Amici di Beppe Grillo di Firenze - FIRENZE 5 STELL Message Board FORUM OPERATIVO DEL MOVIMENTO 5 STELLE › GRUPPO DI LAVORO: SCUOLA E ISTRUZIONE

GRUPPO DI LAVORO: SCUOLA E ISTRUZIONE

A former member
Post #: 351
GRUPPO DI LAVORO:SCUOLA E ISTRUZIONE
Il nuovo gruppo di lavoro sulla scuola riparte concentrando le proprie attività sulla parte dell'amministrazione comunale inerente l''Istruzione. A questo link http://files.meetup.c...­, troverete delle slide di orientamento , circa i servizi di competenza comunale attivi attualmente. Bisogna partire approfondendo ogni voce elencata, in modo da poter garantire ai cittadini continuità , con quanto già presente e proporre nuovi progetti , in una seconda fase, dopo aver individuato gli aspetti carenti e da implementare.
Per la prossima riunione che si terra il 29 marzo, possiamo iniziare a lavorare sul meetup, dividendoci i compiti della fase di ricerca, basta che ognuno di noi decida cosa approfondire e ci si coordina per presentare ulteriori info all'intero gruppo.
Buona lavoro a tutti wink
A former member
Post #: 352
Report riunione gruppo Scuola/Cultura/Politiche sociali del 15 marzo 2013


