A former member
Post #: 613
nella nostra Bologna ci sono "esempi" che funzionano gratuitamente.Mi riferisco a scolè

http://www.bolognarif...­
Studenti universitari e docenti delle superiori sono a disposizione per aiutare gratuitamente i ragazzi a scoprire il fascino della conoscenza e a concepire lo studio (generalmente vissuto come una ‘condanna’) come un’occasione di crescita e di espressione personale. Scholé che fa parte dell’Associazione PortoFranco Emilia Romagna, riconosciuta dalla Regione Emilia Romagna e sostenuta dal Fondo Sociale Europeo per l’attività di contrasto alla dispersione scolastica, è aperto ogni martedì, mercoledì e venerdì dalle 15:00 alle 18:30, nella sua sede di Via Zaccherini Alvisi 11. Qui, in spazi adeguatamente attrezzati, è possibile studiare da soli o in gruppo, oppure fare un approfondimento con l’aiuto di un docente. Oltre all’attività di studio “Scholé” propone dibattiti, incontri di presentazione di libri, cineforum, gite e visite guidate, presentazione di mostre, e quanto ogni anno nasce da un rinnovato interesse per la scoperta. «Non vedevo l’ora che Scholè riaprisse – afferma Sara, al quarto anno di liceo –: l’anno scorso vivevo praticamente lì». E Lucia, una sua amica: «L’anno scorso ho davvero avuto un grande aiuto a Scholè: una professoressa di matematica che spieghi un problema di geometria, con la stessa passione con cui mia nonna fa le lasagne, non la trovi dappertutto».
Alberto P
user 9968876
Bologna, BO
Post #: 202
da http://www.tuttoscuol...­
Si è svolto oggi (4 agosto 2010) l’incontro Gelmini-Sindacati
16.000 posti per docenti, Ata e DS
Presto un nuovo bando per 2.800 posti da dirigente scolastico



Nuove assunzioni in arrivo per docenti, personale Ata e dirigenti scolastici, e premi ai professori migliori.

Di questo hanno discusso oggi il ministro Mariastella Gelmini e i segretari nazionali dei sindacati della scuola, presso la sede del Miur. Durante la riunione, afferma una nota del ministero, "sono stati discussi alcuni importanti temi, in un clima di collaborazione e di confronto costruttivo", a partire dalla procedura di immissione in ruolo di 10.000 insegnanti, 6.500 unità di personale Ata e 170 Dirigenti scolastici, già concordata con il ministero dell'economia.

Sarà inoltre bandito entro l'anno 2010 un nuovo concorso per 2.800 posti di Dirigente scolastico. E inoltre, prosegue la nota, pur in un'ottica di contenimento della spesa, obiettivo principale della manovra economica, la scuola non è stata toccata, nel senso che sono stati salvaguardati gli scatti stipendiali, coniugando l'equità con la promozione del merito.

Il ministro e i sindacati hanno aperto un tavolo di confronto per definire in tempi rapidi le procedure e le modalità di destinazione del 30% dei risparmi realizzati con la manovra finanziaria avviata nel 2008: tali risorse saranno destinate al recupero degli scatti ma anche alla valorizzazione del merito degli insegnanti. Per questo sarà potenziato il sistema di valutazione a tutti i livelli (Invalsi, Indire, Ispettori) e saranno promosse nei prossimi due anni alcune sperimentazioni proprio sul tema del merito e della qualità.

Dal 2013, con il nuovo contratto, tutta la materia sarà riesaminata sulla base dell'esito delle sperimentazioni, con l'obiettivo di valorizzare la carriera dei docenti premiando in particolare quelli che risulteranno i professori migliori "coerentemente con il quadro degli interventi di valorizzazione del merito avviati con la Legge Brunetta". Infine, il ministro ha comunicato ai sindacati che è stato prorogato il decreto cosiddetto "salvaprecari": sono in fase di rinnovo le convenzioni stipulate con le Regioni, Puglia e Calabria hanno già sottoscritto.
Massimiliano P.
user 8972875
Roma, RM
Post #: 238
MEA - MOSTRA EDUCATIVA SULL'ACQUA

E' CON GRANDE PIACERE CHE VI PRESENTIAMO LA MEA: MOSTRA EDUCATIVA SULL'ACQUA, REALIZZATA DA ALCUNE PERSONE DEL COORDINAMENTO ROMANO ACQUA PUBBLICA.


