Meetup passati (139)

Cosa facciamo

SE VUOI CAMBIARE IL MONDO, INIZIA COL CAMBIARE TE STESSO

-POLITICA- Il termine politica (dal greco, polis, che significa città), secondo il filosofo Aristotele, significava l'amministrazione della "polis" per il bene di tutti, la determinazione di uno spazio pubblico al quale tutti i cittadini partecipano.

-PARTECIPAZIONE- Il termine partecipazione (dal latino pars, parte, e capere, prendere), significa, il prender parte, il concorrere e il collaborare a un'impresa di comune interesse, lo stabilire una relazione con altri su un tema specifico. La partecipazione è una delle modalità principali dell'agire politico. In negativo, si differenzia dalla delega e dalla rappresentanza, la cui essenza sta nel lasciare agire in propria vece qualcun altro, che è stato investito della nostra autorizzazione e la cui volontà pertanto deve valere come se fosse la nostra. La partecipazione è un agire personale e responsabile, che consiste nella volontà di determinare insieme ad altri l'indirizzo della vita associata; una dei modi di esercitare ciò sono gli istituti della democrazia diretta. Secondo Pasquino « la partecipazione politica è quell’insieme di azioni e di comportamenti che mirano a influenzare in maniera più o meno diretta e più o meno legale le decisioni nonché la stessa selezione dei detentori del potere nel sistema politico o in singole organizzazioni politiche, nella prospettiva di conservare o modificare la struttura del sistema di interessi comuni »

Comunicare

Ristabilire un rapporto umano e di fiducia tra i concittadini e nello specifico, tra persone che condividono uno stesso obiettivo, è propedeutico al cambiamento. Raccontarsi, ascoltarsi e aprirsi all'altro è la prima forma di partecipazione.

Confrontarsi

Discutere di un problema comune significa risolverlo insieme. Lo spirito critico e il valore della diversità sono le risorse irrinunciabili della democrazia e la sostanza delle soluzioni.

Denunciare

L'indifferenza e la delegazione sono elementi di disgregazione sociale. Dal macroscopico al microscopico, il Cittadino Attivo afferma la propria identità attraverso la denuncia. L'illecito, inteso come manifestazione anti sociale, non è tollerato. Documentare, filmare, fotografare, riportare, raccontare, approfondire e segnalare innesca un meccanismo sano e collaborativo di crescita sociale.

I Mezzi

L'attività del moVimento ha dimensione locale, tuttavia la necessità di strumenti più efficaci si è tradotta nell'utilizzo di nuove forme comunicative. Una simbiosi dei mezzi di comunicazione è il naturale compromesso che ne determina l'equilibrio.

La Piazza

Il punto di riferimento di intere generazioni, rischia oggi la desertificazione. È di fondamentale rilevanza restituire alla piazza il valore aggregativo e comunitario, che è stato simbolo di civiltà nella storia. Abbandonare la piazza è rinunciare al diritto di cittadinanza e all'idea di comunità. Occuparci delle nostre piazze significa occuparci di noi stessi.

La Rete

Il Web è la prima testimonianza della possibilità di esercitare la democrazia diretta nella storia dell'umanità.
La trasparenza, l'immediatezza e l'onestà del mezzo semplifica e massimizza la comunicazione, conservando un principio di parità intellettuale che supera i pregiudizi. La sua profonda capacità divulgativa conserva la purezza delle informazioni e una loro facile riscontrabilità, riducendo al minimo il rischio di manipolazioni. Lo spazio e il tempo non rappresentano più un limite invalicabile, consentendo a realtà distanti di proiettarsi l'una nell'altra e divenire scambio culturale.

Se non ora, quando?

Ora è il momento giusto. È in atto una rivoluzione culturale dettata dal desiderio di crescita e di cambiamento. Abbiamo tutti i mezzi, le competenze e la determinazione per portarla avanti. Sii parte del cambiamento, diventa un Cittadino Attivo di Cardito.

Membri (55)

Foto (105)

Ci trovi anche su