• A serendipitous journey in an uncertain world - Marco Testa

    Torna l'eXtreme Programming User Group a Milano! Dopo uno speciale primo incontro di riapertura, per il secondo incontro qualcosa di più tradizionale. Marco Testa, appassionato programmatore e cofounder dell’XPUG di Bergamo, ci racconta nel suo talk qual è stato il suo percorso e la sua esperienza con il mondo della programmazione, dello sviluppo agile e dell'eXtreme Programming. Abstract: Alla ricerca dell’essenza della Programmazione Orientata agli Oggetti, per affrontare, malgrado i nostri limiti cognitivi, il demone della complessità, guidati dalla mappa Cynefin, scoprendo i valori, i princìpi e le pratiche dell’Extreme Programming. L'ospite: Appassionato delle metodologie di sviluppo per gestire l’intrecciarsi nel software di innovazione e complessità, ho la fortuna di fare il mestiere di programmatore, che dà tante soddisfazioni, anche se pretende tanta fatica e disciplina. Per condividere questa passione e per sostenersi reciprocamente nelle traversie, partecipo da parecchi anni agli eventi della comunità agile italiana e sono uno dei fondatori dell’eXtreme Programming User Group di Bergamo. Come solito, porte aperte dalle 19:00 per mezz'oretta di sano networking. Al termine dell'evento per chi vuole ci organizziamo per andare a mangiare una pizza.

    3
  • Torna l'XPugMi! - [Panel] Qual è lo stato attuale dell'XP?

    Lo storico gruppo di riferimento per eXtreme Programming a Milano è tornato! E per farlo in grande stile dopo un lungo periodo di inattività, ci siamo impegnati per creare un evento speciale a cui non puoi mancare. Per riaprire le attività abbiamo deciso di chiamare a rapporto non 1... non 2... ma ben 4 esponenti storici dello sviluppo Agile e dell'XP nel panorama italiano. L'obbiettivo è di mettere a confronto i loro pareri, idee e punti di vista per quanto riguarda la diffusione e lo stato attuale dell'XP e delle pratiche di sviluppo Agile nelle organizzazioni. Domanda: e chi avete chiamato? Abbiamo invitato in una tavola rotonda alcuni esponenti della community XP che provengono da esperienze italiane di generale interesse, dal background variegato e di lungo corso. In ordine sparso: Roberto Bettazzoni - agile coach in agile42, technical trainer e software developer con ampia esperienza in diversi settori. Co-founder dell'eXtreme Programming User Group di Bologna e co-organizzatore dell'Italian Agile Day. Aiuta le aziende in Italia e non solo ad adottare i metodi Agili con le moderne pratiche ingegneristiche per lo sviluppo software. Gabriele Lana - si definisce con orgoglio “programmatore“. Freelancer con più di 20 anni di esperienza professionale diversificata su vari contesti. Inizia a studiare ed applicare le metodologie Agili agli inizi degli anni 2000 unite a tecniche di produttività personale. Fonda nel 2004 eXtreme Programming User Group Milano. Marco Trincardi - agile coach e senior developer con focus sulle metodologie agili. Attualmente Head of Agile Services in XPeppers (ora Claranet), una delle aziende italiane pilastro per quanto riguarda l'applicazione delle pratiche XP e dei metodi agili. Ha esperienza di oltre 20 anni nello sviluppo e design del software, nella gestione di team e progetti in diversi domini. Ferdinando Santacroce - programmatore, coach, autore e speaker. Sviluppatore ASP prima, prosegue poi in .NET e C# con cui ha aiutato applicazioni COBOL a stare al passo coi tempi. Si occupa di metodi per lo sviluppo Agile di software, con attenzione alle pratiche di testing e continuous integration. Sempre più spesso smette i panni del programmatore per indossare quelli del coach, offendo opzioni e opportunità di crescita a team di sviluppo che vogliono migliorare. Socio e consigliere di Italian Agile Movement, è uno degli organizzatori degli Italian Agile Days, della Kotlin Community Conf e della neonata Working Software Conf. E come si svolgerà la serata? Abbiamo preparato una serie di domande da porre agli ospiti per alimentare la discussione, che si svolgerà in formato tavola rotonda. I 4 ospiti infatti verranno coinvolti in contemporanea su ogni tema, in modo volontario, senza rispettare un ordine di intervento. Ovviamente è permesso anche dal pubblico stimolare la conversazione con nuovi spunti e domande per gli ospiti. Crediamo sia un evento speciale a cui valga la pena partecipare ... vi aspettiamo numerosi! I posti sono limitati, quindi prenotate presto il vostro qui su Meetup. Ci stiamo organizzando per registrare l'evento e trasmetterlo in streaming su Hangouts.

    1
  • (micro)services consumer driven contract tests con Pact - Gabriele Tondi

    Uno dei problemi che emergono migrando dal monolite ai (micro)servizi è l'esplosione dei test di integrazione. Vedremo come è possibile liberarsi di questo problema abbracciando i consumer driver contract test mantenendo la confidenza di poter sempre fare deploy in produzione a build verde.

    1
  • A deep dive into Cynefin for better decisions - Matteo Carella

    Qualunque situazione ci troveremo ad affrontare che si tratti di codice, problematiche di prodotto, gestione del rischio, progettazione, stime di user stories o della scelta di quale metodologia agile utilizzare, l’intelligenza contestuale è fondamentale. Scopriremo insieme come utilizzare il framework Cynefin come una bussola per orientarci al meglio nel mare di incertezza che ci troviamo ad affrontare ogni giorno per destreggiarci al meglio in contesti complessi e ad alta volatilità. Ce ne parlerà Matteo Carella: "Agile Coach a tempo pieno. Prima XPeppers, ora Vodafone. Rinforzo pratiche e principi dell’agiltà con un background in complexity science. Conference speaker, sviluppatore nel tempo libero." Grazie come al solito ad ebay per l'ospitalità!

