tutte a rotazione, anche qui ci sono i senatori a vita. INFORMATI!
Roberto B.
user 72648652
Bologna, BO
Post #: 652
quanta gente che pensa che la democrazia sia come l'anarchia !

.. per tutti questi esiste ‎L'Internazionale delle Federazioni Anarchiche.
io invece credo che le regole debbano essere rispettate, che ci voglia un garante almeno fino a quando la gente non sarà capace di pensare senza i condizionamenti dei media pagati dai politici .

ci sono nazioni che ci sono riuscite, risollevandosi da una crisi peggiore della nostra e arrivando ora al primo posto nella libertà di informazione :
http://www.beppegrill...­

... dandosi delle regole e lavorando per un fine condiviso .



A former member
Post #: 963
quanta gente che pensa che la democrazia sia come l'anarchia !
Ti stai confondendo. C'é anche gente che pensa che ogni tanto occorra fermarsi, ascoltare e se ci sono dei problemi, risolverli con il confronto..... perché quando anche "i piú radicali" cominciamo a sbroccare, forse é un segnale che qualche malessere c'é...... io non credo sia cosa buona e giusta allontanare e marchiare come dissidenti tutti quelli che hanno l'abitudine di "pensare" con la loro testa....
A former member
Post #: 122
Mi spiace ma quella di cui parli non èdemocrazia, sopratutto se il garante è un uomo solo, anche fosse gesù cristo!
I garanti di solito sono i principi, come ad esempio le Carte costituzionali a cui chi tutela la libertà democratica di un paese si devono attenere.
Quì non abbiamo una vera carta costituente ma un garante, di una idea però liquida e non definita di ruoli e compiti. Per cui un simile garante anche se in buona fede, diventa necessariamente un dittatore o come minimo un monarca illuminato.
Se non lo capiamo non potremo essere mai da guida e fonte di ispirazione per altri, visto che commettiamo gli stessi identici errori che fecero altre ideologie in passato.
Roberto B.
user 72648652
Bologna, BO
Post #: 653
Giampi,
probabilmente hai ragione, ma la tanta democrazia corre su un filo , dove da una parte c'è l'anarchia e dall'altra una struttura gerarchica fatta da capi capetti e capipanza.

io non riesco a pensare ad altre strade, di sicuro non voglio strutture verticali, dove ad ogni gradino verso l'alto c'è un potere che pretende il suo pizzo.

allarghiamo la democrazia, questo è un bene, ma non rifiutiamo le regole .. altrimenti diventiamo come il pd che ha più deroghe che regole .

PS: quindi Mirko cosa proponi ? (dillo con parole semplici)
giorgio f.
user 5272613
Bologna, BO
Post #: 1,429
quanta gente che pensa che la democrazia sia come l'anarchia !
Ti stai confondendo. C'é anche gente che pensa che ogni tanto occorra fermarsi, ascoltare e se ci sono dei problemi, risolverli con il confronto..... perché quando anche "i piú radicali" cominciamo a sbroccare, forse é un segnale che qualche malessere c'é...... io non credo sia cosa buona e giusta allontanare e marchiare come dissidenti tutti quelli che hanno l'abitudine di "pensare" con la loro testa....
Di che confronto stai parlando? E' evidente che per la Gambaro il confronto con l'assemblea dei ns. parlamentari, sia l'ultimo dei suoi pensieri.

Non è vietato pensare con la propria testa, nemmeno voler annullare la regola dei due mandati e tantomeno voler togliere il nome di Beppe Grillo dal simbolo del movimento e magari mandarlo anche in prepensionamento, nel PD e nel PDL sono in tantissimi che la pensano così.


Ripeto, la Gambaro come qualsiasi altro parlamentare, può affermare tutto ciò che ritiene opportuno, compreso quindi anche tutto ciò che è in assoluta antitesi all' ideologia del movimento e dello statuto.

Ciò che invece è sorprendente e che non si ritenga democratico che i cittadini a seguito di tali affermazioni intendano poi voler esprimere il proprio dissenso.

O il dissenso è una prerogativa che spetta solo ai parlamentari?

PS: Chi non condivide quanto affermato dalla gambaro voterà per la sua espulsione, chi condivide voterà perchè resti, quindi la decisione verrà assunta sulla base di una maggioranza di voti, vorrei che coloro che ritengono questo sistema ANTIDEMOCRATICO mi spiegassero quali sono i loro principi di democrazia......sono molto curioso a questo proposito. Leonello si è già espresso a riguardo e considera la consultazione plebiscitaria una pratica fascista.....sentiamo anche altri pareri.


Edit - aggiunto PS
A former member
Post #: 123
Sarò chiaro allora. Ritengo sia importante avere una Carta Costituente del Movimento che ne definisca le regole, le finalità e sopratutto i ruoli affinché anche il garante stesso ne sia sottoposto.
Al momento questo nel movimento non c'è (il non statuto è del tutto insufficiente a tal fine) e il peso mediatico e carismatico di Beppe Grillo è tale che sfido chiunque a pensare di dire qualcosa in disaccordo con Lui oggi!
Se invece si ritiene il Grillo/pensiero intoccabile a fronte di un merito conquistato sul campo (che per altro io non discuto) che sia sopra ogni regola ad esclusione di voti in rete pebliscitari, basta saperlo che sinceramente continuerò le mie battaglie per la democrazia (quella vera) altrove.
Lo dico non perchè io ce l'abbia con chi chessia, ma perché ho una tradizione famigliare antifascista FORTE, con lutti e lotte di più generazioni, e non sono disposto per il mio bene e quello dei miei figli a rinunciarvi, ne per il Movimento ne per Grillo ne per Gesù Cristo.
Roberto B.
user 72648652
Bologna, BO
Post #: 654
sei a conoscenza della carta di Firenze ?
sai come è nato il M5S ?
vuoi dei link a riguardo ?

.. qualcuno ti obbliga a stare nel M5S ?
Powered by mvnForum

People in this
Meetup are also in:

Sign up

Meetup members, Log in

By clicking "Sign up" or "Sign up using Facebook", you confirm that you accept our Terms of Service & Privacy Policy