addressalign-toparrow-leftarrow-rightbackbellblockcalendarcameraccwcheckchevron-downchevron-leftchevron-rightchevron-small-downchevron-small-leftchevron-small-rightchevron-small-upchevron-upcircle-with-checkcircle-with-crosscircle-with-pluscrossdots-three-verticaleditemptyheartexporteye-with-lineeyefacebookfolderfullheartglobegmailgooglegroupshelp-with-circleimageimagesinstagramlinklocation-pinm-swarmSearchmailmessagesminusmoremuplabelShape 3 + Rectangle 1ShapeoutlookpersonJoin Group on CardStartprice-ribbonShapeShapeShapeShapeImported LayersImported LayersImported Layersshieldstartickettrashtriangle-downtriangle-uptwitteruserwarningyahoo
Marco G.
user 4117689
San Pietro in Casale, BO
Post #: 720
Ok.

Secondo me però sul fatto del documento (solo) di Bologna ti sbagli.... ti spiego perchè.

Noi di Bologna siamo strutturati per gruppi di lavoro. Ora immagina che tutto il Movimento di Bologna sia un gruppo di lavoro che confluisce le proprie idee nel movimento nazionale. Naturalmente quando il movimento nazionale si riunirà NOI di Bologna (o dell'emilia romagna se vuoi) porteremo le nostre idee esattamente come il singolo porta le proprie ad un gruppo di lavoro o ad una assemblea attivi.

Non è detto che quel singolo inciderà... ma intanto avrà fatto del lavoro che altri non hanno ancora affrontato (almeno in teoria) e potrà portare già delle idee sviluppate e condivise almeno nel suo ambito. tutto questo non potrà mai di certo non essere valutato positivamente dalle assemblee maggiori.

Naturalmente ci sono argomenti più facili e maggiormente comprensibili dai più e altri meno. Io ad esempio non entro ancora più di tanto specificatamente nell'argomento scuola perchè lo conoscevo 30 anni fa... oggi come oggi non mi sento di giudicarlo non avendo figli. Altri però possono.

Parlando invece di cose che conosco a titolo di esempio: Quando si parlerà di Urbanistica a livello nazionale noi di Bologna potremo invece portare il nostro lavoro già svolto come semplice traccia utile per altre città o per l'intero territorio nazionale.

In quest'ottica la creazione di DOCUMENTI CONDIVISI... può (è un mio parere personale) anche essere un metodo per cominciare a condividere idee e proposte, confrontandosi con persone che stanno anche oltre il nostro territorio provinciale senza necessariamente spostarsi in lunghe ed estenutanti riunioni.

Le riunioni così... servono sopratuttto per tirare le somme e votare quando serve un lavoro già in buona parte svolto. Questo non toglie che a livello locale soprattutto sia importante anche guardarsi in faccia... e stare assieme (conoscersi) :) .. l'aspetto umano per me è fondamentale.
A former member
Post #: 102



Non è detto che quel singolo inciderà... ma intanto avrà fatto del lavoro che altri non hanno ancora affrontato (almeno in teoria) e potrà portare già delle idee sviluppate e condivise almeno nel suo ambito. tutto questo non potrà mai di certo non essere valutato positivamente dalle assemblee maggiori.

N.

Allora dobbiamo chiarire se stiamo facendo un prototipo per il movimento nazionale !
Se stiamo facendo questo è ancora più importante che il lavoro del gruppo sia il più condiviso possibile anche con le altre province e in regione !
Perciò prima di votarlo c'è ancora molto da lavorare !
Giorgio M.
user 5682011
Bologna, BO
Post #: 482
Nelle proposte io metterei un programma scolastico a partire dalle elementari per la prevenzione del fumo alcol ed altre dipendenze (legali e non).
Potrebbero essere fatte dal mondo associativo (se i volontari dell'esercito fanno insegnamento non vedo xchè non dovrebbero fare altrettanto delle associazioni per la prevenzione di dipendenze nocive).


tra l'altro la regione ER se ne è già occupata http://sia.dfc.unifi....­
ps metto in rosso così poi trovo più facilmente le proposte.smile
A former member
Post #: 104
Nelle proposte io metterei un programma scolastico a partire dalle elementari per la prevenzione del fumo alcol ed altre dipendenze (legali e non).
Potrebbero essere fatte dal mondo associativo (se i volontari dell'esercito fanno insegnamento non vedo xchè non dovrebbero fare altrettanto delle associazioni per la prevenzione di dipendenze nocive).


tra l'altro la regione ER se ne è già occupata http://sia.dfc.unifi....­
ps metto in rosso così poi trovo più facilmente le proposte.smile

