addressalign-toparrow-leftarrow-leftarrow-right-10x10arrow-rightbackbellblockcalendarcameraccwcheckchevron-downchevron-leftchevron-rightchevron-small-downchevron-small-leftchevron-small-rightchevron-small-upchevron-upcircle-with-checkcircle-with-crosscircle-with-pluscontroller-playcredit-cardcrossdots-three-verticaleditemptyheartexporteye-with-lineeyefacebookfolderfullheartglobe--smallglobegmailgooglegroupshelp-with-circleimageimagesinstagramFill 1languagelaunch-new-window--smalllight-bulblinklocation-pinlockm-swarmSearchmailmediummessagesminusmobilemoremuplabelShape 3 + Rectangle 1ShapeoutlookpersonJoin Group on CardStartprice-ribbonprintShapeShapeShapeShapeImported LayersImported LayersImported Layersshieldstartickettrashtriangle-downtriangle-uptwitteruserwarningyahooyoutube

Beppe Grillo Organizers MeetUp Message Board ARCHIVIO DISCUSSIONI VARIE › A Botticino (Bs), il primo eco-supermercato d'Italia

A Botticino (Bs), il primo eco-supermercato d'Italia

Vito C.
vitocrimi
Brescia, BS
Post #: 1,504
Botticino (Bs): apre il primo eco-supermercato d'Italia


Ogni tanto capita - non di rado, fortunatamente - di scorgere alcune sensibili ed innovative esperienze all'interno di contesti culturali, sociali od ambientali che all'apparenza sembrano limitarle a priori.

Siamo in provincia di Brescia, a poca distanza dalla città. Una città che si fa spesso vanto dell'inceneritore migliore del mondo, in grado di portare a combustione quantità inimmaginabili di rifiuti, nell'ordine delle 800.000 tonnellate all'anno. Vi si brucia di tutto, dalla plastica alla carta, al vetro, ai metalli, alle sostanze organiche, perfino l'acqua. Tutto ciò che la differenziata non raccoglie, diviene preda dell'impianto di A2A. Il fine ultimo è la produzione di energia, destinata a disperdersi nel nome del mai considerato risparmio energetico. Energia chiama energia, rifiuto chiama rifiuto. E la pioggia di finanziamenti pubblici diviene incessante.
L'inceneritore di Brescia è oggi il simbolo di una società che fa ampio sfoggio del suo delirante e nevrotico consumismo, della folle corsa all'acquisto del nuovo e dell'ultimo, del deprecabile spreco di materiali, risorse. E' la parvenza, l'illusione, il tappeto sotto il quale nascondere la polvere senza preoccuparci di cosa troverà chi verrà dopo di noi. Il suo colore azzurro cielo lo nasconde fra le pieghe dell'immenso, quasi a suggerirci l'idea che là in mezzo non vi sia nulla, che non è vero niente, è solo un'impressione. Tutto tace, in questa città moribonda.

Pochi chilometri più in là, nel primo est della provincia bresciana, tira un vento nuovo, diverso. Un'inattesa novità. Si tratta di un supermercato.
Da Brescia a Botticino è poca strada, a confronto con l'esteso territorio provinciale. Per chi vive la città, è come spostarsi da nord a sud, da Mompiano a San Polo.
Il 4 dicembre SMA S.p.A. ha aperto in questo paese un nuovo supermercato. Il primo eco-supermercato d'Italia. Siamo andati a curiosare.



(Consigliamo di raggiungere il link originale e guardare il video in alta qualità)

Vito C.
vitocrimi
Brescia, BS
Post #: 1,505
A riceverci è Carlo Delmenico, Direttore Responsabilità Sociale d'Impresa SMA S.p.A.
Discreta presenza, cordialità. Ci spiega perché il Simply Market SMA di Botticino viene da tutti indicato come il primo supermercato ecologico in Italia.
Pare sia tale per quattro motivi. Proviamo a riproporveli di seguito.

L'energia.
Attualmente il punto vendita conta 13 soluzioni tecniche orientate al risparmio energetico. Il presupposto fondamentale è l'impiego esclusivo di energia rinnovabile.
Il calore generato dalla centrale frigorifera è reimpiegato per il riscaldamento dell'acqua dei sanitari. I banchi surgelati impiegano coperture in vetro, che mantengono le temperature costanti senza dispersioni.
L'intero edificio è stato realizzato con un isolamento termico a cappotto. Ampie vetrate e lucernari favoriscono l'irradiazione di luce naturale all'interno dello stabile. L'illuminazione interna non prevede fasce orarie, bensì fotocellule sensibili in grado di attivare le fonti luminose solo in presenza di persone che si accingono ad entrare nei vari reparti.
Il parcheggio esterno è dotato di illuminazione a LED, con lampioni alimentati a pannelli fotovoltaici già resi operativi. Una vasca sotterranea, situata sotto il parcheggio, è stata adibita al recupero delle acque piovane, tramite le quali si procede all'innaffiamento delle aree verdi.
L'impianto fotovoltaico che ricopre l'edificio, invece, inizierà a produrre energia dal sole a partire dal mese di maggio 2009; all'interno due pannelli a parete ci comunicano quanti giorni ci separano dall'attivazione del servizio. Al momento della nostra visita, siamo a 144 giorni dall'ora X.

