addressalign-toparrow-leftarrow-leftarrow-right-10x10arrow-rightbackbellblockcalendarcameraccwcheckchevron-downchevron-leftchevron-rightchevron-small-downchevron-small-leftchevron-small-rightchevron-small-upchevron-upcircle-with-checkcircle-with-crosscircle-with-pluscontroller-playcredit-cardcrossdots-three-verticaleditemptyheartexporteye-with-lineeyefacebookfolderfullheartglobe--smallglobegmailgooglegroupshelp-with-circleimageimagesinstagramFill 1languagelaunch-new-window--smalllight-bulblinklocation-pinlockm-swarmSearchmailmediummessagesminusmobilemoremuplabelShape 3 + Rectangle 1ShapeoutlookpersonJoin Group on CardStartprice-ribbonprintShapeShapeShapeShapeImported LayersImported LayersImported Layersshieldstartickettrashtriangle-downtriangle-uptwitteruserwarningyahooyoutube

Gli amici di Beppe Grillo di Napoli Message Board › Decreto Legge Rifiuti: breve vademecum informativo..

Decreto Legge Rifiuti: breve vademecum informativo..

A former member
Post #: 549
Cerco, con quante meno parole possibile, di fare capire cosa sta per accadere alla Campania. Troppi ancora si chiedono "ma perchè vi agitate tanto?" ed è giusto avere punti facili ma fermi di cui parlare.

1) discariche
le discariche che Berlusconi ha previsto NON sono nate per risolvere l'emergenza rifiuti. Riporto il comma2 dell'art.9 del DL:
2. Gli impianti di cui al comma 1 sono autorizzati allo smaltimento dei rifiuti contraddistinti dai seguenti codici CER: 19.12.12; 19.05.01; 19.05.03; 20.03.01; 19.01.12; 19.01.14; 19.02.06; presso i suddetti impianti e? inoltre autorizzato lo smaltimento dei rifiuti contraddistinti dai seguenti codici CER: 19.01.11*; 19.01.13*; 19.02.05*, nonche? 19.12.11* per il solo parametro «idrocarburi totali», provenienti dagli impianti di selezione e trattamento dei rifiuti urbani, alla stregua delle previsioni derogatorie di cui all?articolo 18.

Tradotto (i codici sono sempre utili per celare le informazione ai più) si prevede di mettere in discarica:

19.12.12; altri rifiuti (compresi materiali misti) prodotti dal trattamento meccanico dei rifiuti, diversi da quelli di cui alla voce 191211

19.05.01; parte di rifiuti urbani e simili non compostata
19.05.03; compost fuori specifica
20.03.01; rifiuti dei mercati

19.01.12; ceneri pesanti e scorie, diverse da quelle di cui alla voce 190111
19.01.14; ceneri leggere, diverse da quelle di cui alla voce 190113
19.02.06; fanghi prodotti da trattamenti chimico-fisici, diversi da quelli di cui alla voce 190205

19.01.11*; ceneri pesanti e scorie, contenenti sostanze pericolose
19.01.13*; ceneri leggere, contenenti sostanze pericolose
19.02.05*; fanghi prodotti da trattamenti chimico-fisici contenenti sostanze pericolose
19.12.11*; altri rifiuti (compresi i materiali misti) prodotti dal trattamento meccanico dei rifiuti, contenenti sostanze pericolose


Il primo codice è l'unico a norma europea (residuo di rifiuti post differenziata);
i seguenti 3 sono "munnezza" non trattata e/o non a norma. Inquinano creando i "percolati"; il DL avrebbe potuto, a voler essere serio, fermarsi qui.
i successivi 3 sono prodotti industriali e/o residui di fondo degli inceneritori. Vanno trattati come materiale speciale. Mai come rifiuto
gli ultimi 4 prevedono materiali tossici, radiattivi... quelli che finora solo la camorra smaltiva in "discarica" (chi ha letto/visto Gomorra sa di che si parla). ora per legge diventono per magia rifiuto da sversare. alla faccia del "rispetto delle normative" tanto sbandierato nei media!

2) termovalorizzatori
a parte essere contrario ai "termovalorizzatori" per tanti validi motivi, questo DL ha inserito una modalità di loro utilizzo che blocca qualsiasi discussione: L'incenerimento delle "ecoballe" realizzate dalla Fibe-Impregilo in questi anni.
a. Queste ecoballe sono state realizzate senza fare differenziazione umido-secco. Già questo le rende non a norma. Ma sarebbe un sofismo, nel dramma campano.
b. Sono state realizzate mischiando materiali di "dubbia" provenienza. La cronaca riporta il caso dell'inceneritore di Terni, chiuso ad inizio 2008: 9 indagati, incubo diossina, 32 operai sottoposti, nelle 48 ore successive all'ordinanza, a esami medici e radiologici perché hanno lavorato in un inceneritore contaminato da rifiuti tossici e radioattivi (laRepubblica). Cosa fu bruciato di così terribile là dentro? Poche ecoballe campane (si stava studiando se erano utilizzabili, pensando che ci fosse dentro solo frazione umida in più al dovuto).

