Gruppo MeetUp "VIGEVANO 5 STELLE" Message Board Varie › Consumo del territorio in Lombardia

Consumo del territorio in Lombardia

Costantino D.
Assistant-444
Group Organizer
Vigevano, PV
Post #: 297
da un articolo della Provincia Pavese, dalla lista della Rete dei Comitati pavesi

DOMENICA, 16 OTTOBRE 2011



Se manca la terra sotto i piedi

di GIORGIO BOATTI

DRITTO&ROVESCIO

C’è un documento, diffuso nel luglio di quest’anno dal Servizio studi del Consiglio della Regione Lombardia, dedicato al tema centrale del consumo del suolo. Aria e acqua sono beni primari e limitati il cui consumo eccessivo può essere parzialmente compensato dalle dinamiche della natura e da comportamenti umani equilibrati. Il consumo del suolo è invece irreversibile, poiché la sua reintegrazione può avvenire solo in tempi geologici. Dunque centinaia di migliaia di anni. Questo significa che quando un terreno agricolo, un pascolo, un bosco viene urbanizzato, non solo viene sottratto in modo definitivo al drenaggio delle acque e ad altre funzioni essenziali per l’equilibrio naturale, prime tra tutte il ciclo alimentare, ma, una volta edificato, coperto e impermeabilizzato, questo suolo servirà – e per un tempo immenso, rispetto ai cicli umani – giusto come superficie di appoggio. La provincia di Pavia, spiega un documento del “Comitato agricoltori per la tutela del territorio in pianura”, ha la fortuna di disporre di “suoli tra i più fertili al mondo, una risorsa economica di valore strategico”. Sono state proprio queste aree a essere state urbanizzate prevalentemente nel corso dell’ultimo mezzo secolo. Tra il 1950 e il 1998 in provincia di Pavia sono stati urbanizzati oltre 13.000 ettari, equivalenti – lo si è già scritto su questo giornale – a 19.000 campi di calcio. Tra il 1961 e il 2000 nella provincia di Pavia la superficie coltivata si è ridotta di quasi il 10 per cento, con ritmi di cementificazione superiori dunque ad altre province a tradizione agricola quali Mantova e Cremona. Ad essere sacrificata in quei decenni è stata soprattutto la pianura oltrepadana che ha perso il 12,6 di superficie coltivabile rispetto all’8,2 della Lomellina e al 9,3 del Pavese. La situazione – come spiega l’analisi del luglio scorso - ha conosciuto ulteriori dinamiche nel corso dell’ultimo decennio. La Lombardia ha una superficie di quasi 2,5 milioni di ettari: un milione è territorio agricolo, un altro milione occupato da territori naturali e seminaturali mentre buona parte dell’area rimanente è urbanizzata. Un’urbanizzazione che, da quando i Comuni possono utilizzare sino al 50 per cento degli oneri delle edificazioni per fronteggiare le spese correnti, sì è moltiplicata: coinvolgendo non solo le aree immediatamente metropolitane ma anche zone di campagna pregiata. Questo ha fatto sì che il suolo in Lombardia fosse consumato al ritmo di 117.000 mq al giorno, equivalenti a sette Piazze del Duomo di Milano. Altri hanno preso un’altra strada. La provincia di Torino, per esempio, ha sancito recentemente il principio del “contenimento del consumo di suolo” al quale far sottostare i suoi Comuni: dunque si edifichi su aree dismesse e compromesse e si rispettino gli altri suoli. In Lombardia invece il 74 per cento delle trasformazioni sono espansioni e solo il 26 per cento riutilizzo del suolo. E’ la logica adottata pochi anni fa da sei Comuni della nostra provincia (Vigevano, Voghera, Cilavegna, Mede, Sannazzaro, Garlasco), che pur di urbanizzare indiscriminatamente, adottavano stime di crescita della loro popolazione pari ad una media complessiva del 53,6 per cento. E anche Pavia, e i Comuni limitrofi, su questo fronte non scherzavano! Una follia smentita dai dati reali successivi ma che serviva a giustificare il consumo di suolo che oggi abbiamo sotto gli occhi. Non sarebbe il caso che anche la Provincia di Pavia, in prossimità del varo di tanti Pgt comunali, introducesse il principio del “contenimento del consumo del suolo”? Sette comuni lombardi – tra questi uno pavese, quello di Travacò – lo hanno già fatto. Senza aspettare che, a tutti noi, venga a mancare la terra sotto i piedi.

Powered by mvnForum

Vigevano, Italy

Founded Sep 12, 2007

About us…

Organizers:

Costantino DeSantis, Luca Mazzola, Maurizio Zanola
Contact

Our Sponsors

People in this
Meetup are also in:

Sign up

Meetup members, Log in

By clicking "Sign up" or "Sign up using Facebook", you confirm that you accept our Terms of Service & Privacy Policy