addressalign-toparrow-leftarrow-rightbackbellblockcalendarcameraccwcheckchevron-downchevron-leftchevron-rightchevron-small-downchevron-small-leftchevron-small-rightchevron-small-upchevron-upcircle-with-checkcircle-with-crosscircle-with-pluscrossdots-three-verticaleditemptyheartexporteye-with-lineeyefacebookfolderfullheartglobegmailgooglegroupshelp-with-circleimageimagesinstagramFill 1linklocation-pinm-swarmSearchmailmessagesminusmoremuplabelShape 3 + Rectangle 1ShapeoutlookpersonJoin Group on CardStartprice-ribbonShapeShapeShapeShapeImported LayersImported LayersImported Layersshieldstartickettrashtriangle-downtriangle-uptwitteruserwarningyahoo

Laboratorio Welfare e Sociale 2

PERSONE CON DISABILITÀ

Premessa

La difficoltà a reperire dati che permettano un’attenta valutazione delle proposte da offrire come risposta ai bisogni delle persone con disabilità svela come questa mancanza sia un ostacolo e al tempo stesso una comodità da parte dell’amministrazione.
I tagli a livello centrale hanno inevitabilmente inciso sui fondi che l’amministrazione è in grado di predisporre a progetti rivolti a questi cittadini e alle loro famiglie.
Si rende quindi inevitabilmente necessaria una stretta collaborazione tra “terzo-quarto settore” e amministrazione, al fine di poter effettuare un’attenta e reale valutazione dei bisogni e delle priorità e una possibile risposta congiunta e collaborativa.
Inoltre si evidenzia, forse in modo ambizioso, la necessità che le persone con disabilità recuperino il loro naturale bisogno di autonomia, cui dovrebbe conseguire la rivendicazione del diritto di chiedere sostegni e prestazioni volte ad aumentare il proprio livello di indipendenza all’interno della società.

Obiettivo

L’obiettivo generale è quello di mantenere una stretta relazione con le persone con disabilità, le loro famiglie e le associazioni che le rappresentano al fine di poter monitorare il loro bisogni (socializzazione, lavoro/studio, assitenza e sotegno), insieme identificare possibili discriminazioni, valutare soluzioni e risorse volti all’inclusione sociale e alla promozione di pari opportunità e verificare i risultati degli interventi messi in atto.

Proposta

• Istituzione di un Anagrafe-Osservatorio disabili
• Incontri periodici con la Consulta per la Vita Sociale e per le politiche della famiglia
• Sito InformaH (estensione telematica dell’attuale sportello informaH)
• Iniziative di formazione e campagne di sensibilizzazione al rispetto della diversità e di lotta allo stigma, anche con il coinvolgimento delle associazioni di volontariato e delle reti sociali di circoscrizione/quartiere
• Mantenimento e potenziamento dei servizi già esistenti sul territorio, previa valutazione positiva da parte degli utenti (es. Ufficio eliminazione barriere architettoniche)
• Collaborazioni tra Comune e risorse del territorio (associazioni di volontariato, terzo settore, banche del tempo, ecc.) volte ad interventi integrati e personalizzati
• Massima trasparenza delle spese dei servizi sociali, con identificazione della distribuzione equa dei finanziamenti
• Garanzie ai disabili per la facilitazione nel partecipare a tutte le manifestazioni culturali/sportive/ricreative tramite attenta valutazione sulla concessione delle relative autorizzazioni
• Valutazione della possibilità di progetti di co-housing (coabitazione)
• Incentivazione di progetti di pronto intervento sulle 24 ore per persone con disabilità che si trovino in una situzione di difficoltà o in crisi, anche in collaborazione con il volontariato
• Elaborazione di un Piano di Mobilità articolato in una serie di azioni che vedano come cardine il punto di vista dei cittadini con disabilità, grazie al tavolo permanente istituito in materia lo scorso ottobre.
• Valutazione della possibilità di fornire supporti di tipo tecnico e burocratico alle Associazioni per agevolare il reperimento di fondi e finanziamenti, mettendo a loro disposizione gli strumenti utili per la partecipazione ad appositi bandi regionali ed europei, favorendo la realizzazione delle loro attività, spesso di grande rilievo sociale.


