addressalign-toparrow-leftarrow-rightbackbellblockcalendarcameraccwcheckchevron-downchevron-leftchevron-rightchevron-small-downchevron-small-leftchevron-small-rightchevron-small-upchevron-upcircle-with-checkcircle-with-crosscircle-with-pluscontroller-playcrossdots-three-verticaleditemptyheartexporteye-with-lineeyefacebookfolderfullheartglobegmailgooglegroupshelp-with-circleimageimagesinstagramFill 1light-bulblinklocation-pinm-swarmSearchmailmessagesminusmoremuplabelShape 3 + Rectangle 1ShapeoutlookpersonJoin Group on CardStartprice-ribbonprintShapeShapeShapeShapeImported LayersImported LayersImported Layersshieldstartickettrashtriangle-downtriangle-uptwitteruserwarningyahoo
prometeo
221007
South Pole, AQ
Post #: 367
Presumo che chi si è iscritto al nostro meetup prima e al movimento 5 stelle dopo, condivida il programma e il pensiero di Beppe in tutti i suoi punti, scuola compresa.
In caso contrario,francamente non si capisce per quale motivo scrivano l'esatto contrario delle nostre idee e dobbiamo stare qui a discuterne.Chi la pensate diversamente prima di iscriversi al nostro meetup avrebbe il dovere di leggersi il programma del movimento 5 stelle.

chiedo scusa per se vado OTsmile
credo corretto, da parte mia, chiarire alcuni aspetti che davo per scontati ma che, giustamente, non tutti possono conoscere.

laughingfaccio parte del meetup di imola dall'ottobre del 2007 ed attualmente ne sono l'organizer.
come gruppo attivo del meetup abbiamo cercato di mantenere lo spirito iniziale, di essere uno spazio di confronto e discussione, cercando di superare gli schemi ideologici delle diverse appartenenze, a favore di proposte possibilmente concrete e fattibili.
in occasione delle regionali alcuni erano intenzionati ad impegnarsi nel movimento, ci siamo confrontati ed abbiamo deciso che la scelta migliore e più logica fosse quella di organizzare il movimento su facebook conservando il pluralismo del meetup come luogo di confronto tra chi ha scelto il movimento, chi simpatizza, chi si avvicina per curiosità, ecc. ed è con questa logica che intervengo a titolo personale anche qui.
nel 2013, se tutto va bene, l'intento e di partecipare alle elezioni comunali.

per quanto riguarda il programma del Movimento non ho problemi ad affermare che sull'istruzione alcuni punti mi lasciano perplesso.shock

in merito alla discussione concordo con quanto ha scritto Alberto, sia sul metodo da lui proposto, sia sulle impressioni di alcuni interventi.smile
ritengo (ma ovviamente è la mia personale opinione) che si dovrebbe possibilmente superare la contrapposizione ideologica tra pubblico e privato (solo il pubblico è buono, tutto il cattivo è nel privato).
personalmente non sono favorevole alla scuola pubblica o privata a prescindere, le ho frequentate entrambe.
sono due realtà che hanno aspetti sia positivi sia negativi ma che, in ogni caso, dovrebbero avere gli stessi diritti e gli stessi doveri considerando che, in primo luogo, la scuola (intesa come istituzione) dovrebbe essere a servizio degli studenti.

purtoppo a livello europeo hanno deciso diversamente........

La scuola al servizio della competizione economica

Se si ammette il postulato secondo cui la competizione economica è il solo o, in ogni caso, il miglior modo di regolamentare le attività umane, quali che siano – e tale sembra essere attualmente l’ideologia dominante all’interno dei cenacoli europei – non ci si stupirà del fatto che l’insegnamento venga a sua volta pensato come un mezzo per sostenere la competitività delle imprese. In materia di politiche educative, questo significa attualmente tre cose: (1) assicurare la qualità del capitale umano attraverso un adeguamento ottimale scuola-economia, (2) utilizzare la scuola come leva a sostegno dei mercati emergenti e (3) posizionarsi nella conquista del mercato dell’insegnamento. Puntualizziamo brevemente questi punti..

tratto da: http://www.edscuola.i...­
A former member
Post #: 843
ummmm...

