A former member
Post #: 57
Per chi si chiede come mai in Italia ci siano "tanto docenti" rispetto al resto dell'Europa...leggete,,,
http://scuolamagazine...­
Alberto P
user 9968876
Bologna, BO
Post #: 213
Pubblico qui un post che avevo pubblicato il 15/9 su www.listabeppegrillo.it/forum e che non ha ricevuto alcun commento da parte di chi lavora nel mondo della scuola (a parte qualche consenso di altri):


Torno sull'argomento scuola con una piccola provocazione

Una bella scuola, ben attrezzata, pulita, ordinata, ma con un insegnante mediocre, ritengo possa essere di ben poca utilità alla crescita di un bambino

Una brutta scuola, male attrezzata, sporca, disordinata, ma con un insegnante appassionato e competente, credo possa essere molto utile alla crescita di un bambino

Questo per dire che tutto quello che si è detto sui tagli alla scuola è sacrosanto e giusto, ma ritengo (l'ho già scritto altre volte sul meetup) che il punto di vista debba essere un altro

"Scuola" per me significa far sì che il bambino/ragazzo possa crescere ed apprendere, non trovare un lavoro per i precari

Spero di non essere frainteso. E' ovvio che anche io vorrei che si desse dignità ed un futuro a migliaia di precari che non sanno come portare avanti la propria famiglia, ma quello che mi preme dire è che quando si parla di scuola si deve pensare a come creare le condizioni perché la scuola sia formativa per gli studenti che la frequentano, e non a come risolvere la disoccupazione in Italia (su questo qualche idea la avrei)

Pensando ai miei passati scolastici, ricordo una prof di italiano che in un anno scolastico non mi interrogò mai in storia; facemmo 2 compiti scritti dove la prof stava sulla porta a guardare nel corridoio, per far sì che potessimo copiare meglio ! All'epoca ero contento di ciò, ma ora, purtroppo per me che non so nulla di storia, me ne pento

E' giusto ad esempio che chiunque, avendo il relativo curriculum e le relative abilitazioni, insegni quando, vedi l'esempio sopra, non è in grado ?

Domanda a chi lavora nella scuola: è pensabile/accettabile da parte del corpo insegnante un meccanismo che faccia uscire dal mondo della scuola chi rischia di mettere a repentaglio il futuro di una classe ? (Sul come individuare l'insegnante incapace, per il momento lascerei perdere per non mettere troppi temi bollenti in discussione)

Ho scritto delle fesserie? Ogni commento (anche contrario) è ben accetto!
Giorgio M.
user 5682011
Bologna, BO
Post #: 380

Domanda a chi lavora nella scuola: è pensabile/accettabile da parte del corpo insegnante un meccanismo che faccia uscire dal mondo della scuola chi rischia di mettere a repentaglio il futuro di una classe ? (Sul come individuare l'insegnante incapace, per il momento lascerei perdere per non mettere troppi temi bollenti in discussione)

Ho scritto delle fesserie? Ogni commento (anche contrario) è ben accetto!

NO nn si tratta di fesserie (almeno x me) ma temo che il tuo discorso presupponga necessariamente una valutazione della qualità dell'insegnante (che vorresti x ora evitare).

Temo che questa nn venga neanche fatta ma si parta dal presupposto che l'insegnante sia cmq da formare obbligandolo a fare corsi che dovrà pagarsi privatamente: ciò con lucro del soggetto deputato a formare.

Staremo a vedere se mi sbaglio..... MA TEMO DI NO.

personalmente avevo proposto che gli insegnanti adottassero il loro libro di testo .... cioè scritto da loro e pagato a loro dai genitori in luogo di quelli propostoci dalle case editrici (magari non in tutti i campi ma in quelli più tecnici e a livello d'insegnamento medio-basso ES: grammatica italiana, inglese, matematica, a livello di elementari e medie) che darebbe all'insegnante modo di rivalutarsi sia sui contenuti sia sulle metodiche d'insegnamento), il tutto senza che l'insegnante debba tirare fuori soldi, ma anzi dandogli modo di incassarne e dando allo stesso tempo modo ai genitori di valutare quanto scritto dall'insegnante (E DI RIPASSARE A LORO VOLTA, COSA CHE POI SARà UTILE NEL CASO IL BIMBO/A ABBIA BISOGNO DI AIUTO DA PARTE DEL GENITORE).
OVVIAMENTE NN DOVREBBE ESSERE UN OBBLIGO MA UNA OPPORTUNITà CHE ATTRIBUISCE PUNTI ALLA VALUTAZIONE DELL'INSEGNANTE.