CLICCANDO QUI POTRETE INFORMARVI SU COME RICHIEDERE LA MOSTRA EDUCATIVA SULL'ACQUA

Per richiedere la mostra scrivere o contattare Massimiliano Petrucci:
e-mail: manifestopea@hotmail.it
cellulare: 328.3275171
web: www.acquabenecomune.org; www.exlavanderia.it


Estratto conclusivo dal pdf
[...Conclusioni. Per finire vogliamo ricordare che sono le persone la cosa più
importante per condividere e far vivere le nostre esperienze. Hanno
partecipato alla mostra educativa sull’acqua le seguenti persone in ordine
alfabetico:
Annamaria R. (ricerche e testi) ; Andrea D. (coordinatore testi, correzioni e
dialoghi ballon); Clara D. (cuoca); Elsa G. (ricerche e testi); Emilio P.
(logistica) ; Federica B. (ricerche e testi); Filippo M. (ricerche-testi;
consulente e assistenza grafica ); Isabel T. (disegnatrice di Goccia) Luca M.
(consulente e assistenza grafica) ; Marco B. (ricerche e testi); Marco M.
(consulente e assistenza grafica); Massimiliano P. ( ideatore, coordinatore,
ricerche-testi; disegni e grafica); Maurizio A. (ricerche e testi); Mimmo P.
(ricerche e testi); Paolo C. (ricerche e testi).
Con la speranza che molti altri possano unirsi a questo gruppo nel progetto
scuola 2010-2011.]


Qui un video dove è presente l'esposizione della mostra:



un saluto
Massimiliano P.

Marco M.
user 9856980
Bologna, BO
Post #: 56
Cara Monica,
sono Annalisa, la figlia di Carla e Marco. Ho quasi 15 anni e quest'anno ho frequentato la 1 liceo scientifico al Malpighi. Leggevo prima la tua risposta ad Alberto, in merito appunto ai ''ciellini" e al fatto che il Malpighi sia un diplomificio.
Non voglio farla lunga, ti dirò subito che con quello che hai scritto non sono AFFATTO d'accordo. Come prima cosa ti chiedo quale sia il "modello ciellino", perchè io non lo so... Non penso che l'appartenenza a un determinato gruppo (in questo caso CL), possa <<renderti la vita certamente più facile>>. Questo non è per niente vero, e te lo posso assicurare! Poi ti vorrei chiedere come fai a dire ciò che hai detto?Su cosa basi le tue affermazioni, le tue,per così dire, "prove" se non fai parte del Malpighi?
A me hanno sempre insegnato che dalla nostra esperienza diamo la nostra testimonianza;che ci dobbiamo vedere in azione... Cavolo!Tu dove li fissi i paletti delle tue affermazioni, le fondamenta!?!...Certamente tu mi risponderai "perchè è quello che le persone dicono"...Ma io non penso che sia così, perché se no saremmo soltanto dei pecoroni che seguono quello che fa il gregge senza saperne neanche il motivo...Penso invece che la risposta sia: PREGIUDIZIO.Solo ed esclusivamente prevenzione,tutto qua. Noi siamo talmente testardi che per non vedere la realtà,anzi la verità delle cose ci fasciamo la testa e continuiamo per la nostra strada,senza voler aprire gli occhi...
Voglio concludere questa prima parte dicendo che nella mia scuola non si cerca di imporre il pensiero ciellino,anzi ognuno è LIBERO di pensare come gli pare e piace,e ogni tipo di confronto da diversi punti di vista,ma non solo,è più che ben accetto!!

Riguardo invece al fatto che il Malpighi, scuola parificata e non privata, sia un diplomificio penso che sia vero!...Alt un attimo!...Penso che al Malpighi si diplomino in molti e con ottimi voti (sono appunto andata l'altro giorno a vedere i risultati!). Ma forse quello che intendi tu fa capo sempre alla storia dei ciellini e del fatto che i genitori pagano la retta...,o no?Mi spiego; dato che siamo tutti di CL e siamo in una parificata (ma per voi è uguale dire privato) abbiamo il diploma assicurato. Questo è quello che hai detto,o meglio hai lasciato trasparire dicendo: <<Le scuole private superiori sono quasi sempre dei diplomifici, a Bologna non lo è il Malpighi, che risulta essere semplicemente una scuola di formazione "ciellina",nella quale ,comunque, se accetti il modello proposto e sei un affiliato avrai una vita certamente più facile.>>.Comunque non voglio far polemica,dico solo che non si fanno sconti a NESSUNO,nemmeno ai figli dei ciellini, e che nonostante ciò, ogni insegnante,se lo è davvero,per il bene che vuole verso i propri alunni cerca sempre di volere il meglio per loro, e di cercare di prendere sul serio il compito che gli è stato affidato,e quindi di prendere i giusti provvedimenti scolastici ,anche una bocciatura...