Il riciclaggio.
L'opuscolo informativo disponibile all'ingresso fa riferimento alla "volontà di non sprecare le risorse, ma di riciclarle per evitare l'accumulo eccessivo dei rifiuti", nonché di dare "grande importanza al riutilizzo e al recupero dei materiali". Il nostro pensiero vola all'inceneritore più rinomato, che sorge a pochi chilometri di distanza. Per qualche istante abbiamo l'impressione di esserne lontani anni luce.
L'arredamento del supermercato prevede quindi l'utilizzo di materiali riciclati. Dai rivestimenti in legno riciclato dei banchi di gastronomia e pane, alle piastrelle dei servizi igienici in vetro proveniente da neon esausti, ai carrelli e cestini che in origine erano tappi di plastica, ai separatori dei banchi, sempre realizzati in plastica riciclata, con tanto di sequenza-immagine ad identificare il numero di bottiglie necessarie a produrli.
Nel parcheggio si riconosce un'isola ecologica munita di cassonetti e contenitori adibiti alla raccolta differenziata di indumenti usati, vetro, lattine, carta, plastica, alluminio, pile. Il ritiro del materiale è effettuato dalla onlus locale CAUTO. La stessa onlus dovrebbe, a breve, rifornire il supermercato di un compattatore di rifiuti, così da consentire ai clienti di riportare le bottiglie di plastica usate, comprimerle e ricevere bonus omaggio per spese future.
Non ci sono buste di plastica. Solo sacchetti biodegradabili - anche compostabili -, borse in cotone, buste di carta e cestelli scomponibili e riutilizzabili.

I prodotti.
Il punto vendita sembra privilegiare cinque categorie di prodotti: i biologici, coltivati con metodi naturali e senza l'impiego di aromi artificiali e coloranti; gli equosolidali, che favoriscono il commercio dei paesi del Sud; i prodotti a chilometri zero, provenienti dalla stessa provincia di Brescia, così da limitare lunghi spostamenti dai luoghi di produzione a quelli di distribuzione e consumo, con riduzione delle emissioni di anidride carbonica in atmosfera; le ricariche per saponi liquidi e detersivi, utili a ridurre gli imballaggi; i prodotti sfusi, dalla pasta ai legumi, ai detersivi, alle caramelle, sempre nell'ottica della riduzione di contenitori ed imballi.

Le attività sociali.
Ci vengono infine illustrate alcune delle collaborazioni che SMA ha patrocinato con le realtà impegnate in ambito sociale, da Telethon ad altri operatori di settore. Ad esempio la cooperativa sociale onlus CAUTO, alla quale il punto vendita donerà i prodotti non più vendibili ma ancora consumabili. Od ancora Legambiente, associazione ambientalista con la quale è in progetto la sistemazione e la valorizzazione del sentiero che dalla frazione di San Gallo conduce alla cima del Monte Maddalena.

L'inceneritore, dopo questo viaggio, è ancora lì. Sarà difficile farlo scomparire. Ma da quest'altra parte qualcosa è cambiato.
Siamo entrati con la curiosità di un bambino. Ne siamo usciti con una nuova speranza. Ciò che osserviamo oggi ci auguriamo sia un semplice punto di partenza. Destinato ad ampliarsi e migliorarsi, a detta del gentile Delmenico. O ad essere migliorato da altri, aggiungiamo noi. Da semplice gruppo di cittadini e associazione di promozione sociale, possiamo permetterci di osservare che i protagonisti, a nostro avviso, non sono importanti. Ma lo spettacolo sì, è fondamentale. E questo è uno spettacolo che deve assolutamente continuare.

Gruppo Meetup "Amici di Beppe Grillo di Brescia"
Associazione "Ricomincio da Grillo"



N.B.
Il materiale qui pubblicato è stato prodotto senza alcun compenso.
Speriamo di vedere in futuro supermercati ancora più ecologici.

Powered by mvnForum

Sign up

Meetup members, Log in

By clicking "Sign up" or "Sign up using Facebook", you confirm that you accept our Terms of Service & Privacy Policy