QUI QUANTO AVEVO GIà SCRITTO (IN TONO PROVOCATORIO):
"Visitate il sito http://www.mondadorie...­
e potrete notare quanti libri di testo per la scuola produce.

IO NN VOGLIO DARE I MIEI SOLDI ALLA MONDADORI, SU CUI NN CI PAGA LE TASSE, IO VOGLIO I LIBRI FATTI DALL'INSEGNANTE (CHE SONO QUELLI MIGLIORI DI TUTTI) XCHè LI CONOSCERà MEGLIO DI TUTTI (XCHè LI HA FATTI LUI) E CHE GARANTISCONO A ME GENITORE DI CONTROLLARE LA QUALITà DELL'INSEGNANTE, VISTO CHE NN POSSO ESSERE IN CLASSE.

VOGLIO DEI LIBRI IMMATERIALI (SUI FILE PDF) DA STAMPARE LE SOLE PAGINE CHE IL MAESTRO/A AVRà INDICATO DA TRATTARSI NELLA SETTIMANA IN QUESTIONE (IN MODO DA NN DOVER APPESANTIRE LA SCHIENA DI MIO FIGLIO).... E LI VOGLIO PAGARE DIRETTAMENTE ALL'INSEGNANTE SENZA INTERMEDIARI (ovviamente ad un prezzo + equo visto che nn c'è carta, inchiostro, la rilegatura -o mezzo informatico come ereader o pc - e visto che nn si deve pagare la macchina che tiene su una casa editrice).
L'ART. 41 COMMA 1 DELLA COSTITUZIONE DICE: L'arte e la scienza sono libere e libero ne è l'insegnamento.
ESERCITATE QUINDI IL VS DIRITTO AD INSEGNARE SUL TESTO CHE RITENETE + OPPORTUNO: IL VOSTRO.

PS SonO state abbattute le case discografiche xchè nn quelle editrici?
"

PS 2 A PROPOSITO DI MERITOCRAZIA, LA LEGA PROPONE CHE NELL'ACCESSO ALL'UNIVERSITà SIA DATA LA PRECEDENZA AI LOMBARDI IN LOMBARDIA...... DOVRAI PRESENTARE L'ALBERO GENIALOGICO???? E SULLA BASE DA QUANTE GENERAZIONE SEI RESIDENTE TI DARANNO I PUNTI????? XCHè NON UN BEL CERTIFICATO DI PUREZZA DELLA RAZZA????
http://milano.repubbl...­
Giorgio M.
user 5682011
Bologna, BO
Post #: 385
A proposito dei tagli proposti dal documento scuola.

L'Italia è sotto procedura d'infrazione da parte dell'UE x aiuti di stato alla chiesa cattolica, per la previsione dell'esenzione dell'ICI e IRES sugli immobili non di culto (quelli di culto sono cmq esenti x via del concordato e mi sembra giusto che lo siano).
Secondo la UE ammonterebbe a 2 miliardi di € l'anno.
Non so quanto ci vorrebbe a regolarizzare tutti i precari e mettere in sicurezza le scuole, ma non credo molti anni.

http://www.repubblica...­
A former member
Post #: 14
Vuoi vedere che preferiranno pagare una multa, pur di non mettersi la chiesa contro? Volevo dire - pagheremo noi ...
Alberto P
user 9968876
Bologna, BO
Post #: 217
Sono ottuso. Proprio non capisco cosa c'entri la scuola con l'ICI e l'8xmille, di cui si è parlato molto nel "Gruppo scuola"

