addressalign-toparrow-leftarrow-rightbackbellblockcalendarcameraccwcheckchevron-downchevron-leftchevron-rightchevron-small-downchevron-small-leftchevron-small-rightchevron-small-upchevron-upcircle-with-checkcircle-with-crosscircle-with-pluscontroller-playcredit-cardcrossdots-three-verticaleditemptyheartexporteye-with-lineeyefacebookfolderfullheartglobe--smallglobegmailgooglegroupshelp-with-circleimageimagesinstagramFill 1launch-new-window--smalllight-bulblinklocation-pinm-swarmSearchmailmessagesminusmoremuplabelShape 3 + Rectangle 1ShapeoutlookpersonJoin Group on CardStartprice-ribbonprintShapeShapeShapeShapeImported LayersImported LayersImported Layersshieldstartickettrashtriangle-downtriangle-uptwitteruserwarningyahoo
Alberto P
user 9968876
Bologna, BO
Post #: 282
Firmo anche io la petizione, per continuare a lamentarmi e non risolvere i problemi ...

Profondamente deluso
Alberto
A former member
Post #: 69
Ricevo da un comitato di genitori della rete scuole questa petizione (da spedire entro i primi di dicembre) per chiedere al Pres. Napolitano di restituire alle scuole pubbliche i fondi che le spettano. Provate a dare un’occhiata all’allegato e ragioniamo se lo condividiamo o meno.

PETIZIONE­


Firmo anch'io FATTI non parole...

non penso che firmare questa petizione significhi non avere in mente di pensare ad un nuovo e innovativo modello di scuola pubblica
Giorgio M.
user 5682011
Bologna, BO
Post #: 573
condivido..... cominciamo a raccogliere le firme
A former member
Post #: 1,023
Firmo anche io la petizione, per continuare a lamentarmi e non risolvere i problemi ...

Profondamente deluso
Alberto

Perchè Alberto? crying
Seriamente: trovi contestabili i dati forniti dal documento o la richiesta di intervento di Napolitano, che è fondamentalmente simbolica ma utile?

Io immaginavo il testo del documento del gruppo scuola (orfano di Felice ma spero non di Monica, Stefania e di tutti i suoi altri madri e padri che fino ad ora ci hanno messo le mani...) affiancato alla petizione di Federica ai banchetti di Danilo!
Se siamo capaci di descrivere la scuola che vogliamo perchè non presentarla al popolo come proposta di legge popolare? Non è questo che sta cercando di insegnarci Beppe? a costruirci da soli i nostri V-Day?

Stilate sta benedetta riforma che sostituisca l'obbrobrio della Gelmini e prometto che ve la riporto firmata da 50000 cittadini! cool

E perchè no? Assieme alla petizione che responsabilizza l'istituzione del Presidente della Repubblica, che magari dimostrerà per l'ennesima volta la sua imbellità e qualche altro cittadino aprirà gli occhi e vedrà le cinque stelle, ora che si parla della scuola di tutti, e non di inceneritori o piste ciclabili...

Trovo solo percorsi encomiabili e risultati positivi... sai che mi son fidato spesso della tua opinione, ma oggi davvero non capisco la tua delusione... ci spieghi? smile
Ciax!
Carla Z.
user 9058340
Bologna, BO
Post #: 163
@ In generale

Qualcuno ha letto le analisi sulla scuola del libro bianco del 2007?
Ne parliamo ,le valutiamo insieme.

@ Silvio

Le paritarie sono la risposta ad una scuola non equa fortemente diversificata sul territorio.Sono la richiesta di tante famiglie di fronte a questa palese incapacità della scuola di dare a tutti le stesse possibilità.

La loro capacità di fare scuola è stata riconosciuta dalla legge 62 del 2000 dal governo Berlinguer che ne ha riconosciuto la funzione pubblica.


Sono scuole senza fini di lucro che mettono al centro l'interesse del bambino ,che deve venire prima di quello dell'adulto.

Le scuole servono a formare le generazioni del futuro.

Il caso che ti ha descritto Alberto è uno dei malesseri principali della nostra scuola:la mobilità scolastica.

