addressalign-toparrow-leftarrow-leftarrow-right-10x10arrow-rightbackbellblockcalendarcameraccwcheckchevron-downchevron-leftchevron-rightchevron-small-downchevron-small-leftchevron-small-rightchevron-small-upchevron-upcircle-with-checkcircle-with-crosscircle-with-pluscontroller-playcredit-cardcrossdots-three-verticaleditemptyheartexporteye-with-lineeyefacebookfolderfullheartglobe--smallglobegmailgooglegroupshelp-with-circleimageimagesinstagramFill 1languagelaunch-new-window--smalllight-bulblinklocation-pinlockm-swarmSearchmailmediummessagesminusmobilemoremuplabelShape 3 + Rectangle 1ShapeoutlookpersonJoin Group on CardStartprice-ribbonprintShapeShapeShapeShapeImported LayersImported LayersImported Layersshieldstartickettrashtriangle-downtriangle-uptwitteruserwarningyahooyoutube

Meetup Amici di Beppe Grillo London, UK Message Board Archivio › Signoraggio II: SOLUZIONI AL PROBLEMA...

Signoraggio II: SOLUZIONI AL PROBLEMA...

A former member
Post #: 174
un'altra cosa...nn vorrei annoiarvi con la mia ripetitività...però...


o Giulietto Chiesa si è drogato e quindi nn sapeva quello che diceva,oppure il fatto che le banche centrali sono praticamente private corrisponde al vero...nn che lo consideri infallibile...però...lo reputo competente...
A former member
Post #: 175
ragionando sulle soluzioni,l'unica cosa che ora possa far sorgere domande,è utilizzare monete alternative(come lo scec)...nn che risolva il problema...però fa capire che potrebbero esistere diverse politiche economiche no?

Però è proprio il sistema che è da rovesciare...forse il vero problema nn è nemmeno il signoraggio...il vero problema sono le persone che lo hanno inventato...quindi le varie mafie,massonerie deviate,caste,informazione fasulla...quindi...o,votiamo politici AFFIDABILI che ci risolvono i vari problemi(in teoria ho sentito che basterebbero 2 anni per abbattere queste reti di potere con le riforme appropriate),oppure si deve studiare un sistema politico completamente trasparente...monitorato costantemente...ogni centesimo che spendi DEVI sapere dove va a finire...il cittadino dovrebbe capire che o è lui che si occupa di politica o è la politica che si occupa di lui!!!!!



un po' come la moviola in campo...:)
A former member
Post #: 55
Qualcuno ha calcolato in 700 miliardi all'anno. Ho la fonte, ma non è dettagliata. Spara solo il totale. Il problema non riguarda solo il circolante, ma anche il danaro creato sui PC della banche!
Quello tipo premi quattro tasti e crei una barca di soldi.
Una società che fa grandi transazioni, probabilmente quelle che spostano questo denaro, qualche tempo fa fece un errore totale di quasi 2 miliardi di eruo in un anno di "transazioni".
Per la fonte un po' di pazienza, la cito stasera con precisione.

Ecco...
mi piacerebbe sapere che tipi di ragionamenti hanno portato a questa cifra, se e' attendibile o no e da dove viene.

Faro' un po' di ricerca anch'io...

Mi domando come fa a costarci 700 miliardi all'anno (cioe circa la metà del PIL) visto che l'ammontare di tutte le tasse che paghiamo in un anno è circa 1/4 di questa cifra.
Sergio T.
Sergiolinus
Valderice, TP
Post #: 320
Cancellato un post di Pascucci perche fuori tema
A former member
Post #: 1
Ho passato un po' di tempo in quello (insulti) e questo thread.

L'idea che le banche potessero creare il denaro dal nulla mi sembrava sconvolgente e ho cercato di capire mettendo i termini della questione nel modo piu' semplice (sinceramente semplicistico), da bravo maestro elementare.