Comunque,riassumendo brevemente tutto quello detto,credo sinceramente che ciò che hai scritto nel messaggio,sia stato scritto con pregiudizio,e senza la certezza di quanto si stesse scrivendo...

Non avendo nient'altro da dire,mi fermo qui.
Spero tu possa apprezzare e capire quanto spiegato...

Cordiali Saluti, Annalisa Marzocchi
Carla Z.
user 9058340
Bologna, BO
Post #: 141
@Federica



Primo e secondo libro.

Ciao scusa se rispondo solo ora alla tua richiesta ma non ho più frequentato perchè non ho tanto tempo in questo periodo.

Ho visto che si è scritto tanto ,non ho letto tutto leggerò.

In ultimo volevo ancora ribadire che lo spirito che mi anima è portare un'esempio positivo che sarebbe usufruibile a tutti se la legge 62/2000 Berlinguer ,che garantisce la parità economica,oltre a quella scolastica, venisse applicata.

Ciao Carla
stefania
StefaniaS.
Bologna, BO
Post #: 1
@ Monica rispondo a Carla: nessuno del gruppo scuola si erge a giudice ,ognuno, cara Carla, può iscrivere i propri figli dove vuole senza che lo si stigmatizzi... Quello che non mi sta bene è che lo Stato finanzi scuole non statali... l'art. 33 della Costituzione recita che l'istituzione di scuole non statali debba avvenire SENZA ONERI per lo Stato... Mi chiedo tu sei un'insegnante? Che ne sai di cosa è bene per un bambino a livello didattico? La pluralità delle figure docenti non è un limite o uno svantaggio per un alunno : nel cosiddetto ex modulo, le 3 insegnanti erano un valore aggiunto :la divisione delle aree (linguistica,antropologica,logico matematica) ha permesso approfondimenti nello studio delle suddette che l'insegnante unico non si è mai sognato di fare... se paragoniamo i programmi svolti al tempo dell'insegnante unico e quelli di oggi è evidente un abisso...le personalità diverse delle insegnanti ,nella mia esperienza , hanno arricchito i bambini e li hanno abituati alla pluralità delle figure docenti della scuola media e superiore... naturalmente , come sempre, ci sono le eccezioni che non inficiano la regola...
Vogliamo parlare delle scuole private, parificate,etc?
Io ho fatto le superiori in una scuola parificata molto quotata ed ho visto promozioni non meritate a gogo' , professori , scelti con criteri clientelari, che molto spesso venivano pagati meno di quanto fosse dichiarato... senza parlare , poi, della loro preparazione... Vogliamo parlare , quindi ,di corpo docente delle private? Sei a conoscenza di come vengano scelti? Parli di bambini con situazione di handicap... Molte volte nelle private non se li prendono neppure... come gli extracomunitari...
Parliamo del ruolo educativo della scuola... io parlerei in primis di quello della famiglia... non sai quante volte la nostra opera educativa è stata vanificata dalle "famiglie"...
si inizi a non considerare la scuola , soprattutto per la primaria e la scuola dell'infanzia, un parcheggio... con bambini mandati in aula con la febbre...
parli di nove ore a scuola con compiti a casa... di solito è la scuola a tempo pieno che fa permanere i bambini 9ore a scuola e ti posso assicurare che nella maggior parte delle suddette non si assegna dal lunedì al venerdì... ti informo che l'insegnante che fa il pomeriggio, poi, nn può far svolgere i compiti in quelle ore,perchè ha le sue materie da spiegare... non fa doposcuola... il finesettimana i bimbi devono "ripetere", fissare con i compiti e con l'impegno individuale il lavoro svolto in classe... ma adesso entro troppo nel tecnico...
Noto, purtroppo, sempre più con dispiacere, che da qualche tempo, molti, senza averne i titoli, pontificano sulla didattica ... è come se una persona ,pur non essendo medico,si permettesse di prescrivere o consigliare medicinali ...
Ritornando alla scuola nel suo complesso, non voglio dire dire che la Scuola Pubblica sia ottima, va migliorata e per questo ci vogliono fondi, non TAGLI... Con essi , ad es. si taglia il numero di docenti cosicchè questi si trovano in classe 27 bambini... così da rendergli impossibile qualsiasi intervento individualizzato e di recupero ... poi , si dice ,la colpa è dell'insegnante... mi ribolle il sangue! L'insegnante denuncia i casi di ritardo , difficoltà cognitiva e si sente rispondere che nn ci sono fondi per ore di sostegno... iniziamo a prendere i soldi dai sovvenzionamenti alle private... le famiglie vi vogliono mandare i loro figli e se le paghino ... Noi vogliamo una scuola pubblica di QUALITA' che dia a TUTTI eguali possibilità educative e conoscitive ed ogni proposta o riflessione in tal senso sarà ben accetta... saluti Stefania