I dati parlano di un tour over di un insegnante su cinque.
E non solo fuori regione ,anche all'interno dello stesso territorio:la mobilità dei docenti in ambito scolastico per avvicinamento è devastante.
Mio nipote ha cambiato tre maestri di matematica i primi tre anni delle elemetari.
Alla scuola di mio figlio è arrivata una bimba il cui fratello ha concluso un ciclo di elementari (statali) meraviglioso ,una sezione solo,stessi maestri per tutto il quinquennio,possibilità di creare un ottimo rapporto scuola /famiglia tale per cui i genitori l'hanno iscritta ben contenti.
Ora la maestra che ha preso la cattedra di italiano risiede al sud e li ha famiglia.
Accetta la cattedra ,fa i primi giorni di scuola poi entra in malattia e porta avanti la malattia di venti giorni in venti giorni.
I genitori chiedono alla preside di avere almeno la stessa supplente ,ma le graduatorie non lo consentono :ogni volta la supplenza va a chi per punteggio entra in graduatoria.La famiglia ritira a malicuore la bimba e la iscrive in un istituto paritario.
Questo per dirti due cose :
Molte paritarie nascono per tutelare un bene che è al disopra di tutto che è quello dei nostri figli.
Casi come questo sono la prassi e sono dovuti ad un meccanismo perverso legato al precariato,che ha origini lontane e mai come ora produce i suoi frutti.

Scusami non intendevo travisare le tue parole in merito ad un approfondimento,
ma ripeto ancora che un approfondimento ci deve essere : si è parlato di insegnanti di religione,di scuole private,di cepu,di libero,del Giornale ,di compagni di merende,di parenti preti,di accuse fatte...

Io non credo di avere mai accusato nessuno,e se l'ho fatto in maniera inavvertita chiedo scusa.
Ho risposto a delle accuse ,sia via video che mail che non ritenevo giuste.
Sono una cittadina che vive una cosa buona ,che penso possa essere di aiuto
nel cercare di capire cosa c'è che non va .
Penso che la differenza tra il movimento ed i partiti sia quello di costruire e non di schierarsi a priori.Noi diciamo sempre che bisogna conoscere per deliberare ;credo che mai come in questo caso si debba procedere in questo senso.
Alberto P
user 9968876
Bologna, BO
Post #: 283
@Renato
Sono deluso perché vedo molta voglia di lamentarsi e poco interesse a risolvere i problemi degli alunni
Riporto quanto scritto ieri:
...Commento in generale sul gruppo scuola:
Molto interesse è rivolto a contestare la Gelmini (e ribadisco che anche io contesto la politica di ridurre indiscriminatamente risorse alla scuola pubblica)
Non ho invece colto interesse da parte dei partecipanti al gruppo scuola nel porre al centro di tutto l'interesse dell'alunno. Nel caso sopra citato il principio della continuità didattica (che ritengo fondamentale, soprattutto in bambini di 6 anni) è stato travolto dalle esigenze personali di un insegnante, che non ha tenuto fede a quanto promesso poche settimane prima
Sono dell'idea che nell'organizzazione della scuola vada messo al centro dell'attenzione l'interesse dell'alunno, e non quello di insegnati, personale ATA, o altro
Questa sarebbe, secondo me, la vera rivoluzione
Contestare la Gelmini non basta a risolvere i problemi di fondo della scuola
In altre parole, sperando di chiarire il mio pensiero: contestare la Gelmini è troppo poco; per una scuola migliore voglio molto di più
http://www.meetup.com...­
Federica S.
6993930
Bologna, BO
Post #: 1,666
LE BUONE UNIVERSITÀ CI SONO, COSTRUIAMO L'ECCELLENZA

di Francesco Coniglione 19.11.2010
Su università italiane e università americane ci sono alcuni luoghi comuni da sfatare. Non è vero che la situazione delle nostre sia così nera come si vuole a volte dipingerla. Né è vero che quelle di oltre oceano siano tutte eccellenti. La posizione dell'Italia nei ranking internazionali è del tutto adeguata al suo ruolo di settima potenza industriale del mondo. Se poi vogliamo creare anche da noi sedi di eccellenza, basta permettere la libera circolazione dei ricercatori. E aggiungere un rifinanziamento virtuoso degli atenei per i cosiddetti costi indiretti.

