addressalign-toparrow-leftarrow-rightbackbellblockcalendarcameraccwcheckchevron-downchevron-leftchevron-rightchevron-small-downchevron-small-leftchevron-small-rightchevron-small-upchevron-upcircle-with-checkcircle-with-crosscircle-with-pluscrossdots-three-verticaleditemptyheartexporteye-with-lineeyefacebookfolderfullheartglobegmailgooglegroupshelp-with-circleimageimagesinstagramFill 1linklocation-pinm-swarmSearchmailmessagesminusmoremuplabelShape 3 + Rectangle 1ShapeoutlookpersonJoin Group on CardStartprice-ribbonShapeShapeShapeShapeImported LayersImported LayersImported Layersshieldstartickettrashtriangle-downtriangle-uptwitteruserwarningyahoo

Collaboriamo con Parlamento a 5 stelle

  • Needs a date

  • Needs a location

  • lavoriamo insieme per la scuola

Join or login to comment.

  • eloisa a.

    cerco attivisti docenti provincia Roma nord-ovest

    July 15, 2014

  • Antonietta De L.

    Buongiorno e buona domenica a tutti. Vorrei dare il mio contributo in questo meet up. Ho dato uno sguardo ai post, ma non ho capito bene se attualmente si sta lavorando tutti insieme su un aspetto preciso. Qualcuno potrebbe farmi un sintetico report delle questioni aperte sui cui pronunciarsi? Grazie, a presto.

    April 27, 2014

  • Natale C.

    2)sprezzantemente, si sono attribuite ulteriori spettanze irpef in detrazione allo stipendio, per coprire il buco della sanità, che la politica ha creato.
    Per non parlare dei soldi e tanti per raggiungere uno, due/ tre istituti in sedi diverse. Allora, e non solo in base a questo esempio perché è uno dei tanti campi, io mi chiedo e vi chiedo, se la sentirebbe chi “fiancheggia” soltanto o un “passivo” di interagire tra la selva di leggi, circolari, note, decreti e lottare per delle leggi democratiche, anche quando non sono proposte da Noi? Le candidature sono una cosa seria non da commedianti, come alcuni le vorrebbero ri-trasformare. C’è in gioco il futuro dei nostri figli e, scusate, non lo lascio in mano ai condivido e a i mi piace e nemmeno a quelli dell’anzianità precostituita fine a se stessa ed eponima delle passate candidature.
    Il discorso è relativo a quanto "non" si fa da parte degli eletti M5S, neanche una nota, un chiarimento o altro? Li potremmo informare di ciò!

    September 16, 2013

  • Natale C.

    1) riporto una mia discussione sull'ultimo decreto scuola: Nemmeno un flebile lamento riguardo alle migliaia di studenti(e genitori) che hanno costruito il loro percorso valutativo scolastico e che viene, iniquamente, detratto l’ultimo anno. Ci avranno pensato di chiedere che almeno partisse, da quest’anno, dal terzo anno? Lo sapranno, i condivido ed i mi piace, come funziona il credito scolastico? Forse sarà poca cosa! Ma ciò che viene perpetrato ai danni di famiglie e studenti è sicuramente, anch’esso, antidemocratico e non viene denunciato con forza, ne si interpella. Come non si denuncia/interpella il fatto che dei cittadini(quelli che danno la cultura ai nostri figli), sono i peggio pagati in europa e forse al mondo, e che hanno da 4 anni e più gli stipendi bloccati retroattivamente, così come retroattivamente le regioni(il Lazio soprattutto),

    September 16, 2013

  • Stefania A.

    Ciao a tutti! Io insegno a Sanremo in una scuola primaria statale. Anche nel mio istituto ci son stati ritardi nel pagamento dei supplenti, purtroppo...

    July 17, 2013

  • Paolo Latella U.

    @MC_Carro Ministro Maria Chiara Carrozza cosa ne pensa? Ci vuole dare una mano? Oppure facciamo da soli?
    https://www.facebook.com/photo.php?fbid=10201253145392927&set=gm.503931673013985&type=1&theater
    Al 25 giugno 2013 ecco le province segnalate con le scuole paritarie che non retribuiscono gli insegnanti in cambio del punteggio per l'inclusione in graduatoria d'insegnamento.

    June 26, 2013

  • Vittorio S.

