Gli Amici di Beppe Grillo di Bologna Message Board I Gruppi di Lavoro del Meetup - Discussioni su idee e proposte › PROGETTO ENERGIA Le nuove fonti di energia (produzione)

PROGETTO ENERGIA Le nuove fonti di energia (produzione)

ORGANIZER-Nessuno
Organizers
Group Organizer
Bologna, BO
Post #: 3
Da Andrea: edito il messaggio di Alessandro per inserire il link al

RESOCONTO DELLA RIUNIONE DEL 17 DICEMBRE 2007

Segue il messaggio originale...




RIASSUNTO DELLE RIUNIONI

Riunione di Domenica scorsa... ott 25, 2007 at 3:52 PM
A) Giorgio che ha parlato delle iniziative da parte del meet.up di Modena
B) Nicola, Marco ed Elena (Edilizia sostenibile e case passive)
C) Francesca e Michele, tra mini-eolico vericale e progetti di sostenibilità
Io ho ascoltato pechè non si diceva possiamo informarci ...perchè abbiamopersone informate.
Non si diceva potremmo fare... perchè stanno facendo.

Riassumo brevemente
A) Cooperativa Energia Diretta, con tanto di Business Plan
Portare avanti progetti per la costruzione di Eolico offshore e campi fotovoltaici su insediamenti industriali abbandonati e individuazione di nuove tecnologie da applicare a grosse centrali tipo le torri solari o le torri a concentrazione solare

il risparmio per l'utente è interessante, attorno al 9-11%, incentivo necessario a cercare di togliere parte delle risorse ad attuali fornitori affinchè possano cambiare la loro politica energetica.

Altri possibili progetti e inziaitive in valutazione, come ad esempio collaborazione con Esco, comuni virtuosi, G.A.S., progetti e corsi per autocostruzione case, tecnologia di energia rinnovabile etc.

B) Edilizia sostenibile e case passive.
I nostri architetti del gruppo progettano e possono certificare (con normativa Bolzanina) le classi di consumo delle nostre case Bolognesi. Cavoli lo fanno di lavoro. Il problema stà nella mancanza di richeista del mercato di questi immobili, ma la cosa +grave di chi si occupa di intermediazione immobiliare che non se ne interessa e ne capisce poco.
Ho chiesto a Elena di metteregiùdue righe.

C) Francesca, ha un progetto di un chiosco sostenibile a Buggeru, con tanto di eolico verticale.
Stà lavorando a semplificare la normativa per le autorizzazioni all'installazioni di questi impianti
ora trattati peggio dei ponti radio dei cellulari.


Provo a riassumere la piacevole riunione di ieri sera ott 28, 2007 at 6:55 PM?.

Anticipo che è stato difficile seguire completamente per un povero economista, il confronto di persone che s'intendono di energia ad alti livelli (da me ora considerate enciclopedie ..)... è stato un vero onore.

Prima di definire l'attività da portare avanti abbiamo tutti svuotato il sacco ? Ovvero detto quello che ognuno di noi vorrebbe fare. Ed è qui ora provo a riassumerlo, correggetemi nelle imprecisioni ?..

Una volta che tutto decanta saremo noi del board a portare avanti l'iniziativa o le iniziative più significative.

A livello organizzativo
si è proposto di suddividere gli argomenti tra Ambiente/Salute e Energia (come si produce e consegna)
L'obbiettivo di suddividere permette di poterci focalizzare su singoli aspetti senza saltare da un argomento all'altro e con maggiore chiarezza del percorso da seguire.

Progetti (nell'ordine dei miei due appunti)
- Nel Risparmio Energetico (Elio doveva approfondire l'aspetto della tecnologia Led, ma il tempo è stato tiranno)
- Edilizia Sostenibile (Francesca ha in testa, è ho capito che lo farà, 8 abitazioni a impatto zero a Bologna, ha già individuato il terreno). Io potrei essere il secondo inquilino della seconda abitazione, ma voglio capire ;-)

- Energia Diretta, comprare energia dalla cooperativa del Meet-up di Modena e non + da Hera. Dove dobbiamo verificare che sia anche un'enegia Etica (va approfondito).
- Fotovoltaico in cooperativa, sempre il Meet-up di Modena mette pannelli fotovoltaici non sul nostro tetto ma insime in Sardegna, ho avuto un Business Plan (non aggiornato).