.... CONTINUA AL LINK .....
Marco M.
user 9856980
Bologna, BO
Post #: 83
@Federica
Già attribuirci il 7° posto come potenza industriale, costituisce un' insulto all'intelligenza di quei lavoratori che stanno perdendo anche la dignità.(ma in che nazione vive? lo sa che le nostre !industrie non sono più nostre?)
Essere potenza industriale,vuole dire avere industrie che producono un pil degno di questo nome(?)..............e non che commerciano prodotti Made in Italy solo perchè vengono scaricati in porti Italiani (prodotti che provengono da tutti i paesi senza regole del lavoro e senza diritti! sono questi i nostri INDUSTRIALI),O castrano gli operai Italiani con il ricatto (vedi Fiat)
Siccome la Gelmini, darà più soldi alle parificate (togliendogli il 40% dei fondi riconosciuti da anni ) firmerò anche io la petizione.
Così potrò dire a quei genitori che hanno bambini piccoli(sigh) ho lottato fin che ho potuto per darvi una gran scuola statale, che costerà sempre di più e darà un servizio degno del suo costo!(come adesso più o meno)
@Alberto
La contestazione alla Gelmini ha già prodotto i suoi benefici, i nostri figli sono stati messi al centro dei problemi della scuola!
Infatti con i tagli fatti si sono potuti risolvere molti problemi.....come sbloccare il congelamento degli scatti
di anzianità dei dipendenti statali (solo quelli della scuola!)
E poi in base alla valutazione dei controllori ( che sono eletti dai controllati) arriveranno anche mensilità aggiuntive al "merito". e più denari per gli istituti meritevoli.
Non venite a dirmi però che la Gelmini mentiva quando diceva che in realtà i tagli sarebbero rientrati nella scuola per cercare di ottimizzare e razionalizzare gli sprechi, con un occhio di riguardo al bene degli alunni.



A former member
Post #: 1,028
@Renato
poco interesse a risolvere i problemi degli alunni

Direi che sfondi una porta aperta:

5 Agosto, pagina 10 di questa discussione: http://www.meetup.com...­


8 Ottobre, pagina 26 di questa discussione:
http://www.meetup.com...­

Felice se n'è andato sbattendo la porta perchè dice che il MoVimento non ha idee da portare agli studenti.

Quella è la biada che i partiti portano agli asini loro elettori.

Il MoVimento è altro: Sono gli studenti che devono disegnare la loro scuola assieme a genitori insegnanti e (perchè no?) ai politici, e chiedere POI al MoVimento di realizzare i LORO sogni.
Questo è il mio parere...

Il MoVimento è una fabbrica di cittadini consapevoli, non un campo di biada...






quindi questo:


Io immaginavo il testo del documento del gruppo scuola (orfano di Felice ma spero non di Monica, Stefania e di tutti i suoi altri madri e padri che fino ad ora ci hanno messo le mani...) affiancato alla petizione di Federica ai banchetti di Danilo!
Se siamo capaci di descrivere la scuola che vogliamo perchè non presentarla al popolo come proposta di legge popolare? Non è questo che sta cercando di insegnarci Beppe? a costruirci da soli i nostri V-Day?

Stilate sta benedetta riforma che sostituisca l'obbrobrio della Gelmini e prometto che ve la riporto firmata da 50000 cittadini! cool

E perchè no? Assieme alla petizione che responsabilizza l'istituzione del Presidente della Repubblica, che magari dimostrerà per l'ennesima volta la sua imbellità e qualche altro cittadino aprirà gli occhi e vedrà le cinque stelle, ora che si parla della scuola di tutti, e non di inceneritori o piste ciclabili...