    Ci sono

    May 30, 2013

  • pietro s.

    scusatemi, ma sono una persona pratica....invece di sofismi,iperboli e parabole cominciamo a preparare i primi piatti? l'antipasto ormai l'abbiamo già preparato....ma a me piace il pranzo completo!

    April 10, 2013

  • Paolo Latella U.

    Carissimi dirigenti scolastici,
    c'è ormai la tendenza diffusa che bisogna capire gli studenti e perdonarli... Alcuni vostri colleghi Presidi (è improprio chiamarli così visto che sono gli unici manager in Italia senza rischio d'impresa) affermano che bisognerebbe evitare le polemiche e finire sui giornali... insomma non bisogna fare pubblicità negativa della propria scuola. Ricordo che i proff sono pubblici ufficiali durante le ore di insegnamento a scuola e occultare... e nascondere reati possono incorrere nel reato di omissioni d'atti d'ufficio. Se il dirigente scolastico non denuncia il fatto, voi siete obbligati a farlo recandovi c/o la stazione dei carabinieri o della Questura. Gli studenti se compiono atti illegali verso i propri compagni e verso gli insegnanti devono essere denunciati! Basta con questo perbenismo mafioso... i ragazzi e il personale della scuola deve essere tutelata da chi ha in testa solo il caos e il bullismo! (Paolo Latella)

    2 · April 9, 2013

    • Paolo Latella U.

      un'ultima cosa... concordi con me che se la scuola perde alunni tu non perdi il posto... anche se sei un dirigente... quindi rischio di impresa... in questo caso zero ... al limite di mandano a dirigere un plesso in montagna... ma lavori...

      April 9, 2013

    • Marina M.

      sono daccordissimo... il falso buonismo della scuola, il "perdonare tutto", il "non far sapere fuori" sta letteralmente distruggendo scuola e ragazzi, il permettere tutto non fa che rovinarli definitivamente, e, naturalmente la didattica finisce nel cassonetto. Bisogna tornare a essere rigidi se vogliamo salvare i nostri ragazzi da guai peggiori! Personalmente poi, riporterei la scuola dell'obbligo ai 14 anni max... dopo, quelli che non vogliono studiare, fanno solo una cosa: impediscono agli altri di studiare... e vengono promossi per grazia ricevuta, con triplo danno, per loro, per gli altri e per la credibilità dei nostri diplomi.

      1 · April 9, 2013

  • pietro s.

    salve,direi di cominciare col primo passo questo grande viaggio che,spero, porterà alla riforma della riforma della scuola! in maniera pratica: 1) abolire il maestro unico nella scuola primaria;2) abolire la norma che porta a 900 alunni il numero minimo per godere della autonomia 3) affiancare il docente di sostegno al disabile per l'intero orario giornaliero e non sostituirlo per,almeno, tre anni scolastici 4) far riconoscere almeno 5 ore di lavoro sommerso (preparazione lezione,correzione elaborati etc etc) nell'orario settimanale di ogni docente 5) abolire i numeri folli per la creazione delle classi iniziali e intermedie (25 studenti massimo per secondaria superiore di 1 e 2 grado, 18 max per la primaria) 6) ripristinare i laboratori nell'istruzione tecnica e professionale superiore 7) rifondare radicalmente l'istruzione professionale ormai pessima copia di quella tecnica.
    considerate che alcuni di questi punti sono immediatamente ottenibili mediante decreto ministeriale!

    2 · April 9, 2013

  • Paolo Latella U.

    Continuo dal posto precedente... Diciamo la verità, quando pensiamo che la sinistra in questo paese è a favore della scuola pubblica statale stiamo proprio sbagliando... i dati non mentono mai!(leggere il post in basso).
    Mi auguro che gli amici del PD si documentino... e leggano questo post... prima di alzare il pugno sinistro in alto in senso di libertà, di protesta e in difesa dei diritti... compresa la scuola pubblica statale!

    April 8, 2013

  • Paolo Latella U.

    E' stato Luigi Berlinguer, nel primo governo Prodi, ad aprire con due decreti (261/98 e 27/99) la via della parificazione tra scuola statale e scuola privata. E’ stato poi il secondo governo D’Alema con la legge 62/2000 a estendere alle scuole paritarie le esenzioni fiscali previste per gli enti senza fine di lucro, a istituire i buoni scuola come contributi destinati alle famiglie a parziale copertura delle spese scolastiche e ad aumentare i finanziamenti per le scuole parificate.
    Il decreto 27/2005 del ministro Moratti ha garantito ulteriori vantaggi alle scuole private, trasformando i contributi in «partecipazione alle spese», aumentando i finanziamenti e abbassando da 10 a 8 il numero minimo di studenti per classe necessario alle scuole private per ottenere l’accesso ai contributi. Il governo Berlusconi ha ancora aumentato il fondo per il buono scuola concesso a prescindere dal reddito.