Mi auguro di fare parte del gruppo scuola ,sperando si attivi in settembre,anche perchè è da quasi un'anno che nel movimento parlo di scuola.

Mi spiace che non hai mai risposto alle considerazioni che sempre ho fatto in merito alle varie denunci che fai :

art 33 costituzione ,parifica data dal governo Berlinguer legge 62 2000,contributi dati solo a materne e primarie,entità degli stessi,diplomifici.

Se sei andata alla festa dei bambini che si è teneuta i primi di giugno avrai potuto vedere che le famiglie erano tutt'altro che famiglie borghesi:
famiglie normalissime ,operai impiegati ,insegnanti,agricoltori,informatici che investono tutto quello che hanno nell'educazione dei figli.
Come puoi ergerti a giudizio di tutto ciò .
Queste famiglie pagano le tasse per un servizio scolastico di cui non usufruiscono perchè credono non istruisca ed non educhi in modo adeguato:art 30 costituzione.
La vera rivoluzione scolastisca sono loro ,altro che diplomifici.

Cominciamo a parlare di bambini ,di cosa è bene per un bambino di sei anni: una maestra prevalente che sappia conoscerlo nella sua intierezza o tante figure?
Parliamo degli insegnanti che ogni anno cambiano,non riuscendo ad entrare in sintonia coi bambini ,coi colleghi .
Parliamo di bambini che stanno a scuola 9 ore e tornano a casa con i compiti.
Parliamo dei bambini che hanno forme di dislessia e non vengono certificate nei tempi utili proprio per questo forte cambio di maestri.
Parliamo degli insegnanti di sostegno su più classi.
Parliamo del ruolo educativo della scuola ,della necessaria interazione scuola famiglia proprio nelle problematiche educative.
Parliamo di qualità del copro docenti e proviamo a valutarla sui risultati ottenuti.

Mettiamo in campo esperienze positive e valutiamole .

Ciao Carla

Carla Z.
user 9058340
Bologna, BO
Post #: 142
@Stefania

Cara Stefania hai ragione io non sono ne una maestra ne una psicologa ed a livello didattico non posso esprimere competenze.

Come mamma però mi auspico che vi sia continuità ,cioè che le maestre che prendono una classe in prima la portino sino alla quinta,nel limite del possibile.

Mia figlia ,in tre anni di asilo ha cambiato 18 maestri;

Tu hai ben esposto quale ruolo abbia il maestro a livello sociale e le difficoltà
che incontra nello svolgere lo stesso.

Le mie risposte a Monica sono sempre state riferite a precise e forti accuse che lei rivolgeva al parificato:

I contributi non vanno al privato ,vanno alle scuole che hanno raggiunto la parità e non perseguono fini di lucro.
Le maggiori fruitrici di tali contributi sono le scuole materne ,a cui lo Stato e l'Ente Locale non danno sufficiente copertura.
Togliere questi contributi significa aumentare la retta anche a quelle famiglie che forse non scelgono ma devono mettere i loro bambini agli asili parificati.

Infatti nel preventivo di bilancio del comune di Bologna,prima della caduta ,erano previsti in ogni quartiere forti investimenti per la costruzione di asili (non tanto in linea con l'idea di non cementificare più).