Trovo solo percorsi encomiabili e risultati positivi...
non ti convince neanche un po' della possibile bontà dell'iniziativa di petizione? smile
Giorgio M.
user 5682011
Bologna, BO
Post #: 575
Questo il mio documento scuola.
Preambolo
Premesso che ritengo che la Scuola sia con la sanità e la tutela del territorio, tra le ultime voci di bilancio che debbano essere oggetto di tagli da parte dello Stato, visto che comunque, come ogni settore del bilancio pubblico, ci sono soldi ben spesi e mal spesi che vanno ad alimentare un sistema di interessi privati, ritengo di avanzare alcune proposte indicando a margine se comportano un uscita, un risparmio, una sostanziale mancanza di spesa ovvero un investimento con un ritorno economico.
In ordine ai finanziamenti ed investimenti previsti, pur non entrando nel merito, ritengo che una volta che essi fossero soddisfatti, l’eventuale residuo possa essere destinato al finanziamento della scuola “privata accreditata”, in quanto svolga una funzione d’interesse pubblico. D’altra parte, proprio in quanto svolge una funzione pubblica, ritengo che la spesa sostenuta dalla famiglia debba essere detraibile, così come le spese per i libri.
Ritengo infatti che debba essere ribadito il principio costituzionale secondo cui lo Stato finanzia i servizi dello Stato, onde garantire la qualità minima del servizio e non i servizi privati, ancorchè d’interesse pubblico.
Qui inserirei discorso sulla riforma Gelmini che debbo ancora realizzare…… ma probabilmente incollerei dal documento di Monica così come la lunga lista di tagli ad altri settori della spesa pubblica.

EDILIZIA SCOLASTICA
1) Messa in sicurezza degli Edifici scolastici a norma di legge.
• Eliminazione eternit/amianto ed altri agenti chimici cancerogeni; USCITA
• Rispetto delle misure di sicurezza ex Dlgs 626/94 e successive modifiche e garanzia dell’adeguatezza degli ambienti allo scopo a cui sono destinati (presenza di impianti di riscaldamento ed altri impianti essenziali, palestre che non siano in verità delle normali classi); USCITA
• Rispetto delle norme antisismiche; USCITA
• Rispetto delle norme di igiene pubblica; USCITA
Appunto: con l’occasione predisposizione di mezzi per il risparmio e la produzione energetica (coibentazione, pannelli solari, minieolico etc). INVESTIMENTO
2) Azioni legali per inadempimenti contrattuali per lavori non eseguiti ai sensi del capitolato d’appalto ovvero a norma di legge ovvero a regola d’arte. INVESTIMENTO
3) Valutazione di convenienza affitto dell’immobile piuttosto che acquisto o realizzazione ex novo dell’immobile scolastico. Disdetta degli affitti non convenienti. RISPARMIO
4) Adibizione di immobili sequestrati anche ad edilizia scolastica. INVESTIMENTO
5) Espropri per pubblica utilità di immobili non utilizzati, in particolare per delocalizzazioni industriali, da adibire anche ad edilizia scolastica (es OMSA di Faenza). INVESTIMENTO

ORGANIZZAZIONE DELLA RETE DI SERVIZIO SCOLASTICO
6) Valutazione caso per caso di eventuali accorpamenti di scuole di piccole dimensioni purchè ciò non comporti disservizi connessi al trasporto degli alunni. Valutazione costi/benefici per interventi di trasporto pubblico scolastico con eventuale insegnante a bordo (non nel senso che l’insegnante è obbligato a prendere il mezzo ma dargliene la possibilità). L’occasione può essere utilizzata per fare formazione alla sicurezza stradale. RISPARMIO (?)