La riunione inizia presentando le slide che potrete trovare qui http://www.meetup.com...­ su “istruzione slide”
Soffermandosi sulla divisione tra il gruppo istruzione ed il gruppo politiche sociali
Gli interventi iniziano con Emilia: mamma affidataria ed adottiva, ci dice che le leggi per diventare famiglia affidataria sono buone, ma non vengono rispettate: il bambino passa direttamente in comunità saltando il passaggio della famiglia affidataria, nonostante sia stabilito anche dalla legge. Altro problema che cita è costituito dal fatto che le comunità, i centri tra loro non comunicano; facendoci l’esempio di un bambino di Pistoia che non trova famiglia a Pistoia perché non c’è disponibilità, c’è a Firenze, ma qui non lo sanno..
Interviene poi Roberto De Certo, Presidente dell’Associazione “Nido di Pippi”. Ci spiega che l’associazione è nata nel 2009, è famiglia affidataria dal 1992, ed ha fatto incontri col Comune e con la Regione. Ci ha spiegato che la legge quadro nazionale è quasi perfetta, confermando quanto detto da Emilia, ma demanda alla legge regionale, e la Toscana non è tra le regioni che brillano. Ci indica quali sono alcuni difetti:
- mancanza di collegamento tra i servizi (assistente sociale dovrebbe informare, ma questo passaggio salta)
- vengono dati da 80 € al giorno alla comunità, fino a 5000 € ed oltre, se il bambino affidatario ha problemi
- è difficile poter lasciare il lavoro per prendere un bambino, quindi ha fatto una proposta: dare qualcosa in più alla mamma per poter occuparsi dei bambini, per permettergli di poter lasciare il suo posto di lavoro e creare occupazione.
- ci sono difficoltà anche perché oltre i 18 anni non è più riconosciuto l’affidamento: nasce per essere temporaneo, ma al 90% dura tutta la vita (affidamento sine die) e per legge il bambino affidato non è figlio della famiglia affidataria
- dopo il primo bambino affidato il contributo viene decurtato del 30%
- l’affidamento è la soluzione per il minore, ma anche per i ragazzi con handicap, che altrimenti vanno in istituti che ci costano 5000 €: quindi è un arricchimento
Miriam: dobbiamo pensare di metterci la servizio della società, altrimenti non si può più parlare di società
Daniela: fa volontariato da quindici anni, in associazioni di donne contro la violenza e di bambini 0-3 anni
Afferma che l’affidamento è molto valido, ma presenta alcuni aspetti negativi come il fatto che il bambino non ha voce in capitolo; e anche se il bambino è piccolo non è vero che è una spugna, i problemi non li supera. L’affidamento è positivo se è sine die, ma quando non ci sono fondi ecc. si va affermando il recupero della genitorialità: il recupero va bene in un caso, ma male in altri sette
Ci racconta brevemente il caso di una mamme che cerca di riottenere il proprio figlio di 4 anni, che è già stato in 2 affidi; ci sono casi di coppie che non sono preparate per l’affido; donne che si arricchiscono con l’affido, ma non hanno voglia di genitorialità: prassi in uso perché permette ai Comuni di svuotarsi
In conclusione ci sono casi di bambini inseriti benissimo, ma aspetti negativi che vanno considerati per migliorare
Cristiano: non si intende in specifica della materia, ma afferma che bisogna verificare se esiste un sistema di monitoraggio: se è previsto, bisogna vedere come viene attuato e quindi intervenire se ci sono aspetti negativi, quindi sugli sprechi. La comunità europea non sa come vengono realmente utilizzati i fondi: se gli dimostriamo il loro reale utilizzo, la comunità europea rivedrà i fondi e risistemerà questi centri di affidamento
Lorenzo: ha lavorato nell’istituto Gould di Firenze (affidamento). Afferma che ci sono fondamenti in ciò che dice Daniela, cioè che a volte l’affido non può funzionare; in particolare non è facile un affido ad un’età adolescenziale. Per quando riguarda i fondi da dare alle famiglie: c’è la legge sui congedi parentali del 2000: il padre e la madre sono messi sullo stesso piano, hanno un tempo di 10 mesi di copertura che poi si abbatte al 30%. C’è quindi una rivalutazione del padre. Il caso di affido rientra, ma non 10 mesi. Il congedo è valido per il lavoratore dipendente
Franco specifica che è una riunione preliminare, quindi non è la serata per analizzare i problemi: sappiamo che ci sono ed è il motivo per cui sono nati i due gruppi. Propone quindi un piano di attacco: le voci viste nelle slide vanno curate con precisione certosina; propone di dividerci in sottogruppi all’interno del gruppo, ognuno dei quali si occupa di una voce vista nelle slide iniziali. Bisogna entrare capillarmente in queste voci; non dobbiamo scordarci che siamo qui per creare anche la democrazia diretta e quindi i nostri parlamentari aspettano le nostre proposte: per averle bisogna lavorare sul territorio, per migliorare i fatti. Se ci sono falle nella legislazione bisogna discuterle e fare proposte
Emilia chiede come si fa ad entrare nei servizi, come si fa a vedere da dentro; Franco risponde che non è facile saperlo, ma quando si arriva al nodo bisogna scioglierlo
Miriam cita la relazione sull’infanzia del 2009, facendoci notare che sono consapevoli delle problematiche (tra cui è citata la mancanza di comunicazione) e ti dicono quale dovrebbe essere la soluzione
A former member
Post #: 353
Franco ricorda che sappiamo che non è tutto facile e fattibile; la sua idea è prendere i vari punti, darci le priorità partendo dalle urgenze e dalle cose più importanti: la sua idea vuole essere uno spunto per la prossima riunione, quando ognuno avrà già delle idee rispetto al fatto organizzativo: bisognerà capire come muoversi. Ricorda poi che non c’è bisogno di autoreferenzialità e di persone permalose: c’è bisogno di rispettare la democrazia, (per cui è ovvio che non saremo mai contenti tutti) e portare le idee quando ci riuniamo e rispettare quelle degli altri