EDUCAZIONE CIVICA E RETI SOCIALI

Premessa

L’educazione civica e le reti sociali sono tra le fondamenta di ogni programma del
Movimento 5 Stelle.
Agendo sull’educazione dei bambini si pone la base di una migliore società futura, ma si agisce anche, indirettamente, sui genitori, aiutandoli a ricostituire quelle competenze civiche che negli ultimi anni si sono perse.
La scuola lo strumento basilare per l’apprendimento teorico, ma il Comune deve diventare la palestra dove poter esercitare quanto appreso.
I docenti e gli alunni devono avere nel comune un interlocutore, che non solo cerca di risolvere le loro problematiche, ma soprattutto che dia loro la possibilità di partecipare alla vita pubblica come primi attori.
Se il giovane acquisisce come normale il frequentare, per esempio, il consiglio comunale,
sarà un adulto competente ed interessato a quanto avviene nel suo comune .
Le reti sociali sono in stretta relazione con una buona amministrazione e maggiore è la loro propositività, maggiore sarà la maturità politica dei cittadini ed il loro coinvolgimento nella gestione del comune; inoltre questi elementi presuppongono una buona capacità di ascolto e di autocritica da parte degli amministratori del comune.
Se le reti sociali ottengono risultati, spingono i cittadini alla partecipazione. I cittadini vedono la reale utilità del trovarsi a discutere dei beni comuni anche perchè sanno di essere realmente ascoltati da chi può dare seguito alle loro istanze.
Il comune deve agevolare l’incontro tra i cittadini e riconoscere le reti sociali come fondamentali interlocutori nelle decisioni da prendere.

Obiettivo

L’obiettivo generale è quello di accrescere nei cittadini le competenze sui processi democratici, sul funzionamento dell’Amministrazione comunale e sui propri diritti e doveri, al fine di restituire loro la gestione della cosa pubblica.

Proposta

Ampliamento dei momenti destinati all’educazione civica nelle scuole, con l’introduzione di corsi di educazione e formazione del buon cittadino, che siano integrati con attività concrete sul proprio territorio (quartieri/circoscrizioni), con la finalità di abituare il bambino alla vita di comunità, introducendolo ai vari temi di rilevanza civile, come il rispetto dell'ambiente, la sana alimentazione, la tolleranza reciproca e la lotta ai fenomeni di bullismo.
Coinvolgimento delle classi nei consigli comunali tramite presentazione di loro proposte e successiva discussione delle stesse in consiglio, con l’obiettivo di promuovere il rapporto dei giovani con le istituzioni e la loro partecipazione alla discussione politica.
Istituizione di una consulta generale dei giovani della città e incontri periodici per valutare le loro esigenze, necessità e priorità.
Iniziative di formazione dei cittadini al funzionamento della res publica, che aumentino le capacità e la voglia di partecipazione.
Campagne di sensibilizzazione al rispetto reciproco ed alla cura dei luoghi pubblici e condivisi dalla collettività.
Creazione di un Punto di Partecipazione dal basso presso le circoscrizioni, dove i cittadini possano dare suggerimenti e fare segnalazioni all’amministrazione comunale e trovare informazioni sui temi all’ordine del giorno in Consiglio Comunale.
Creazione di un sito comunale per il baratto e la donazione di oggetti di seconda mano e di spazi fisici a supporto di tali attività nelle circoscrizioni (merkatup).
Incentivare l'associazionismo per la raccolta delle eccedenze di cibo dalle mense aziendali e scolastiche per rifornire gratuitamente mense per persone e famiglie bisognose.
Attuazione del programma “banca del tempo”.
Promozione di attività interculturali attaverso corsi, eventi, tornei multiculturali di varie discipline sportive, ecc.
Promozione di opportunità di formazione continua per gli anziani, compresa l'alfabetizzazione informatica e l'educazione all'uso delle nuove forme di partecipazione e di interazione con il Comune.
Istituizione di corsi gratuiti di sistemi operativi e programmi open source (ad esempio Linux, Open Office).
Promozione di corsi di "arti e mestieri", con il coinvolgimento di artigiani in pensione che tramandino così il loro "sapere", per fornire nuove opportunità lavorative ai giovani.

PROGETTO “BANCA DEL TEMPO”

Premessa

Oggi le Banche del tempo a Brescia sembrano essere tre.
L’attuale amministrazione, tramite l’Assessorato ai Tempi, Sussidiarietà e Trasparenza ha deciso di avviare all’interno dei lavori di redazione del nuovo Piano dei Tempi e degli Orari lo sviluppo di una rete di coordinamento tra le Banche del Tempo cittadine.

Obiettivo

L’obiettivo generale è quello di rafforzare e promuovere lo sviluppo delle Banche del Tempo sul territorio cittadino, per sensibilizzare i cittadini rispetto ai temi della solidarietà e del mutuo-aiuto, caratterizzanti il concetto di decrescita felice condiviso dal Movimento5Stelle, che dovrebbero portare ad un ripristino di quel tessuto sociale che è venuto meno negli ultimi anni, soprattutto nelle città.

Proposta

• Promuovere lo sviluppo delle Banche del Tempo a livello di Circoscrizione o Parrocchia, attraverso la loro valorizzazione ed sostegno nell’avvio del progetto.
• Creazione di una rete di confronto e collaborazione tra le Banche del tempo cittadine.
• Campagne di conoscenza delle Banche del Tempo e sensibilizzazione alla cittadinanza del loro valore di solidarietà a di auto-mutuo-aiuto.