Vediamo la cosa dal punto di vista dello stato nazionale che chiede cento euro alla banca centrale: a me stato, la banca da' 100 euro, ma vuole in cambio titoli di stato, che altro non sono che dei ?paghero'?.

Vediamo la cosa dalla parte della banca centrale: io stampo il denaro e lo do' allo stato. Cioe' gli do' dei pezzi di carta, in cambio di altri pezzi di carta, i titoli di stato.

Quando lo stato rivuole i suoi titoli, estinguendo il debito, mi rida' i miei pezzi di carta (i soldi) e siamo pari.

Fin qui il ragionamento non fa una grinza. Il problema eventualmente nasce dagli interessi sui titoli di stato. E' tuttavia ovvio che i titoli di stato paghino un interesse, non vedo come potrebbe essere diversamente in questo mercato.

Se lo stato nazionale potesse stampare le monete senza indebitarsi, non ci sarebbe nessuna possibilita' di mantenere l'euro stabile.

Sinceramente la questione del signoraggio quale complotto internazionale, con proventi occulti da fantastiliardi, come viene posta da molti siti, e da molti anche qui, non mi sembra fondata. Lo stesso Beppe Grillo non ne parla piu' da anni.

Perche' dobbiamo farlo noi, spendendo energie preziose?

Se questa enorme massa di denaro, guadagnata illecitamente, fosse sul mercato, gli effetti inflazionistici sarebbero piu' che visibili.


Le monete locali non mi sembrano proponibili in un mercato globale. Inoltre, se avessero successo, porrebbero problemi simili alle altre: chi le stampa? Quante ne stampa? Etc.
Sergio T.
Sergiolinus
Valderice, TP
Post #: 322
Quindi... come avevo gia' capito prima... il problema e' essenzialmente sugli interessi e su come questi soldi vengono usati. Soldi che vengono principalmente dalle nostre tasse.

Ma io avrei una domanda, forse ingenua: Se io compro titoli di stato, metti 30.000 euro, e me li tengo a casa.
Ci devo pagare le tasse o no?

Allo stesso modo

Se la Banca d'italia compra i titoli di stato?
Ci deve pagare le tasse o no?
A former member
Post #: 178
Ho passato un po' di tempo in quello (insulti) e questo thread.

L'idea che le banche potessero creare il denaro dal nulla mi sembrava sconvolgente e ho cercato di capire mettendo i termini della questione nel modo piu' semplice (sinceramente semplicistico), da bravo maestro elementare.

Vediamo la cosa dal punto di vista dello stato nazionale che chiede cento euro alla banca centrale: a me stato, la banca da' 100 euro, ma vuole in cambio titoli di stato, che altro non sono che dei ?paghero'?.

Vediamo la cosa dalla parte della banca centrale: io stampo il denaro e lo do' allo stato. Cioe' gli do' dei pezzi di carta, in cambio di altri pezzi di carta, i titoli di stato.

Quando lo stato rivuole i suoi titoli, estinguendo il debito, mi rida' i miei pezzi di carta (i soldi) e siamo pari.

Fin qui il ragionamento non fa una grinza. Il problema eventualmente nasce dagli interessi sui titoli di stato. E' tuttavia ovvio che i titoli di stato paghino un interesse, non vedo come potrebbe essere diversamente in questo mercato.

Se lo stato nazionale potesse stampare le monete senza indebitarsi, non ci sarebbe nessuna possibilita' di mantenere l'euro stabile.

Sinceramente la questione del signoraggio quale complotto internazionale, con proventi occulti da fantastiliardi, come viene posta da molti siti, e da molti anche qui, non mi sembra fondata. Lo stesso Beppe Grillo non ne parla piu' da anni.

Perche' dobbiamo farlo noi, spendendo energie preziose?

Se questa enorme massa di denaro, guadagnata illecitamente, fosse sul mercato, gli effetti inflazionistici sarebbero piu' che visibili.