Il dubbio che abbiamo sugli ultimi due progetti e che viene fatto attraverso una coperativa Legacoop ;-(
- Mini-eolico (ieri non se ne parlato) ma Francesca ha soluzioni e prezzi in mano
- Minipannello fotovoltaico amorfo (bassa resa e basso costo) secondo Mirko, da lanciare all'uso di massa, interfacciato alla nostra rete elettrica per fornire un sottofondo di energia per coprire i consumi/sprechi di tutti i nostri trasformatori/alimentatori in casa.
- Valore Potenziale, ovvero valutare il valore economico di raccolta differenziata per le diverse categorie merceologiche. In questo modo ogni singolo cittadino può capire quanti soldi butta nella spazzatura ogni mese.
- Bollino Beppe Grillo per i commercianti che utilizzano politiche di riutilizzo degli imballaggi o limitazione degli stessi. (parrucchiere con shampoo alla spina, detersivo alla spina, latte alla spina. abolizione delle buste di plastica).


Azioni Politiche
Il PER (sorry Fra) ...chi lo ha analizzato lo ha trovato poco chiaro, dichiara che si contraddice all'interno dello stesso suo documento in merito al fabbisogno futuro di energia.
http://www.ermesimpre...­.
Ovvero da un'analisi attenta dei fabbisogni energetici non servirebbe + fonti di energia dell'attuale alla regione.
Ma la conclusione del PEC è che dobbiamo creare nuove strutture di produzione per una quantità enorme .. x farne che cosà ?

Ma il fatto + rilevante è che le rinnovabili sono oggi solo il 3%, e l'obbiettivo postoci dall'Unione è arrivare al 20%. Questo significa che andando in questa direzione (+del 3 si deve crescere indubbiamente) forse far crescere le risorse energetiche da combustibili fossili non ha alcun senso.

Durante la ruiunione il nome Hera è saltato fuori tante, per la cattiva gestione del teleriscaldamento, per la produzione di energia da combustibile fossile (anche se sottolineato con soluzioni valide sulla carta come i coogeneratori) ma in zone abitative e con volumi fuori dalle necessità locali,... e la maledizione del Frullo.

Le prossime mosse
-Mirko mi fa avere un documento che sarà completato dagli inscritti alla mailing list, per i singoli progetti (non solo quelli discussi ieri sera).
Poi avremo un canovaccio unico da meettere su GrilliBologna.it e passiamo a lavorare sui diversi punti.
- Fissare la prossima data di incontro
Ciao
ORGANIZER-Nessuno
Organizers
Group Organizer
Bologna, BO
Post #: 4
Edited by claudio zini on ott 29, 2007 at 9:34 AM
Capisco che gli argomenti riportati hanno anelli comuni, debbo però prendere atto che così facendo disperdiamo la nostre energie in rivoli di iniziative divergenti, anche se tutte di grande interesse.

Di ciò se ne è parlato anche la sera del 26. Io proposi di separare i vari aspetti. In particolare:

Energia per gli aspetti:
- produzione sostenibile dell'energia (studio e promozione delle tecnologie a fonti rinnovabili)
- consumo intelligente (risparmio negli edifici, nelle piccole prassi, nelle forme di acquisto)

Gestione dei rifiuti, dentro la categoria Ambiente.

Alla obiezione che dai rifiuti ci si fa energia, posso rispondere che energia si fa e si consuma in ogni atto della nostra vita quotidiana, compresa l'azione di trovarsi per partecipare alle nostre attività. Noi dobbiamo partire dall'assioma che il rifiuto non DEVE essere tale, deve essere trattato come MATERIA PRIMA di qualche altro processo produttivo, dopo che è risultato lo scarto produttivo del processo domestico.