AREA SPORT E BENESSERE

Nella società attuale il grado di benessere viene calcolato in base all' accumulazione di beni posseduti.
Lo sport rimane uno dei più importanti baluardi bel benessere mentale e fisico della persona umana
ed importanti studi scientifici internazionali hanno dimostrato come una buona pratica sportiva facilita la creazione di reti amicali e sociali positive fungendo allo stesso tempo da prevenzione riguardo a future patologie, in modo particolare quelle cardio-vascolari.

Perciò il sostegno allo sport e la trasmissione dei suoi valori devono essere alla base dell’azione politica di una buona amministrazione pubblica.

Come movimento 5 stelle proponiamo:

• Promuovere in collaborazione con i cittadini, gli atleti ed i tifosi il potenziamento dello stadio, costituendo soluzioni valide per la messa in sicurezza degli spazzi non agibili, l’ampliamento dei servizi offerti ed l’abbattimento di tutte le barriere architettoniche ancora presenti.
• Consideriamo già sufficiente l’attuale stadio e non riteniamo opportuno creare una nuova struttura.

• Offrire gli spazzi oggi detenuti dal comune o dalle circoscrizioni a titolo gratuito per facilitare la nascita sul territorio di iniziative sportive di base.

• Promuovere lo sport in ogni ambito della vita umana come motore di aggregazione sociale e mezzo di prevenzione per la salute pubblica.

• Estendere in ogni quartiere della città l’iniziativa “bici mia” ed effettuare una messa in sicurezza delle piste ciclabili effettuate in modo dubbio.

• Introdurre il limite massimo di velocità per motori e ciclo motori a non più di 30 km orai nell’intero centro storico.

• Sostenere finanziariamente la nascita ed il potenziamento di tutte le iniziative di carattere sportivo in favore delle persone con disabilità.

• Creare un centro polisportivo che fornisca strutture adeguate ad i cosiddetti sport minori es ( palla nuoto, atletica leggera, impianti di arti marziali e box)
Sicurezza

premesso che:

La sicurezza va vista come indice di qualità della vita e lo sviluppo economico ed il benessere sono un presupposto logico per poter affermare la cultura della legalità.

Inoltre il concetto di sicurezza va determinato da una serie di fattori, riconducibili non unicamente al tasso di criminalità effettiva che si riscontra sul territorio comunale, ma comprendono anche le scritte sui muri, i danneggiamenti, il rispetto dell'ambiente e del territorio, il bullismo etc.; a tutto ciò si aggiunge l’allarmante situazione dell’infiltrazione delle cosche mafiose nelle attività di gestione della cosa pubblica, con forte inquinamento sia delle regole della concorrenza e delle procedure di assegnazione delle risorse pubbliche sia di un efficiente e trasparente utilizzo del denaro pubblico.

La nuova Amministrazione, oltre a farsi parte attiva per sensibilizzare le istituzioni centrali deputate al mantenimento dell’ordine e della sicurezza pubblica richiedendo una maggiore presenza e un maggiore controllo del territorio da parte delle Forze dell'ordine(Carabinieri, Polizia di Stato, etc.), intende perseguire nei prossimi anni i seguenti obiettivi:

- predisposizione di una migliore distribuzione delle risorse
umane del comune e l'attuazione di un maggior coordinamento
tra l'amministrazione e le forze dell'ordine per un più
razionale dispiegamento delle stesse in città;
- l’impegno, in comune accordo con gli uffici comunali
preposti, alla mappatura dei rischi presenti sul territorio
che dovranno essere costantemente monitorati da personale
specializzato in grado di cogliere e analizzare la natura
e le cause dei sintomi di degrado e di disordine urbano e,
successivamente, di gestire e organizzare i conseguenti
interventi;
- all'attuazione di una campagna di sensibilizzazione e
prevenzione del fenomeno della guida in stato di ebrezza e
della lotta alla droga, specie tra i giovani attraverso la
presenza costante vicino alle discoteche sopra tutto il
venerdì e il sabato, di vigili o volontari;
- promozione e coordinamento dell’attività di
sensibilizzazione nelle Scuole di ogni ordine e grado, con
coinvolgimento e valorizzazione delle organizzazioni che
già operano sul territorio sui fenomeni come bullismo,
sicurezza informatica, sicurezza stradale;
- potenziamento del programma di videosorveglianza sui punti
sensibili della città (scuole, luoghi di ritrovo dei
giovani, locali pubblici, piazze);
- creazione o potenziamento se già esistenti dei presidi di
legalità in ogni quartiere della città realizzando
sportelli di denuncia (anche anonima) di azioni
d'oppressione, prevaricazioni o gravi reati di tipo
mafiose così da costituire la voce dei cittadini nel campo
della legalità e della sicurezza;
- in collaborazione con i volontari della protezione civile a
predisporre corsi per i cittadini sul comportamento da
tenere in caso di calamità naturali o di eventi straordinari;
- ricerca di sovraffollamenti di immigrati negli appartamenti
affittati.