Torno stanco dal lavoro e mi ritrovo a leggere alcuni post davvero interessanti...

Cuppone e la crisi Greca... Marco e le colture idroponiche... lo Stato Sociale che non c'è (ma a quanti ricorda Peter Pan come a me? ...roba da Sezione Neuro... biggrin )

Mi soffermo su questi, altrettanto interessanti, di Alberto, Monica e Felice...

Cavolo raga, Fico direbbe che c'è FERMENTO!!!

Mi sta piacendo come procede, e forse ho intravisto una luce:

IL METODO, gente, IL METODO!!!

Affermate con orgoglio di stimare Beppe Grillo (chi non lo stima, qui dentro?) ma forse non siete ancora entrati nella "dimensione" degli Amici di Beppe Grillo... Non vi allarmate, non è certo nulla di grave, e ci siam passati un po' tutti, prima di abituarci all'idea... mi spiego:

Ricordate le parole di Alessandro in assemblea? La condivisione, la transizione ecc...

Condivisione delle informazioni per aiutarsi a vicenda ad affrontare in modo plausibile il cambiamento...

Cambiamento politcoenergeticoamministrativoeconomico­istituzionale...

Ma anche solo cambiamento del nostro stile di vita...

Quelle robe tipo di assomigliare più possibile all'utopia, insomma...

Sembro scemo a me stesso perchè ho le idee confuse e non riesco a dar ragione a tutti senza cadere in contraddizione...

Quindi ho pensato... se Monica e Felice non parlassero solo a nome degli insegnanti le critiche di molti cesserebbero all'istante...

Vedo il gruppo scuola su facebook lavorare alacremente... Com'è che ha così pochi iscritti?
Quanti di questi iscritti sono studenti? Universitari, superiori, anche giovani: non siamo in cerca di voti, ma di voci! Di menti, di intelligenza collettiva... Soddisferemmo sicuramente le esigenze di Alberto se per esempio anche solo due di loro stessero a fianco di Monica e Spampa nelle loro battaglie e in riunione...
ciò che contraddistingue solitamente tutte le iniziative "grilline" è la trasparenza ma soprattutto la partecipazione.
Più gente c'è e più persone dicono la sua, meglio vien la cosa...

Avevamo un ottimo elemento, che ogni tanto riappare... Ricky se ci sei batti un colpo!

...se poi fra gli studenti dello Spampa ci fosse un degno sostituto... Chi di loro è iscritto al gruppo scuola?

C'è bisogno di braccia giovani! e non per motivi anagrafici, ma bensì DEMOCRATICI! Dico bene?

P.S. Lo diceva pure Gaber... Libertà è...partecipazione! wink

Notte!
A former member
Post #: 844

chiedo scusa per se vado OTsmile
Ehi Prometeo! Ancora sveglio a quest'ora! Scusa te lo chiediamo noi, consideravo superato l'episodio...
Sai che sei il benvenuto qui!
E vi auguro in bocca al lupo per il 2013 già adesso, che mi sa pure a me che ce ne serve uno per tutti noi ben prima del 2013! (e non mi riferisco ai Maya! biggrin )
Alberto P
user 9968876
Bologna, BO
Post #: 199
Si è scritto molto di scuole pubbliche, private, parificate, paritarie
Per provare a capire meglio il significato di tali termini, copio/incollo quanto ho trovato QUI:

Cosa significa parità tra scuola pubblica e privata?

Parità
La parità giuridica tra scuola pubblica e scuola privata è stata istituita dalla legge 62/2000. Con questa legge viene innanzitutto riconosciuto il sistema nazionale di istruzione come un "unicum"" costituito dalle scuole statali, da quelle private e dagli enti locali.