Diamo a Cesare quel che è di Cesare: la decisione di bruciar le balle parte da Romano Prodi che, a governo sfiduciato, ha firmato una deroga al sequestro giudiziario dei siti di stoccaggio e un'autorizzazione al loro incenerimento.
Il perchè? forse perchè senza tutto quel "bendiddio" gli inceneritori non avrebbero avuto senso e le società interessate, legate alla sinistra (HERA) e alle destre (A2A) avrebbero perso soldi. Così invece tutto ha di nuovo senso (finanziario, ovviamente). Inoltre si salva dal processo Bassolino e la Fibe-Impregilo. Che si vuole si più? Crimini bipartizan = tutti d'accordo e con i media a tacere e disinformare.

Ecco, credo che ci siano i motivi NON teorici per cui quel Decreto Legge vada considerato sciagurato, ad essere 10 volte buoni; criminale, ad essere un minimo obiettivi. Genocida ad essere realisti.
Per chi ancora, nonostante quanto riportato, avesse ancora voglia di dire "e vabbè, e allora che volete? in qualche modo bisognava smaltire tutti quei rifiuti!" due piccole considerazioni.
1a) leviamo i codici rifiuti "in eccesso" (tutto ciò che non proviene dai rifuti urbani), leviamo le ecoballe e si potrebbe anche iniziare a discutere, premesso che altri sistemi sarebbero più rapidi dei 30 mesi governativi, più economici, altrettanto (anche più) efficaci e decisamente meno pericolosi. ma così non c'è ragionamento che regga!
2a) io continuo a chiedermi: "se il dramma campano va risolto senza disturbare le altre regioni della mia patria (eppure lo hanno paragonato ad un terremoto/eruzione, dove immagino che aiuti dovrebbero coinvolgere l'italia intera), perchè la crsi di malpensa, hub inutile e carrozzone fallimentare, non debba essere salvato con i soldi della sola regione Lombardia?" Qualcuno riesce a dare una risposta sensata a questo dubbio?
A former member
Post #: 726
Secondo il rapporto Ecomafia 2007 di Legambiente, il giro d'affari dello smaltimento dei rifiuti tossici nel sud Italia sarebbe stimabile in circa

23 miliardi di euro all'anno

: https://it.wikipedia.o...­.

Lo "Stato" può mica lasciare tutti sti soldi nelle mani dell'ecomafia? E allora legalizza a tavolino lo smaltimento dei rifiuti tossici industriali. Magari secretando i siti, trasformandoli in siti militari off limits presidiati dall'esercito, attuando un regime di polizia, minacciando con la galera (da 3 a 15 anni) i cittadini che esprimono il proprio dissenso. Facendo passare per camorristi i cittadini che sanno, che hanno capito..

capito a cosa servono inceneritori e discariche.
A former member
Post #: 37
Ernesto i tuoi post sono una ricchezza d'informazioni e saggezza. Ci vorrebbero migliaia di Meetuppari come te e forse anche per noi le cose funzionerebbero diversamente. Io invece vedo un pericoloso silenzio ed attendismo che gioca solo a favore delle istituzioni ormai corrotte fino all'osso. IO non chiedo manifestazioni o inutili cortei, ma la costituzione di un pool di avvocati, che creino un serio incartamento con tutta una serie di denunzie documentate da presentare al più presto alla magistratura e alla corte di giustizia europea di Bruxelles perché ci commissari il mostro paese: Cosa ci dicono sempre che prima di essere italiani siamo europei...bene facciamo valere il nostro diritto di esserlo e chiediamo il commissariamento dei nostri(destra e sinistra) governi ormai indecenti e delinquenziali.