Fa poi un inciso sui minori: bisogna pensarli come il punto cardine della nostra società, c’è bisogno di rieducare gli adulti per poter educare i minori. Oggi il bambino non ha voce in capitolo: bisogna imparare ad ascoltarli, capire cosa hanno in testa (lo afferma anche bettelheim) tramite il ricordo dei bambini che eravamo noi; quindi propone tavoli di lavoro coinvolgendo i genitori
Miriam ricorda che la centralità del bambino è un tema intenzionale ed denota come l’esperienza arriva dove può arrivare la dottrina. È necessaria una mappatura e ricorda la irresponsabilità delle persone che non riconoscono anzi giustificano il mal funzionamento delle strutture
Valentino: avvocato; fa un aggiunta sul tema dei minori: da pochi mesi c’è stato uno stravolgimento legislativo ed è cambiata la competenza sui minori contesti di coppie non sposate: prima era competenza del tribunale dei minori, adesso del tribunale ordinario. Il presidente del tribunale ordinario non si avvale di personale specializzato (per legge): è il momento giusto per dare dei contributi. Il presidente vuole dare C.T.U. (consulenze tecniche d’ufficio) a psicologi: è un momento di studio anche per il tribunale e per dare un contributo, che può darci vantaggi
Gualtiero: è referente del gruppo di lavoro “sport”. Afferma che ha intenzione di portare il salvamento nelle scuole: è fondamentale lavorare sulla sicurezza, così i nostri figli acquisiscono una generosità d’animo che permetterà loro di sapersi salvare in situazioni di pericolo, quindi saper come farsi aiutare; ed allo stesso tempo di salvare gli altri. I bambini devono imparare a muoversi nell’acqua, oltre che fare le solite vasche: quindi bisogna lavorare nelle scuole
Lorenzo afferma che non è la serata per entrare nello specifico, ma ci sono degli spunti da segnalare. I problemi nelle scuole sono numerosi, tra cui il problema dell’edilizia scolastica. Prima di parlarne ricorda che fare ricerche comporta tempo e competenze. È professore al Pascoli ed i suoi figli vanno alla Dino Compagni: è una scuola media sorta nel 1969 circa, è una scuola prefabbricata rimasta alla costruzione di allora: quindi costellata di pannelli di amianto coperti dal cemento. Il sindaco Renzi dal 2011 afferma la volontà di abbatterla e ricostruirla con criteri moderni, ed ha attribuito la non realizzazione agli effetti del patto di stabilità: non è vero, perché ha guardato il bilancio comunale. La cifra per ricostruirla era di 10 milioni e qualcosa, e la sua voce si rifaceva al “CODICE 14” Ha ricercato cosa significa: finanziamenti che si fanno solo se il comune vende beni. Nel caso della Dino Compagni qual finanziamento è decaduto, perché quelle vendite non si sono mai realizzate
Ha fatto quindi una lettera al consiglio di istituto: unico assente quel giorno era Renzi; c’è stata unanimità nella mozione secondo cui andava rimessa in bilancio entro il 31/12, non dopo altrimenti si entra nel bilancio provvisorio: non sono rientrati perchè non ci sono i soldi; mente Via Tornabuoni è stata rifatta
L’assessore De Giorgi ha detto “faremo un’edilizia open space”, cioè non una struttura multiuso, perché c’è un finanziamento a livello nazionale con un Budget limitato (48 milioni per tutta la nazione) e se non basta ha proposto il project financing: ancora non è cambiato nulla e nel frattempo la scuola versa in gravi condizioni.
Miriam vuole sapere chi ha intenzione di collaborare nel gruppo scuola, di partecipare. Propone che ognuno si scelga un argomento delle slide per poi approfondirlo. Invita a comunicarglielo anche sul meetup; Franco ricorda che chi non può partecipare nei gruppi fisicamente può mandarci direttive via mail, letture, ecc. il contributo di tutti è fondamentale
Anna: avvocato, si occupa di problemi sociali. Il movimento deve capire che quando ci troviamo di fronte ad un ostacolo dobbiamo cercare di raggirarlo. Da anni cerca di creare mini – comunità autosufficienti con persone oneste. Il problema è che gli italiani sono individualisti, lo spirito comunitario da noi non esiste. Afferma che non dobbiamo dividerci, che personalmente può aiutare tutti i gruppi.
Miriam le ricorda che ciò che ha elencato Anna è la base della filosofia del movimento. Anna ripete che quando siamo di fronte ad ostacoli che non possiamo superare, dobbiamo raggirarli
Miriam ricorda che il movimento punta all’autosufficienza
Franco afferma che il gruppo servizi sociali si terrà giovedì o venerdì, non in concomitanza con altre riunioni, cercando di capire le esigenze di tutti. Parlando con Miriam si decide che probabilmente la riunione per le Politiche Sciali si terrà il 22, mentre quella per la Scuola il 29
A former member
Post #: 354
Ringrazio Vivamente Arianna che ha fatto il report della ns prima riunione e vi invito a lavorare su questa pagina grazie a tutti
A former member
Post #: 355
scegliamo dalle slide l'argomento da approfondire e comunichiamolo al gruppo per favore da

http://files.meetup.c...­
A former member
Post #: 357
spippolando ho trovato questo https://portal.cor.eu...­
Angelo S.
user 84056252
Firenze, FI
Post #: 2
Ho caricato tra i file un pdf che illustra ciò che l'INPS prevede per i congedi parentali, a presto
A former member
Post #: 365
grazie
Arianna X.
user 49658072
Firenze, FI
Post #: 37
può interessare?
http://www.comune.tre...­
Arianna X.
user 49658072
Firenze, FI
Post #: 38
sempre legato ai nidi di famiglia
http://www.ilcommerci...­
Powered by mvnForum

Our Sponsors

Sign up

Meetup members, Log in

By clicking "Sign up" or "Sign up using Facebook", you confirm that you accept our Terms of Service & Privacy Policy