Le monete locali non mi sembrano proponibili in un mercato globale. Inoltre, se avessero successo, porrebbero problemi simili alle altre: chi le stampa? Quante ne stampa? Etc.





ciao scusa però mi sento in dovere di dirti che Grillo ne ha parlato ed anche recentemente...e nn solo lui ;)
A former member
Post #: 56
Quindi... come avevo gia' capito prima... il problema e' essenzialmente sugli interessi e su come questi soldi vengono usati; Soldi che vengono principalmente dalle nostre tasse.

Ma io avrei una domanda, forse ingenua: Se io compro titoli di stato, metti 30.000 euro, e me li tengo a casa.
Ci devo pagare le tasse o no?

Allo stesso modo

Se la Banca d'italia compra i titoli di stato?
Ci deve pagare le tasse o no?

Le tasse sugli interessi, che costituiscono un reddito, le paga la Banca d'Italia come le pagheresti tu, ma solo sulgi interessi non sui titoli (non esistono che io sappia tasse patrimoniali sui titoli di stato).
A former member
Post #: 5
Grazie Sergio per aver "fatto il bucato" con questo nuovo thread.

Ho tratto spunto da uno dei post dove si accenna ad un nuovo webfilm ke io non avevo mai sentito nominare. L'ho visto. Ho deciso di dedicargli un nuovo thread perche' credo ne meriti uno tutto suo.

L'ho chiamato "Lo Spirito del Tempo"

Trovatene un po' da dedicarne alla visione (...di tempo). Credo ne valga la pena.
A former member
Post #: 73
Ho passato un po' di tempo in quello (insulti) e questo thread.

L'idea che le banche potessero creare il denaro dal nulla mi sembrava sconvolgente e ho cercato di capire mettendo i termini della questione nel modo piu' semplice (sinceramente semplicistico), da bravo maestro elementare.

Sbagli.
La cosa sconvolgente, che qui faticate a capire, non è il fatto che il denaro venga creato dal nulla, ma che sia il sistema bancario ovviamente privato (dalla BC alle banche commerciali con il moltiplicatore monetario) a crearlo, lucrandoci sopra.
Quello che proprio non volete capire, è che parallelamente alla creazione di questo denaro ex nihilo che viene prestato ad un certo interesse dalla BC, e poi la delirante moltiplicazione dei depositi da parte delle banche commerciali, si incrementa in modo incontrollato la massa monetaria (le banche possono creare 50 volte ciò che hanno depositato i clienti), tutto a favore delle banche commerciali.

Quindi vorrei che vi ficcaste in mente una cosetta:

Si incrementa in modo significativo la massa monetaria, ma nel sistema NON CI SONO, NON ESISTONO, gli interessi che dovrebbero consentire alla gente di liberarsi dal debito ("pubblico" e privato).

Più chiaro e allarmante di così non posso...
Adesso potete capire perché sia la PIÙ GRANDE TRUFFA. Se nel sistema non ci sono i soldi per pagare gli interessi sui debiti dello Stato (debito pubblico TRUFFA) e i debiti privati dei cittadini (fiat money TRUFFA), cosa credete possa succedere?

Questo sistema di cose non è tollerabile, e può piacere solo ad un banchiere o ai suoi camerieri.
Punto: IL SISTEMA DEVE CAMBIARE, a quanto ammonti il guadagno dei banchieri poco mi interessa...


Vediamo la cosa dal punto di vista dello stato nazionale che chiede cento euro alla banca centrale: a me stato, la banca da' 100 euro, ma vuole in cambio titoli di stato, che altro non sono che dei ?paghero'?.

Ripetiamo per chi non sappia che...
Questi pagherò si ripagheranno in TASSE per i cittadini (naturalmente i soldi per ripagare gli interessi non ci sono, e lo stato non potrà mai ridurre il debito ma solo aumentarlo a grave danno dei cittadini e a grande beneficio dei banchieri...).


Vediamo la cosa dalla parte della banca centrale: io stampo il denaro e lo do' allo stato. Cioe' gli do' dei pezzi di carta, in cambio di altri pezzi di carta, i titoli di stato.