L'obiettivo, dichiarato, è quello di ampliare l'offerta formativa e rispondere alla domanda del "servizio" istruzione, dall'infanzia lungo tutto l'arco della vita. Alle scuole paritarie private, in base alla legge n. 62/2000, è assicurata piena libertà per quanto concerne l'orientamento e l'indirizzo pedagogico-didattico, ma per essere comprese nel sistema pubblico le istituzioni scolastiche private, devono rispettare particolari condizioni di qualità e di efficacia.

Esistono differenti tipologie di scuole private riconosciute dal ministero dell'istruzione e può essere complicato districarsi tra i molteplici termini usati per distinguerle in modo corretto. Ecco in sintesi come si suddividono le suole private:

legalmente riconosciuta: è la scuola privata legalmente riconosciuta di I e II grado, in grado di rilasciare titoli di studio con valore legale come quella statale. In questa tipologia di scuola "paritaria" il riconoscimento legale si ottiene una sola volta, definitivamente. Per scuole in possesso di riconoscimento legale, al di là della specifica dizione legislativa, si intendono le scuole seguenti: 1) scuole secondarie pareggiate o legalmente riconosciute (medie e superiori), 2) scuole elementari parificate, 3) scuole materne autorizzate.

paritaria: sono istituti non statali, compresi quelli degli enti locali, che rispettano gli obiettivi e gli standard fissati dal sistema pubblico di istruzione, impegnandosi a elaborare un progetto formativo in armonia con la Costituzione e un piano dell'offerta formativa conforme all'ordinamento scolastico.

parificata: è la scuola elementare che ottiene il riconoscimento, anno dopo anno, attraverso una convenzione con lo Stato o gli Enti locali.

autorizzata: è la scuola materna che ottiene l'autorizzazione da parte del dirigente scolastico pubblico competente per il territorio.

pareggiata: è la scuola che rilascia un titolo di studio con valore legale, gestita da un ente pubblico territoriale (Regione, Provincia, Comune) o da un ente ecclesiastico.

@Monica, Felice, ...
Se ci sono scritte delle cavolate segnalatemelo !!!
A former member
Post #: 13
@Renato
Il Gruppo Scuola Amici di Beppe Grillo di Bologna
è stato fondato il 1 agosto e in 4 giorni ha al momento quasi 100 iscritti.Se ti sembrano pochi in periodo di vacanze estive, allora attendiamo tuoi consigli su come poter aumentare il numero degli iscritti (giovani e meno giovani) e anche il tuo contributo, visto che, come ho già scritto anche ad Alberto e agli altri, il gruppo è aperto,democratico e accoglie le proposte e le idee di tutti coloro che desiderano "gaberianamente" partecipare.
Per sapere se gli iscritti sono studenti universitari,superiori ecc. basta cliccare su ogni singolo nome e dall'anagrafe è possibile dedurlo.Personalmente ritengo che una persona vada valutata per il suo livello culturale, la competenza e la portata innovativa delle sue proposte, indipendentemente dalla sua età anagrafica (ho avuto come colleghi persone di 30 anni con scarsa conoscenza della grammatica italiana e difficoltà a creare una casella di post@ elettronica).
Riguardo i miei alunni ti ricordo che insegno alle medie e, considerando gli "ex" arriviamo massimo alle superiori, non so se tu a quell'età avessi già competenza in materia di normativa scolastica e proposte innovative (io no).Tra loro non credo troverai qualcuno che ambisca a sostituirmi per il semplice fatto che è insensato pretendere che le persone di qualità puntino alla carriera scolastica,sapendo che un insegnante in Italia guadagna meno di una cameriera.
Per quanto mi riguarda mi ritengo fortunato perchè parallelamente continuo anche ad esercitare la mia professione di architettetto perchè oggi la passione e la vocazione, da sole, non bastavano nemmeno a tenere insieme la scuoletta del Regno, dove pure il maestro e il professore godevano della venerazione di un popolo ancora semianalfabeta: figuriamoci oggi, che l´intero apparato pubblicitario-televisivo ha inculcato in grandi e piccini l´idea che i quattrini sono tutto, e tutto il resto è appena una variabile di scarso interesse. Gli analfabeti si prostravano ai maestri, gli attuali analfabeti di ritorno oggi li disprezzano.