Chiarisci meglio, vorresti una materia obbligatoria a riguardo ?
Perchè se pensi ad altro nelle scuole viene già fatto, a mia figlia furono programmati alle elementari degli incontri dove le furono spiegati tutti gli effetti del fumo e alle medie incontri in cui furono spiegati tutti gli effetti delle droghe !
Giorgio M.
user 5682011
Bologna, BO
Post #: 483
No niente di obbligatorio. Ok prendo atto che viene già fatto...... secondo te è sufficiente quanto fatto da tua figlia?
Mi risulta che in Svezia, per programma visto l'altro ieri notte, che venga fatto dalle elementari a tutte le medie a cadenza periodica.
Secondo il programma, la svezia è lo stato europeo con il minor numero di fumatori e con il maggior margine di riduzione del fumo...... proprio perchè si è evitato che i giovani iniziassero, e nn perchè si sia indotto tanti a smettere.
A former member
Post #: 959


Allora dobbiamo chiarire se stiamo facendo un prototipo per il movimento nazionale !
Se stiamo facendo questo è ancora più importante che il lavoro del gruppo sia il più condiviso possibile anche con le altre province e in regione !
Perciò prima di votarlo c'è ancora molto da lavorare !

Chiariamolo: no! non lo stiamo facendo! Non esiste nessun continuum tra la realtà bolognese e quella nazionale, se non le basi ( 5 stelle ).

La realtà nazionale si muoverà PARALLELA a quelle locali, NON NE DEVE essere influenzata, o avremmo creato quella struttura gerarchica dei partiti che nella nostra visione alternativa del fare politica vogliamo evitare.

L'esperienza del gruppo scuola dovrebbe esaurirsi in ambito locale suggerendo a Comune e Regione le azioni e le direzioni.
Ogni lavoro più "generale" può servire come ESPERIENZA DI DIALOGO E DI LAVORO, non può produrre documenti ufficiali, semmai bozze da mettere online al pasto di tutti.
L'unico mezzo che può produrre documenti non deve essere "parziale" (il solo meetup di Bologna) ma "totale" (il blog nazionale).
Ma sono un po' OT... quasi quasi apro apposita discussione...
A former member
Post #: 36
@Beatrice scrive:

Complimenti per l'etica professionale !

confermo tutto quello che ho scritto,anche provocazioni come quella da te citata per il semplice motivo che,a differenza tua e di altri tuttologi esperti del luogo comune e di critiche a chi invece nella scuola ci lavora, conosco le problematiche scolastiche dall'interno e se scrivo "tendono a promuovere gli alunni problematici" non è certo riferito alla mia persona ma a quello che succede nelle scuole inserite in contesti di degrado sociale,con i violenti e figli di pregiudicati e non solo a Bologna a cui sono state tagliate anche le ore di sostegno per gli alunni gravemente certificati.Se vai a scorrere i miei post precedenti troverai i link dove potrai scoprire i lavori che faccio fare ai miei alunni (sono in rete) e anche come giudicano loro la mia "etica professionale" devo rendere conto a loro,ai loro genitori e alla scuola e non certo a te. .A proposito di etica,prima di scrivere questa parola faresti meglio ad andare a rileggere sul sito della listabeppegrillo gli insulti rivolti pubblicamente e gratuitamente a me,Monica e Stefania da ivano (che mi risulta essere tuo marito),con illazioni fantasiose e deliranti anche su argomenti che non riguardano il documento del gruppo scuola (tanto per cambiare senza mai aver formulato alcun giudizio sulle proposte di innovazione e nessuna proposta alternativa da proporre). Non prendo alcun tipo di lezione da chi si è distinto per commenti maleducati e incivili,per insulti e giudizi irrispettosi del lavoro e del tempo perso da altre persone.
C'è un documento in rete da ormai 2 mesi,lo condivido insieme alle proposte aggiunte da Giorgio Muccio e qualcun'altra di Alberto.Quando ci sarà la stesura definitiva e quando (e se) si dovesse decidere una data per votarlo ci sarò.Ho saputo che c'è chi ritiene che " il Movimento non debba per forza avere una posizione sulla scuola e sul decreto Gelmini". Legittimo come tante cose in democrazia,l'importante però è rendere pubbliche queste decisioni di non avere alcuna posizione, in modo che tutti (anche gli elettori) lo sappiano ed evitare poi di chiedere e chiedersi come mai gli studenti non si avvicinano al movimento. Personalmente non ho altro da aggiungere se non ringraziare pubblicamente Nicola (Nick il nero) per le parole di riconoscimento e gratitudine per il nostro lavoro, espresse nei nostri confronti mercoledì sera in assemblea e di condanna agli attacchi e gli insulti che abbiamo ricevuto.