Noi dobbiamo spingere affinchè questo materiale venga valorizzato ed abbia la giusta destinazione, fosse anche, in casi estremi e per frazioni minime, la sua utilizzazione come combustibile. E la battaglia è politica, contro Hera, che monopolizza in pratica tutta la filiera, schiacciando le altre istituziono come COSEA o GEOVEST. E lo fa perchè prende i CIP6 dall'incenerimento! altro che il conflitto di interessi dello psiconano.

E' fuori dal mio tema base, ma coloro che se ne occuperanno dovranno impostare la loro battaglia POLITICA nei Comuni, in Provincia, e dove serve, affinchè si strappi da Hera questo strapotere. Li invito a guardare l'esperienza del Comune di Argenta, è vicino a noi, ed è stato citato da Report nella risicata sezione "goodnews" (quasi sempre vuota di contenuti). Non parliamo quindi di Svezia o Danimarca, ma di una realtà vicino a noi e replicabile ovunque.

Non va dimenticato il problema della minimizzazione dello "scarto produttivo domestico" attraverso la incentivazione di forme di distribuzione richiedenti il minor peso possibile di imballaggio. A parer mio quello dovrebbe essere materia del gruppo: consumo



Posted nov 19, 2007 at 3:19 PM
MERCOLEDì 21 NOVEMBRE
ORE 20:00
PRESENTAZIONE

La cogenerazione in generale e specificatamente ricorrendo alle biomasse
Lavoro di Claudio Zini.


Le slide di Claudio sul Cogeneratore in sezione files...
Sono disponibili a tutti .....
http://files.meetup.c...­
http://files.meetup.c...­
Ringrazio ancora Claudio per la serata molto interessante
Elio A.
Bologna_la_dotta
Bologna, BO
Post #: 478
AMBIENTE
27/11/2007

Google per l'energia rinnovabile




Il colosso Usa punta a creare elettricità da fonti energetiche alternative ad un costo inferiore rispetto a quello del carbone


MILANO
Google annuncia una nuova iniziativa volta a creare elettricità da fonti energetiche rinnovabili, ad un costo inferiore rispetto all?elettricità prodotta dal carbone. Questa nuova iniziativa, conosciuta anche come Progetto RE < C (renewable energy cheaper than coal), si focalizzerà inizialmente sullo sviluppo di tecnologie per la produzione e l?utilizzo di energia termo-solare, eolica e per la realizzazione di sistemi geotermici ed altre tecnologie competitive.

Il progetto "RE < C" prevede l?assunzione di ingegneri ed esperti in campo energetico per guidare il gruppo di ricerca e sviluppo e lavorare, tra i diversi progetti, alla realizzazione di sistemi geotermici avanzati. Nel 2008 Google prevede di investire parecchi milioni di dollari in ricerca e sviluppo e in progetti connessi all?utilizzo di energia rinnovabile.

In quanto parte del processo di pianificazione in atto, la società sta anticipando inoltre l?investimento di centinaia di milioni di dollari in progetti innovativi per lo sviluppo di energia rinnovabile che portino ad un ritorno positivo per la stessa.

Nel tempo, grazie alla costruzione di data center efficienti, abbiamo acquisito conoscenze, esperienza e comprensione profonda delle strutture ad uso intensivo di energia su vasta scala?, ha detto Larry Page, uno dei due fondatori di Google e Presidente Prodotti, in conference call con i giornalisti di tutto il mondo.

?Vogliamo applicare la stessa creatività ed innovazione alla sfida per la produzione di elettricità rinnovabile a livello globale e a costi inferiori rispetto a quella generata dal carbone? aggiunge Page. ?E' in atto un incredibile sforzo nei riguardi dell?energia rinnovabile. Le tecnologie sono state sviluppate in modo da evolversi in attività in grado di fornire elettricità più economica di quella prodotta dal carbone. Siamo interessati a sviluppare nuove tecnologie competitive a livello di costi e rispettose dell?ambiente. Pur essendo consapevoli dell?esistenza di alcune tecnologie molto promettenti, crediamo che ce ne siano molte altre da scoprire e realizzare?.