@Alberto
Non mi pare che il sottoscritto e Monica vogliano "trascinare gli altri sulle proprie posizioni",altrimenti non saremmo un gruppo aperto alle proposte e alla partecipazioni di tutti.Ci stiamo limitando a fornire dati e notizie che,ovviamente,non tutti hanno il tempo e la pazienza di andare a cercare.
Per quanto mi riguarda, e non solo perchè sono precario, se non mettessi i miei alunni al centro del mio operato i primi ad accorgersene sarebbero loro e le loro famiglie e non otterrei da loro,oltre alle gratificazioni personali, una produzione didattica qualitativamente notevole che ho deciso di mettere in rete e che chiunque può valutare cliccando qui
i disegni degli alunni e delle alunne di Spampa

Niente di personale,per carità ma prima di parlare di contrapposizione ideologica io non so tu che competenze e conoscenze abbia riguardo la scuola.Per quanto mi riguarda, la scuola privata che per me merita considerazione e apprezzamento è quella dei college anglosassoni,che ho avuto il piacere di conoscere a luglio per due settimane e dove mi hanno fatto tenere una lezione su Stonehenge per gli studenti italiani.
Al di là delle definizioni che hai riportato ti rispondo in sintesi che, fatte le dovute eccezioni delle rare efficienze che comunque esistono nelle parificate-paritarie, la differenza tra la scuola italiana pubblica e quella privata è che in nessuna scuola pubblica vedrai mai torpedoni di lavoratori che si trasferiscono in massa per 3 giorni nel meridione,per fare 4 anni in uno e comprarsi un diploma in un "istituto jervolino legalmente riconosciuto",facendo arricchire solo i gestori (visto che gli insegnanti non percepiscono stipendio ma solo il punteggio) e sfornando diplomati il cui livello culturale da concorrenti del grande fratello non è difficile da immaginare.
Chiedo scusa a tutti ma da questo momento in poi, riguardo il movimento, preferirei occuparmi del lavoro da produrre per i due gruppi in cui mi sono iscritto cioè quello della scuola e quello dell'urbanistica per produrre le documentazioni da presentare poi in Assemblea.

Buone vacanze
A former member
Post #: 36
Condivido completamente quanto scritto da Felice e auguro buone vacanze e a tutti.
Alberto P
user 9968876
Bologna, BO
Post #: 200
Buone vacanze e ... a settembre interrogazione per tutti gli iscritti al meetup (me compreso !!!) su tutto ciò che riguarda la Scuola
biggrin
A former member
Post #: 845
Un attimo, non ci siamo capiti...
Gli attivisti oggi bisogna andarseli a cercare col lanternino e parlarci per ore prima di convincerli a partecipare!

Dire "ho fondato un gruppo aperto" non è praticare la partecipazione.
Proporre documenti che non siano stati discussi dalle varie parti in questione non è partecipativo!

E soprattutto dirmi "le notizie ci sono quindi vattelapescà" non è fare informazione.

Il sostituto non lo chiedevo per te, Felice: apprezzo il vostro lavoro, sia chiaro!
Il sostituto lo desideravo al ruolo di "Grillino prodigio"!

Era bellissimo quando Ricky, a 16 anni, arringava le assemblea con la sua competenza sul piano rifiuti...

Ai cortei dell'onda ho sentito parlare ragazzini consapevolissimi delle norme che regolano la loro scuola.

Quei cittadini dove sono?

Non vorrei che i miei suggerimenti, che speravo positivi e atti a ricucire una situazione spiacevole quale quella che si sta creando, fossero considerati attacchi personali e finissero come un sasso nello stagno...

Non vi sto attaccando, e torno a suggerire quella strategia perchè i vostri atti siano più "grillini" di quanto possano sembrare oggi ai più puri e duri...