Secondo ha più senso aprire un gruppo "Bilancio dello Stato e sprechi da eliminare" e parlarne lì
Giorgio M.
user 5682011
Bologna, BO
Post #: 386
Lo so in effetti centra solo incidentalmente..... e credo dipenda anche da una certa acrimonia nei confronti delle strutture private che sono per gran parte gestite dal clero (e da un certo numero di privilegi che spettano agli insegnanti di religione- che godono di maggiori stipendi e che tra l'altro è l'unica categoria che ha visto un aumento di posti).
In tal senso sarebbe più fondata una polemica tra scuole private (del clero e non) posto che quelle gestite dal clero non sono soggette ad ICI ed IRES (in tal senso si può capire, tra altri settori, l'azione legale dell'UE quest'ultime).
Cmq era stato previsto nel documento e quindi ho postato la notizia.
Il presupposto peraltro era che se lo stato deve proprio cominciare a tagliare (xchè non si può pensare a fare una riforma tutta fondata sui tagli.... in tal caso la si chiama finanziaria e non riforma), lo dovrebbe fare negli sprechi e non certo nella formazione delle prossime generazioni, che si dovranno fare carico della nostra.
Si è voluto quindi rimarcare (ma forse lo si doveva fare al termine del documento, come conseguenza delle proposte alternative sui tagli..... e questo potrebbe essere fatto in assemblea degli attivi) che le possibilità finanziarie per garantire una adeguata formazione (anche sulla base di una riforma delle scuola: in tal senso sarebbe bene che il documento fosse oggetto di un ampliamento, eventualmente successivo, su una riforma della scuola del MoVimento 5 Stelle, con sue proposte originarie, o mutuate da realtà estere, ovvero italiane e non più adottate.... ovviamente mantenendo lo status quo negli attuali aspetti positivi).
Spero di averti riassunto, sul punto che hai messo in evidenza, quanto discusso, tra l'altro, nelle riunioni del gruppo al quale nn sei purtroppo riuscito a partecipare in quanto, legittimamente, in vacanza.
Ovviamente la tua proposta di creare un apposito gruppo è ben legittima (e propongo che sia approfondita dal neo costituito gruppo fiscalità, il quale dovrà, secondo me, individuare dove tagliare e dove finanziare in relazione al bilancio)..... del resto è ben possibile che i piani delle questioni si intersechino.

PS Alberto si vede chi è padre di famigliasmile noi a casa con i pargoli e loro in tenda..... a prendere l'acquatongue.... anche se però a 41 anni mi sento un pò il nonno del Movimento! Che brutto l'invecchiare confused)
Alberto P
user 9968876
Bologna, BO
Post #: 218
Io a 43 anni mi sento un ragazzino wink

Ribadisco: se si parla di scuola puoi dire che è una vergogna che vengano tagliati X miliardi di euro (concordo) ma rimandi ad altro documento (redatto ad esempio dal te citato "gruppo fiscalità) l'individuazione di tutti gli sprechi da eliminare dal bilancio dello Stato

Mescolare scuola, ICI, 8xmille a mio modesto parere non ha senso. Allora si dovrebbe parlare dei costi della politica, delle spese militari, ... ma mi sembra chiaro che così facendo NON si sta parlando di scuola
Marco M.
user 9856980
Bologna, BO
Post #: 65
Concordo con Alberto, ma credo che sia qui il nocciolo di tutta la questione.
Si risolvono i problemi della scuola non denunciandone la disorganizzazione,gli sprechi, gli stipendi da favola di dirigenti incompetenti. Non parlando del controllore eletto dai controllati.I problemi si risolvono dando colpe ad altri, parlando di altro, cercando colpe di altri per giustificare le nostre.
I problemi della scuola in questo gruppo si risolvo salvando i posti di lavoro dei precari, e mettendo nel fuoco degli sprechi altri miliardi di euro (perché in Italia ne abbiamo degli euro!). Attenzione però che senza la "meritocrazia" anche nella scuola non si va da nessuna parte. E' inutile girare attorno al problema il diritto al lavoro è una cosa sacrosanta e per giunta sancita dalla costituzione, però la vita insegna che tutto quello che una persona ottiene se lo deve meritare!
A former member
Post #: 670
I problemi della scuola in questo gruppo si risolvo salvando i posti di lavoro dei precari !

credo che con tutto ciò che è stato scritto e fatto, questa uscita sia fuoriluogo.

Attenzione però che senza la "meritocrazia" anche nella scuola non si va da nessuna parte. E' inutile girare attorno al problema il diritto al lavoro è una cosa sacrosanta e per giunta sancita dalla costituzione, però la vita insegna che tutto quello che una persona ottiene se lo deve meritare!

non ci sono dubbi, ma dovrebbe essere così dappertutto, mentre invece non lo è. soprattutto nei posti statali, in generale, dove sta la meritocrazia?
ci vorrebbe una seria riforma in proposito, ma nel frattempo perchè continuare ad avere insegnanti con 10 e più anni di esperienza con contratti precari? non giova a nessuno, tantomeno agli alunni, solo alle casse dello stato....
Powered by mvnForum

Sign up

Meetup members, Log in

By clicking "Sign up" or "Sign up using Facebook", you confirm that you accept our Terms of Service & Privacy Policy