Il Mov5Stelle ritiene in proposito che ogni azione rivolta alla prevenzione, prima ancora che la repressione, sia giusta e auspicabile;



TUTELA DEGLI ANIMALI

Premessa
GANDHI affermava "La grandezza di una nazione e il suo progresso morale si possono giudicare dal modo in cui tratta gli animali”.
Ad oggi molte città italiane hanno redatto regolamenti per la tutela ed il benessere degli animali in cui, in base all’art.2 della Costituzione Italiana, si riconosce la libertà di ogni cittadino, singolo od associato, di provvedere al benessere degli animali presenti sul territorio cittadino. Guardando quindi a queste esperienze si rende necessario l’adozione di simili misure anche per il benessere degli animali che vivono nella nostra città.

Obiettivo
L’obiettivo generale è quello di promuovere il benessere e la tutela degli animali, favorendo e diffondendo i principi di corretta convivenza con l'uomo.

Proposta
Collaborazione con le associazioni animaliste presenti sul territorio al fine di poter creare un regolamento di tutela degli animali da adottare a livello cittadino.
Attuazione delle disposizioni dell’art. 108 della legge Regionale 30 dicembre 2009, n.33, (norme relative alla tutela degli animali d’affezione e prevenzione del randagismo – competenze degli enti locali e del sindaco, quale autorità sanitaria locale)
Periodiche verifiche del mantenimento dei requisiti strutturali e delle modalità di gestione delle strutture private destinate al ricovero, pensionamento, allevamento o commercio degli animali d’affezione che hanno ottenuto l’autorrizazione al funzionamento da parte del sindico.
Mantenimento di periodiche verifiche delle modalità di gestione delle convenzioni stipulate tra comune e privati e/o associazioni per la gestione di colonie feline e rifugi per animali.
Vietare la sosta a circhi e spettacoli itineranti che facciano utilizzo di animali.
Non concedere autorizzazioni a palii o giostre che facciano utilizzo di animali.
Varare una delibera che bandisce animali giudicati dalla Commissione scientifica del Cites come a rischio di estinzione (es. elefanti, foche, rapaci), o non adatte per una vita in una struttura mobile.
Rendere pubblico il diniego alla vivisezione.
Nell’ambito delle normative vigenti, impedire nel territorio comunale l’insediamento di laboratori e di aziende sia pubbliche che private che praticano la sperimentazione animale e degli allevamenti di animali per la produzione di pellicce.
Utilizzo per le pubbliche forniture di prodotti esclusivamente non testati su animali.
Programmi educativi sui diritti animali a partire dalla scuola materna (applicazione dell’art. 5 della legge 20 luglio 2004, n.189).
Inserimento della proposta di scelta vegana e vegetariana in tutte le mense pubbliche.
Attuazione nel regolamento di tutela animali cittadino delle disposizione contenute nell'ordinanza 16 luglio 2009 emanata dal Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali.

Table of Contents

Page title Most recent update Last edited by
Spese sostenute e donazioni ricevute April 27, 2015 7:37 PM Samuele L.
MATERIALE PER I RAPPRESENTANTI DI LISTA May 22, 2014 10:47 AM Giorgio P.
Coordinamento affisioni Brescia e provincia May 21, 2014 8:55 PM former member
Provincia BS- Referenti COMUNI x Rappresent.Lista May 22, 2014 9:54 AM Giorgio P.
Provincia BS- istruzioni RAPPRESENTANTI LISTA 2014 May 20, 2014 10:55 PM Giorgio P.
Istruzioni per fare i Rappresentanti di Lista 2014 May 4, 2014 9:54 PM Samuele L.
ParlamentoInMovimentoBrescia February 9, 2014 11:49 PM Vito C.
Ritiro certificati elettorali per Rifiuti ZERO September 18, 2013 12:04 AM Nicola G.
Laboratorio economia, finanza e fisco April 11, 2013 7:06 PM Luigi S.
RAPPRESENTANTI DI LISTA January 30, 2013 1:23 PM Vito C.
RITIRO CERTIFICATI ELETTORALI January 16, 2013 3:14 PM Fabio L.
Laboratorio Welfare e Sociale 2 December 5, 2012 11:22 PM Giuseppe T.

Our Sponsors

People in this
Meetup are also in:

Sign up

Meetup members, Log in

By clicking "Sign up" or "Sign up using Facebook", you confirm that you accept our Terms of Service & Privacy Policy