    April 8, 2013

  • Paolo Latella U.

    Profumo ha deciso che è ora di mettere a posto le cose. Dopo aver ascoltato Manitù, il dio della pioggia, il dio Bacco, il maniscalco di Gerusalemme e Apicella ha deciso che i precari che insegnano da anni nella scuola e che parteciperanno ai TFA speciali (corsi abilitanti chiamati Tirocinio Formativo Attivo) dovranno avere dimezzato il punteggio rispetto a coloro che partecipano ai corsi TFA ordinari e che non hanno mai insegnato. Invece di preoccuparsi di tutti i docenti abilitati e stabilizzarli con un contratto a tempo indeterminato si sceglie di aumentare le graduatorie e purtroppo il precariato.
    Per non parlare dei malati con diagnosi di invalidità che supera il 75% addirittura viene annullata la possibilità di usufruire dei tre giorni della legge 104.
    Profumo in questi giorni… ha confermato il demansionamento (declassamento) dei docenti inidonei (malati di cancro) e dei docenti di laboratorio in esubero in Ata (personale non docente). La deportazione è appena iniziata...

    April 8, 2013

  • Paolo Latella U.

    Carissime e carissimi,
    ecco i disastri di 20 anni dei Ministri di centro destra e centro sinistra:
    1. Il tempo pieno è stato ridotto
    2. Il sostegno è stato ridotto
    3. Gli insegnanti di religione sono aumentati
    4. 14 miliardi di euro in meno per la scuola, ricerca e università
    5. 29 miliardi per spese militari e stessi privilegi per la casta
    6. [masked] tagli fra docenti e ata, precaria casa, esuberi a migliaia
    7. Accorpamenti di graduatorie e verticalizzazioni
    8. Liceo scientifico senza latino
    9. Primaria senza storia
    10. Valutazione a quiz per gli studenti
    11. Discrezionalità del dirigente per i docenti e ata
    12. Blocco generale del contratto e dei gradoni
    13. Personale ata ex-enti locali umiliati
    14. Assunzioni senza scatti d’anzianità
    15. Classi di concorso riviste senza rispetto
    16. Programmi didattici tagliati
    17. 90 % di scuole non a norma
    18. 20% di scuole con l’amianto
    19. La pensione dopo 2 anni
    20. Tagli ai recuperi sul modello 730
    Voglia di cambiamento!

    4 · April 5, 2013

    • Nicola Comunale R.

      In quanto agli strumenti didattici... bisogna far entrare il computer, l'ebook e Internet, con le piattaforme di elearning in tutte le classi... in modo che gli studenti possano imparare ad usare i nuovi strumenti tecnologici per scrivere e comunicare correntemente, come noi anticamente abbiamo imparato ad usare la penna e... come i sumeri "qualche anno fa" hanno imparato a scrivere sulle tavolette di argilla... ;-)

      April 5, 2013

    • Marina M.

      anche io non sono d'accordo ad una esagerata informatizzazione, anzi... In qualsiasi scuola vado (sono supplente, giro molto) vedo scritture orribili, errori di italiano... mentre sono tutti bravissimi con cellulare ecc... Penso che in ogni scuola dovrà esserci una o più aule di informatica all'avanguardia, ma in classe dobbiamo continuare a fare usare le mani e il cervello. Personalmente rifiuto l'idea del tablet al posto del libro di testo perchè sarebbe la fine della memoria visiva, e ....un'ottima scusa per non studiare ---niente--- se si rompe.

      1 · April 7, 2013

  • Paolo Latella U.