    5
  • Practical Domain Driven Design - Alessandro Bonometti + Lightning Talk

    • What we'll do Practical Domain Driven Design con Alessandro Bonometti Super powers thanks to a spider - Simone Longoni Come sono cresciuto come agile coach attraverso l'uso dello strumento spider diagram e come questo approccio sia utilizzabile in altri ruoli • What to bring • Important to know

    5
  • Le user stories NON sono un template - Nicola Moretto + Lightning Talk

    Apriremo la serata con il lightning talk "Live refactoring in Elixir: readability matter" di Daniele Megna (@DanieleMegna1) di XPeppers: "Una sessione live di refactoring di un pezzo di codice scritto in Elixir che volutamente non sfrutta i costrutti peculiari del linguaggio per rendere il codice molto più espressivo e comprensibile anche per chi non conosce il linguaggio". A seguire il main topic della serata: "Le user stories NON sono un template" con Nicola Moretto (@MorettoNicola) di Connexxo.

    3
  • Lean Coffee su agilità, lean ed extreme programming

    Ci ritroviamo poco prima delle feste di Natale per discutere dei temi agilità, lean ed extreme programming...ed ovviamente farci gli auguri. Utilizzeremo il formato del lean coffee: http://leancoffee.org/ Gli argomenti di discussione saranno proposti direttamente dai partecipanti, tramite questa Trello Board: https://trello.com/invite/b/EwRZEUm0/fe6792c84f4e396b3c7ae54d5e6f3deb/xpug-milano-lean-coffee Puoi iniziare a proporre gli argomenti e votare quelli presenti da subito! Mercoledì inizieremo a discuterli partendo dal più votato in sessioni time-boxed. Al termine di ogni sessione si sceglierà se proseguire con un'altra sessione sullo stesso argomento oppure se proseguire con il successivo.

    3
  • A Pragmatic Approach to Study con Simon Vocella

    Questo mese parliamo con Simon Vocella (Agile Software Developer in ‎XPeppers) dello studio, un argomento caro a chiunque sia interessato a migliorare le proprie abilità nel mondo della creazione di software. In questa presentazione mostreremo diversi tipi di approccio all'acquisizione di conoscenza, concentrandoci particolarmente sullo studio. Per stimolare la memoria a breve/lungo termine esistono diversi metodi, cercheremo di capirne i punti di forza e di debolezza e faremo alcuni esempi interattivi.

    6
  • Simple Design con Matteo Vaccari

    Alcuni team ci provano seriamente: imparano Scrum, vanno oltre le regolette e cercano di viverne i principi e i valori; integrano spesso, fanno TDD, refactoring e pair programming. Eppure spesso questo non basta: le deadline vengono mancate, si sperimenta una "fatica" nel far crescere ed evolvere il software. Che cosa manca? Il Simple Design è la più elusiva delle pratiche tecniche di XP. Io qualche volta il Simple Design l'ho visto; vorrei dare qualche consiglio per ottenerlo nei vostri progetti.

    22
  • Saturday Morning Kata

    Mikamai/LinkMe

    Sei un appassionato delle pratiche di eXtreme Programming? Ti piace dedicare del tempo per migliorare sul TDD, Simple Design, Refactoring e Pair Programming? Unisciti alla nuova palestra per programmatori di XPug Milano! :-) [no, non faremo attività fisica!]. Ci ritroviamo Sabato mattina per dedicare 3 ore alla pratica, allo studio e alla condivisione. Insieme faremo degli esercizi di programmazione (conosciuti come kata). Formato: Iniziamo alle ore 10.00 presentandoci e scegliendo quale esercizio affrontare e come farlo. Dopo aver scelto la tecnologia e la modalità con cui effettuarlo, lavoreremo al kata condividendo ad intervalli regolari problematiche riscontrate, consigli e successi. Il tutto termina alle ore 13... e per chi vuole pizza e birra in compagnia! Tecnologia: Non abbiamo una tecnologia "ufficiale". Di volta in volta sceglieremo il linguaggio che preferiamo. L'importante è avere l'ambiente di sviluppo pronto con il compilatore, IDE (non sempre), e una libreria per i test unitari. Modalità: Sceglieremo la modalità in base al numero di partecipanti e alle loro preferenze. Pair Programming: lavoriamo in coppie. Ogni coppia condivide lo stesso computer. Il driver ha la tastiera e si occupa di far passare il test corrente. Il navigator, al suo fianco, tiene traccia delle cose da fare e della visione d'insieme del problema. Ci si inverte ad intervalli regolari. Randori: Pair a rotazione su un'unica postazione attaccata ad un proiettore. Tutti seguono cosa si sta facendo, ma solo gli attuali driver e navigator possono intervenire sul codice. Ogni 7 minuti il driver va a sedersi, il navigator diventa driver e viene scelto un nuovo navigator dal pubblico. Mob Programming: un solo driver e tutti gli altri navigator. Tutti possono seguire cosa viene fatto grazie al proiettore e tutti sono ingaggiati a risolvere il problema. Esercizi: Sceglieremo un esercizio tra i tanti proposti in rete, ad esempio su http://kata-log.rocks . Se hai la possibilità di portare il tuo laptop fallo! Meglio ancora se con l'ambiente di sviluppo disponibile per almeno una tecnologia. La partecipazione è aperta a tutti gli appassionati di programmazione.

    4