Se poi pensate di essere assolutamente nel giusto e di non aver nulla da imparare dal vostro prossimo... beh... auguri e buone vacanze pure a voi! biggrin
A former member
Post #: 79
La capacità di vedere che il sistema scuola non funziona l'abbiamo ormai tutti acquisita, le proteste di studenti, genitori,insegnanti fatte negli scorsi mesi hanno tenuto l'attenzione dell'opinione pubblica sul problema,ora però bisogna fare un salto di qualità,
"LE PROPOSTE"
Avere la lungimiranza di proporre un sistema nuovo di istruzione che sia veramente innovativo e perseguibile, qualcosa di geniale che va oltre a tutto quello che esiste già, oltre le polemiche, oltre gli interessi personali,farebbe del Movimento 5 Stelle quello che veramente vuole essere QUALCOSA DI DIVERSO da tutti i partiti politici.
Anche io ho percepito il lavoro del gruppo scuola più come una vertenza sindacale che come qualche cosa che ricercasse un modo nuovo di fare scuola.
Sono d'accordo che la scuola deve essere pubblica, ma dalla scuola pubblica voglio la capacità di formare giovani in grado di crescere informati, preparati, capaci di crearsi un percorso nella vita, che metta al centro i giovani e le loro potenzialità qualunque esse siano.
Vorrei insegnanti capaci, preparati, che siano sottoposti a verifiche
e non sempre tutelati e difesi sempre comunque anche se incapaci.
Cerchiamo di lavorare su un terreno nuovo cercando un confronto pluralista, forse ne trarremmo tutti giovamento.
Marco M.
user 9856980
Bologna, BO
Post #: 53
Mi permetto una considerazione prima di andare in vacanza.
Se non condividere le idee altrui,o peggio ancora andare nella direzione opposta vuol dire non essere graditi, e consigliati a fare qualche cosa d'altro, debbo dire che non è la democrazia che intendevo io,ma paradossalmente assomiglia molto allo statuto del PDL, o del PD-L.
Non sono un "ciellino", perchè faccio frequentare una scuola ai miei figli, e tanto meno non debbo stare a certe "logiche"per essere ammesso a queste scuole.Sono un semplice cittadino che esercita un sacrosanto diritto sancito da quella costituzione che"difendete", la quale dice che tutti hanno il "diritto alla libertà di culto e di pensiero".E credo che significhi che tutti i pensieri partono alla pari(?)
.Questi a mio avviso sono modi di dire di chi vive in quelle logiche, che hanno frantumato il tessuto sociale e scolastico.E sono la vera ragione che mi ha indotto ad entrare nel movimento5stelle.Cioè cercare di cambiare la mentalità per cui non va bene niente se non rientra nelle logiche di partito.Per quel che riguarda la proposta della creazione di cooperative per creare lo stipendio di professori per favorire quegli studenti che hanno la necessità di dover recuperare qualche materia,credo che sia assurdo proporre questi costi aggiuntivi alla scuola.Anche basandomi sul fatto che nella nostra Bologna ci sono "esempi" che funzionano gratuitamente.Mi riferisco a scolè,che non è altro che un gruppo di insegnanti e di alunni che fanno del donarsi al prossimo una logica di vita,e prestano "volontariamente" agli alunni bisognosi il supporto necessario per recuperare le lacune.Questa è una struttura che finzione da anni.Ora però credo sia a rischio perchè i locali che erano usati(e non so se donati dal comune) probabilmente rientrano in una zona di speculazione edilizia!?!Saluto tutti e auguro delle serene e meritate vacanze .Io spero di rientrare all'attività per settembre per cercare un confronto "sereno e costruttivo",per cui non ribatterò più a provocazioni,perchè credo che chi mi conosca sa che non escludo nessuno,ascolto tutti.Se qualcuno non vuole discutere mi dispiace molto perché credo si perdano idee ed esperienze che non sono per niente sbagliate per principio e per chissà cos' altro.
Powered by mvnForum

Sign up

Meetup members, Log in

By clicking "Sign up" or "Sign up using Facebook", you confirm that you accept our Terms of Service & Privacy Policy