addressalign-toparrow-leftarrow-rightbackbellblockcalendarcameraccwcheckchevron-downchevron-leftchevron-rightchevron-small-downchevron-small-leftchevron-small-rightchevron-small-upchevron-upcircle-with-checkcircle-with-crosscircle-with-pluscontroller-playcrossdots-three-verticaleditemptyheartexporteye-with-lineeyefacebookfolderfullheartglobegmailgooglegroupshelp-with-circleimageimagesinstagramFill 1launch-new-window--smalllight-bulblinklocation-pinm-swarmSearchmailmessagesminusmoremuplabelShape 3 + Rectangle 1ShapeoutlookpersonJoin Group on CardStartprice-ribbonprintShapeShapeShapeShapeImported LayersImported LayersImported Layersshieldstartickettrashtriangle-downtriangle-uptwitteruserwarningyahoo
A former member
Post #: 1,137
Supertassa sulla fusione delle Asp. Il progetto potrebbe slittare

27 set. – Potrebbe non essere il 1 gennaio 2013 la data di nascita dell’Asp unica di Bologna. Il Comune deve attendere il pronunciamento dell’agenzia delle entrate sull’incognita della maxi spesa da 16-18 milioni, tale potrebbe essere la cifra delle tasse da pagare. Se L’Agenzia delle Entrate “ci mette 20 giorni a rispondere la tabella di marcia resta quella” ha garantito l’assessore alla sanità Luca Rizzo Nervo. Se invece “ci dovesse mettere due mesi o più si può anche rimandare il passaggio e farlo a marzo, quando le Asp voteranno il bilancio”.

Nel caso si confermasse l’ipotesi della tassa da milioni di euro, ai parlamentari arriverà dal Comune la richiesta di un emendamento alla legge di stabilità perché, spiega Rizzo Nervo, la fusione “va nella direzione della spending review e non può essere fermata”.

Le opposizioni a questo punto chiedono di rimandare il voto sulla prima delibera che dà il via al processo di fusione.
http://radio.rcdc.it/...­
A former member
Post #: 1,138
In piena campagna referendum
ecco i soldi alle scuole private
Il Comune stanzia 962mila euro per le materne paritarie, 93 mila in meno dello scorso anno
di ILARIA VENTURI

Prima è passata la convenzione, con nuove regole. Ed è stata bagarre politica, anche in maggioranza. Ora la Giunta stanzia i soldi per le materne private convenzionate: 962mila euro per questo anno scolastico. Un atto atteso. Ma che arriva proprio quando il clima politico è più rovente, con la raccolta di firme in corso per il referendum contro lo stanziamento di questi fondi alle scuole paritarie.

La delibera approvata martedì mette a disposizione delle materne paritarie 93mila euro in meno rispetto alla precedente convenzione. Ma la sostanza, dichiara Rossano Rossi, presidente della Federazione cattolica delle scuole dell'infanzia (Fism), "per noi non cambia". "La cifra è una conferma - commenta - ce l'aspettavamo e va bene così, anzi abbiamo fretta di andare alla firma nei quartieri". Piuttosto, osserva Rossi, "sono i giorni difficili che ci aspettano con il referendum a preoccuparci". Anche se la mobilitazione del mondo cattolico nelle parrocchie è già partita, mentre si moltiplicano in città e davanti alle scuole i banchetti dei referendari.

Il contributo per il 2012-2013 per 27 scuole materne (75 sezioni, 1726 bambini) si compone di una parte forfettaria, che passa da 12mila a 10mila euro a sezione, e per il coordinamento pedagogico (817.500 euro) e di una parte variabile (144.500 euro) sugli "indicatori " di merito. Quello che è stato rinforzato è un sistema di penalità e di premi secondo alcuni criteri che entrano nel merito della gestione delle scuole e che dovrebbe abbassare notevolmente i contributi agli istituti con tariffe molto elevate, come nel caso della laica Kinder Haus che ha rette fino a mille euro al mese.

Il settore Istruzione, si legge nella delibera, adeguerà "l'ammontare delle risorse per le scuole paritarie convenzionate nell'anno 2012-2013 ad eventuali variazioni che dovessero intervenire relativamente al numero delle scuole o delle sezioni convenzionate". L'accordo è triennale: la parte variabile del contributo sarà rivista ogni anno, per quella fissa è "prevista una variazione (in aumento o in diminuzione) del contributo fino ad un ammontare massimo sulla base delle disponibilità di bilancio".
(28 settembre 2012)
http://bologna.repubb...­
A former member
Post #: 36
Che meraviglia, tagli agli stipendi delle educatrici, ed aumento del monte ore, e aumento dei finanziamenti alle scuole private ......