Ernesto spero che tu sia con me e che si cominci seriamente e concretamente a muoverci.
A former member
Post #: 553
enzo, grazie per quanto espresso nei miei confronti.
credo che tu sappia che la mia prima "mossa" sia stata quella di scrivere alla Presidente dei Verdi all'Europarlamanto (Monica Frassoni) che da sempre ha dimostrato sensibilità ai contatti di chi le scrive. ed infatti ha risposto (anche se in modi "calmi" che non corrispondono alla fretta che abbiamo noi tutti).
Anche io ho più volte criticato l'assenza di uno staff di giuristi (soprattutto all'interno dell'Assise) pronti a fare da pasdaran più che da sobri difensori del diritto....
concordo pertanto con quanto tu dici.

ciao
paola
paolanapoli
Napoli, NA
Post #: 1,007
Vogliamo mandare la sintesi di Ernesto a Tutti i giornali e le TV?
Fabio A.
user 3465463
Napoli, NA
Post #: 3,961
Vogliamo mandare la sintesi di Ernesto a Tutti i giornali e le TV?

Non solo giornali e TV, ma tutti i forum e blog che frequentate. Forza!

Io lo metto sui forum RAI.
Fabio A.
user 3465463
Napoli, NA
Post #: 3,962
Ricordo inoltre a tutti che il decreto legge può facilmente essere raggiunto cliccando su quest'indirizzo facile da ricordare: http://www.decretorifiuti.tk­.
Fabio A.
user 3465463
Napoli, NA
Post #: 3,965
Ho aperto una discussione sul tema nei forum di Annozero, Report, TG3 e Che Tempo Che Fa, con il contenuto seguente.




Il DL 90/2008, che può essere letto all'indirizzo www.decretorifiuti.tk­, è quello che si occupa, questa è la tesi ufficiale, di gestire e gettare le basi per risolvere l'emergenza rifiuti della Campania.

Ma è proprio vero? Leggiamo cosa scrive Ernesto Brando sul meetup di Napoli
Cerco, con quante meno parole possibile, di fare capire cosa sta per accadere alla Campania. Troppi ancora si chiedono "ma perchè vi agitate tanto?" ed è giusto avere punti facili ma fermi di cui parlare.

1) discariche
le discariche che Berlusconi ha previsto NON sono nate per risolvere l'emergenza rifiuti. Riporto il comma2 dell'art.9 del DL:
2. Gli impianti di cui al comma 1 sono autorizzati allo smaltimento dei rifiuti contraddistinti dai seguenti codici CER: 19.12.12; 19.05.01; 19.05.03; 20.03.01; 19.01.12; 19.01.14; 19.02.06; presso i suddetti impianti e? inoltre autorizzato lo smaltimento dei rifiuti contraddistinti dai seguenti codici CER: 19.01.11*; 19.01.13*; 19.02.05*, nonche? 19.12.11* per il solo parametro «idrocarburi totali», provenienti dagli impianti di selezione e trattamento dei rifiuti urbani, alla stregua delle previsioni derogatorie di cui all?articolo 18.

Tradotto (i codici sono sempre utili per celare le informazione ai più) si prevede di mettere in discarica:

19.12.12; altri rifiuti (compresi materiali misti) prodotti dal trattamento meccanico dei rifiuti, diversi da quelli di cui alla voce 191211

19.05.01; parte di rifiuti urbani e simili non compostata
19.05.03; compost fuori specifica
20.03.01; rifiuti dei mercati

19.01.12; ceneri pesanti e scorie, diverse da quelle di cui alla voce 190111
19.01.14; ceneri leggere, diverse da quelle di cui alla voce 190113
19.02.06; fanghi prodotti da trattamenti chimico-fisici, diversi da quelli di cui alla voce 190205

19.01.11*; ceneri pesanti e scorie, contenenti sostanze pericolose
19.01.13*; ceneri leggere, contenenti sostanze pericolose
19.02.05*; fanghi prodotti da trattamenti chimico-fisici contenenti sostanze pericolose
19.12.11*; altri rifiuti (compresi i materiali misti) prodotti dal trattamento meccanico dei rifiuti, contenenti sostanze pericolose


Il primo codice è l'unico a norma europea (residuo di rifiuti post differenziata);
i seguenti 3 sono "munnezza" non trattata e/o non a norma. Inquinano creando i "percolati"; il DL avrebbe potuto, a voler essere serio, fermarsi qui.
i successivi 3 sono prodotti industriali e/o residui di fondo degli inceneritori. Vanno trattati come materiale speciale. Mai come rifiuto
gli ultimi 4 prevedono materiali tossici, radiattivi... quelli che finora solo la camorra smaltiva in "discarica" (chi ha letto/visto Gomorra sa di che si parla). ora per legge diventono per magia rifiuto da sversare. alla faccia del "rispetto delle normative" tanto sbandierato nei media!