Dice di essere un maestro delle elementari, ma non commetta nuovamente un orrore/errore simile!
Non può insegnare questo ai suoi alunni!!

NON SI POSSONO CONSIDERARE LE OBBLIGAZIONI STATALI "PEZZI DI CARTA", IN QUANTO DIETRO A QUEI PEZZI DI CARTA CI STA IL LAVORO E IL SUDORE DELLA GENTE!!
SONO FUTURE TASSE, NON CARTA!!!


Stia bene attento alle persone deliranti che le dicono queste cavolate!!

Mentre le banconote che stampa la BC, quella è carta!!!
Invece ci indebitiamo della moneta che dovrebbe servire per consentire gli scambi della merce, con inoltre la beffa degli interessi...


Quando lo stato rivuole i suoi titoli, estinguendo il debito, mi rida' i miei pezzi di carta (i soldi) e siamo pari.

Fin qui il ragionamento non fa una grinza. Il problema eventualmente nasce dagli interessi sui titoli di stato. E' tuttavia ovvio che i titoli di stato paghino un interesse, non vedo come potrebbe essere diversamente in questo mercato.

confused
Non fa una grinza... forse solo qualche piaga..

Come fa lei a non capire che nel mentre vengono scambiati quelli che lei chiama "pezzi di carta", il banchiere che si presenta dal finto rappresentante del popolo (il politico cameriere), cambia la sua CARTA di 0,30 euro, con una promessa di pagamento dal valore facciale della CARTA!!!

Con 30 cent, compra il suo lavoro e le carica pure di interessi!
NON MI SEMBRA PER NIENTE UGUALE!


Se lo stato nazionale potesse stampare le monete senza indebitarsi, non ci sarebbe nessuna possibilita' di mantenere l'euro stabile.

Questa è grossissima.
Come fa ad esserne convinto???

Non sarà che se lasciato convincere sulle storielline dell'iperinflazione se il popolo ritornasse ad avere una moneta di proprietà del portatore e non del banchiere?

Le consiglio di leggere G. Auriti. L'inflazione è un falso problema.


Sinceramente la questione del signoraggio quale complotto internazionale, con proventi occulti da fantastiliardi, come viene posta da molti siti, e da molti anche qui, non mi sembra fondata. Lo stesso Beppe Grillo non ne parla piu' da anni.

Perche' dobbiamo farlo noi, spendendo energie preziose?

Caro maestro non si lasci deviare da ciò che fa il guru Grillo... per favore... pensi con la propria testa.
Lei non deve affidare la valutazione dei problemi ad estranei... questo è un suo problema, NON DI GRILLO, l'amico dei banchieri, che disinforma sulle banche! (link http://www.signoraggio.com/index_grillo.html­)
Se non vuole spendere energie "preziose" mi chiedo: ha forse tra le mani un problema più grosso e più importante di questo? O vuole spendere le sue energie "preziose" contro gli inceneritori?

Ma forse ha semplicemente NON CAPITO il signoraggio... come avviene un pò a tutti all'inizio...


Se questa enorme massa di denaro, guadagnata illecitamente, fosse sul mercato, gli effetti inflazionistici sarebbero piu' che visibili.

E l'aumento dei prezzi di questo ultimissimo periodo? a cosa è dovuto alle streghe e alla magia nera?
Non è un effetto "inflazionistico"? Santa inquisizione! Forse si aspettava l'apocalisse, ma vede, è una cosa lenta... il calo di potere di acquisto dei cittadini è in atto da anni.


Le monete locali non mi sembrano proponibili in un mercato globale. Inoltre, se avessero successo, porrebbero problemi simili alle altre: chi le stampa? Quante ne stampa? Etc.

Bravo, qualcosa di giusto: lo monete complementari non risolvono il problema.
Powered by mvnForum

People in this
group are also in:

Sign up

Meetup members, Log in

By clicking "Sign up" or "Sign up using Facebook", you confirm that you accept our Terms of Service & Privacy Policy