@Beatrice scrive:
Tutti tranne quelli problematici delle periferie ?


I primi a subire le conseguenze dei tagli scriteriati da macelleria sociale del decreto gelmini-tremonti sono proprio gli alunni problematici delle scuole di periferia e l'ho scritto già tante volte,quindi per evitare la noia di un ennesimo e ripetitivo "copia e incolla" ti ricordo che ho già risposto a questa domanda nel POST dell 11-set-2010 12.45 e indicato cause,riflessioni e qualche modesta proposta di innovazione anche in quelli del 1-ago-2010 21.19 / 3-ago-2010 20.07 /4-ago-2010 16.26

P.S. Ciascuno è libero di cambiare idea e dire oggi di "contestare solo il metodo" e di "non essere a favore del decreto gelmini".Meno male che scripta manent. Questo comunque è un estratto di un tuo POST del 5 agosto 2010:

Beatrice scrive il 5 agosto 2010:
"LE PROPOSTE"
Anche io ho percepito il lavoro del gruppo scuola più come una vertenza sindacale che come qualche cosa che ricercasse un modo nuovo di fare scuola...

Avere la lungimiranza di proporre un sistema nuovo di istruzione che sia veramente innovativo e perseguibile, qualcosa di geniale che va oltre a tutto quello che esiste già, oltre le polemiche, oltre gli interessi personali,farebbe del Movimento 5 Stelle quello che veramente vuole essere QUALCOSA DI DIVERSO da tutti i partiti politici.

...capacità di formare giovani in grado di crescere informati, preparati, capaci di crearsi un percorso nella vita, che metta al centro i giovani e le loro potenzialità qualunque esse siano.
Vorrei insegnanti capaci, preparati, che siano sottoposti a verifiche e non sempre tutelati e difesi sempre comunque anche se incapaci.



NEL DOCUMENTO ON LINE CI SONO 16 PROPOSTE INNOVATIVE DI UN MODO DIVERSO DI FARE SCUOLA (che, nel mio caso.pratico già da ormai 10 anni),SONO DIVERSE DA TUTTI I PARTITI POLITICI E ALCUNE GIA' ATTUATE IN ALCUNE SCUOLE,INSIEME AD ALTRE RIGUARDANTI LA SELEZIONE DEGLI INSEGNANTI (DI TUTTE LE MATERIE) SOLO PER CONCORSO E LA LORO VALUTAZIONE.

Mi spiace che,per l'ennesima volta, mi vedo costretto ad intervenire non su una proposta innovativa o meno per la scuola ma per l'ennesimo attacco personale (e sempre dalle stesse persone).
ADESSO BASTA,OK?




A former member
Post #: 37
Nelle proposte io metterei un programma scolastico a partire dalle elementari per la prevenzione del fumo alcol ed altre dipendenze (legali e non).
Potrebbero essere fatte dal mondo associativo (se i volontari dell'esercito fanno insegnamento non vedo xchè non dovrebbero fare altrettanto delle associazioni per la prevenzione di dipendenze nocive).


@ Giorgio, alle scuole medie ci sono già corsi per i pericoli della dipendenza da fumo e da alcool, vengono tenuti da esperti del Sert e la qualità è decisamente apprezzabile.
Alberto P
user 9968876
Bologna, BO
Post #: 249
Ci sono talmente tante energie contrastanti che se troviamo il modo di incanalarle in un percorso comune diventiamo devastanti (in positivo)
E' un percorso difficile e serve molta disponibilità ed apertura mentale verso gli altri, ma non ho perso la fiducia!



Marco G.
user 4117689
San Pietro in Casale, BO
Post #: 721
La realtà nazionale si muoverà PARALLELA a quelle locali, NON NE DEVE essere influenzata, o avremmo creato quella struttura gerarchica dei partiti che nella nostra visione alternativa del fare politica vogliamo evitare.

No... un momento... Renato.. cosa stai dicendo??!! Calma!! Guarda che ti stai contraddicendo...

Se UNO vale UNO... allora ogni persona, gruppo di lavoro locale, città, regione, DOVRA' INFLUENZARE il lavoro degli altri... altro che no!! Se no ogni volta che si fa... si ri-inizia il lavoro daccapo??!!

La struttura gerarchica qui non c'entra niente...

Reeeeexx.... smile


Powered by mvnForum

People in this
Meetup are also in:

Sign up

Meetup members, Log in

By clicking "Sign up" or "Sign up using Facebook", you confirm that you accept our Terms of Service & Privacy Policy