2) termovalorizzatori
a parte essere contrario ai "termovalorizzatori" per tanti validi motivi, questo DL ha inserito una modalità di loro utilizzo che blocca qualsiasi discussione: L'incenerimento delle "ecoballe" realizzate dalla Fibe-Impregilo in questi anni.
a. Queste ecoballe sono state realizzate senza fare differenziazione umido-secco. Già questo le rende non a norma. Ma sarebbe un sofismo, nel dramma campano.
b. Sono state realizzate mischiando materiali di "dubbia" provenienza. La cronaca riporta il caso dell'inceneritore di Terni, chiuso ad inizio 2008: 9 indagati, incubo diossina, 32 operai sottoposti, nelle 48 ore successive all'ordinanza, a esami medici e radiologici perché hanno lavorato in un inceneritore contaminato da rifiuti tossici e radioattivi (laRepubblica­). Cosa fu bruciato di così terribile là dentro? Poche ecoballe campane (si stava studiando se erano utilizzabili, pensando che ci fosse dentro solo frazione umida in più al dovuto).

Diamo a Cesare quel che è di Cesare: la decisione di bruciar le balle parte da Romano Prodi che, a governo sfiduciato, ha firmato una deroga al sequestro giudiziario dei siti di stoccaggio e un'autorizzazione al loro incenerimento.
Il perchè? forse perchè senza tutto quel "bendiddio" gli inceneritori non avrebbero avuto senso e le società interessate, legate alla sinistra (HERA) e alle destre (A2A) avrebbero perso soldi. Così invece tutto ha di nuovo senso (finanziario, ovviamente). Inoltre si salva dal processo Bassolino e la Fibe-Impregilo. Che si vuole si più? Crimini bipartizan = tutti d'accordo e con i media a tacere e disinformare.

Ecco, credo che ci siano i motivi NON teorici per cui quel Decreto Legge vada considerato sciagurato, ad essere 10 volte buoni; criminale, ad essere un minimo obiettivi. Genocida ad essere realisti.
Per chi ancora, nonostante quanto riportato, avesse ancora voglia di dire "e vabbè, e allora che volete? in qualche modo bisognava smaltire tutti quei rifiuti!" due piccole considerazioni.
1a) leviamo i codici rifiuti "in eccesso" (tutto ciò che non proviene dai rifuti urbani), leviamo le ecoballe e si potrebbe anche iniziare a discutere, premesso che altri sistemi sarebbero più rapidi dei 30 mesi governativi, più economici, altrettanto (anche più) efficaci e decisamente meno pericolosi. ma così non c'è ragionamento che regga!
2a) io continuo a chiedermi: "se il dramma campano va risolto senza disturbare le altre regioni della mia patria (eppure lo hanno paragonato ad un terremoto/eruzione, dove immagino che aiuti dovrebbero coinvolgere l'italia intera), perchè la crsi di malpensa, hub inutile e carrozzone fallimentare, non debba essere salvato con i soldi della sola regione Lombardia?" Qualcuno riesce a dare una risposta sensata a questo dubbio?

E quindi, cosa scrive Mariano:
Secondo il rapporto Ecomafia 2007 di Legambiente, il giro d'affari dello smaltimento dei rifiuti tossici nel sud Italia sarebbe stimabile in circa 23 miliardi di euro all'anno: https://it.wikipedia.org/wiki/Ecomafia­.

Lo "Stato" può mica lasciare tutti sti soldi nelle mani dell'ecomafia? E allora legalizza a tavolino lo smaltimento dei rifiuti tossici industriali. Magari secretando i siti, trasformandoli in siti militari off limits presidiati dall'esercito, attuando un regime di polizia, minacciando con la galera (da 3 a 15 anni) i cittadini che esprimono il proprio dissenso. Facendo passare per camorristi i cittadini che sanno, che hanno capito...

...capito a cosa servono inceneritori e discariche.

A voi i commenti. Se credete utile che l'Italia sappia quello che sta accadendo e che è stato pianificato, per cortesia, diffondete quest'informazione.
A former member
Post #: 1,118
Grande Abn.

Aggiunto nella pagina ad hoc insieme a tutto il decreto wink


E ovviamente l'ho mandata a tutti i miei contatti. Tutto ciò è assurdo

P.S.

Chiedo scusa a chi di voi a ricevuto la mia mail: non avevo tempo/voglia di selezionare i contatti tongue
A former member
Post #: 202
Complimenti ragazzi...
Diffondere la verità dei fatti.. è la nostra unica arma...
Penso che oggi l'emergenza democratica e dell'informazione siano più forti della puzza dell'immondizia che ci ritroviamo per strada...

Per mio conto sto cercando di diffondere questi post fra gli amici, e sul meetup di Pozzuoli
Powered by mvnForum

Sign up

Meetup members, Log in

By clicking "Sign up" or "Sign up using Facebook", you confirm that you accept our Terms of Service & Privacy Policy