Quando e, nell'unica occasione,in cui ho avuto modo di parlare con Monica,le ho chiesto di condividere valutare esperienze ,competenze "buone" esistenti in città e provincia senza nessun pregiudizo per potere sull'esperienza di tanti formulare una proposta per una riforma che riformi davvero la scuola nell'interesse di tutti i bambini.

Ciao Carla
prometeo
221007
South Pole, AQ
Post #: 368
Nella discussione sullo stato sociale scrissi:
Scrivo qui la risposta che avevo mandato via mail a Daniele
"Sono temi bollenti, su cui mi piacerebbe discutere solo dopo essere un po’ più documentato
Come metodo mi piacerebbe (è un po’ lungo):
- costituire dei gruppi di lavoro che si documentino sui singoli temi (leggi, regolamenti); raccolta dei principali commenti pubblicati sul tema
- dare una valutazione sui temi affrontati. Mi piacerebbe che ci fossero persone con idee molto diverse tra di loro per una discussione più ricca
- fare una relazione (o 2 relazioni se nel gruppo vi sono posizioni diverse)
- presentare le relazioni all’assemblea
- dare tempo ad ognuno di leggere e ragionarci sopra
- i gruppi di lavoro incontrano coloro che ritengono di avere idee o proposte non comprese nelle relazioni fatte
- i gruppi possono rivedere e integrare le relazioni

- assemblea per voto"

seguendo il metodo indicato da Alberto (ricercare e documentarsi per capire wink) mi è sembrato utile farmi un idea delle cifre in discussione partendo dai dati del bilancio dello Stato relativi alle risorse economiche destinate alla scuola.
credo infatti sia opportuno confrontarsi partendo da dei dati.
mi sono scaricato alcuni documenti dal sito RAG.GEN.LE DELLO STATO sezione Bilancio dello Stato e me li sono letti.
ad esempio anno 2009.........
molto, ma molto sintenticamente, se ho capito bene, nel bilancio di previsione per il 2009 le risorse stanziate al MIUR sono state di 55,5 miliardi circa ripartiti in:
44 per l'istruzione scolastica (di cui alle istituzioni scolastiche non statali 402 milioni)
8,5 per l'istruzione universitaria
2,5 alla ricerca
0,5 varie (spese istituzionali, relazioni internazionali, ecc.)

a consuntivo per il 2009 sono stati spesi per la parte relativa all'istruzione scolastica 45 miliardi
di cui 460 milioni destinati alle istituzioni scolastiche non statali

ovviamente le cifre riportate sono un esempio e servono solo a dare un'idea di massima.

smileper chi ne avesse voglia e pazienza non sarebbe male leggersi i i documenti di bilancio originali in PDF ed Excel confrontando i vari anni.
A former member
Post #: 1,164
esco un attimo dal seminato dei soldi e dei conti, non conoscendo bene le finalità di questo gruppo.

partendo da una ottica di miglioramento della qualità scolastica è stato dimostrato che uno dei problemi principali della scuola è il passagio intermedio tra la scuola elementare ed il liceo/istituto superiore ovvero la scuola media.
si è visto, attraverso varie ricerche, che la scuola media è una sorta di buco nero della formazione.

una idea potrebbe essere quella, in un'ottica di sistema, di aumentare di 1 anno la scuola elementare e di 1 anno la scuola superiore così di diminuire di 1 anno la permanenza totoale nella scuola (e quindi entrare in università 1 anno prima come negli altri paesi europei).

ciò porterebbe secondo me anche ad una contrazione della spesa in tema di edilizia scolastica, etc. etc. oltre che di miglioramento dell'apprendimento.

vi chiedo scusa se non ho letto tutto quello che avete scritto prima, ma era veramente tanto.

saluti,

Andrea
Giorgio M.
user 5682011
Bologna, BO
Post #: 288
Interessanti interventi quelli di Prometeo ed Andrea, interventi che invito il gruppo scuola ad approfondire (anche singolarmente visto il mese di agosto).
Per il momento propongo che la discussione su scuola pubblica e privata sia sottoposta, previo confronto orale in assemblea generale ? o all'assemblea degli attivi? (non ricordo cosa prevede il ns regolamento...), al voto sulla posizione dei partecipanti, dal quale si potrà chiarire come la pensa la maggioranza.

Powered by mvnForum

Sign up

Meetup members, Log in

By clicking "Sign up" or "Sign up using Facebook", you confirm that you accept our Terms of Service & Privacy Policy