Fermate il mondo voglio scendere !!!
A former member
Post #: 1,141
dato che il comune di bologna non sta minimamente pubblicizzando l'iniziativa di raccolta firme del referendum, come democraticamente dovrebbe fare, perchè sappiamo come la pensano lassù, sarebbe utile ribadire e pubblicizzare anche che oltre ai banchetti organizzati dai promotori, solo in alcuni giorni e in alcuni orari, ogni cittadino bolognese può anche firmare negli urp (ufficio relazione col pubblico) di ogni quartiere.

per vedere gli orari del proprio quartiere basta andare sul sito del comune (www.comune.bologna.it), nella pagina del proprio quartiere, in basso a sinistra alla voce "il quartiere" cliccare su uffici e sportelli, poi su sportello del cittadino.
A former member
Post #: 1,142
L'esatto motivo legislativo per cui devono spostare il personale l'ho chiesto in un'interrogazione depositata un paio di giorni fa.
Al momento ho solo la risposta generale: pare non sia possibile avere nella stessa scuola personale ASP e personale dipendente del comune.
Credo che il motivo sia quello di non poter avere persone con la stessa mansione, ma contratti diversi che lavorano fianco a fianco. La motivazione pero' e' debole per questo ho fatto l'interrogazione.
Il dato comunque e' questo: scuole solo con personale ASP e scuole solo con personale del Comune. Il perche' esatto lo sapremo tra qualche giorno

è stato approfondito il discorso? al nido di mio figlio c'è un'insegnante di sostegno e un'educatrice, entrambe fino all'anno scorso nelle graduatorie del comune e assunte a tempo determinato dal comune ogni anno (da settembre a giugno, così si risparmiano due mesi di stipendi, che giochino infame) e ora, da settembre scorso, assunte a tempo determinato, con lo stesso giochino, dall'Asp. lavorano nello stesso nido con personale del comune, quindi la tesi "scuole solo con personale ASP e scuole solo con personale del Comune" non mi sembra valida.
A former member
Post #: 1,152
Terremoto. Le verifiche sulle scuole ora spettano agli enti locali

3 ott. – Sono finora 640 su circa 4mila le scuole dell’Emilia Romagna verificate da un punto di vista sismico, 450 quelle in cui le verifiche sono ultimate. Si tratta di sopralluoghi previsti da una legge nazionale del 2003, varata dopo il terremoto di San Giuliano. La nostra regione è la prima in Italia per numero di verifiche effettuate, in assoluto e in relazione al numero di scuole presenti.

E’ evidente, però, che quello che è stato fatto resta insufficiente, troppe scuole sono rimaste escluse dai controlli. La legge del 2003 prevede che l’investimento spetti ai proprietari degli edifici scolastici, che sono soprattutto comuni e province. All’Emilia Romagna è arrivato dallo Stato un contributo di 4 milioni di euro, a cui la Regione ha aggiunto un altro milione e mezzo. Attualmente non sono previsti altri contributi, come ci spiega Raffaele Pignone, direttore del servizio geologico regionale

Quindi comuni e province devono proseguire il progetto di verifica da soli e in tempo di tagli agli enti locali non è semplice.

Il terremoto di maggio però ha convinto alcuni Comuni ad investire. Il solo Comune di Bologna ha messo a bilancio la stessa cifra arrivata in Regione dal fondo nazionale, 4 milioni di euro, a seguito del terremoto di maggio per migliorare le scuole di cui è proprietario: scuole materne, elementari e nidi.

Alle province spetta il compito di investire sugli edifici delle scuole medie superiori. La Provincia di Bologna sta effettuando delle verifiche speditive, cioè superficiali, per intervenire sulle emergenze. Queste termineranno entro i primi mesi del 2013, poi, ci spiega il dirigente del settore edilizia scolastica Simone Stella, la Provincia dovrà decidere se e come investire su controlli più approfonditi ed eventuali lavori di rafforzamento. Impossibile programmare questi interventi in anticipo: sul 2013 incombe il punto interrogativo del futuro assetto istituzionale delle province e per ora tutto è rimandato.
http://radio.rcdc.it/...­
A former member
Post #: 1,168
Scuole d’infanzia. Sei nuove sezioni per ridurre le liste d’attesa

9 ott. – Quattro nuove sezioni comunali subito, due a gennaio 2013. La giunta Merola cerca di rispondere così alla lunga lista d’attesa per un posto nelle scuole materne. Saranno 144 i nuovi posti per i bimbi alle scuole d’infanzia. Le quattro nuove sezioni apriranno tra novembre e dicembre a orario ridotto e si troveranno nei quartieri Navile, Porto e Saragozza.