TRATTAMENTO DEGLI INSEGNANTI
7) Trattamento tariffario identico degli insegnanti indipendentemente dalla didattica d’insegnamento (gli insegnanti di religione prendono più degli altri) e dal luogo ove si svolge l’insegnamento (salvo adeguamenti al costo della vita locale): vedi scandalo dei super stipendi (fino a 8000,00 al mese) per insegnanti all’estero, ovvero rapportare la situazione ad esperienze estere. RISPARMIO
Appunto: non capisco come il numero di insegnanti di religione possa essere aumentato nell’ultimo anno visto che si è avuta una diminuzione del numero delle classi (dato dall’accorpamento).
8) Contratti dell’insegnante a termine per l’intera durata del ciclo formativo. La rescissione contrattuale da parte dell’insegnante comporta la retrocessione dell’insegnante nelle tabelle di merito. INDIFFERENTE.
9) Registri di supplenti on-line aggiornati settimanalmente con graduatoria. Chiamata via skype o altro mezzo gratuito (mail) con conseguente abrogazione della legge che obbliga al telegramma/fonogramma. Se il supplente che ha dato la propria disponibilità per la settimana non risponde a 5 chiamate (o aggiorna lo stato in “non disponibile”) retrocede dalla graduatoria. Preferenza di supplenti con residenza nel territorio provinciale o in prossimità di questo. Corrispondenza tra disponibilità e situazione di fatto (Report cita testimonianza secondo cui una maestra in gravidanza è stata a sua volta sostituita con altra maestra in gravidanza, a sua volta sostituita con altra maestra: x la copertura di 1 posto si pagano così 3 stipendi) RISPARMIO.
Nota bisogna pensare a forme di sostegno alla maternità per mamme disoccupate con indice familiare ISEE basso.
10) Selezione degli insegnanti. Introdurre metodi integrazione della valutazione concorsuale sulla base di parametri oggettivi (votazione laurea, master universitari, pubblicazioni anche di libri di testo, scuola di specializzazione con obbligo di presenza, anni di pratica) con punteggi differenti. INDIFFERENTE
11) Insegnanti di sostegno nel rapporto previsto per legge di 1 insegnante X 2 bambini. Diritto anche ai bambini con handicap non grave (dislessia) all’insegnante di sostegno. INVESTIMENTO.
Appunto: vedi anche 12

ORGANIZZAZIONE INTERNA SCOLASTICA
12) Modulo con compresenza di 2 insegnanti (il 2° potrebbe essere anche l’ insegnante di lingue, religione, musica,sostegno etc a turno, che garantiscano la compresenza, come 2° insegnante, secondo il modello delle scuole private d’eccellenza). USCITA RISPETTO ALLA RIFORMA GELMINI, RISPARMIO RISPETTO ALLA SITUAZIONE PRE GELMINI (?).
13) Dematerializzazione dei libri di testo. I libri di testo vengono scaricati on line e stampate le sole pagine che interessano l'insegnamento. Gli alunni prendono contatto con internet. RISPARMIO
13) Il numero di ore coperto dagli insegnanti deve essere uguale per tutti: nel caso non possa essere utilizzato nell’insegnamento suo proprio fa compresenza.
14) Valutazione se l’esternalizzazione dell’attività di pulizia comporta un risparmio o un aggravio. Se comporta un aggravio risoluzione del contratto ed assunzione di personale “bidelli” (REPORT DICE CHE NEL LAZIO CON QUANTO SI SPENDE PER APPALTI DI PULIZIE SI POTREBBERO AVERE 4 BIDELLI PER SCUOLA, PULISCONO E GARANTISCONO AIUTO ALL'INSEGNANTE). RISPARMIO.
15) Approvvigionamento dei beni di consumo (carta, sedie, banchi, etc) solo a prezzo inferiore al prezzo di mercato (vedi la scandalo dei prezzi quadruplicati rispetto al valore di mercato). Rescissione contrattuale per eccessiva onerosità ex art. 1468 e 1469 c.c http://it.wikipedia.o...­ o azione avanti la Corte dei conti. INVESTIMENTO
16) Rispetto delle norme di legge in materia di corsi di recupero ovvero detraibilità dalle tasse dei corsi di recupero privati collettivi. USCITA
17) Tempo scuola (somma delle ore settimanali svolte) conforme alle realtà virtuose in campo internazionale ovvero pregelmini. USCITA
18) Assemblee sindacali solo il pomeriggio. INDIFFERENTE
19) Incompatibilità tra attività politica e attività scolastica. Obbligo di scelta entro 3(?) mesi. Scaduto il termine l’eletto è indegno del compito elettivo e decade automaticamente.
CONTINUA.......
Powered by mvnForum

Sign up

Meetup members, Log in

By clicking "Sign up" or "Sign up using Facebook", you confirm that you accept our Terms of Service & Privacy Policy