    Ho pubblicato altri due file, due disegni di legge che furono presentati per difendere la scuola pubblica dal disegno di legge Aprea ma non furono mai approvati dal PDL nè dal PD.
    Il primo è sulla creazione di organismo chiamato Consiglio Superiore della Docenza, organismo staccato dalla lobbies dei partiti.
    Il secondo è la definizione della libertà sindacale per le trattative con il governo. Consentire a tutti i sindacati di base di sedersi al tavolo delle trattative sarebbe una risposta democratica contro le lobbies dei sindacati confederali.
    Presentati entrambi dall'IDV e scritti dall'Unicobas Scuola.
    Lo so che questo è uno spazio del M5S ma ritengo che questi due testi siano di fondamentale importanza per definire un organismo apartitico che difenda, tuteli il mondo della pubblica istruzione: insegnanti, personale Ata, alunni e genitori.
    Bisogna cancellare il disegno di legge Aprea sulla privatizzazione della scuola pubblica in fondazioni e sulla chiamata diretta dei prof

    1 · April 6, 2013

  • Paolo Latella U.

    grazie Filippo è un piacere trovarti qui. Volevo dire due cose ai presenti che presumo siano tutti insegnanti. Le proposte sono molto interessanti ma si possono limare e migliorare. Il passo successivo è avere la possibilità di comunicare con l'ufficio legale della Camera dei Deputati, dove le idee si trasformano in proposte di legge, si definiscono le question time, le interpellanze parlamentari e si invia tutto alla Commissione Istruzione e Cultura della Camera e del Senato per il parere. Senza questa possibilità e la presenza in questo gruppo di un membro dell'ufficio legale del M5S trovo di difficile attuazione qualsiasi idea. I confronti e le discussioni si possono fare su Skype, tutti noi abbiamo il lavoro, siamo professionisti della didattica ed abbiamo famiglia. Possiamo concentrare i nostri sforzi ma sapendo che alla fine c'è un obbiettivo da raggiungere. Scusatemi se sono stato diretto nella comunicazione ma di riunioni sulla scuola pubblica ne ho fatte tantissime.

    1 · April 6, 2013

  • filippo n.

    Conosco personalmente Paolo latella é una persona che si é impegnato molto per la scuola ,,ed ha molto a cuore l'utenza sono contento di averlo-ritrovato qui ,,noi uomini liberi troviamo semprenun luogo adatto

    April 6, 2013

  • filippo n.

    sono interessato ad incontri a Milano e provincia

    April 5, 2013

  • Emma G.

    Disponibile per un incontro in videoconferenza

    April 5, 2013

  • pietro s.

    ieri sera abbiamo abbiamo avuto un incontro virtuale in cui si è deciso di dividerci pe rgruppi di lavoro.Cristiano ha già attivato la richiesta di istituire i sottgruppi di lavoro..a breve tutti sapremo tutto!

    April 5, 2013

  • Paolo Latella U.

    Scusatemi ma non riesco a pubblicare il file di soli 34 k... cliccando appare: 404 - Not Found. Secondo me deve essere un problema del vs server... comunque si trova qui:
    https://www.facebook.com/notes/paolo-latella-uno/la-mia-proposta-per-una-scuola-pubblica-di-qualit%C3%A0/10151313900378925

    April 5, 2013

  • Giovanni

    La mia idea che porto avanti già da 4 anni senza l'aiuto di nessuno, intendo solo con i miei pochi soldi, è quella di andare a riempire un buco educativo enorme.

    La società odierna, oltre a problemi di carattere economico, ha seri problemi sociali dovuta alla perdita di valori fondamentali.

    Il mio progetto, si fa carico di queste problematiche con le favole e la musica ed è un progetto specifico per bambini dai 4 agli 11 anni, e proprio in questa fascia di età l'interveto più proficuo.

    La concretizzazione di questo progetto avviene attraverso dei concerti per bambini preparati in collaborazione stretta con le scuole e gli insegnanti anche attraverso laboratori prepedeutici.

    Il costo per lo stato potrebbe essere davvero irrisorio, basterebbe delegare questo progetto ai conservatori musicali.

    Per i concervatori di musica, molto più efficace sarebbe questo tipo di attività sia educativa sociale che musicale.

    Invece spesso fanno un'attività sovrapponibile alle orchestre.

    April 5, 2013

  • Paolo Latella U.