Page continua: ?Attraverso il lavoro congiunto di grandi scienziati, ottimi partner e investimenti significativi speriamo di portare avanti questo progetto rapidamente. Il nostro obiettivo è realizzare 1 gigawatt di capacità di energia rinnovabile più economica del carbone e siamo ottimisti sul fatto che ciò possa avvenire nel giro di pochi anni e non decenni. (1 gigawatt può fornire energia ad una città delle dimensioni di San Francisco).

?Se saremo in grado di raggiungere questo obiettivo? afferma Page ?e le tecnologie per la produzione di energia rinnovabile su larga scala risulteranno più economiche di quelle adottate per la produzione di energia dal carbone, il mondo avrà la possibilità di coprire una porzione significativa di bisogno di elettricità attraverso fonti rinnovabili, riducendo in modo significativo le emissioni di carbonio. Ovviamente ci aspettiamo anche che questo progetto porti a buone possibilità di business per noi?.

Il carbone è la fonte primaria di energia per molti e fornisce il 40% di elettricità del mondo. L?effetto serra causato dalle sue emissioni nell?atmosfera rappresenta una delle più grandi sfide per il nostro ambiente. Creare elettricità da fonti rinnovabili, più economica di quella realizzata dall?impiego del carbone costituirebbe una componente essenziale per la riduzione di emissioni di gas che alimentano l?effetto serra nel mondo.

?Un?energia economica e rinnovabile non è solo un elemento fondamentale per la tutela dell?ambiente ma anche una componente essenziale per lo sviluppo economico di paesi dove c?è una disponibilità molto bassa di energia, di qualunque tipo? conclude Sergey Brin, uno dei fondatori di Google e Presidente, Technolgy.

Investimenti ed Iniziative Strategiche

?Molti gruppi stanno facendo un ottimo lavoro nel tentativo di produrre energia non costosa e rinnovabile. Vogliamo dare il nostro contributo per la realizzazione di tecnologie ancora più economiche in tempi brevi. I criteri adottati per gli investimenti tradizionali potrebbero non portare alla realizzazione dell?energia super-economica, pulita e rinnovabile così presto da impedire devastanti cambiamenti climatici", ha detto Larry Brilliant, Executive Director di Google.org. "La nostra speranza è che i programmi che stiamo annunciando possano far partire una rivoluzione per l?energia verde che porterà tecnologie all?avanguardia a costi inferiori rispetto al carbone". Lavorando al progetto RE
eSolar Inc., con sede a Pasadena, CA, società specializzata in energia termo-solare. L?energia termo-solare sostituisce il carburante in una centrale tradizionale con il calore prodotto dall?energia solare, e può essere un modo economico per produrre energia su scala industriale. Per maggiori informazioni visitate il link: http://www.google.com...­.

Makani Power Inc., con sede ad Alameda, CA, sviluppa tecnologie per l?estrazione dell?energia eolica a grande altezza per imbrigliare le più potenti risorse eoliche. Catturare una frazione delle risorse di energia eolica globale a grande altezza sarebbe sufficiente a soddisfare l?attuale fabbisogno mondiale di elettricità. Lo scorso anno, Google ha investito $10 milioni in Makani Power. Per maggiori informazioni visitate il link: http://www.google.com...­.



Impegni in atto
Quello di oggi non è il primo impegno di Google nei riguardi dell?ambiente e della sua tutela. Da tempo ormai Google sta lavorando per una gestione efficiente dell?energia e per far sì che il proprio business sia rispettoso dell?ambiente.

La scorsa primavera la società ha messo in atto delle iniziative concrete per ridurre le emissioni di carbonio e accelerare lo sviluppo di una ?tecnologia verde?, tra queste ricordiamo l?impegno a:

· Sviluppare una tecnologia efficace per dare energia e raffreddare i data center di Google negli Stati Uniti e nel mondo.

· Accelerare lo sviluppo e l?adozione di veicoli ricaricabili, includendo in questo progetto una richiesta di investimento di 10 milioni di dollari (http://www.google.org...­)

· Collaborare, nel 2007, insieme ad altre società leader nel loro settore al ?Climate Savers Computing Iniziative?, un consorzio che ha come finalità la progettazione e l?utilizzo di computer e server più efficienti da un punto di vista energetico (http://www.climatesav...­.