Il Comune lamenta, in una nota firmata dall’assessore Marilena Pillati, la “latitanza dello Stato” che a fronte della richiesta di 10 insegnanti ne ha concessi solo tre.
La lista, che era arrivata a contare 425 bimbi in attesa, si è ridotta ora a 314 unità: 80 famiglie hanno rinunciato, alcuni hanno spostato la residenza, altri hanno preferito la scuola privata alla lunga attesa.
http://radio.rcdc.it/...­
Alberto P
user 9968876
Bologna, BO
Post #: 442
Invito chiunque abbia voglia di informarsi sulle scuole dell'infanzia private paritarie a leggere il resoconto del pre-incontro avuto con il presidente di FISM e con referenti di altre scuole private, in previsione di un prossimo incontro pubblico sul tema del referendum sui finanziamenti alle scuole materne private paritarie

­QUI
A former member
Post #: 1,181
Senza palestra da un anno, i genitori si mobilitano

25 ott. – La palestra delle scuole Fortuzzi riaprirà a novembre: è la promessa dell’assessore Riccardo Malagoli di fronte alla protesta dei genitori che da un anno vedono chiusa la palestra delle scuola dei giardini Margherita.

I bambini non fanno più ginnastica da un anno: nelle ore di educazione fisica “si sta in classe oppure, se il tempo lo permette, in giardino”. Il 15 novembre 2011 la palestra è stata giudicata inagibile e, passato un anno senza nessuno avvio di lavori di ristrutturazione, i genitori hanno deciso di denunciare nuovamente la cosa pubblicamente.

On line c’è una petizione che raccoglie le firme di oltre 150 famiglie e con una lettera pubblica, i rappresentanti dei genitori eletti nel Consiglio dell’ottavo circolo didattico di Bologna si scagliano contro il Comune e ne denunciano l’inadempienza in questo anno. Il Comune di Bologna, secondo i genitori, avrebbe fatto promesse senza mantenerle.

Il 22 ottobre l’assessore Malagoli aveva ipotizzato la consegna per l’inizio del nuovo anno, ma le proteste sembrano aver accorciato i tempi ed evitato l’ennesimo rinvio. A fine novembre la palestra riaprirà e i lavori continueranno all’esterno, “senza pregiudizio per l’utilizzo della stessa” ha spiegato l’assessore.

Il complesso edilizio delle scuole Fortuzzi necessitava di interventi diversificati per sistemare la rete di raccolta delle acque piovane dissestata, il solaio della palestra e le fondazioni. Per questo, ha spiegato l’assessore in una nota, sono stati fatti due appalti, uno gestito dal MIUR che ha approvato il progetto solo a settembre.

Infina Malagoli ricorda che gli eventi sismici di maggio hanno impegnato l’intero settore nella messa in sicurezza della scuole, causando qualche ritardo sui lavori.
http://radio.rcdc.it/...­
A former member
Post #: 51
Il problema delle palestre è molto grave su diversi quartieri, dopo la neve e poi il terremoto, molte non hanno riaperto.
Bisognerebbe tentare di capire quante sono le palestre non agibili su Bologna, perchè la "scusa" del terromoto sembra stia facendo slittare parecchie aperture.
Esempio al Navile ci sono palestre che sono state inagibili fino alla scorsa settimana "da maggio" e magicamente senza nessun intervento sono ritornate agibili "Scuole Zappa", e altre che sembra siano messe aluccio e non riaprano piu fino ad interventi seri "Bottego e Salvo D' Acquisto. Ci sono diverse associazzioni sportive che stanno facendo i salti mortali per soperire alle carenze di struttere in ragione del fatto che NON si sà quando riapriranno.
La situazione qua al Navile non è delle migliori ma immagino che sia così su tutta Bologna !!!!
Powered by mvnForum

Sign up

Meetup members, Log in

By clicking "Sign up" or "Sign up using Facebook", you confirm that you accept our Terms of Service & Privacy Policy