    La mia disponibilità su tutta la tabella C (docenti di laboratorio e insegnanti madre lingua straniera). Una categoria distrutta e maltratta da 20 anni di governi di centro destra e centro sinistra... il colpo di grazia l'hanno dato l'ex Ministro Gelmini e il Ministro Profumo con la legge 12 novembre 2011 n. 183. Purtroppo in questa legge è stato inserito un provvedimento che apre alla possibilità per i docenti ITP ( docenti tecnico pratici) soprannumerari in posizione DOP (Dotazione Organico Provinciale) i quali non hanno trovato collocazione in altro istituto scolastico, di transitare, in ruolo di Assistente Tecnico (A.T.).
    Profumo in questi giorni ha presentato il Decreto Interministeriale che obbliga i Docenti Inidonei e i Docenti Tecnico Pratici classi di concorso C999 e C555 a transitare nei ruoli Ata. Gli altri docenti di laboratorio, compreso gli insegnanti madre lingua sono avvisati... la deportazione è appena iniziata. L'opinione pubblica dovrebbe saperlo... diffondete!

    1 · April 5, 2013

  • Paolo Latella U.

    Carissime e carissimi,

    da ventotto anni mi occupo di scuola, conosco per esperienza diretta le varie pseudo riforme che hanno via via rovinato e impoverito l’istruzione pubblica, cancellando docenti ed impoverendo l’offerta formativa, sempre e comunque nel nome dei tagli, mentre gli altri paesi europei e mondiali puntano sulla cultura e istruzione, per il rilancio e lo sviluppo, investendo centinaia di milioni di euro e di dollari. In Italia invece i numeri sono disastrosi e pericolosi partendo dalle bugie dell'ex Ministro Gelmini e dalle idee pericolose e dai disastri combinati dal Ministro Profumo.

    Come diceva Voltaire e ribadito più volte da Pertini: "...anche se non condivido le vostre idee... darei la vita perché possiate esprimerle". Credo che il processo evolutivo di una nazione si alimenti grazie all'istruzione, alla scuola pubblica e soprattutto all'educazione alla legalità dei giovani. Paolo Latella
    [masked] - cell. [masked]

    1 · April 5, 2013

  • Paolo Latella U.

    Grazie per avermi invitato.

    April 5, 2013

  • Giovanni

    Ok, collaboriamo

    April 5, 2013

  • NICOLETTA L.

    Vorrei collaborare per la scuola secondaria!

    April 5, 2013

  • Calogero S.

    mi candido per il settore scuola secondaria superiore e scuola primaria

    April 4, 2013

  • pietro s.

    mi candido per il settore scuola secondaria superiore!

    April 4, 2013

Want to go?

Join and RSVP

19 going

  • Marina M.
    Organizer,
    Event Host
  • Loretta B.

    Ciao, insegno in una scuola superior e di Genova e sono attivista insieme a Marika Cassimatis... more

  • Antonietta­ De L.

    Antonietta De Luca, docente di Lettere nelle scuole superiori, scrittrice, giornalista...­ more

  • Celestina D.

    Mi chiamo D' ariano Celestina ,sono una mamma di quattro figli e abito a Roma.

  • valeria b.

    insegnante educazione fisica e tecnico web marketing

  • Natale C.

    "homo sum, humani nihil a me alienum puto" - architetto/ins­egnante -

  • nuccio n.

    Insegno Ed.Fisica dal 1973, a Monza. Ho raggiunto i 61 anni, non vedo l'ora di andare in... more

  • Stefania A.

    Insegno a Sanremo (IM), scuola primaria statale. Ho fatto la rappresentante­ di lista ai seggi... more

  • Vittorio S.

    Il programma che abbiamo sempre desiderato è realtà

  • Paolo Latella U.

    Sono un insegnante e giornalista, mi occupo di scuola da 28 anni e rivesto l'incarico di... more

  • filippo n.

    Docente a tempo indeterminato ho visto... more

  • Romano D.
    Co-Organizer

    Docente di sostegno e musica scuola media

  • Giusi F.

    Salve a tutti, sono una precaria della scuola, attivista di Messina ed ex candidata per M5s alle... more

  • Giovanni

    sono musicista professionista­...autore di favole e racconti musicali per bambini.

  • NICOLETTA L.

    Ciao sono un'insegnante precaria

  • pietro s.

    ciao a tutti,sono qui,incazzato e deluso da come funzioni la scuola italiana dopo le batoste... more

  • Nicola Comunale R.

    Sono un pensionato, avendo insegnato una ventina di anni nella scuola secondaria (Istituti... more

  • Calogero S.

    Nato a Sambuca di Sicilia, anni 56, coniugato, 2 figli

Sign up

Meetup members, Log in