· Lavorare attraverso Google.org alla realizzazione di policy che incentivino lo sviluppo e l?utilizzo di energia proveniente da fonti rinnovabili, come ad esempio lo U.S. Renewable Energy Standard.


articolo tratto da:
http://www.lastampa.i...­
Salvatore
user 3349817
Bologna, BO
Post #: 113
Avete già sentito parlare di Jatropha curcas ?

In breve:
"...
un'arbusto (jatropha curcas) che produce un'olio combustibile ad elevato potere calorico che viene impiegato per la produzione di biodiesel. Poichè vive anche in aree semi-desertiche non viene "rubato" terreno agricolo per le coltivazioni alimentari.
..."

Il link:
http://www.politicaon...­


E wikipedia:
http://it.wikipedia.o...­
Alessandro C.
Alexc1
Bologna, BO
Post #: 286
Ecco il link al progetto di Modena Energia Diretta....
http://beppegrillo.me...­
Partecipiamo vero..
andrew
user 3606793
Bologna, BO
Post #: 103
Cosa pensate delle torri energetiche?

http://www.alcatraz.i...­
Maurizio
Bartolini
Pianoro, BO
Post #: 253
Anche negli USA stanno lanciando sul mercato auto a combustibile misto etanolo-benzina.
Ecco qui dei link interessanti presenti in una iniziativa pubblicitaria della GM.

Peccato che le coltivazioni per usi energetici sottraggano spazi a quelle per usi alimentari con conseguenti rincari degli alimenti.
Salvatore
user 3349817
Bologna, BO
Post #: 124
Anche negli USA stanno lanciando sul mercato auto a combustibile misto etanolo-benzina.
Ecco qui dei link interessanti presenti in una iniziativa pubblicitaria della GM.

Peccato che le coltivazioni per usi energetici sottraggano spazi a quelle per usi alimentari con conseguenti rincari degli alimenti.


Per la Jatropha che cresce nelle aree semidesertiche attualmente non coltivate questo problema non sussisterebbe!

http://it.wikipedia.o...­
claudio z.
user 4312582
Bologna, BO
Post #: 175
Porto a conoscenza di una iniziativa simpatica sulla cogenerazione del Comune di Castel D'Aiano, che sarà presentata a Porretta venerdi 14.

Una cosa mi preoccupa, e se qualcuno ci potesse andare sarebbe simpatico tirarla in ballo e farsi chiarire. E cioè:

L'impianto non è piccolissimo, pertanto richiede una quantità di materia prima immane. Questa è la cosa più critica, non certo l'impianto che viene comprato ed installato chiavi in mano. Non vorrei che succedesse come a Vidiciatico, che importano il legname dalla Russia. Quindi se hanno organizzato un sistema di pulizia dei boschi o qualcosa di simile, deve essere una iniziativa corposa e significativa. E allora perchè non pubblicizzarla, visto che nella lcandina non se ne parla?

O non se ne parla perchè si da per scontato che la materia prim verrà reperita sul mercato globalizzato?

Vi allego la locandina (link su di un mio server) : http://minotauro.enea...­
lenza
user 4137003
Bologna, BO
Post #: 149
Biodiesel e Combustibili biocompatibili.
Non so se state percependo dai notiziari, e dai grossi produttori di pasta, che l'aumento del costo del Grano Duro è dovuto in primis alla trasformazione di molti campi in colture destinate ai Biocarburanti, e poi al problema climatico ed alla desertificazione...!!!

Bel messaggio: per primo sarebbe meglio diminuire la produzione di Biodiesel, e poi intervenire sull'inquinamento cercando di migliorare la situazione ambientale.

Posso essere d'accordo a non eccedere con la produzione di Biodiesel, ma non mi puoi far passare un messaggio, che il rincaro pasta sia dovuto al biodiesel!!!
Powered by mvnForum

People in this
Meetup are also in:

Sign up

Meetup members, Log in

By clicking "Sign up" or "Sign up using Facebook", you confirm that you accept our Terms of Service & Privacy Policy